Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri40la società contemporanea / Le pol...L’Italia meta di progetti migrato...

la società contemporanea / Le politiche dell’immigrazione in Europa

L’Italia meta di progetti migratori: aspettative, delusioni e problemi di integrazione

Stefano Becucci
p. 25-41

Testo integrale

Trenta giorni di nave a vapore

Trenta giorni di nave a vapore,
fino in America noi siamo arrivati,
fino in America noi siamo arrivati;
abbiam trovato né paglia né fieno,
abbiam dormito sul nudo e terreno,
come le bestie abbiam riposà.
E l’America l’è lunga e l’è larga
l’è circondata dai monti e dai piani
e con l’industria dei nostri italiani
abbiam formato paesi e città,
e con l’industria dei nostri italiani
abbiam formato paesi e città.

(Canzone popolare di emigranti italiani)

  • 1 Il dato complessivo, corrispondente a 2.786.340 soggiornanti effettivi, è frutto di una stima in cu (...)

1Come fanno notare vari studiosi, l’immigrazione in Italia è da considerarsi un fenomeno strutturale che, lontano dall’esaurirsi a breve termine, caratterizzerà il futuro del paese (Sciortino e Colombo, 2005, 7; Cesareo, 2005, 7; Zanfrini, 2005, 126). Né dà conto il rapido passaggio, nel corso degli ultimi tre decenni, da paese di emigrazione a luogo di destinazione di un numero crescente di immigrati. Secondo l’ultimo rapporto Caritas sono presenti al 31 dicembre 2004 quasi 2.800.000 stranieri, circa il 5% della popolazione italiana (Caritas, 2005, 88-89)1. L’estrema differenziazione delle provenienze nazionali, che comprendono 191 Stati, testimonia dell’articolazione e complessità del fenomeno migratorio che coinvolge l’Italia (Caritas, 2003, 110).

2Partendo dall’analisi dell’immigrazione illegale, il saggio evidenzia quale sia l’inserimento degli stranieri nel mercato del lavoro e il tipo di problemi rappresentati dall’attuale normativa – la cosiddetta Bossi-Fini – affinché essi possano avviare un percorso di integrazione nel nostro paese.

1. Immigrazione illegale, legale e mercato del lavoro

  • 2 Per irregolari si intende sia gli stranieri giunti clandestinamente in Italia che gli stranieri cad (...)
  • 3 La consistente diminuzione degli arrivi di immigrati clandestini lungo tale rotta si deve probabilm (...)
  • 4 Per completezza, riportiamo qui di seguito il numero di stranieri irregolari rintracciati dalle for (...)
  • 5 Dei 112.881 immigrati clandestini individuati dalle forze dell’ordine nel 1999, ben 23.418 proveniv (...)
  • 6 A fronte di una sensibile riduzione degli sbarchi in Puglia e Calabria nel 2003-2004, attualmente g (...)
  • 7 A titolo di esempio, le persone originarie dei cosiddetti paesi a forte pressione emigratoria che v (...)

3In questi ultimi anni, gli immigrati irregolari2 individuati sul territorio italiano sono stati, rispettivamente, 149.783 nel 2002, 104.980 nel 2003 e 104.608 nel 2004 (Ministero dell’Interno, 2005, 41). Pur in presenza di una sensibile diminuzione del 30% rispetto al 2002, su cui ha inciso il sostanziale azzeramento del traffico di persone lungo la rotta Albania-Italia3 e il confine italo-sloveno, sono tuttavia da segnalare alcuni aspetti in ragione dei quali è azzardato pensare che il fenomeno dell’immigrazione clandestina sia di là dal diminuire (Ministero dell’Interno, 2005, 42). Innanzitutto, giova ricordare che, nel corso del periodo 1998-2004, il 2002 si caratterizza come l’anno in cui si registra il numero più alto di irregolari rilevati sul territorio italiano, a fronte del numero più basso di 98.256 nel 1998 e di valori medi, nel corso del periodo considerato, di 119.279 persone di origine straniera prive dei titoli per rimanere in Italia4. In più, assistiamo ad un progressivo ampliamento dei paesi di arrivo dei migranti: se sul finire degli anni Novanta i principali territori di origine erano costituiti dall’area balcanica e dai vicini paesi dell’Est Europa lungo l’asse Albania-Puglia5, oggi i migranti giungono sulle coste meridionali italiane dal nord Africa, dai paesi subsahariani e dall’area orientale dell’Europa, ovvero da quegli Stati non recentemente inclusi nell’Unione europea6. Va inoltre ricordato che gli sbarchi delle «carrette del mare», che suscitano l’attenzione dei mass media e dell’opinione pubblica, si configurano come il segmento minoritario più visibile e facilmente individuabile dalle forze dell’ordine, rispetto a una quota largamente prevalente di immigrati che giungono legalmente in Italia e vi risiedono oltre i termini previsti dall’attuale disciplina sull’immigrazione7. Come infatti risulta dall’ultimo rapporto sullo «stato della sicurezza in Italia» il 75% delle circa 700.000 domande di regolarizzazione presentate con l’ultima sanatoria del 2002-2003 era costituito da stranieri entrati legalmente in ambito Schenghen e trattenutisi oltre i tempi previsti dalla normativa italiana, il 15% aveva fatto ricorso a sistemi fraudolenti e solo il 10% era sbarcato sulle coste italiane. Analoga situazione è rilevata per il 2004, per il cui periodo la quota di cosiddetti overstayers viene stimata al 67%, al 29% i migranti arrivati in Italia attraverso mezzi fraudolenti, come ad esempio il ricorso a documenti contraffatti o false attestazioni, e solo al 4% coloro che sono sbarcati sulle coste italiane (Ministero dell’Interno, 2005, 41).

  • 8 È ciò che viene prospettato da alcuni studiosi che si sono recentemente occupati degli effetti dell (...)

4La prevalenza di coloro che sono giunti in Italia attraverso vie legali e in seguito sono rimasti oltre i termini consentiti dalle vigenti normative esemplifica la sostanziale difficoltà di qualsiasi politica restrittiva nel contrastare l’immigrazione irregolare: per quanto tale politica possa prevedere tutta una serie di sanzioni, divieti e requisiti stringenti, restano aperti ampi margini nel sistema di controllo che non impediscono ai migranti di arrivare in modo legale, apparentemente legale o illegale, e successivamente di trattenersi in Italia in attesa della prossima sanatoria. In un contesto nel quale sono avvenute, nel corso degli ultimi due decenni, cinque sanatorie (rispettivamente: nel 1989, 1990, 1995, 1998 e 2002) è plausibile aspettarsi, col proseguire delle permanenze irregolari e di politiche migratorie poco attente ad ampliare i canali legali di ingresso, l’approvazione nei prossimi anni di nuovi provvedimenti di regolarizzazione, che si configurano così come sostituti funzionali di una politica delle quote largamente insoddisfacente (Zucchetti, 2004, 73)8.

5Secondo i dati riferiti nella tabella 1, fra il 1998 e il 2004 abbiamo assistito, a parte il biennio 2002-03, a un aumento continuo delle quote di ingresso per lavoro, anche se molti permessi hanno interessato i lavoratori stagionali.

Tabella 1 Quote di lavoratori stranieri ammessi in Italia, suddivisi in stagionali e non stagionali (anni 1998-2004)

Anni

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

Quote totali

58.000

58.000

63.000

89.400

79.500

79.500

115.500

Stagionali

39.400

60.000

68.500

66.000

Non stagionali*

50.000

19.500

11.000

49.500

* In tale categoria sono comprese le quote privilegiate verso determinati paesi e il lavoro autonomo.

Elaborazione personale su dati Ismu, 2005, 137.

  • 9 Per il 2005, le assunzioni previste di stranieri vanno da una stima minima di 121.800 a 182.890 per (...)

6Tali quote, tuttavia, sembrano largamente insufficienti rispetto alla stima delle assunzioni previste dalle imprese italiane che ogni anno, attraverso il sistema Excelsior, indicano quale dovrebbe essere il fabbisogno di manodopera proveniente da paesi extracomunitari. Secondo stime di massima, che non comprendono il lavoro domestico o i lavori stagionali in agricoltura, le imprese avrebbero avuto necessità dei seguenti lavoratori: 149.468 nel 2001, 163.794 nel 2002, 223.944 nel 2003, 195.009 nel 2004, nel complesso, pari a circa il 30% di tutte le assunzioni previste ogni anno (Zanfrini, 2005, 128)9.

7A una probabile inadeguatezza degli ingressi consentiti rispetto alla necessità di forza lavoro esistente in Italia, vanno ad aggiungersi lentezze burocratiche e procedure particolarmente complesse che, di fatto, vanificano il canale di accesso legale rappresentato dalle quote annuali. In più di un’occasione, durante il governo del centro-sinistra, le quote venivano stabilite alla fine dell’anno, anziché all’inizio (Bolaffi, 2001, 47). Inoltre, col successivo governo di centro-destra è stato deciso di dare priorità alla forza lavoro italiana qualora essa fosse disponibile a soddisfare le esigenze delle imprese o, in alternativa, a immigrati provenienti da paesi come l’America Latina, i cui abitanti avessero un ascendente di origine italiana. Tali procedure sono state demandate ai consolati e alle ambasciate italiane all’estero, rendendo presumibilmente ancor più complesso e difficoltoso l’incontro fra domanda e offerta di lavoro in Italia. Per non dire, infine, dell’esistenza di rigidi limiti alle quote, che, una volta ultimate, pongono l’imprenditore di fronte all’eventualità di assumere gli immigrati in maniera illecita, anche nel caso in cui volesse rispettare la legge.

  • 10 Per quanto riguarda l’edilizia, all’interno di circa 10.000 assunti regolarmente in questo settore (...)
  • 11 Entro tale settore, in alcune regioni del Sud d’Italia sono emerse forme di sfruttamento e racket s (...)
  • 12 Bisogna tuttavia tenere conto che la parte rimanente, pari a 318.856, nella quale sono compresi i l (...)

8In definitiva, il significativo numero di immigrati presenti in Italia, siano essi arrivati legalmente che illegalmente, è da mettere in relazione con le richieste provenienti dal mercato del lavoro, che vede il crescente inserimento di manodopera di origine straniera nel sistema produttivo italiano. Come varie ricerche hanno evidenziato, gli stranieri trovano principalmente collocazione nel sistema produttivo delle piccole e medie imprese10, dove è richiesta manodopera a bassa qualificazione, nel cosiddetto basso terziario metropolitano, in attività come le imprese di pulizia e il lavoro domestico e, infine, nell’agricoltura11, dove le innovazioni tecnologiche volte alla riduzione di manodopera risultano avere scarsi effetti o sono poco convenienti (Caritas, 2005, 273; Ambrosini, 2005, 64; Fieri, 2003, 19-20). Le statistiche sulle assunzioni di stranieri in base ai dati Inail confermano la prevalente presenza di immigrati negli ambiti produttivi caratterizzati da basso status sociale e scarse retribuzioni. Secondo tali dati, i lavoratori stranieri assunti a tempo indeterminato nel 2004 sono stati 783.303, di cui 60.272 nel settore dell’agricoltura/pesca, 183.525 nell’industria e 220.650 nei servizi12 (Caritas, 2005, 266). Nella graduatoria delle attività produttive che hanno visto il numero più alto di assunzioni troviamo ai primi posti: il settore delle costruzioni (10,3% sul totale delle assunzioni a tempo indeterminato nel 2004), i servizi legati alla gestione degli alberghi e della ristorazione (10,1%) e, infine, l’agricoltura (7,7%) (Caritas, 2005, 267).

  • 13 In quest’ambito, hanno luogo forme variamente strutturate di sfruttamento degli immigrati (Ceschi e (...)

9La collocazione degli immigrati nel mercato del lavoro italiano (ma anche di altri paesi dell’area occidentale) è riconducibile alle profonde trasformazioni postfordistiche che il sistema produttivo ha avuto in questi ultimi decenni. Tali trasformazioni hanno portato a una significativa ristrutturazione del sistema imprenditoriale, non più incentrato sulla grande impresa manifatturiera che tendeva a inglobare l’intero processo produttivo, ma sul trasferimento all’esterno di quote rilevanti di esso, al fine di ridurre i costi e mantenere una propria capacità competitiva sui mercati nazionali e internazionali (Revelli, 1995, 161-224). Questi mutamenti, unitamente alla formazione di un mercato del lavoro sempre più segmentato, consentono agli immigrati di inserirsi negli ambiti occupazionali indesiderati dagli autoctoni. Infatti, assieme a imprese ad alto contenuto di capitale che investono in innovazioni tecnologiche e forza lavoro altamente qualificata, vi sono imprese labor intensive che sopravvivono sul mercato grazie al consistente ricorso a manodopera dequalificata e a basso costo13. Gli immigrati, specialmente quelli arrivati da poco tempo in Italia, si inseriscono in gran parte in questa seconda tipologia di imprese senza che abbiano luogo forme di competizione fra autoctoni e immigrati, in quanto i primi solitamente preferiscono indirizzarsi verso lavori qualificati, meglio remunerati e in linea con le aspettative legate alla professionalità e al titolo di studio posseduti (Ambrosini, 2001, 55).

10Va detto tuttavia che la segmentazione in imprese ad alto contenuto di capitale e imprese labor intensive riguarda principalmente il mercato del lavoro dal punto di vista dell’offerta e solo in parte l’insieme dei processi produttivi (Sassen, 2002, 77-78). Per quanto gli immigrati siano, in molti casi, impiegati in ambiti economici circoscritti, l’attuale assetto produttivo, sempre più orientato secondo il modello just in time, esige una crescente integrazione fra lavoro ad alto contenuto di valore aggiunto e lavoro povero e dequalificato. Integrazione che si realizza attraverso il sistema dei sub-contractors e della crescente espansione sia nei paesi occidentali che in quelli in via di sviluppo della quota di economia informale (Beck, 2000, 133; Ehrenreich, 2002). Infatti, mentre le strategie imprenditoriali possono differenziarsi sensibilmente per quanto riguarda l’innovazione produttiva, dall’altro lato le imprese, per non perdere competitività sui mercati nazionali e internazionali, adottano modalità organizzative orientate a diminuire i costi di produzione, trasferendo all’esterno quote crescenti di produzione e riducendo le scorte di magazzino. Mentre nel modello fordista i guadagni potevano essere realizzati grazie a economie di scala, che consentivano la riduzione del costo unitario per prodotto, oggi le imprese realizzano modeste quantità di numerosi modelli, diversificando la produzione per singoli target di consumatori e aggiustando velocemente l’offerta alle oscillazioni della domanda (Marazzi, 1999, 14).

11Il mix caratterizzato da basso regime produttivo volto alla riduzione dei costi, per un verso, e alta flessibilità (produttiva) tesa a soddisfare «in tempo reale» le mutevoli esigenze della domanda di beni, per l’altro, crea le condizioni di fondo affinché vi sia una crescente integrazione fra unità labor intensive di piccole dimensioni e grande impresa affermata sul mercato che, all’occorrenza, trasferisce quote di produzione all’esterno in relazione alle richieste contingenti del mercato. A loro volta, le imprese labor intensive sono spesso le sole in grado di soddisfare richieste improvvise e intermittenti di fornitura di beni da parte di imprese maggiori. Sotto questo profilo, le imprese labor intensive e i servizi di bassa qualificazione, anziché essere ambiti separati e circoscritti nel più ampio contesto economico, rappresentano la componente speculare di un’organizzazione produttiva basata su economie e mercati globalizzati.

  • 14 Lo sviluppo in Italia di un’imprenditoria etnica che, secondo vari osservatori, non ha ripercorso l (...)

12Un esempio attraverso cui è possibile rilevare una integrazione funzionale fra imprese locali variamente interessate a processi di innovazione e unità produttive labor intensive gestite da immigrati è dato dalle cosiddette imprese etniche cinesi. Inserite nelle filiere dei distretti industriali italiani, esse sono in gran parte occupate nella finitura di manufatti semilavorati in qualità di unità produttive per conto terzi su richiesta delle imprese italiane (Rastrelli, 2001, 134-186; Ceccagno, 2003, 38). Contraddistinte da una forte competizione interna e dalla possibilità di attingere a un bacino di forza lavoro a basso costo rappresentato da immigrati clandestini o assunti irregolarmente, sono probabilmente le uniche in grado di soddisfare le richieste al ribasso delle imprese italiane, interessate a trasferire all’esterno una parte della loro lavorazione allo scopo di ridurre i costi e mantenere nel contempo uno stretto raccordo fra domanda e offerta produttiva del momento (Becucci, 2006, 2-15)14.

2. La normativa sull’immigrazione: rispetto dei diritti individuali e problemi di integrazione

  • 15 Intervista a un funzionario della questura di Prato (5 ottobre 2005). A Roma, dove la questura deve (...)

13Le forme di «incorporazione subalterna» degli immigrati sono da collegarsi sia alle opportunità esistenti nel mercato del lavoro, sia, soprattutto, alle norme che disciplinano la permanenza degli stranieri presenti sul territorio nazionale. È infatti l’esistenza di una regolamentazione istituzionale restrittiva circa le possibilità di ingresso e di permanenza che crea le condizioni di fondo perché lo straniero si trovi davanti alla drastica alternativa se accettare condizioni di lavoro svantaggiate ma, in compenso, stabili o, al contrario, più qualificate e a tempo determinato, rischiando l’allontanamento se, alla scadenza del contratto di lavoro, non fosse in grado di trovarne un altro. Sotto questo profilo la l. 189/2002 ha determinato, con l’introduzione del «contratto di soggiorno», un legame rigido fra permanenza in Italia e disponibilità di un lavoro, configurando l’inserimento degli immigrati nella società ospitante non come un iniziale percorso verso l’integrazione, bensì come un apporto strettamente funzionale alle richieste di forza lavoro provenienti dalle imprese e dalle famiglie locali. In tal senso, la denominazione «contratto di soggiorno» a proposito della concessione del visto di ingresso per lavoro rimanda a una concezione «privatistica» e provvisoria della relazione fra straniero lavoratore e società d’accoglienza. Infatti, il contratto di soggiorno vincola la permanenza in Italia – più di quanto non facesse la precedente normativa del 1998 – alla possibilità di svolgere un lavoro regolare. Inoltre, se in precedenza anche le assunzioni a tempo determinato permettevano di ottenere un permesso di soggiorno della durata di un anno, oggi quest’ultimo è strettamente legato al contratto di lavoro e comunque non può essere superiore a due anni in caso di assunzione a tempo indeterminato (quattro nella precedente l. 40/1998). Tutto ciò ha sensibilmente aggravato il lavoro delle questure, con tempi medi di rilascio o rinnovo dei permessi di soggiorno che si aggirano intorno a due/quattro mesi, con punte di undici mesi nelle grandi città (Corte dei Conti 2005, 21)15. In più, il contatto con le questure, anche per le difficoltà logistiche legate all’aumento dei rinnovi, si può rivelare molto spesso un’esperienza traumatica e sconfortante. Come infatti ci è stato riferito da una ragazza albanese che vive da sette anni in Italia:

  • 16 Intervista del 4 maggio 2004. Secondo le informazioni fornite il 29 gennaio 2006 da «Metropoli», il (...)

Le cose più umilianti che ho avuto modo di sperimentare sono con la questura. Ogni rinnovo del permesso, devo andare davanti alla questura alle cinque del mattino mentre gli uffici aprono alle 8, in questo modo evito di dover prendere un giorno di permesso dal lavoro. Se per caso mi manca un foglio, ci devo anche ritornare. Per rinnovare il permesso di soggiorno la questura vuole non solo l’ultima busta paga ma anche una dichiarazione del titolare dell’impresa in cui si dice che io sono impiegata in quell’impresa. I poliziotti sono diventati più indisponenti negli anni perché il loro lavoro è aumentato ma il personale è rimasto lo stesso. Non c’è riservatezza: quando ciascuno di noi va in questura per il rinnovo del permesso di soggiorno il poliziotto è in uno spazio di alcuni metri quadrati, urla per farsi capire – loro non parlano inglese – e così tutti sentono16.

  • 17 Come evidenziato dal rapporto della Caritas sull’immigrazione: «Il gran limite dei permessi di sogg (...)

14Se uno straniero dovesse perdere il lavoro – eventualità non improbabile date le attuali difficoltà dell’economia italiana – ha sei mesi di tempo per trovarne un altro (un anno nella precedente legge), pena la sua espulsione come irregolare. La carta di soggiorno, che avrebbe potuto preludere a un effettivo percorso di inserimento nel contesto italiano, sembra aver avuto fino a oggi scarsa applicazione (Caritas, 2005, 91)17.

  • 18 Intervista effettuata a Firenze il 12 giugno 2004.

15I motivi per cui molti stranieri non ne hanno avuto accesso, venendo meno la possibilità di acquisire una stabilità almeno de iure, sono riconducibili alla promulgazione di rigide circolari ministeriali di applicazione e a una certa discrezionalità delle questure (Colombo e Sciortino, 2003, 200). Le vicende riferite da una ragazza18 serba arrivata in Italia alla fine del 1993, esemplificano gli ostacoli principali per ottenere la carta di soggiorno:

  • 19 La persona intervistata è stata per alcuni anni mediatrice culturale presso la questura della città (...)

Al momento ho un permesso di soggiorno per lavoro che scade nel gennaio del 2005. Per queste cose ho avuto grossi problemi: per quasi tre anni sono rimasta in Italia clandestinamente. Poco dopo il mio arrivo, mi è stato rubato il passaporto. A quel punto ho chiesto all’ambasciata jugoslava a Roma di avere un nuovo passaporto, ma non ha voluto rilasciarmi i documenti. Io credo perché a Belgrado mi conoscevano per la mia attività politica, quando facevo parte del movimento universitario che si opponeva a Milosevic. A quel punto, nemmeno le autorità italiane mi davano copia del permesso di soggiorno se non presentavo il passaporto. L’ambasciata jugoslava voleva che tornassi a Belgrado, ma io non mi fidavo e quindi sono rimasta in Italia illegalmente. Questo è successo nel 1995. Con la sanatoria del 1998, mi sono regolarizzata. Io non riuscirò mai a prendere la carta di soggiorno perché per poterla ottenere occorre avere un certo numero di anni di lavoro regolare e continuativo. I miei contratti sono tutti a tempo determinato, lavoro su progetti e posso venire assunta per 6 mesi, 9 mesi e poi avere un periodo di non lavoro fra un contratto e l’altro. In questura ho visto casi di rifiuto perché la persona aveva, fra un contratto e l’altro, due settimane di vuoto19. Naturalmente questa situazione è abbastanza normale quando si cambia lavoro. Oppure casi di persone che, non avendo la residenza, non potevano ottenere la carta di soggiorno. Anche in questo caso, se si è in subaffitto, la condizione per abitare in quella casa è di non prenderci la residenza… In più, si deve avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato per chiedere la carta di soggiorno. Nel mio caso, lavorando su progetti, è praticamente impossibile, quindi dovrò continuare a rinnovare il permesso di soggiorno.

  • 20 Nell’ambito del lavoro interinale, fra il 1998 e il 2004, le agenzie di lavoro temporaneo hanno sti (...)
  • 21 Come infatti riferisce una delle persone intervistate: «Ho intenzione di rimanere in Italia a tempo (...)
  • 22 Intervista a un ragazza albanese (Firenze, 14 giugno 2004).

16È inoltre da segnalare l’incongruenza fra condizioni rigide di accesso alla carta di soggiorno, che presuppongono non solo la permanenza in Italia da almeno sei anni ma anche una precisa stabilità residenziale e lavorativa, e il sistema delle imprese che, sempre più, ricorre a forme di lavoro a tempo parziale, interinale e determinato, in cui sono inevitabilmente coinvolti anche gli stranieri. Nel 2004, sono state assunte con contratto di lavoro a tempo determinato 252.438 persone extracomunitarie, di cui 76.293 lavoratori interinali (Caritas, 2005, 260). Le assunzioni a tempo determinato nelle loro varie forme, corrispondenti a circa un terzo del totale di extracomunitari assunti a tempo indeterminato nello stesso periodo, testimoniano quanto il ricorso a queste modalità contrattuali abbia interessato anche gli stranieri, analogamente a quanto sta avvenendo per i lavoratori italiani20. Tuttavia, con la differenza fondamentale che, se un cittadino straniero dovesse optare per lavori più gratificanti rispetto agli impieghi manuali, come per esempio le forme di collaborazione denominate «prestazione a progetto», dovrebbe valutare attentamente i rischi rappresentati dall’eventualità di non poter restare in Italia, se entro sei mesi non fosse in grado di avere un nuovo contratto di lavoro. Siamo così di fronte alla situazione per cui persone che vivono da anni in Italia, denotando talvolta forme di vera e propria socializzazione anticipatoria al nostro paese21, sono costantemente sottoposte alla possibilità di essere allontanate perché allo scadere del permesso di soggiorno non possono dimostrare di avere un lavoro. Al riguardo, una delle persone intervistate testimonia emblematicamente lo stato d’animo in cui si trova22:

Devo dire che dopo 7 anni che vivo in Italia, vorrei una certa stabilità. Diversamente da altri amici e parenti che vivono in altri paesi stranieri, qui ci si sente ancora precari, provvisori. Questi miei amici non hanno raggiunto i loro obiettivi, ma almeno non è messa in pericolo la loro permanenza. In Italia, ci sentiamo ancora provvisori. Io conosco bene la legge e so come muovermi. Ma non è detto che non rischi, se, per esempio, il prossimo gennaio per un motivo o per l’altro, perdo il lavoro e non ne trovo un altro entro sei mesi, non ho più diritto di restare in Italia.

17Per quanto tali persone abbiano modo di mettere a frutto le loro capacità e risorse culturali, al di là delle consuete forme di incorporazione subalterna che interessano gli stranieri – i lavori delle cosiddette tre D: dangerous, dirty, demanding – se il lavoro è a tempo determinato, esse rischiano di pagare a caro prezzo questa scelta in termini di sicurezza e stabilità personale (Ambrosini, 2004a, 191).

  • 23 La ricerca del Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull’Immigrazione (Fieri) ha preso in co (...)
  • 24 Intervista a un cittadino marocchino (Firenze, 12 maggio 2004).
  • 25 Intervista a una ragazza albanese (Firenze, 14 giugno 2004).

18A restrizioni di ordine normativo, vanno ad aggiungersi, nella vita quotidiana, discriminazioni di vario tipo (Fieri, 2003, 57)23. Come ha riferito un cittadino marocchino che vive in Italia da più di dieci anni e parla un ottimo italiano, ha impiegato molti mesi nella ricerca di un nuovo alloggio perché, dopo aver preso appuntamento telefonico con i proprietari di case, appena li incontrava si sentiva dire che la casa era stata già affittata o, più francamente, che non affittavano a immigrati24. Quasi tutti gli stranieri intervistati ribadiscono di aver fatto molti sacrifici per raggiungere una certa sicurezza professionale e residenziale, che erano consapevoli che «sarebbe stata dura» ma non pensavano che fosse così difficile. Una ragazza albanese25, che si occupa di immigrazione per conto della Cgil della Toscana, riferisce:

Qui tutti i giorni è una lotta per superare i problemi legati alla nostra condizione di stranieri: le leggi possono cambiare, il rinnovo del permesso di soggiorno, i controlli della polizia…

  • 26 Anche se le interviste svolte non possono avere alcun carattere di rappresentatività, in ragione de (...)
  • 27 Facendo da tramite fra il datore di lavoro italiano e il potenziale lavoratore straniero, la figura (...)
  • 28 Al riguardo, si veda il resoconto del giornalista dell’Espresso Fabrizio Gatti che, fingendosi un i (...)

19Ma quel che più conta, alla domanda se consiglierebbero a loro amici e conoscenti di intraprendere lo stesso percorso migratorio, molti di loro affermano che potrebbero farlo a condizione che il connazionale arrivasse in Italia legalmente e, se possibile, sapendo in anticipo di avere un posto di lavoro26. Mentre sembra esistere, per chi si trova in Italia da più tempo, una consapevolezza precisa dell’oggettiva debolezza legata alla condizione di irregolarità, sul versante istituzionale la maggioranza di centro-destra non ha dimostrato, nel corso degli anni in cui è stata al governo, di tenere in debito conto l’importanza di ampliare i canali legali di accesso e mettere in atto politiche migratorie inclusive, come condizioni preliminari per attivare percorsi di integrazione non subalterni nella società italiana. Piuttosto, con l’abolizione della figura dello sponsor e l’approvazione di altri provvedimenti restrittivi in contrasto con la salvaguardia dei diritti individuali, ha ridotto tali possibilità27. L’allungamento dei tempi di permanenza nei Cpt fino a 60 giorni, unitamente a una gestione «disinvolta» e poco attenta al rispetto dei diritti umani28, ha suscitato critiche nei confronti dell’operato del Governo provenienti da istituzioni di garanzia internazionali come Amnesty International (2005, 23-48) e Medici Senza Frontiere (2005, 251-253). Nella sezione relativa all’Italia, Amnesty International riferisce che: «le persone raccolte nei centri di permanenza temporanea (…) spesso hanno incontrato difficoltà nell’ottenere accesso all’assistenza legale necessaria per contestare la legittimità della detenzione o dell’espulsione» (ivi, 2004, 479).

Conclusioni

20Come ricorda Abdelmalek Sayad, l’immigrato – sospeso fra l’essere parte del nuovo paese in cui risiede e il mantenere legami con la propria terra di origine – è lo specchio nel quale si riflettono i rapporti di potere e le contraddizioni della società ospitante (2002, 220). Quest’ultima, a sua volta, è chiamata a prendere posizione nei confronti della presenza di stranieri attraverso l’approvazione di politiche migratorie che possono dare luogo a percorsi di integrazione socio-economica, a forme di incorporazione subalterna o, infine, a pulsioni di rigetto.

21Due indicatori, forse più di altri, danno conto di quanto la struttura istituzionale di una società sia aperta all’accoglienza di nuove popolazioni. Innanzitutto, la capacità di includere su base egualitaria gli stranieri che hanno deciso di vivere e stabilirsi in Italia; secondariamente, l’esistenza di percorsi di mobilità sociale capaci di permettere, a chi ne abbia volontà e capacità, di acquisire un miglioramento delle proprie condizioni di vita. Sotto questo profilo, possiamo dire, senza timore di esagerare, che la società italiana è sostanzialmente chiusa e, al più, prevede modalità di incorporazione subalterna. Come detto in precedenza, l’inserimento lavorativo degli immigrati si realizza, nella gran parte dei casi, attraverso lo svolgimento di mansioni di basso profilo, poco qualificate e indesiderate dalla popolazione autoctona. Certo non perché vi sia una corrispondenza precisa fra competenze possedute dalla popolazione immigrata e lavori svolti, quanto in ragione del fatto che altre opportunità professionali sono difficilmente accessibili agli stranieri, anche se vivono in Italia da molti anni e parlano ottimamente la lingua. Secondo il censimento Istat del 2001, risulta infatti che essi presentano un grado di istruzione superiore a quello degli italiani per quanto riguarda il possesso del diploma di scuola secondaria superiore e la laurea: a fronte del 25,8% di italiani diplomati, abbiamo il 27,8% di stranieri, mentre per i laureati, la differenza a vantaggio di questi ultimi è ancora più significativa: rispetto al 6,4% di laureati italiani, il 9% di stranieri è in possesso dello stesso titolo. Sebbene tali differenze siano in parte legate alle diverse classi di età, in quanto gli stranieri presentano una maggiore concentrazione nella fascia anagrafica di mezzo, nel raffronto italiani e stranieri compresi fra i 20 e i 49 anni, lo scostamento diminuisce, pur sempre a vantaggio degli stranieri: 9% di italiani laureati rispetto al 10% di stranieri (Istat, 2005, 99).

22Considerate le forme di integrazione subalterna cui sono sottoposti gli immigrati nel mondo del lavoro, è plausibile aspettarsi che le opportunità di avanzamento sociale a loro accessibili siano, a oggi, di scarsa rilevanza e interessino un numero ristretto di stranieri. Ciò è dovuto anche alle difficoltà che essi incontrano nel riconoscimento dei titoli di studio e nell’acquisizione della cittadinanza italiana che, in base alle norme vigenti, è di fatto ottenibile solo attraverso il matrimonio con un cittadino italiano.

23I percorsi di avanzamento sociale degli stranieri provenienti dai paesi in via di sviluppo si realizzano, per lo più, in ambiti ristretti e accessibili a pochi di loro: come ad esempio gli impieghi nel privato sociale, nella cooperazione internazionale e interculturale, nei sindacati e nelle istituzioni pubbliche che, per le funzioni svolte, si trovano ad avere un’utenza di origine straniera. Più frequentemente, il processo di mobilità sociale avviene attraverso la costituzione di un’attività autonoma, variamente assimilabile a seconda dei casi alle cosiddette imprese etniche, grazie alla quale l’immigrato può acquisire un miglioramento significativo del proprio status sociale. In altri ambiti, come ad esempio le libere professioni – pensiamo in tal senso alla recente immigrazione dagli Stati dell’Est Europa che, pur insieme a intollerabili difetti, garantivano un elevato grado di scolarizzazione – le strade di inserimento sono sostanzialmente bloccate sia per le difficoltà ricordate prima che per le resistenze delle associazioni professionali italiane, poco propense ad aprire il mercato a professionisti provenienti dai paesi extracomunitari (Ambrosini, 2004d, 39).

24La mancanza di diffuse opportunità di avanzamento sociale a vantaggio degli immigrati ha inevitabilmente un riflesso nel loro coinvolgimento in fenomeni criminali (Merton, 2000, 398-401). Tuttavia, al di là di opinioni di senso comune, i tassi di criminalità degli stranieri presentano valori sensibilmente diversi negli Stati dell’Unione europea e sembrano dipendere, prima di tutto, dal tipo di politiche pubbliche adottate in tema di immigrazione. Esse contribuiscono in modo determinante a ostacolare o facilitare il percorso di integrazione degli immigrati ed hanno, relativamente alla loro partecipazione ad eventi criminali, sensibili conseguenze. Piuttosto che considerare la criminalità una conseguenza ineluttabile dei processi migratori, politiche di welfare orientate a garantire forme di sostegno e percorsi di integrazione per gli stranieri svantaggiati determinano minori tassi di criminalità dei non nazionali rispetto alla popolazione ospitante (Solivetti, 2004, 183). Anziché declinare l’immigrazione come una questione di ordine pubblico, come alcuni esponenti di spicco del governo di centro-destra hanno più volte ribadito, dovrebbe essere considerata, in primo luogo, come un problema di integrazione sociale, allontanando nell’opinione pubblica atteggiamenti ostili e discriminatori nei confronti della popolazione straniera presente in Italia. Diversamente da quanto è avvenuto in altri paesi di più lunga immigrazione, potremmo così evitare la cristallizzazione di forme di ghettizzazione a danno degli immigrati che finiscono per avere conseguenze ben precise nell’ambito dei fenomeni criminali.

Torna su

Bibliografia

Ambrosini M. (2001), La fatica di integrarsi, Bologna, Il Mulino.

Id. (2004a), Percorsi di incontro. Domanda di manodopera e reti migratorie in un mercato segmentato, in Ambrosini M., Abbatecola E. (a cura di), Immigrazione e metropoli. Un confronto europeo, Milano, Franco Angeli, pp. 191-267.

Id. (2004b), Da braccia a persone. Ambiguità e precarietà di un processo di affrancamento, in Barbagli M., Colombo A., Sciortino G. (a cura di), I sommersi e i sanati. Le regolarizzazioni degli immigrati in Italia, Bologna, il Mulino, pp. 139-165.

Id. (2004c), Gli immigrati nelle attività indipendenti: interpretazioni a confronto, Working Paper Crocevia - 19 novembre, pp.1-17, www.fieri.it [link non raggiungibile: 20/12/2016], scaricato il 30 dicembre 2005.

Id. (2004d), Un’apertura necessaria, un riconoscimento contrastato. Il lavoro immigrato nelle trasformazioni delle metropoli europee, in Ambrosini M., Abbatecola E. (a cura di), Immigrazione e metropoli. Un confronto europeo, Milano, Franco Angeli, pp. 25-85.

Id. (2005), Sociologia delle migrazioni, Bologna, il Mulino.

Amnesty International (2004), Rapporto annuale, Torino, Edizioni Gruppo Abele.

Id. (2005), Lampedusa: ingresso vietato. Le deportazioni degli stranieri dall’Italia alla Libia, Torino, Edizioni Gruppo Abele.

Bolaffi G. (2001), I confini del patto. Il governo dell’immigrazione in Italia, Torino, Einaudi.

Beck U. (2000), Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro, Torino, Einaudi.

Becucci S. (2006), Imprese «etniche» e criminalità organizzata straniera: le comunità cinesi nei distretti industriali italiani, «Quaderni di Avviso Pubblico», 2, pp. 2-15.

Caritas (2002), Immigrazione. Dossier Statistico 2002, Roma, Anterem.

Id. (2003), Immigrazione. Dossier Statistico 2003, Roma, Anterem.

Id. (2005), Immigrazione. Dossier Statistico 2005, Roma, Nuova Anterem.

Ceccagno A. (2003), Le migrazioni dalla Cina verso l’Italia e l’Europa nell’epoca della globalizzazione, in Ceccagno A. (a cura di), Migranti a Prato. Il distretto tessile multietnico, Milano, Franco Angeli, pp. 25-68.

Cesareo V. (2005), Dopo l’emergenza, verso l’integrazione, in Ismu (Iniziative e Studi sulla Multietnicità), Decimo rapporto sulle migrazioni 2004, Milano, Franco Angeli, pp. 7-32.

Ceschi S., Mazzonis M. (2003), Le forme dello sfruttamento servile e paraschiavistico nel mondo del lavoro, in Carchedi F., Mottura G., Pugliese E. (a cura di), Il lavoro servile e le nuove schiavitù, Milano, Franco Angeli, pp. 83-124.

Ciafaloni F. (2004), I meccanismi dell’emersione, in Barbagli M., Colombo A., Sciortino G. (a cura di), I sommersi e i sanati. Le regolarizzazioni degli immigrati in Italia, Bologna, il Mulino, pp. 187-200.

Colombo A., Sciortino G. (2003), La legge Bossi-Fini: estremismi gridati, moderazioni implicite e frutti avvelenati, in Blondel J. e Segatti P. (a cura di), Politica in Italia, Bologna, il Mulino, pp. 195-215.

Corte dei Conti (2005), Programma controllo 2004. Gestione delle risorse previste in connessione con il fenomeno dell’immigrazione, Deliberazione n. 10/G, www.corteconti.it, scaricato il 2 gennaio 2006.

Ehrenreich B. (2002), Una paga da fame. Come (non) si arriva a fine mese nel paese più ricco del mondo, Milano, Feltrinelli.

Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull’Immigrazione (Fieri) (2003), La discriminazione dei lavoratori immigrati nel mercato del lavoro in Italia, settembre. www.fieri.it [link non raggiungibile: 20/12/2016], scaricato il 30 dicembre 2005.

Ismu (Iniziative e Studi sulla Multietnicità), Decimo rapporto sulle migrazioni 2004, Milano, Franco Angeli.

Istat (2005), Gli stranieri in Italia: analisi dei dati censuari (2001), www.istat.it, scaricato il 4 febbraio 2006.

Marazzi C. (1999), Il posto dei calzini. La svolta linguistica dell’economia e i suoi effetti sulla politica, Torino, Bollati Boringhieri.

Medici Senza Frontiere (2005), Centri di Permanenza Temporanea e Assistenza. Anatomia di un fallimento, Roma, Sinnos Editrice.

Merton K.R. (2000), Teoria e struttura sociale, Bologna, il Mulino (vol. ii).

Ministero dell’Interno (2005), Rapporto sullo stato della sicurezza in Italia, www.ministerointerno.it., scaricato il 5 gennaio 2006.

Monzini P. (2004), Il traffico di migranti per via marittima: il caso dell’Italia, in Cespi (Centro Studi di Politica Internazionale), L’Italia promessa. Geopolitica e dinamiche organizzative del traffico di migranti verso l’Italia, Working Papers 9, Roma, pp. 41-70.

Rastrelli R. (2001), L’immigrazione cinese e la società d’accoglienza: riflessioni metodologiche sul fenomeno criminale, in Becucci S. e Massari M. (a cura di), Mafie nostre. Mafie loro. La criminalità organizzata italiana e straniera nel Centro-Nord, Torino, Edizioni di Comunità, pp. 134-186.

Revelli M. (1995), Economia e modello sociale nel passaggio tra fordismo e toyotismo, in Ingrao P. e Rossanda R., Appuntamenti di fine secolo, Roma, manifestolibri, pp. 161-224.

Sassen S. (2002), Globalizzati e scontenti. Il destino delle minoranze nel nuovo ordine mondiale, Milano, Il Saggiatore.

Sayad A. (2002), La doppia assenza. Dalle illusioni dell’emigrato alle sofferenze dell’immigrato, Milano, Raffaele Cortina Editore.

Sciortino G. (2001), Le politiche di controllo migratorio in Italia e in Europa, in Ismu (Iniziative e Studi sulla Multietnicità), Sesto Rapporto sulle migrazioni (2000), Milano, Franco Angeli, pp. 51-66.

Sciortino G., Colombo A. (a cura di)(2005), Un’immigrazione normale, Bologna, il Mulino.

Solivetti L.M. (2004), Immigrazione, integrazione e crimine in Europa, Bologna, il Mulino.

Zanfrini L. (2005), Il lavoro, in Ismu (Iniziative e Studi sulla Multietnicità), Decimo rapporto sulle migrazioni 2004, Milano, Franco Angeli, pp. 117-144.

Zucchetti E. (2004), Caratteristiche essenziali e questioni aperte della «grande regolarizzazione» in Italia, in Barbagli M., Colombo A., Sciortino G. (a cura di), I sommersi e i sanati. Le regolarizzazioni degli immigrati in Italia, Bologna, il Mulino, pp. 71-102.

Torna su

Allegato

Elenco delle persone intervistate (Firenze, marzo 2004-ottobre 2005)

Cittadina albanese (responsabile del settore immigrazione per conto della Cgil della Toscana).

Cittadina albanese (studentessa dell’Ateneo fiorentino e cameriera).

Cittadina serba (impiegata nella cooperazione internazionale).

Cittadino marocchino (mediatore culturale).

Cittadino cinese (mediatore culturale).

Cittadino iracheno (rifugiato politico, giornalista).

Cittadino egiziano (rifugiato politico, responsabile Arci della Toscana per i rifugiati politici).

Cittadina rumena (colf).

Cittadino croato (operaio).

Cittadina cingalese (badante).

Cittadino senegalese (Presidente dell’Associazione Senegalesi per la Toscana).

Cittadino marocchino (operaio).

Cittadino nigeriano (operaio).

Cittadino egiziano (cameriere).

Cittadino egiziano (pizzaiolo).

Dirigente Ufficio Stranieri della Questura di Prato.

Segretario Regionale della Toscana del sindacato degli edili Fillea-Cgil.

Segretario della provincia di Firenze del sindacato degli edili Fillea-Cgil.

Segretario Regionale della Toscana del Sindacato dei lavoratori del commercio Filcams-Cgil.

Responsabile locale della Comunità di Sant’Egidio.

Torna su

Note

1 Il dato complessivo, corrispondente a 2.786.340 soggiornanti effettivi, è frutto di una stima in cui viene tenuto conto sia del numero di minori, circa 500.000, che dei permessi di soggiorno non ancora registrati dal Ministero dell’Interno, pari questi ultimi al 4-6% in più del dato ministeriale (ibidem, 88-89).

2 Per irregolari si intende sia gli stranieri giunti clandestinamente in Italia che gli stranieri caduti in situazione di irregolarità a causa del venire meno delle condizioni necessarie per ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno.

3 La consistente diminuzione degli arrivi di immigrati clandestini lungo tale rotta si deve probabilmente a una maggiore ed efficace collaborazione fra le polizie italiana e albanese (Monzini, 2004, 56-58).

4 Per completezza, riportiamo qui di seguito il numero di stranieri irregolari rintracciati dalle forze dell’ordine negli altri anni: 112.881 (1999), 130.791 (2000), 133.655 (2001) (Fonte: Caritas, 2002; Ministero dell’Interno, 2005).

5 Dei 112.881 immigrati clandestini individuati dalle forze dell’ordine nel 1999, ben 23.418 provenivano dal Kossovo, pari al 50% di tutti gli sbarchi avvenuti sulle coste pugliesi, a seguito della guerra fra la nato e la Serbia (Sciortino, 2001, 54).

6 A fronte di una sensibile riduzione degli sbarchi in Puglia e Calabria nel 2003-2004, attualmente gli arrivi coinvolgono quasi esclusivamente la Sicilia e l’isola di Lampedusa. Dei 13.635 clandestini individuati nei pressi delle coste meridionali nel 2004, 13.594 erano sbarcati in Sicilia (Ministero dell’Interno, 2005, 42).

7 A titolo di esempio, le persone originarie dei cosiddetti paesi a forte pressione emigratoria che vogliono venire in Italia per motivi di studio devono soddisfare determinate condizioni per ottenere questo tipo di visto. Dimostrare di avere a disposizione una certa quota di denaro, nell’ordine di alcune migliaia di euro, stipulare un’assicurazione sanitaria per l’intero periodo di permanenza in Italia, sostenere un esame di italiano presso le autorità italiane all’estero, mostrare un biglietto di andata e ritorno dall’Italia e presentare, infine, la domanda di iscrizione all’ente formativo presente in Italia. Per quanto tali condizioni siano stringenti e spesso comportino lunghi periodi di attesa prima di avere il responso delle autorità italiane all’estero, c’è da aspettarsi che una parte non esigua di coloro che si trattengono sul territorio italiano oltre i termini consentiti arrivi con visti per motivi turistici o di studio. In un mondo nel quale le distanze si accorciano e la mobilità geografica delle persone aumenta, è molto difficile impedire agli stranieri provenienti dai paesi in via di sviluppo di giungere in Italia.

8 È ciò che viene prospettato da alcuni studiosi che si sono recentemente occupati degli effetti dell’ultima maxi regolarizzazione prevista dalla l. 189/02, che ha portato all’emersione dalla illegalità di circa 650.000 stranieri (Ciafaloni, 2004, 188). Analoga valutazione viene fornita da un ispettore dell’ufficio stranieri della questura di Prato, secondo il quale a breve dovrà essere approvata una nuova procedura di sanatoria volta a regolarizzare gli immigrati presenti illegalmente in Italia (Prato, 5 ottobre 2005).

9 Per il 2005, le assunzioni previste di stranieri vanno da una stima minima di 121.800 a 182.890 persone. Va tuttavia detto che, in assenza di un confronto con le assunzioni effettivamente portate a termine dalle imprese rispetto alle previsioni, queste ultime indicano prima di tutto le difficoltà delle imprese ad assumere forza lavoro locale e quanto sia rilevante il contributo degli immigrati all’economia italiana. www.unioncamere.it, scaricato il 10 febbraio 2006.

10 Per quanto riguarda l’edilizia, all’interno di circa 10.000 assunti regolarmente in questo settore in Toscana, ben il 33% è costituito da stranieri, mentre solo tre anni fa la percentuale di stranieri era solo del 5% (intervista al segretario regionale della Toscana del sindacato dei lavoratori edili Fillea-Cgil, Firenze, 2 maggio 2005).

11 Entro tale settore, in alcune regioni del Sud d’Italia sono emerse forme di sfruttamento e racket sulla forza lavoro impiegata in agricoltura. Nell’agosto 2005, in provincia di Foggia presso Orta Nova, i carabinieri hanno trovato un centinaio di persone di origini polacche impiegate nella raccolta di pomodori che venivano sottoposte a giornate di lavoro dall’alba al tramonto, retribuzioni molto basse e continue minacce di violenza se qualcuno si ribellava (Szymkuw M., Schiavi del pomodoro, «diario», n. 37, 30 settembre 2005, 16-20).

12 Bisogna tuttavia tenere conto che la parte rimanente, pari a 318.856, nella quale sono compresi i lavoratori domestici, non trova una classificazione precisa secondo i codici Inail (ibidem, 2005, 266 e 272).

13 In quest’ambito, hanno luogo forme variamente strutturate di sfruttamento degli immigrati (Ceschi e Mazzonis, 2003, 83-124). Esse contemplano una varietà di metodi che coinvolgono sia datori di lavoro stranieri che italiani. Si va dall’assunzione in nero – pratica largamente presente nel mercato del lavoro nazionale – al mancato pagamento degli oneri sociali, fino alle richieste avanzate dal datore di lavoro che obbligano il dipendente straniero a farsi carico dei contributi assicurativi in cambio di una assunzione regolare, condizione fondamentale per ottenere o rinnovare il permesso di soggiorno (Ambrosini, 2004b, 159). Secondo il segretario regionale toscano del sindacato edili, fra le forme più diffuse di sfruttamento economico esistenti nella regione vi sono: part-time fittizi, consegna nominale di buste paga, mentre in realtà il dipendente percepisce una retribuzione largamente inferiore, nell’ordine di pochi euro all’ora e, infine, scorrettezze sulle ore di lavoro effettivamente retribuite rispetto a quelle svolte. Hanno inoltre luogo, in vari casi, modalità propriamente criminali come il racket e lo sfruttamento della manodopera. Particolarmente diffuso nell’ambito del settore edilizio, il controllo e lo sfruttamento di stranieri sembra essere praticato, in particolare, da datori di lavoro dell’Est Europa che reclutano nel paese di origine propri connazionali, promettendo loro paghe molto basse – pari a qualche centinaio di euro al mese – corrispondenti agli standard retributivi del paese di provenienza. Fatti arrivare in Italia clandestinamente, questi lavoratori si accorgono, dopo qualche tempo, che la retribuzione è decisamente più bassa di quella corrente in Italia ed è in questa fase che scattano minacce e intimidazioni da parte di chi li ha reclutati. L’oggettiva debolezza legata alla condizione di illegalità impedisce a queste persone di rivolgersi alle autorità italiane e spesso il progetto migratorio si conclude con il ritorno nel paese di origine (interviste ai segretari provinciale e regionale della Toscana del sindacato dei lavoratori edili, Fillea-Cgil, Firenze, 2-3 maggio 2005).

14 Lo sviluppo in Italia di un’imprenditoria etnica che, secondo vari osservatori, non ha ripercorso le fasi salienti rilevate in altri paesi occidentali di più lunga tradizione immigratoria – in origine, la soddisfazione della domanda di beni e servizi provenienti dall’interno della collettività immigrata e, in un secondo tempo, l’inserimento delle imprese etniche nel contesto produttivo più ampio – si deve probabilmente alla presenza contingente di alcuni fattori determinanti (Ambrosini, 2004c, 10). In primo luogo, l’assenza nel contesto italiano di nuclei stabili di collettività straniere presenti da lungo tempo in grado di rappresentare una domanda di questo tipo, diversamente da paesi come la Francia, l’Inghilterra e gli Stati Uniti che, fin dall’inizio del secolo scorso, sono stati meta di consistenti processi immigratori. In secondo luogo, perché in Italia la formazione di imprese autonome gestite attraverso l’aiuto di connazionali è avvenuta solo in tempi relativamente recenti, successivamente al progressivo superamento del sistema produttivo fordista.

15 Intervista a un funzionario della questura di Prato (5 ottobre 2005). A Roma, dove la questura deve gestire alcune centinaia di migliaia di domande, i tempi di attesa possono arrivare fino a 11 mesi. In più, se si verificano degli intoppi, come ad esempio la perdita della pratica, l’attesa si allunga ulteriormente, fino al paradosso per cui il permesso di soggiorno appena consegnato, che parte dalla data di scadenza del precedente, è prossimo al termine, obbligando così il titolare a ricominciare la medesima trafila («Metropoli. Il giornale dell’Italia multietnica», supplemento a «la Repubblica», 29 gennaio 2004, p. 2).

16 Intervista del 4 maggio 2004. Secondo le informazioni fornite il 29 gennaio 2006 da «Metropoli», il supplemento domenicale de «la Repubblica», il Ministero dell’Interno è in procinto di stipulare una convenzione con Poste italiane che consentirà agli stranieri di rinnovare i permessi di soggiorno presso gli uffici postali, p. 2.

17 Come evidenziato dal rapporto della Caritas sull’immigrazione: «Il gran limite dei permessi di soggiorno consiste nella loro validità limitata, inconveniente al quale si pone rimedio con la titolarità della carta di soggiorno che, però, è un documento – a quanto sembra – non diffuso in misura corrispondente a quella dei potenziali beneficiari. Sulle carte di soggiorno non sono disponibili statistiche, mentre si sa dal censimento del 2001 che il 58% degli stranieri risiedeva, a quella data, in Italia da più di 5 anni [con la l. 189/02 la carta di soggiorno può essere richiesta da coloro che risiedono in Italia da almeno 6 anni, N.d.A.]» (ibidem, 2005, 91). Secondo altra fonte, al giugno del 2002 le carte di soggiorno rilasciate erano meno di 21.000 (Colombo e Sciortino, 2003, 215).

18 Intervista effettuata a Firenze il 12 giugno 2004.

19 La persona intervistata è stata per alcuni anni mediatrice culturale presso la questura della città in cui viveva.

20 Nell’ambito del lavoro interinale, fra il 1998 e il 2004, le agenzie di lavoro temporaneo hanno stipulato 1.290.136 contratti, fra questi 390.191 sono stati sottoscritti da cittadini stranieri, pari al 18,5% del totale (Caritas, 2005, 263).

21 Come infatti riferisce una delle persone intervistate: «Ho intenzione di rimanere in Italia a tempo indeterminato. Sono contenta di vivere qui, non voglio andare via. Mi sento molto legata ai miei amici che ho qui. Questa è la mia seconda patria e anche per questo mi permetto di criticare quando le cose non funzionano come dovrebbero. Mi riferisco, in questo caso, alla Bossi-Fini, ma anche alla legge Gasparri sulle telecomunicazioni. Penso di essermi impegnata tanto per cercare di capire come stanno le cose in questo paese, e ci sono aspetti che amo tantissimo: i modi di fare della gente, l’allegria diffusa… La prima percezione che ebbi dell’Italia risale a molti anni fa: all’età di 8 anni ero a Venezia con i miei genitori e ricordo che tutto era colorato; ecco, questa sensazione ce l’ho ancora vivendo qui a Firenze. Mi sento molto a casa» (Intervista a una ragazza serba, Firenze, 12 giugno 2004).

22 Intervista a un ragazza albanese (Firenze, 14 giugno 2004).

23 La ricerca del Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull’Immigrazione (Fieri) ha preso in considerazione, secondo una metodologia comune ad altri paesi europei, le discriminazioni esistenti nel mercato del lavoro italiano mettendo a confronto un gruppo di marocchini in cerca di lavoro e un gruppo di italiani con analoghe competenze professionali. Per quanto in alcuni casi gli autori richiamino l’attenzione su una serie di avvertenze di ordine metodologico, i risultati indicano l’esistenza di forme di discriminazione a svantaggio dei cittadini marocchini nel mercato del lavoro italiano.

24 Intervista a un cittadino marocchino (Firenze, 12 maggio 2004).

25 Intervista a una ragazza albanese (Firenze, 14 giugno 2004).

26 Anche se le interviste svolte non possono avere alcun carattere di rappresentatività, in ragione del loro ridotto numero e di una selezione casuale per passaparola, fra le quindici persone di origine straniera incontrate, dodici hanno ritenuto molto importante arrivare in Italia legalmente, ancor meglio se, alla partenza dal proprio paese, c’è la certezza di avere a disposizione un lavoro.

27 Facendo da tramite fra il datore di lavoro italiano e il potenziale lavoratore straniero, la figura dello sponsor si faceva garante di entrambi e permetteva che il sistema della chiamata a distanza potesse realizzarsi. L’imprenditore (o la famiglia) intenzionato ad assumere un immigrato aveva così modo di utilizzare un canale privilegiato, basato su reti informali di conoscenza che gli consentivano di sapere con un buon grado di approssimazione chi avrebbe assunto nella propria impresa. Dall’ingresso per «ricerca lavoro», che consentiva al migrante di giungere in Italia e incontrare il proprio datore di lavoro, il permesso poteva tradursi in permesso per «motivi di lavoro». L’ingresso incardinato su questo sistema – che prevedeva un numero massimo di permessi di circa 15.000 unità all’anno – raggiungeva in poco tempo la quota massima prevista (intervista a un operatore della Comunità di Sant’Egidio, Firenze, 22 marzo 2004).

28 Al riguardo, si veda il resoconto del giornalista dell’Espresso Fabrizio Gatti che, fingendosi un immigrato curdo, ha soggiornato per una settimana nel Centro di permanenza temporanea di Lampedusa. Nell’articolo si denunciano le condizioni di abbrutimento a cui venivano sottoposti gli immigrati, in totale inosservanza delle norme minime di civiltà e di rispetto delle persone (Gatti F., Io clandestino a Lampedusa, «L’espresso», n. 40, 13 ottobre 2005, 36-50).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Becucci, « L’Italia meta di progetti migratori: aspettative, delusioni e problemi di integrazione »Quaderni di Sociologia, 40 | 2006, 25-41.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Becucci, « L’Italia meta di progetti migratori: aspettative, delusioni e problemi di integrazione »Quaderni di Sociologia [Online], 40 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/990; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.990

Torna su

Autore

Stefano Becucci

Dipartimento di Studi Sociali - Università di Firenze

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search