Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri42note criticheQualità della vita e well being i...

note critiche

Qualità della vita e well being infantile in quattro ricerche internazionali

Quality of life and children’s well-being: a review of four international research-studies
Giulia Maria Cavaletto
p. 211-219

Abstract

The proposal of this contribution is a critical reading of some recent research studies concerning the measurement of children’s well-being in different local contexts. These studies belongb to the Childhood Sociology, characterised by a long interdisciplinary tradition. In this perspective the concept of well-being refers to the material and non-material (subjectively defined) conditions of children’s lives.
The present paper describes some international research studies: three European and one American, comparing them on the basis of type of selected indicators, data sources and policy recommendations. These analyses are the outcome of an increasing attention on childhood, in terms not only of its protection, but of active promotion and acknowledgment of the rights of children.
A first finding of my comparison is that there isn’t a shared concept, even at national level, of children’s quality of life, either inside the scientific community, or at institutional level. A decisive role in shaping the discourse on life quality is played by three factors differently affecting the choice of indicators and data sources: the age of children (every age is marked by different degrees of autonomy and social competence), the household models in which children live and finally the welfare systems and educational institutions.
A second finding concerns the presence of two ways of representing and measuring the concept of children’s well-being. The Anglo-Saxon model focus on the dimensions of control and protection of children’s lives; the European model is based on promotion of participation and on support of the relationships among children and responsible adults.
A third finding concerns the exclusive use of objective indicators, strongly limiting a complete understanding of the object; no research study has addressed the subjective aspect of children’s well-being by providing for interviews with the children themselves.

Torna su

Testo integrale

1In queste pagine mi propongo di offrire una lettura critica di alcune recenti ricerche che hanno per oggetto la valutazione e misurazione del well being dei bambini in diversi contesti locali. Proverò a mettere in evidenza le caratteristiche metodologiche e le impostazioni teoriche di alcuni recenti lavori, collocandoli in una prospettiva critica nel filone di ricerca dei Childhood’s Studies che si connota per una lunga tradizione interdisciplinare. L’intento di queste pagine è di utilizzare i contributi selezionati per fare il punto su questa tradizione di ricerca, mettendone in evidenza le similarità e le differenze in relazione alle specificità nazionali.

  • 1 Scelgo di utilizzare la grafia ben-essere e non quella generale di benessere perché intendo sottoli (...)
  • 2 Questa definizione è debitrice verso Monitoring Quality of life in Europe del 2004, ma tiene conto (...)

2Prima di procedere mi pare opportuno sgombrare il campo da possibili fraintendimenti derivanti da usi linguistici piuttosto controversi nelle diverse traduzioni. Il primo concetto da chiarire è quello di well being (tradotto in italiano con ben-essere1 e in francese con bien être), che ha in letteratura sociologica una tradizione molto vasta, soprattutto nelle ricerche del Nord Europa, ma che spesso è confuso con il più ampio concetto di qualità della vita. In realtà i due concetti sono invece distinti e il primo, quello di well being, è compreso all’interno di quello più ampio e generale di qualità della vita. Con quest’ultimo indico l’insieme delle condizioni materiali e non materiali di vita e faccio riferimento alla capacità/possibilità di controllo sulle risorse disponibili, nonché al modo in cui gli individui percepiscono e allocano tali risorse, come le utilizzano per costruire sistemi di opportunità e di scelta tra alternative possibili. Il valore che viene attribuito a questi sistemi di opportunità può avere una valenza emotiva (e in questo caso si parla di autodefinizioni di felicità) o cognitiva (ed allora si parla di autovalutazioni di soddisfazione)2. Il well being dunque costituisce un sottoinsieme rispetto alla qualità della vita, e si presenta come un concetto che rimanda a condizioni oggettive di vita, misurabili e quantificabili, di tipo materiale (come il reddito, il possesso di beni, le condizioni di salute…). Restano escluse la percezione del proprio stato, l’autodefinizione del ben-essere e la sua definizione in termini di soddisfazione e felicità.

3Il secondo termine bisognoso di chiarimento è quello di «bambino» che nei paesi anglosassoni (child-children) è utilizzato per indicare una fascia di età più ampia rispetto a quanto accada in Europa dove invece esistono termini differenti per indicare precise fasi della vita. Nell’uso linguistico anglosassone infatti sono considerati senza equivoci bambini tutti coloro che si collocano al di sotto della maggiore età, anche se gli adolescenti sono considerati per certi aspetti young people. In Europa invece accanto a una pluralità di termini atti a designare le fasi del ciclo di vita (bambini, adolescenti, giovani) esistono anche ambiguità di ordine giuridico, per cui sono effettivamente bambini (la legge dice «minori») tutti coloro che hanno meno di 18 anni, ma alle diverse età vengono imputati doveri e riconosciuti diritti molto diversi in famiglia, a scuola, nel rapporto con i pari e con gli adulti responsabili. E di questi differenti modi di intendere l’infanzia, di riempire tale concetto di una rilevanza semantica e concettuale, si dovrà tenere conto nel corso della lettura dei testi selezionati.

  • 3 Il well being fisico include indicatori quali i tassi di mortalità, di morbilità, l’alimentazione, (...)

4Infine, ritengo opportuna una precisazione sui sistemi di indicatori utilizzati per misurare e comparare la qualità della vita e il well being infantile. L’adozione di dimensioni e indicatori pensati e già applicati su popolazioni di adulti è considerata dalle ricerche specifiche sul well being infantile inadeguata per i bambini e gli adolescenti, per due ordini di ragioni. In primo luogo perché tali indicatori sono limitati al qui ed ora e fotografano una situazione in un momento t del tempo senza riuscire a rendere ragione del well becoming che invece costituisce una dimensione essenziale e specifica della qualità della vita infantile. In secondo luogo perché per i bambini è indispensabile poter «triangolare» tra contesti, principalmente la famiglia, la scuola e le altre sfere relazionali all’interno delle quali i bambini si muovono e definiscono la loro identità di adulti, contesti che concorrono a plasmare il well being infantile nelle quattro accezioni di well being fisico, cognitivo, comportamentale e relazionale-affettivo3.

  • 4 The Well Being of Children in the U.K., realizzata dai ricercatori dell’Università di York su commi (...)
  • 5 Conseil Emploi, Revenus et Cohésion sociale.
  • 6 Les enfants pauvres en France, Rapport n. 4, 2004.
  • 7 Negli Stati Uniti viene realizzata fin dal 1975 una ricerca annuale sulle condizioni di ben-essere (...)
  • 8 La qualità della vita infantile in Emilia Romagna, La Nuova Italia Editrice, Firenze 1989.
  • 9 Qvortrup, 1994; Neale, 2002; Närvänen, Nasman, 2004.

5Ho scelto di proporre alla lettura quattro ricerche internazionali utilizzando tre criteri. Si tratta di tre ricerche europee ed una americana. Per l’Europa ho scelto la recentissima ricerca condotta da Bradshaw e Mayhew dell’Università di York nel 2005 sul well being dei bambini nel Regno Unito4 (di cui la prima wave era stata condotta nel 2002), la ricerca italiana realizzata da istat, Come cambia la vita dei bambini, anch’essa del 2005 e infine il rapporto presentato dal cerc5 in Francia alla fine del 2004 sulla povertà infantile all’interno del paese6. Per gli Stati Uniti ho invece scelto una ricerca meno recente, presentata nel testo intitolato Indicators of Children’s Well Being, risalente al 1998, che in Italia non ha avuto una eco particolare, ma che a mio giudizio costituisce una sorta di ponte tra la consolidata tradizione di studi sull’infanzia degli Stati Uniti7 e le più recenti esperienze di ricerca realizzate in Europa. Il primo criterio è stato dunque di tipo strettamente cronologico ed in base ad esso ho scelto ricerche che si collocano sostanzialmente in una contemporaneità che spazia dal 1998 alla fine del 2005. Tutte si nutrono di una ricca letteratura di riferimento sia nazionale sia internazionale: nel caso dell’Italia già a metà degli anni Ottanta erano state realizzate ricerche sulla qualità della vita e il benessere dei bambini all’interno della famiglia, a scuola, nel contesto sociale8; negli usa è disponibile una lunga tradizione di studi sull’infanzia, anche di matrice esclusivamente sociologica; in Europa i contributi di ricerca sono estremamente diversificati e accanto a paesi che possiedono una lunga esperienza come i paesi del Nord9, altri stanno muovendo i primi passi su questo terreno di ricerca (è il caso dell’Italia). Il secondo criterio utilizzato è stato di ordine spaziale, in base al quale ho selezionato ricerche aventi per oggetto contesti locali volutamente molto diversi, per mettere in luce le differenze non solo derivanti da vincoli socio culturali, da sistemi di welfare, da modelli di cura e di relazioni tra generazioni all’interno della famiglia, ma anche da tradizioni e sensibilità di ricerca diverse.

Una lettura comparata delle ricerche

6Per la lettura critica di questi quattro testi propongo due chiavi di accesso: la relazione, esplicita o implicita, con le politiche; la selezione e l’uso delle fonti.

  • 10 Nei paesi scandinavi, che vantano la più lunga tradizione di promozione dei diritti dell’infanzia, (...)
  • 11 Si tratta di un organismo consultivo indipendente istituito alle Nazioni Unite per coordinare il la (...)

7La relazione con le politiche si colloca a sua volta su tre diversi piani. Ad un primo livello, che definirei di sfondo, si collocano le politiche sovranazionali, che hanno mostrato, negli ultimi vent’anni un’attenzione crescente nei confronti dell’infanzia, non solo in termini di tutela, ma di promozione attiva, di riconoscimento di diritti, di ben-essere e in prospettiva di well becoming. Ne sono un esempio l’istituzione dei Garanti nazionali (in alcuni paesi, come l’Italia, si tratta ancora di Garanti regionali) per l’Infanzia10. I recenti vertici europei di Lisbona e di Nizza hanno inoltre definito come obiettivo primario dei paesi membri la diminuzione decisiva della povertà infantile e dell’esclusione sociale entro il 2010, di cui i bambini in particolare sono vittima, e i cui effetti si traducono in una diminuzione del loro well being hic et nunc ed in un indebolimento di chance per il futuro. In particolare in quelle sedi i Governi europei si sono posti l’obiettivo di ridurre di un quarto la povertà infantile entro cinque anni rispetto ai tassi del 1999. A livello mondiale, nel 2002 al Summit sullo Sviluppo sostenibile di Johannesburg è stato sottolineato il profondo legame tra destino e rischi dell’ambiente e quelli dell’infanzia. Il controllo di tutte le dimensioni in cui si declina lo sviluppo sostenibile (ambientale, economica, sociale e culturale) gioca un ruolo decisivo per la tutela dell’infanzia e per garantire un effettivo well being dei bambini. La Task force 6 del Millenium Development Project11 ha presentato il rapporto Environment and Human Well Being: a Pratical Strategy in cui viene ribadito il collegamento tra sostenibilità ambientale e infanzia. Le stesse Nazioni Unite hanno inserito nei Millenium Developements Goals cinque obiettivi espressamente rivolti ai bambini, alla preservazione del loro ben-essere e delle loro chance future. Infine, la Convenzione dell’Aja è in corso di ratifica da parte di un numero crescente di paesi nel mondo. E questa crescente attenzione scaturisce a mio giudizio da tre ordini di fattori, richiamati in tutte le ricerche che ho esaminato:

  • l’affermarsi di un nuovo modo di concepire il bambino, non più semplicemente come destinatario di cure e tutele, ma come soggetto di diritto, come cittadino, come persona che può e deve essere ascoltata.

  • il diffondersi della consapevolezza che il futuro di ogni società risiede in coloro che oggi sono bambini, un futuro non solo demografico ed economico, ma che custodisce oggi le potenzialità che potranno diventare risorse domani.

  • il legame fortissimo tra well being infantile e povertà delle famiglie. L’attenzione per il well being infantile e il well becoming è dunque il primo strumento per riequilibrare la diseguaglianza economica, di opportunità, di chance di vita, limitando i rischi di replicazione di modelli di marginalità ed esclusione sociale tra le generazioni che molta letteratura sociologica ha messo da tempo in evidenza.

8Ad un secondo livello si colloca il rapporto tra ricerche e contesti istituzionali locali. Nessuno dei contributi esaminati è l’esito di una committenza diretta delle istituzioni, ma ognuno si rapporta al contesto normativo e politico in forme peculiari. Per la ricerca statunitense questo legame è esplicitamente dichiarato nella prefazione, corredata di una ricchezza di rimandi alle più recenti scelte dei governi Clinton e Bush in tema di well being per tutti i cittadini, bambini compresi. I coordinatori della ricerca (R. Hauser, direttore dell’Istituto di ricerca sulla Povertà, B. Brown, ricercatore presso la Childs Trends Inc., e W. Prosser, analista delle politiche pubbliche presso il Dipartimento per la Salute e e i Servizi sociali), hanno coinvolto per la realizzazione di questo lavoro numerosi gruppi di ricerca all’interno del paese, composti non solo di sociologi ma di psicologi infantili, medici pediatri, operatori dei servizi sociali. La ricerca statunitense si nutre di una lunga tradizione accademica di ricerca a livello federale e locale, accanto alla quale si è più recentemente diffusa una sensibilità politica nei confronti del well being e della qualità della vita infantile, fin dall’inizio degli anni novanta quando l’amministrazione pubblica di uno degli stati della federazione aveva promosso una survey che sondasse le condizioni di vita e il ben-essere dei bambini residenti nello stato del Wisconsin; nel 1993 si era svolto il primo workshop nazionale sul well being infantile cui aveva fatto seguito l’anno successivo la conferenza nazionale sullo stesso tema.

9Anche nella ricerca inglese di Bradshaw e Mayhew, commissionata all’Università di York da Save the Children, non c’è rapporto di committenza diretta con il Governo Blair, ma viene sottolineata la crescente attenzione delle politiche pubbliche per il tema del well being dei bambini con l’istituzione del cypu (Children and Young People’s Unit) nel 2001, confluito nel dfes (Department for Education and Skills) insieme ai settori Children’s Social Services, Teenage Pregancy Unit, Family Policy Unit e la Family Law Policy, e ancora prima con la stesura e pubblicazione annuale, fin dal 1999, del rapporto Opportunity for All, che ha portato alla formulazione di un sistema di 23 indicatori nazionali studiati espressamente per misurare e comparare nel tempo i livelli di benessere infantile e giovanile. L’esigenza della comparazione è peraltro soddisfatta nella ricerca britannica, che costituisce la seconda wave di un progetto avviato nel 2002. In questa seconda wave sono infatti presentate valutazioni di miglioramento, peggioramento e stabilità degli indicatori rispetto al 2002 sulla base delle quali sono state avviate alcune iniziative politiche che hanno consentito di incrementare i fondi a disposizione della ricerca e del monitoraggio delle condizioni di vita infantili, seppure ancora in assenza di un organico progetto nazionale. Dall’ultima wave della ricerca sono inoltre emerse esplicite politiche che Save the Children ha formulato in tre obiettivi chiave da perseguire da parte del governo britannico:

  • attuazione di un piano nazionale di monitoraggio del well being infantile da svolgere con cadenza regolare. Questo monitoraggio potrebbe assumere la forma di una survey in cui i bambini siano l’unità di analisi primaria, ma con un collegamento sottostante con i dati sulle famiglie, sulla scuola e sulle condizioni abitative (casa e quartiere). L’obiettivo di questa survey sarebbe la comparazione interna ed esterna al paese.

  • predisposizione di misure per diminuire il tasso di povertà infantile che nel Regno Unito è molto elevato (è al di sotto della soglia di povertà un bambino su quattro) e istituzione di una Commissione sugli standard di reddito minimo in grado di monitorare i livelli di vita e ben-essere infantile e la loro evoluzione nel tempo.

  • attivazione di servizi per l’infanzia e facilità di accesso ad essi. In questa sezione vanno inclusi non solo la tutela della salute e la scuola ma il gioco (tempo e spazio di gioco), la vita di relazione e la disponibilità di spazi sicuri e a misura di bambino all’interno dei quartieri.

  • 12 L’Indagine Multiscopo sulle famiglie e soggetti sociali del 1998, l’Indagine Multiscopo sulle famig (...)

10Infine, per quanto riguarda i contributi francese e italiano, rispetto alle politiche pubbliche entrambi presentano caratteristiche che li distanziano dalle ricerche di area anglosassone. Le caratteristiche distintive di questi contributi risiedono nel fatto di non essere ricerche che abbiano ad oggetto esplicito ed esclusivo il well being infantile ma che si collocano in orizzonti di ricerca più ampi, che coinvolgono bambini e famiglie. E al tempo stesso questa non esclusiva focalizzazione sul well being infantile riesce a far emergere in entrambi i contributi il carattere multidimensionale del problema, che invece nelle ricerche di area anglosassone resta esplorato in forma superficiale. Il rapporto francese è stato prodotto da un ente come il Conseil Emploi, Revenus et Cohésion Sociale che opera in stretta collaborazione con l’apparato istituzionale in materia di lavoro e politiche sociali, e inoltre non ha come oggetto esplicitamente dichiarato il well being infantile. Il suo primario interesse è volto a descrivere la condizione infantile all’interno del paese, con particolare attenzione per quel milione di bambini che si collocano al di sotto della soglia di povertà. In realtà la povertà cui si fa riferimento nel rapporto non è soltanto quella economica. Si sottolinea invece la multidimensionalità del well being infantile che dipende anche, ma non solo, dalle condizioni economiche della famiglia. Inoltre, se per le condizioni economiche familiari esistono strumenti di supporto come i trasferimenti economici, i minimi sociali, l’accesso gratuito a servizi sociali, per la componente relazionale, formativa, di partecipazione, di promozione di cittadinanza il rapporto denuncia una carenza di soluzioni politiche e, ove presenti, sottolinea una loro difficile applicazione. Anche nel caso della ricerca italiana realizzata da istat nel 2005 intitolata Come cambia la vita dei bambini, l’attenzione per la qualità di vita infantile è indiretta. Lo studio della condizione infantile non è infatti stato oggetto di una ricerca autonoma ma inserito, sotto forma di modulo aggiuntivo, nella più ampia indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana, dalla quale è stato estratto il sottocampione di famiglie con figli minori (24mila famiglie, pari al 29,2% del campione). Più che di qualità della vita infantile qui si parla di cambiamenti della posizione, del ruolo, delle possibilità di negoziazione dei bambini all’interno delle famiglie, nei loro spazi di autonomia, nelle forme di partecipazione, dentro e fuori casa, nelle relazioni che intrattengono con gli adulti responsabili e con il gruppo dei pari. L’andamento della qualità della vita infantile dei bambini italiani è osservabile attraverso la comparazione con altre indagini Multiscopo12, sebbene nessuna di esse si sia occupata in modo esclusivo di questi temi. Alcuni aspetti, come l’importanza riconosciuta alla formazione scolastica ed extrascolastica (in termini di durata della formazione, tipo di formazione e competenze acquisite), l’uso del tempo, le conquiste, materiali e simboliche, mediante le quali si afferma l’autonomia del bambino (possesso delle chiavi di casa, paghetta settimanale, ecc…) ritornano in tutte le ricerche italiane nelle quali sono utilizzati come indicatori della qualità di vita e del well being infantile, ma soprattutto del well becoming di futuri adulti. In questo senso è possibile collocare la ricerca istat nella nuova corrente degli studi sociologici sull’infanzia, che superano un approccio esclusivamente giuridico e psicologico. Rispetto alle politiche inoltre, questa ricerca si colloca nel recente filone della promozione dei diritti di cittadinanza attiva e di ascolto della voce dei bambini (di cui sono un esempio la recente istituzione dei Garanti regionali per l’Infanzia, il diritto all’ascolto dei minori a livello processuale da parte di giudici, assistenti sociali e psicologi) che affiancano quelli già consolidati da tempo di tutela e protezione.

11Passando ora alla seconda chiave di accesso, per quanto riguarda la selezione delle fonti si evidenziano due tendenze: da un lato i paesi anglosassoni prediligono ricerche che attingono ad archivi di dati di tipo istituzionale e su questi lavorano esclusivamente con metodologie quantitative, dall’altro i paesi mediterranei dispongono di archivi meno ricchi e complessi, meno aggiornati, ma suppliscono alla minore quantità di informazioni coniugando metodologie di analisi quantitative e qualitative, che restituiscono, a mio giudizio, un quadro sulla qualità di vita infantile più completo e che rende maggiormente conto di quella multidimensionalità di cui ho già detto. Inoltre i paesi anglosassoni dispongono di basi di dati distinte a livello nazionale, regionale e locale, per ognuna delle quali vengono effettuate rilevazioni per lo più su base annua (alcune a livello locale seguono una periodicità diversa) ma che consentono in ogni caso una comparazione diacronica almeno nell’arco degli ultimi vent’anni. Viceversa i paesi mediterranei lamentano la carenza di fonti secondarie cui accedere, e la limitatezza di ricerche sulla condizione infantile, se non di matrice giuridica e psicologica. Questa scarsità di dati limita fortemente ogni tentativo di comparazione, interna ai paesi in primo luogo, ma anche sul piano internazionale. Anche per quanto riguarda la scelta degli indicatori, essa risponde a criteri sostanzialmente diversi tra i paesi. Regno Unito e usa richiamano un concetto di qualità della vita e well being infantile legato a dimensioni che si riferiscono all’esigenza di controllo sociale, di contenimento di condotte precocemente devianti (uso di sostanze stupefacenti, abuso di alcool, fumo, comportamenti sessuali a rischio,…), di benessere legato a indicatori materiali (possesso di beni, disponibilità di reddito delle famiglie, salute fisica, ecc…), mentre Italia e Francia prediligono dimensioni sensibili all’aspetto relazionale, di partecipazione sociale, di integrazione, di acquisizione di identità, autonomia e diritti di cittadinanza attraverso il ruolo svolto dall’istruzione, dal gruppo dei pari, dalla famiglia. Persiste nelle ricerche di area mediterranea la dimensione della tutela e della protezione del bambino, ma accanto ad essa si diffondono approcci maggiormente sensibili all’aspetto attivo del rapporto con l’infanzia, quello che vede il bambino come soggetto di diritto e non soltanto più soltanto come destinatario di cure.

Conclusioni

12Dalla lettura delle ricerche e sullo sfondo della letteratura internazionale dei Childhood’s Studies, emergono alcune esigenze condivise a tutte le tradizioni di studio sulla qualità di vita infantile.

13In primo luogo è profondamente avvertita l’esigenza della comparazione, soprattutto interna ad ogni paese, attraverso archivi di dati integrati, che rendano conto dei fenomeni nel loro evolvere diacronico. In alcuni paesi questa esigenza si è già concretamente tradotta in scelte politiche che rendono realmente possibile comparare nel tempo e tra contesti diversi all’interno del territorio nazionale (è il caso degli Stati Uniti, ed in parte del Regno Unito, anche se qui le autonomie regionali di Irlanda del Nord, Galles, Scozia e Inghilterra non hanno ad oggi reso possibile unificare strumenti, periodicità e metodi di rilevazione). La comparazione transnazionale è invece, a mio giudizio, di difficile realizzazione, per la profonda diversità dei contesti sul piano sociale e istituzionale, da cui scaturiscono sistemi di indicatori appropriati solo se localizzati e contestualizzati e dunque con scarsa efficacia nell’esportazione; al momento attuale della ricerca sull’argomento è ancora impensabile un organico e coerente piano sovranazionale di coordinamento. Un secondo tipo di comparazione, quella nel tempo, trova applicazione come dicevo in ristretti contesti territoriali, spesso in aree geografiche molto circoscritte, all’interno delle quali le rilevazioni dei dati vengono condotte con sistematicità, ma si tratta ancora di casi esemplari.

14Inoltre, è da rilevare come nelle ricerche esaminate qualità della vita e well being siano misurati esclusivamente in riferimento a indicatori oggettivi; nessuna delle ricerche ha considerato l’aspetto soggettivo del ben-essere infantile e soprattutto nessuna ricerca ha previsto di ascoltare direttamente i bambini. La resistenza a rivolgersi direttamente ai bambini scaturisce da una serie di fattori. In primo luogo è riconosciuto lo statuto «protetto» degli interlocutori, l’accesso ai quali si ritiene debba essere mediato dai genitori e dagli altri adulti di riferimento, ai quali è riconosciuto il prioritario dovere di tutela. Inoltre è opinione condivisa che le informazioni ricavabili da una intervista o da un questionario somministrato ai bambini siano non solo di difficile interpretazione, ma non sempre attendibili; in questo caso però più che di attendibilità dell’oggetto della ricerca si dovrebbe parlare di affidabilità dello strumento, ossia chiedersi se gli attuali sistemi impiegati per la rilevazione del well being siano applicabili anche direttamente ai bambini o se non sia necessario ripensarli e adattarli. Al sociologo sotto questo aspetto non sono riconosciute competenze e capacità specifiche nel trattare con i bambini, che invece sono di dominio degli psicologi. È per questi motivi che è a mio giudizio auspicabile un approccio al well being infantile che si avvalga di gruppi di ricerca multidisciplinari in grado di garantire la tutela del bambino e al tempo stesso comprendere anche il suo punto di vista, ascoltare la sua voce senza rinunciare alle esigenze di scientificità che la ricerca stessa impone.

15Infine, attraverso l’analisi di questi testi è emersa una differenza di fondo tra i paesi (o tra gruppi di paesi) riguardo a che cosa sia la qualità della vita infantile. Non esiste infatti un concetto universalmente condiviso di qualità della vita e well being per i bambini né all’interno della comunità scientifica, né a livello istituzionale e nelle politiche pubbliche dei diversi paesi, mentre esiste qualcosa di molto più simile per gli adulti. Non solo è diversamente stabilito a livello locale ciò che contribuisce a migliorare la qualità della vita, o viceversa ne compromette lo sviluppo, ma un ruolo decisivo è giocato da tre fattori: l’età dei bambini (ogni età richiede stimoli, opportunità, margini di autonomia, relazioni specifiche), il modello di famiglia in cui i bambini vivono (con relativi modelli di relazioni tra generazioni, disponibilità di risorse materiali, capitale sociale e culturale) e infine il tipo di società con riferimento soprattutto ai sistemi di welfare e alle istituzioni formative.

Torna su

Bibliografia

Ben Arieh A., Goerge R.M. (2005), Indicators of Children’s Well Being, Kluwer Academic Publisher.

Bertolini P., Cardarello R. (a cura di) (1989), La qualità della vita infantile in Emilia Romagna, Firenze, La Nuova Italia.

Bradshaw J., Mahyew E. (a cura di) (2005), The Well Being of Children in the U.K., Save the Children, London.

Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza (2000), Pianeta infanzia, Firenze.

Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza (2002), I numeri europei, Firenze.

Conseil Emploi, Revenus et Cohésion sociale (2004), Les enfants pauvres en France, Parigi.

European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions (2004), Quality of Life in Europe, Dublin.

Corsaro W.A. (2003), Le culture dell’infanzia, Bologna, Il Mulino.

Federal Interagency Forum on Child and Family Statistics (2005), America’s Children: Key National Indicators of Well Being 2003, Washington.

Federal Interagency Forum on Child and Family Statistics (2004), America’s Children: Key National Indicators of Well Being 2002, Washington.

Hauser R., Brown B., Prosser W. (1997), Indicators of Children’s Well Being, New York, Sage.

James A., Jenks C., Prout A. (2002), Teorizzare l’infanzia, Roma, Donzelli.

istat (2005), Come cambia la vita dei bambini, Roma.

istat (2005), Le spese delle famiglie per l’istruzione e la formazione professionale anno 2002, n. 31.

Land K. (a cura di), Child and Youth Well-Being Index (cwi) 1975-2004, with Projection for 2005, http://www.soc.duke.edu/cwi/

Lapinte A. (a cura di) (2003), Niveau de vie et pauvreté des enfants en Europe, Parigi.

Lanzetti C. (a cura di) (1990), Qualità e senso della vita in ambiente urbano ed extraurbano, Milano, Franco Angeli.

Luison L. e Altieri L. (a cura di) (1997), Qualità della vita e strumenti sociologici, Milano, Franco Angeli.

Maggioni G. e Baraldi C. (a cura di) (1997), Cittadinanza dei bambini e costruzione sociale dell’infanzia, Urbino, Quattroventi.

Närvänen A.L., Nasman E. (2004), Childhood as Generation or Life Phase?, «Young», 12, 1, pp. 71-91.

Neale B. (2002), Dialogues with Children: Children, Divorce and Citizenship, «Childhood», 9, 41, pp. 455-476.

Qvortrup J. (1994), Childhood Matters: An Introduction, Avebury, Aldershot.

République francaise (2005), Défenseur des enfants, Rapport annuel 2005, Parigi.

unicef, Istituto degli Innocenti (2005), Povertà dei bambini nei paesi ricchi 2005, Firenze.

Torna su

Note

1 Scelgo di utilizzare la grafia ben-essere e non quella generale di benessere perché intendo sottolineare la pregnanza del concetto che si riferisce non solo ad un generico stare bene ma ad una condizione ontologica hic et nunc e progettuale nei termini di well becoming.

2 Questa definizione è debitrice verso Monitoring Quality of life in Europe del 2004, ma tiene conto anche di altri contributi, come quello di A. Sen (1994, 1997).

3 Il well being fisico include indicatori quali i tassi di mortalità, di morbilità, l’alimentazione, gli abusi; quello cognitivo include indicatori quali il livello di istruzione, le capacità linguistiche, matematiche e tecniche acquisite; quello comportamentale rimanda a indicatori che misurano i tassi di criminalità infantile e giovanile, l’uso di sostanze stupefacenti, il consumo di alcool e tabacco; infine il well being emotivo è sondabile mediante indicatori che si riferiscono alla vita affettiva, emotiva e di relazione (tempo trascorso con i genitori, ruolo e presenza dei nonni, confronto con il gruppo dei pari…).

4 The Well Being of Children in the U.K., realizzata dai ricercatori dell’Università di York su commissione di Save the Children.

5 Conseil Emploi, Revenus et Cohésion sociale.

6 Les enfants pauvres en France, Rapport n. 4, 2004.

7 Negli Stati Uniti viene realizzata fin dal 1975 una ricerca annuale sulle condizioni di ben-essere di bambini e adolescenti realizzata dalla Foundation for Child Development dalla quale scaturisce un indice denominato cwi (Child and Youth Well-being Index) per misurare il benessere dei bambini attraverso rilevazioni diacroniche, composto di 28 indicatori chiave riferiti a sette dimensioni (livello economico della famiglia di appartenenza, salute psico-fisica, sicurezza, educazione, partecipazione alla vita sociale, relazioni sociali, benessere emozionale). Ogni anno inoltre la Federal Interagency Forum on Child and Family Statistics produce un rapporto sugli indicatori chiave del well being infantile negli usa.

8 La qualità della vita infantile in Emilia Romagna, La Nuova Italia Editrice, Firenze 1989.

9 Qvortrup, 1994; Neale, 2002; Närvänen, Nasman, 2004.

10 Nei paesi scandinavi, che vantano la più lunga tradizione di promozione dei diritti dell’infanzia, è consolidata la figura dell’ombudsman per i bambini. In Francia opera il Défénseur des Infants a livello nazionale. In Italia alcune regioni si sono dotate di un garante, ma ad oggi non è presente una figura operante a livello nazionale.

11 Si tratta di un organismo consultivo indipendente istituito alle Nazioni Unite per coordinare il lavoro sugli Obiettivi di Sviluppo sul Millennio, composto da dieci task force con il compito di analizzare gli obiettivi e dare raccomandazioni su come meglio raggiungerli.

12 L’Indagine Multiscopo sulle famiglie e soggetti sociali del 1998, l’Indagine Multiscopo sulle famiglie. Aspetti della vita quotidiana del 1993-1994, l’Indagine Multiscopo sulle famiglie. Uso del tempo del 1988-1989 e del 2002-2003.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giulia Maria Cavaletto, « Qualità della vita e well being infantile in quattro ricerche internazionali »Quaderni di Sociologia, 42 | 2006, 211-219.

Notizia bibliografica digitale

Giulia Maria Cavaletto, « Qualità della vita e well being infantile in quattro ricerche internazionali »Quaderni di Sociologia [Online], 42 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/983; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.983

Torna su

Autore

Giulia Maria Cavaletto

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search