Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri40la società contemporanea / Le pol...Vuoti a perdere, ovvero sulla con...

la società contemporanea / Le politiche dell’immigrazione in Europa

Vuoti a perdere, ovvero sulla condizione giuridica e sociale dello straniero in carcere

Silvio Ciappi
p. 43-63

Testo integrale

Ordine e norma sono coltelli affilati puntati contro la società

(Zygmunt Bauman)

1Brutta razza di faccendieri, di mendicanti, di sciocchi adulatori, di prostitute, di criminali, di astrologi truffaldini, guai a tutti voi, stranieri, che avete fatto di Roma una grande cloaca umana! E già, una grande Città ridotta ad un cumulo di bassezze umane.

2Così pressappoco si deve esser detto Decimo Giunio Giovenale nel momento in cui si apprestava a scrivere la terza satira-invettiva nella quale il poeta si sarebbe scagliato contro il rammollimento dei costumi e la criminale contaminatio delle genti, causa della degenerazione morale dell’Urbe.

3Di chi la colpa? Non di Roma, ma sicuramente di tutta quella massa sterminata di pezzenti, rei di corrompere la naturale probità del popolo romano, temibilissimi stranieri che hanno ora la faccia del Giudeo (ovverosia del mendicante), ora quella del Greculo (dell’abietto speculatore e del losco affarista). Giovenale, avvocato di basso rango costretto ad affannosi giri nelle case dei ricchi per mendicar lavoro, non sopporta, lui, nato in un lontano paesino di provincia, il frastuono assordante, la convulsa complessità della Roma metropolitana e della suburra. E così sogna, gonfio di rabbia e di amarezza, un improbabile ritorno alla Roma di un tempo, di contro alla effeminatezza dei costumi, alla depravazione morale e alle furfanterie messe in atto da quelle masse straniere ignominiose, pericolose e profondamente insopportabili.

4La Roma del terzo secolo dopo Cristo appare una città convulsa nella quale si agitano masse ingestibili di derelitti, di quelle che oggi Zygmunt Bauman (2005) definisce metaforicamente come Vite di scarto, ampie fasce deproletarizzate di immigrati e di detenuti, popolazioni ai margini accomunate dal fatto di rappresentare l’esito più vistoso e immediato di politiche neoliberiste (Bauman, 2004). Stranieri e detenuti, detenuti stranieri, e stranieri da detenere. Ieri come oggi questi due termini sembrano legati da un’unica stigmatizzazione. Vediamo perché.

1. Stranieri e carcere: alcune cifre

  • 1 A livello di comparazione riportiamo i tassi di carcerizzazione su 100.000 abitanti e la percentual (...)

5In Italia vi è una percentuale di stranieri detenuti in crescita a partire dall’ultimo decennio e attestantesi intorno al 35% della popolazione generale carceraria. Il dato italiano è in linea con la maggior parte delle altre democrazie occidentali, è per così dire «globalizzato» se escludiamo alcuni paesi come la Svizzera (più del 70% di stranieri in carcere), la Russia (meno del 2% con un tasso di carcerizzazione quasi sei volte superiore a quello italiano) e gli Stati Uniti che vantano un omologo tasso tra i più alti al mondo unitamente ad una bassa percentuale di detenuti stranieri di circa il 7%) (International Centre for Prison Studies, 2005)1.

  • 2 Cfr. I dati sono reperibili sul sito internet del Ministero della Giustizia http://www.giustizia.it (...)

6Secondo dati del Ministero della Giustizia2 aggiornati al 30 giugno 2005, all’interno dei 207 istituti nazionali di pena si trovano 59.125 detenuti. Di questi: 2.858 sono donne (circa il 5%) e 56.267 uomini. Distinguendo poi a seconda del titolo di privazione della libertà vi sono 36.905 condannati con sentenza passata in giudicato (categoria di detenuti che copre il 62% circa dell’intera popolazione detenuta) e 20.234 imputati (categoria pari al 36% della popolazione penitenziaria, e composta nel 57,6% dei casi da giudicabili, nel 29,8% dei casi da appellabili e nel rimanente 12,6% dei casi da ricorribili per cassazione); i restanti 1.229 detenuti sono rappresentati da persone recluse negli 8 istituti per le misure di sicurezza (1.186 internati, 46 imputati).

  • 3 L’incidenza degli stranieri detenuti sull’ammontare complessivo della popolazione straniera residen (...)

7Relativamente ai detenuti stranieri questi compongono una popolazione penitenziaria di 19.071 persone (pari a circa il 32,2% dell’intera popolazione penitenziaria), di cui 17.797 sono uomini (il 93% circa) e 1.274 donne (il restante 7%, e comprendente donne provenienti prevalentemente dai paesi dell’Est europeo e dal Sudamerica)3.

  • 4 Se effettuiamo un raffronto con la popolazione straniera residente corrispondente si ottengono i se (...)

8Sempre scorrendo i dati forniti dal Ministero della Giustizia emerge che circa il 90% degli stranieri detenuti siano extracomunitari e come tra questi primeggino gli albanesi (2.905 individui pari a circa il 15% della popolazione detenuta straniera), gli ex jugoslavi (1.307 soggetti, il 7% circa) ed i rumeni (1.660 persone, pari all’8% circa). La componente extracomunitaria relativa ai paesi dell’Europa dell’Est è quindi complessivamente composta da 5.872 detenuti e riguarda il 30 % della popolazione detenuta straniera4.

  • 5 L’incidenza dei tunisini detenuti sulla popolazione tunisina residente (che ammonta a 78.230 person (...)

9Relativamente all’altra grande componente straniera la popolazione detenuta maghrebina conta 7395 persone: i tunisini detenuti sono 1.999 (pari a circa il 10% della popolazione straniera detenuta), gli algerini sono 1.262 (pari a circa il 6%) e i marocchini 4.098 pari quindi a circa il 21,5% della popolazione detenuta straniera5.

10Una presenza, quindi, quella degli stranieri in carcere non genericamente ‘extracomunitaria’, bensì polarizzata intorno a poche, definite realtà territoriali, quali immigrati maghrebini e popolazioni provenienti dai paesi dell’Est, che da sole rappresentano più del 60% dell’intera popolazione straniera in carcere. Né è certo casuale che i numeri scendano bruscamente con riferimento ad altri tipi di extracomunitari (4 australiani, 6 canadesi, 14 statunitensi, 20 svizzeri, 54 russi, eccetera).

  • 6 Da notare come spesso il giudicato penale in procedimenti a carico di stranieri spesso si formi su (...)

11Analizzando poi i dati relativi all’incidenza degli stranieri per tipo di reato, emerge una forte disomogeneità tra i vari reati. La percentuale dei reati commessi dagli stranieri condannati con sentenza passata in giudicato (44.793 reati) sul totale dei reati commessi e giudicati definitivamente (222.937) è pari a circa il 20%, il che ci permette di dire che il contributo degli stranieri per reati che hanno portato a una condanna effettiva e definitiva è del 20% ovverosia che commesso un reato, accertato e giudicato definitivamente, solo una volta su 5 questo è addebitabile a uno straniero6.

12Se andiamo poi ad analizzare le singole fattispecie penali, rileviamo ancor più come il «peso» degli stranieri su molti reati violenti oppure relativi a fattispecie incriminatici che proteggono beni giuridici di primaria importanza come i reati contro la pubblica incolumità, sia notevolmente basso. Ad esempio per quanto riguarda i reati connessi alle legge sulle armi l’incidenza degli stranieri condannati (con sentenza passata in giudicato) è pari infatti a circa il 5%, è pressoché inesistente per i reati contro la famiglia, e modesta è anche la partecipazione riguardo ai reati di omicidio, delitti quest’ultimi che vedono coinvolti stranieri in percentuali estremamente lievi e oscillanti attorno al 10% del totale dei reati accertati con sentenza passata in giudicato.

13È invece superiore alla incidenza generale di stranieri nella commissione di reati (che ricordiamo essere pari al 20%), la partecipazione nei reati contro il patrimonio (27% degli stranieri, e in special modo della rapina con un’incidenza di stranieri pari al 30%), nei delitti contro l’economia (in particolare per i delitti di riproduzione abusiva di registrazioni cinematografiche e musicali con una incidenza pari al 60%, e per quanto riguarda il reato di introduzione nello Stato di prodotti falsificati, dove l’incidenza straniera si attesta intorno al 55%); per quanto riguarda i reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione gli stranieri (prevalentemente provenienti dai paesi dell’Europa dell’Est) implicati in questi delitti costituiscono una presenza significativa, contribuendo da soli per il 77,9% dei reati in oggetto che siano poi definiti con una sentenza di condanna inappellabile; anche per il reato di tratta in schiavitù elevata (è di circa l’80% sul totale delle condanne) la percentuale di stranieri condannati con sentenza passata in giudicato (Istat, 2003).

14Interessante è poi riflettere su di un’ultima fenomenologia delinquenziale: lo spaccio di sostanze stupefacenti. Per questa ipotesi delittuosa il «contributo» straniero alla commissione di reati connessi alla legge sulla droga è pari al 35,3%. Quest’ultimo dato, oltre a essere molto alto in sé, basta da solo a giustificare l’altissimo tasso di carcerizzazione degli stranieri per tutta una serie di ragioni che vanno dalla semplice eseguibilità del reato, ma che soprattutto trova nell’alto livello di pena a esso associato la ragione principale del numero cospicuo di stranieri extracomunitari (in particolare di marocchini) nel sistema penale.

15La severità della pena in questo caso così come il rigore sanzionatorio verso reati predatori e street crimes determina una maggior probabilità di carcere in custodia cautelare, differentemente da quanto accade per i reati di criminalità economica e finanziaria dove la probabilità di custodia cautelare è bassa e dove il processo spesso si risolve accedendo a riti negoziali (come il patteggiamento), o a scappatoie giudiziarie per evitare la condanna (come la prescrizione).

16Per sintetizzare, i dati ufficiali mostrano che i reati commessi dagli stranieri rappresentano il 20% del totale dei reati commessi e che la loro presenza all’interno degli istituti di pena è invece pari a circa il 33% (con uno «stacco» quindi di oltre 10 punti percentuali). Da notare poi come questa presenza sia nettamente superiore nelle regioni del Nord, e poi a seguire da quelle del Centro e infine da quelle del Sud, dove il rapporto tra stranieri detenuti e loro consistenza territoriale è molto più basso. Da notare inoltre tra gli stranieri detenuti, una più alta presenza di donne (7%) rispetto alle italiane, che ammontano invece a circa il 5% della popolazione detenuta, straniere che provengono nella maggior parte dei casi dai paesi dell’ex Jugoslavia, dalla Colombia e dalla Nigeria.

17Un altro carattere distintivo è la più giovane età dei detenuti stranieri rispetto agli italiani. Se gli italiani dai 18 ai 34 anni rappresentano il 42,6% della popolazione detenuta italiana, gli stranieri appartenenti a questa fascia di età sono nettamente superiori agli italiani e rappresentano il 69% dell’intera popolazione detenuta straniera (Istat, 2003).

2. Lo straniero come imputato

  • 7 A fronte di una popolazione penitenziaria pari a 55.751 unità, di cui 31.024 definitivi (il 55,6% c (...)

18Dai risultati di una analisi istat relativa alle presenze di detenuti negli istituti di pena del 2001, risulta che il 61,8% degli italiani è in carcere a titolo definitivo, il 34,9% in custodia cautelare, il 3,3% in misura di sicurezza (Istat, 2003, 124). Per gli stranieri tali dati risultano capovolti: solo il 40,9% si trova in carcere a seguito di una sentenza definitiva, ben il 58,8% come imputato, e lo 0,2% in misura di sicurezza7.

19Ai dati sintetici esposti alla fine del precedente paragrafo dobbiamo inserire un ulteriore anello della catena che lega lo straniero che entra nel circuito penale a tutta una serie di discriminazioni. Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, gli stranieri finiscono in carcere con una percentuale che supera quella relativa alla loro partecipazione ad attività delittuose. Una ragione molto semplice di ciò è dovuta al fatto che gli stranieri vengono con molta più facilità arrestati e sottoposti quindi a custodia cautelare. Ciò avviene per varie ragioni, e in principal luogo in virtù, come mostrano alcuni studi sull’argomento, dell’attenzione selettiva che cittadini e forze di polizia hanno nel fermare e denunciare gli stranieri autori di reato; in secondo luogo in virtù dello zelo mostrato dal legislatore nel criminalizzare e fissare limiti di pena alti per particolari fattispecie di reato, quali reati di strada, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, traffico di droga, reati predatori, fattispecie che vedono appunto l’immigrato in condizione di maggior rischio di commissione (Gatti et al., 1997; Palidda, 1997; Melossi, 1998).

  • 8 Per «denunciati» si intendono coloro per i quali la magistratura ha ritenuto di esercitare l’azione (...)
  • 9 Quest’ultimo dato relativo alle persone straniere incarcerate mostra un incremento del 105% nel gir (...)
  • 10 Da notare anche che tali percentuali vanno aumentando con un trend a dir poco preoccupante, posto c (...)

20Analizzando infatti i dati relativi ai flussi di denunciati, condannati, incarcerati8, emerge che delle 513.112 persone denunciate nel 2001, gli stranieri sono 89.390, ovvero circa il 17,4% del totale, percentuale per la quale si è registrato (nel giro di un decennio) un incremento di oltre il 300%. Le percentuali aumentano con riferimento ai soggetti condannati: su un totale di 239.174 persone condannate nel 2001 gli stranieri sono 63.530 (il 26,6%, percentuale che rappresenta anche in questo caso l’esito dal 1991 di un incremento pari al 450%), e per quanto riguarda gli incarcerati su 78.649 nuovi ingressi nel 2001, 28.114 sono stranieri e pari a circa il 35,7%9. Anche in questo caso tra la percentuale di stranieri denunciati (17,4%) e quella di stranieri incarcerati (35,7%) vi è uno stacco di quasi 20 punti percentuali. In sostanza i dati sembrano avvalorare l’ipotesi di un graduale inserimento dello straniero nei meccanismi della giustizia penale: se la presenza di immigrati come imputati è relativamente bassa, gli stranieri aumentano consistentemente tra le persone condannate, e ancor di più tra quelle recluse. In altre parole ancora, uno straniero ha, a parità di denunce, rispetto all’italiano una maggiore probabilità di subire una condanna e di espiare la sua pena in carcere10.

21Al di là del dato statistico, anche ragioni processuali e di politica criminale spingono in tal senso. La privazione della libertà personale è ex lege consentita soltanto qualora sussistano «gravi indizi di colpevolezza» (art. 273 c.p.p.) e una o più «esigenze cautelari» (art. 274 c.p.p.). Quanto al primo di questi requisiti, i tipi di reati che maggiormente interessano gli stranieri sono i reati più facilmente «accertabili» (basti pensare ai reati di spaccio di stupefacenti oppure ai reati di sfruttamento della prostituzione che vengono scoperti tramite ridotte attività di polizia giudiziaria che si concretano spesso con l’arresto in flagranza), e nei confronti dei quali è quindi maggiormente probabile che si addivenga a un giudizio di sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza. Considerazioni analoghe valgono con riferimento alle esigenze cautelari. Il fatto che l’imputato si sia dato alla fuga o sussista concreto pericolo che egli si dia alla fuga è facilmente motivabile per l’extracomunitario clandestino o irregolare: l’assenza di forti legami familiari o sociali fa sì che tale «concreto pericolo» venga spesso considerato quasi come connaturato allo stesso status dell’imputato. Da notare poi la utilizzabilità pressoché nulla degli arresti domiciliari come provvedimento cautelare da parte dell’imputato straniero. La concedibilità degli arresti domiciliari presuppone la disponibilità di un domicilio; a chi non possa indicarne alcuno, resta il carcere.

3. Lo straniero nell’esecuzione

22Lo stretto legame che c’è tra la custodia cautelare e la probabilità della condanna futura segna la maggior frequenza con la quale lo straniero passa dal carcere-custodia al carcere-esecuzione.

23Gli stessi meccanismi operano anche nel momento dell’uscita dal carcere, nel senso di rendere più difficile per lo straniero il ritorno alla società dei liberi.

24Si tratta quindi di analizzare il come della detenzione, cercando di individuare i momenti della prassi e della normativa che caratterizzano il carcere per lo straniero. In questa fase, alla normativa relativa al trattamento penitenziario (vigente anche nella fase cautelare), si aggiunge il trattamento rieducativo. È qui che prendono forma quegli istituti che separano e discriminano i reclusi a seconda del fattore cittadinanza, dando vita a quello che è stato giustamente definito come un doppio binario penitenziario (Walker, 1989; Hood, 1993; Scomparin, 2005), una disparità sostanziale di trattamento pur nella uguaglianza formale stabilita dalla legge penitenziaria.

25Quanto agli elementi del trattamento, infatti, la legge di ordinamento penitenziario indica all’art. 15, il lavoro, la famiglia, la religione, l’istruzione, le attività culturali, i contatti con l’ambiente esterno, attività che dovrebbero interessare tutti i detenuti, soprattutto quelli appartenenti alle fasce sociali meno protette. Per lo straniero però si aggiunge un quid pluris, dettato da situazioni particolari che il cittadino detenuto, per quanto debole non si trova a sperimentare.

  • 11 Intervista effettuata nella Casa Circondariale di Prato il 29 novembre 2005.

26Basti pensare alla famiglia. Di fatto, sono pochissimi i detenuti stranieri che possono godere di costanti rapporti con i propri familiari, per difficoltà legate alla distanza ma anche alla condizione di clandestinità e di povertà economica che impedisce ai familiari di ottenere visite in carcere. Come infatti riferisce un’educatrice della casa circondariale di Prato11:

La maggior parte degli stranieri qui si trovano sprovvisti di tutti quei punti di riferimenti sociali, lavorativi, familiari che hanno gli italiani, e che invece sono generalmente richiesti dalla prassi penitenziaria e dall’autorità giudiziaria. Basti pensare alla mancanza del permesso di soggiorno, alla mancanza di riferimenti affettivi e familiari sul territorio. Per fortuna le organizzazioni di volontariato, i centri di mediazione linguistico-culturale possono per così dire «aggirare» la legge, nel cercare per il condannato straniero delle alternative alla mancanza di riferimenti familiari e lavorativi, altrimenti questi soggetti, per dirla in gergo penitenziario, la galera se la dovrebbero fare tutta.

27Anche nel caso di altri elementi del trattamento come l’istruzione, non è difficile comprendere quanto sia più difficile per lo straniero inserirsi in un percorso: soprattutto la difficoltà della lingua e la consapevolezza che al carcere seguirà l’espulsione non incentivano certamente l’impegno in questa direzione.

28Vi sono poi ulteriori difficoltà per quanto riguarda l’elemento trattamentale della religione, anche se ormai alcune istituzioni penitenziarie si sono equipaggiate nel consentire ad esempio il Ramadan per gli islamici.

  • 12 Un segno positivo è rappresentato dalla circolare 12.04.1999, n. 547671/10 che ha esteso la possibi (...)

29Per quanto riguarda il lavoro, che è il momento debole della normativa penitenziaria, questo diviene significativamente condizionante per il detenuto straniero, in virtù dello status di irregolarità che contraddistingue la maggior parte dei detenuti stranieri. Molti stranieri detenuti finiscono con lo svolgere lavori riconducibili ai cosiddetti servizi domestici, e cioè attinenti al vitto, alla pulizia degli spazi comuni e dei bagni, essendo per loro maggiormente difficile l’ingresso in cooperative di detenuti o l’accesso ai lavori all’esterno del carcere (Margara, 2004). A ciò si aggiungano le difficoltà dovute alla precarietà, se non assenza, di validi contatti sociali e familiari sul territorio che possano consentire l’aggancio con aziende e attività produttive esterne, fattori questi limitanti fortemente la possibilità di lavori maggiormente qualificati oppure esterni alla struttura penitenziaria12.

30Veniamo ora a trattare quelli che sono le forme di benefici penitenziari che lo straniero può effettivamente utilizzare.

31Dal 1974, e ancor più con la legge Gozzini, infatti, esistono numerosi strumenti – benefici penitenziari e misure alternative alla detenzione – che consentono al condannato di poter proseguire l’espiazione della pena all’esterno del carcere: affidamento in prova ai servizi sociali, affidamenti speciali (per malati di aids, tossico e alcoldipendenti), semilibertà, lavoro all’esterno, liberazione condizionale e varie forme di detenzione domiciliare costituiscono il catalogo di alternative alla detenzione in carcere alle quali il detenuto può accedere. Per il condannato a pene detentive brevi (entro i quattro anni di pena da espiarsi in concreto) le misure alternative rappresentano inoltre la possibilità di evitare il cd. assaggio di carcere, accedendovi direttamente dallo stato di libertà. Per il condannato a pene medie o medio-lunghe esse costituiscono l’unico incentivo alla buona condotta e alla partecipazione all’opera di rieducazione, presupposto per la concessione della liberazione anticipata.

32Dette misure presuppongono un lavoro – o una attività comunque utile al reinserimento sociale – e la disponibilità di una abitazione, propria o di qualche congiunto o amico. Ciò le rende quindi fuori dalla portata di molti stranieri che di tali strumenti non dispongono, per difficoltà legate al loro scarso o nullo inserimento sociale; in questo caso non può dirsi che la normativa sancisca una discriminazione quanto che si rilevi inefficace per la maggior parte dei detenuti stranieri.

  • 13 Ci sono però anche segnali positivi, in seno alla stessa Sezione Prima della Corte di Cassazione. I (...)

33La giurisprudenza di Cassazione è giunta addirittura a ipotizzare la legale impossibilità per lo straniero irregolare di accedere a dette misure alternative: in particolare, due pronunce della Suprema Corte (Cass., sez. I, 20 maggio 2003, n. 30130; Cass., sez. I, 14 dicembre 2004, n. 782) negano radicalmente che all’extracomunitario irregolare possano essere concesse misure alternative alla detenzione, essendo esse incompatibili ontologicamente, con lo status di irregolare. Nelle prima di queste si afferma che «l’affidamento in prova al servizio sociale e, in genere, tutte le misure alternative alla detenzione, non possono essere applicate allo straniero extracomunitario che si trovi in Italia in condizioni di clandestinità, atteso che tale condizione rende illegale la permanenza del medesimo straniero nel territorio dello Stato e non può, d’altra parte, ammettersi che l’esecuzione della pena abbia luogo con modalità tali da comportare la violazione o l’elusione delle norme che rendono configurabile detta illegalità». Ecco ufficialmente riconosciuto, per via giurisprudenziale, il «doppio binario penitenziario», che conferma l’esistenza di un trattamento penitenziario per stranieri irregolari ispirato a logiche non rieducative ma esclusivamente contenitive e ispirate a motivazioni primariamente di difesa sociale13.

  • 14 Intervista effettuata nella Casa Circondariale di Prato in data 29 novembre 2005.

34A quanto detto, deve aggiungersi un ultimo profilo: il trattamento si realizza tipicamente nella forma di un’offerta di interventi, i quali devono generalmente essere sentiti dal detenuto come utili per un proprio graduale reinserimento sociale. Tale motivazione da parte del detenuto straniero di usufruire degli interventi trattamentali viene però vanificata spesso da interventi legislativi che scoraggiano un impegno carcerario. Ad esempio la recente normativa, in particolare la legge 30 luglio 2002, n. 189 (cd. Bossi-Fini) va nella direzione di criminalizzare lo status di straniero irregolare, sancendo il principio che la custodia in carcere non è finalizzata che all’espulsione del soggetto, atto quest’ultimo che il magistrato di sorveglianza deve disporre, senza poter godere di alcun margine di discrezionalità. Tale filosofia legislativa va quindi a vanificare ogni impegno trattamentale, rendendo impensabile un percorso di reale risocializzazione per il detenuto straniero. Un carcere che, soprattutto per gli stranieri adulti, diviene sempre più luogo di contenimento di uomini-oggetto, mere res custodiae in mano all’amministrazione penitenziaria. Afferma Pasquale Scala, direttore coordinatore dell’area pedagogica della Casa di Reclusione di Prato14:

La legge Bossi-Fini limita fortemente le possibilità trattamentali per i detenuti stranieri, soprattutto i decreti attuativi della legge ancor più restringono le possibilità di reinserimento di detenuti stranieri. Paradossalmente il detenuto extracomunitario finché è detenuto può comunque usufruire del circuito di reinserimento penitenziario, finita la pena le cose si aggravano in quanto la legge prevede come automatica l’espulsione del detenuto che fruisce, quando ciò accade, di misure alternative. Ho detto quando ciò accade, perché spesso accade che i detenuti stranieri senza legami sociali abbiano maggiore difficoltà nell’ottenere un beneficio, perché non hanno famiglia, non hanno un lavoro, elementi che rappresentano elementi di affidabilità. In mancanza di questi elementi il rischio che si corre è il pericolo di fuga del detenuto e così accade che il soggetto sconti per intero la pena. Questa è la discriminazione più lampante tra stranieri ed italiani riguardo il trattamento penitenziario. Lo stesso dicasi per il diritto alla salute poiché gli extracomunitari detenuti fin quando sono in carcere sono equiparati agli italiani (ad esempio hanno diritto alle prestazioni gratuite del servizio sanitario), finita la detenzione finita la tutela.

  • 15 Intervista effettuata nella Casa Circondariale di Prato il 29 novembre 2005.

35Dobbiamo poi ai fini di una certa esaustività dell’argomento trattato prendere in rassegna anche alcune questioni che possono sembrare apparentemente minori ma che invece sono estremamente significative sul piano dei fatti. Innanzitutto la difesa legale dello straniero, che in fase processuale è meno tutelata per l’estrema difficoltà economica dello straniero di assicurarsi un difensore di fiducia, è surrogata dal ricorso unicamente a difensori d’ufficio (dato che l’impossibilità di certificare il livello di reddito di una persona che vive in Italia in una condizione di immigrazione irregolare rende estremamente difficoltoso accedere al gratuito patrocinio), senza considerare il fatto che per molti extracomunitari notevoli barriere linguistiche limitano la comunicazione col difensore. Riportiamo a tal riguardo una dichiarazione di B., 25 anni, detenuto marrocchino condannato per furto e detenzione di armi, affermazione che potrebbe essere paradigmatica per molti detenuti stranieri15:

Io quando sono venuto a lavorare in Italia sapevo a malapena parlare l’italiano … l’avvocato l’ho visto solo al processo … ha solo voluto un acconto e poi è sparito … io ho provato a chiamarlo ma niente … per fortuna che in carcere c’è qualcuno che sa scrivere i permessi e le domandine altrimenti non saprei come fare … A casa poi non ho detto niente, non voglio che loro sappiano che sono in galera, loro sanno che sto lavorando.

36A parità di imputazione o di condanna, la permanenza in carcere degli stranieri è significativamente più lunga di quella degli italiani, sia in fase di custodia cautelare che dopo l’eventuale sentenza. Questa differenza viene comunemente ricondotta al fatto che spesso gli stranieri non hanno un domicilio certificato per poter usufruire degli arresti domiciliari o delle misure alternative alla detenzione; questo problema viene solo in piccoli casi a essere risolto dalle associazioni di volontariato che, laddove presenti sul territorio, possono in alcuni casi «rimediare» alloggi esterni per il detenuto ad esempio in permesso premio.

37Un altro fattore che strettamente condiziona l’opera trattamentale svolta all’interno delle carceri nei confronti di detenuti stranieri è il loro alto grado di mobilità: molti detenuti stranieri (soprattutto se sono sprovvisti di permesso di soggiorno) hanno difficoltà a certificare il luogo in cui risiedono e in cui risiede la loro famiglia, e per questo motivo sono questi a essere coinvolti nei periodici sfollamenti che interessano molti istituti penitenziari italiani (Margara, 2004).

38Se scendiamo poi nel dettaglio delle pratiche quotidiane di gestione dei rapporti familiari un notevole svantaggio per il detenuto straniero è dato dalle limitazioni con le quali può esercitare il diritto alla corrispondenza telefonica. Numerose difficoltà burocratiche legate alla verifica della utenza straniera indicata da parte del consolato sia la «brevità per comunicazioni internazionali» della durata massima della telefonata consentita dalla norma, le frequenti cadute della linea telefonica, vanificano questa possibilità.

39Prendiamo il caso poi dei detenuti stranieri tossicodipendenti. Per questi è veramente difficile accedere a misure come l’affidamento in prova in casi particolari, misura che è stata introdotta per la prima volta nell’Ordinamento penitenziario con la l. 297/85, successivamente modificata dalla l. 663/86. Questa misura è riservata a soggetti tossicodipendenti o alcoldipendenti che, dovendo scontare una pena sino a un massimo di quattro anni, abbiano in corso un programma di recupero, ovvero che a tale programma intendano sottoporsi e che tale programma, a contenuto terapeutico, sia concordato con una Azienda Sanitaria Locale ovvero con altri enti pubblici o privati espressamente indicati dalla legge. Inoltre è necessario che una struttura sanitaria pubblica attesti lo stato di tossicodipendenza o alcooldipendenza del condannato e la idoneità, ai fini del recupero, del programma terapeutico concordato. Le differenze trattamentali emergono nel caso di stranieri tossicodipendenti che sono in condizioni di poter usufruire dell’affidamento in prova «in casi particolari»: in questi casi i programmi socio-sanitari da seguire richiedono il ricovero all’interno di apposite comunità terapeutiche, ma lo straniero nella quasi totalità dei casi non è iscritto al Servizio Sanitario Nazionale, in quanto non in regola con il permesso di soggiorno, vanificandosi così per il detenuto straniero anche questa importante forma terapeutica di decarcerizzazione. Come invocato da più parti, sarebbe auspicabile che, in questi casi, il legislatore prevedesse la concessione di un permesso di soggiorno per cure, che dia diritto all’assistenza sanitaria nazionale, ma la l. 189/02, la cosiddetta Bossi-Fini, ispirata a logiche securitarie, non ha chiaramente affrontato il problema (Margara, 2004).

  • 16 La Prima Sezione Penale della Cassazione sembra ribaltare questa impostazione e ha sancito che nei (...)

40Per quanto riguarda poi le fruizioni dei benefici premiali, significativa è l’importanza della posizione di regolarità o meno dello straniero detenuto. Esiste infatti una notevole differenza nella concessione dei benefici penitenziari tra il detenuto straniero che gode di una posizione di regolarità e il detenuto straniero che risulta clandestino o irregolare e quindi manca di qualsiasi elemento di supporto, anagrafico e familiare, necessario per ottenere il beneficio16.

4. Il minore straniero

41Gli Istituti Penali Minorili (ipm) in Italia sono sempre più luoghi di reclusione per minorenni stranieri autori di reato. La percentuale di minorenni stranieri supera ormai abbondantemente la metà delle presenze totali, con punte elevatissime soprattutto negli istituti del Nord Italia. Ad esempio in uno dei più grandi carceri minorili italiani, sicuramente il più grande del Nord Italia, il Cesare Beccaria di Milano, ormai da alcuni anni la media di presenze straniere sfiora spesso – e talvolta supera – l’85% della totalità dei minori detenuti. Si tratta principalmente di minori marocchini, rom provenienti dalla ex-Yugoslavia, albanesi (Rossolini, 2002).

  • 17 Dati reperibili nel sito del Dipartimento per la Giustizia minorile, Ministero della Giustizia (htt (...)

42La percentuale di minori stranieri negli ipm è pari, stando ai dati relativi al primo semestre 2005, a circa il 63% (479 ragazzi) contro il 37% di italiani (289). Tra i ragazzi stranieri ospiti degli ipm figurano in ordine decrescente i romeni (il 33% circa della popolazione detenuta straniera negli ipm), i marocchini (il 20% circa), i serbi montenegrini (il 10% circa)17.

43La maggior parte dei minori ospiti degli ipm si trova in stato di custodia cautelare (68% circa), con una differenza rilevante tra minori italiani (il 40%) e stranieri (il 70% circa), e questo dato in sintonia con quello riscontrato per gli adulti ci indica una maggiore probabilità per il minorenne straniero di subire una custodia cautelare rispetto al coetaneo italiano.

  • 18 Basti pensare che su 41 ragazzi colpevoli di omicidio (tentato e consumato) presenti nei vari ipm, (...)

44La maggior presenza dei minori stranieri negli ipm non è poi dovuta ad una loro maggiore partecipazione ai reati più gravi (omicidi, rapine, estorsioni), in quanto sono piuttosto i minorenni italiani ad aver commesso questi tipi di reato a trovarsi negli istituti minorili. Gli stranieri all’interno degli ipm sono in prevalenza condannati per reati di furto e per violazione della legge sugli stupefacenti. In altre parole se la pena detentiva è giustificata per il minorenne italiano per reati gravissimi, al minorenne straniero basta la commissione di un reato predatorio affinché si aprano le porte del carcere minorile18.

45Le ragioni che conducono al carcere più facilmente i giovani stranieri sono le stesse che rendono più difficile il lavoro degli educatori con riferimento a questi soggetti. I giovani migranti in carcere rappresentano infatti una fascia sociale caratterizzata da impoverimento e perdita della rete sociale di riferimento, da frequente assenza di solidi punti di riferimento sociali e familiari, da isolamento affettivo, «non-persone» prive di una connotazione identitaria e comunitaria (Dal Lago, 1993). In linea con quello che accade nelle grandi città globali europee (il riferimento è anche ai disordini scoppiati nella banlieu francese alla fine del 2005) e statunitensi, questi giovani marocchini, albanesi o rumeni vivono in una situazione di precarietà non solo economica (che provoca una deproletarizzazione sempre più marcata) ma anche identitaria, dovuta al senso di umiliazione personale e allo stigma territoriale imposto a questi nuovi paria urbani (Sassen, 2003; Wacquant, 2003). In questo senso è la separazione tra le culture e le identità, è la divisione dello spazio urbano conformemente alle divisioni interne alla società a favorire la nascita e l’affermarsi di identità distinte basate sul territorio d’appartenenza, sugli stili di vita e dei comportamenti, frammentazioni identitarie che favoriscono il perpetrarsi delle divisioni sociali (Scalia, 2005).

46Perché un così alto numero di minori stranieri in carcere? Una via di spiegazione è data dal fatto che il pericolo di fuga dell’imputato si rifà di solito a valutazioni circa il suo stile di vita, ai legami con il luogo in cui si trova, condizione questa penalizzante per l’immigrato, che spesso non ha casa, lavoro stabile, una famiglia e dei parenti (Barbagli, 1999).

47Afferma Marco Bouchard, Presidente del Tribunale dei minorenni di Torino: «Ho dei momenti di vera e propria sofferenza quando devo convalidare un arresto nei confronti di un ragazzo maghrebino. Se ritengo di dover applicare una misura cautelare ho teoricamente quattro soluzioni: posso imporre delle prescrizioni, posso collocarlo in comunità, posso stabilire che non esca di casa e, infine, posso rinchiuderlo in carcere. Sempre teoricamente, il carcere è davvero l’ultima risorsa. Ma quando hai a che fare con un ragazzo maghrebino di cui nulla è certo se non eventualmente il reato che ha commesso hai una sola alternativa: libertà e carcere. Una casa non ce l’hanno, dalla comunità scappano mezz’ora dopo il loro ingresso, le prescrizioni sarebbero una presa in giro reciproca» (Kouchich e Bouchard, 1996, 95). Ed ancora, sostiene Alessandro Padovani, magistrato onorario della Corte d’Appello per i minorenni di Venezia:

  • 19 Intervista svolta il 10 dicembre 2005 a Verona, presso l’Associazione Don Calabria.

Pochissimi di questi ragazzi albanesi, maghrebini e rumeni usufruiscono delle alternative al carcere che l’ordinamento prevede: il minore straniero non accompagnato spesso non ha i requisiti per beneficiare di misure di decarcerizzazione in quanto spesso mancano genitori o parenti che possano seguirlo, non hanno legami col territorio e hanno poi una maggior difficoltà a trovare un lavoro. Per molti ragazzi stranieri è utilizzabile solo il carcere o il percorso in comunità, anche se negli ultimi tempi percorsi alternativi alla detenzione come la messa alla prova vengono maggiormente presi in considerazione. Paradossalmente è proprio l’entrata nel circuito penale dei minori stranieri con la commissione di un reato, ad aprire per loro la possibilità di trovare un lavoro, di costruire legami sociali e di uscire dalla clandestinità19.

48Come si vede la istituzionalizzazione o comunque l’ingresso del minore nel circuito della giustizia penale produce come conseguenza paradossale quella di veder aumentate le probabilità per il minore (e soprattutto per il minore straniero non accompagnato, cioè privo di riferimenti familiari) di instaurare legami lavorativi e sociali sul territorio tramite il sostegno dei servizi sociali territoriali e del terzo settore. Detto altrimenti, le misure di decarcerizzazione chiuse avrebbero con molta probabilità una valenza non terapeutica, abbandonando il minore sulla strada. In questo ambito il collocamento in comunità del minore risponde nella migliore delle ipotesi a una funzione «terapeutica» almeno secondo un indirizzo di politica criminale noto come Therapeutic Jurisprudence, che concepisce la sanzione penale come modo indiretto di ricollocazione sociale del soggetto attraverso l’ausilio dei servizi sociali e delle reti di prosocialità esistenti sul territorio (Wexler et al., 2001).

49Questa impostazione spiega il basso numero di alcuni provvedimenti di degiurisdizionalizzazione del rito minorile come la sospensione del processo e la messa alla prova per i minori stranieri rispetto agli italiani con la medesima posizione giuridica.

Conclusioni

  • 20 Parlare di tarda modernità, significa, secondo Garland, parlare di una particolare fase storica nel (...)

50Il fenomeno della crescente carcerizzazione nelle democrazie occidentali è ormai segnalato da molti studiosi impegnati sui temi del controllo sociale (Bauman, 1998; Wacquant, 1999, 2003; Garland, 2004) i quali evidenziano come negli ultimi anni sia aumentato fortemente il numero delle persone in stato di detenzione, così come le voci di bilancio per le spese di legge e ordine, la costruzione di nuove carceri, e le forze di polizia operanti sul territorio. Se osserviamo i tassi italiani di carcerizzazione (numero di detenuti ogni 100.000 abitanti), secondo i dati riportati dal rapporto dell’associazione Antigone (Mosconi, 2004), vediamo che in Italia questo indice si è quasi raddoppiato in poco più di dieci anni, passando da 56 a 100 (International Centre of Prison Studies, in Istat, 2003). Per alcuni studiosi (Wacquant, 2003) la deliberata distruzione dello stato sociale e la crescente ipertrofia dello stato penale negli ultimi venticinque anni sono processi concomitanti e complementari. Ciò è dovuto in gran parte al diffondersi di politiche penali neoliberali che hanno fatto delle questioni securitarie uno dei cardini di molte architetture penali. In particolare, il mutamento delle politiche penali è avvenuto nelle democrazie occidentali all’interno di una concezione «tardomoderna» (utilizzo qui il termine tardomoderno secondo l’accezione che ne dà David Garland, 2004) del carcere contrassegnata dal declino dell’idea di trattamento e dal ri-orientamento dei sistemi penali e penitenziari in termini di gestione del rischio, secondo una logica attuariale, statistica, mutuata dalle discipline assicurative (risk management)20. Oggi, come ricorda Castel (1991), intervenire penalmente significa perlopiù rispondere al delitto con sanzioni che hanno perso il loro carattere risocializzativo e trattamentale: la pena ha oggi spesso solo una funzione di «incapacitazione selettiva» di pura deterrenza, lasciando al semplice contenimento del soggetto la funzione special preventiva (Santoro, 2002).

51Vien da sé che la devianza non sia più concepita come un aspetto sociale da comprendere e da «curare» ma fenomeno da gestire (Ciappi, 1997). Il sistema sanzionatorio e l’esecuzione penale rispondono non più al criterio liberale di una correlazione tra gravità del reato e pena ma a indici di pericolosità sociali (di qui, lo ripetiamo, il richiamo ad una concezione attuariale della devianza e delle politiche penali e penitenziarie), quali i precedenti penali, il rischio di fuga, il gruppo che l’individuo frequenta abitualmente, ecc. È per questo che in molte legislazioni penali assistiamo ormai alla compresenza di due modelli penali con distinte velocità: «veloci» per soggetti con alta stake in conformity (ovverosia nei confronti di soggetti middle-upper class che presentano legami sociali ben consolidati e non appartengono a gruppi né economicamente svantaggiati né attuarialmente pericolosi), «lenti» per tutti quei soggetti marginali ed appartenenti a gruppi di rischio, tra cui appunto gli immigrati, soprattutto se privi del permesso di soggiorno.

52La presenza in carcere di una popolazione immigrata sempre più consistente ci costringe a ripensare l’adeguatezza degli interventi educativi attivati in ambito penitenziario. In primo luogo la figura dell’educatore, dell’assistente sociale, del criminologo e del mediatore culturale deve fare i conti con identità fortemente destrutturate, soprattutto per quanto riguarda i minori e i giovani adulti stranieri (che compongono la maggior parte della popolazione detenuta straniera). Questi giovani stranieri si trovano perennemente in bilico tra l’accettazione dei loro valori di appartenenza e l’acquisizione di modelli di integrazione sociale che passano spesso solo attraverso la partecipazione attiva alla sfera dei consumi, che è diventata, di fatto, la conditio sine qua non del diritto alla cittadinanza. E spesso accade che il reato non rappresenti che il mezzo illegittimo capace di dar forma ai rapporti interpersonali, rappresentando l’opportunità estrema di accedere ai soldi e ai beni di consumo necessari per poter ottenere riconoscimento sociale, soprattutto per quei migranti che abitano le aree urbane maggiormente colpite dal degrado e comunemente identificate come humus di ogni tipo di problematica sociale (Wacquant, 2003). Al riguardo dichiara Amin Maalouf, prolifico saggista e scrittore francese di origini libanesi: «ci si trova in un rapporto di forze sfavorevole; si teme di essere rifiutati, umiliati, si spia ogni atteggiamento che denoti il disprezzo, l’ironia o la pietà. Il primo riflesso non è di ostentare la propria differenza ma di passare inosservati. Il sogno segreto della maggior parte degli immigrati è di essere scambiati per figli del paese. La loro tentazione iniziale è di imitare i loro ospiti, e talvolta ci riescono» (Maalouf, 1999, 45).

53Molti operatori del terzo settore descrivono la realtà del minore e del giovane adulto straniero in bilico tra la ricerca di una identità comunitaria, «contaminata» dal processo di assimilazione della cultura giovanile degli italiani, e il senso di esclusione e di marginalità nei quali poi si trovano costretti a vivere (Revelli, 2005). I minori stranieri sperimentano l’esclusione, le contraddizioni di un sistema che privilegia i messaggi di successo e di ricchezza, le difficoltà di accesso a condizioni lavorative dignitose, sperimentano tensioni che non fanno altro che alimentare, in una prospettiva teorica che ricalca le concettualizzazioni strain di Cloward e Ohlin, un senso di rigetto e di defiance nei confronti della normatività.

  • 21 Intervista effettuata nella Casa Circondariale di Prato il 29 novembre 2005.

54Risulta quindi estremamente difficile per l’operatore penitenziario accedere a una comunicazione efficace con il detenuto straniero, soprattutto per quanto riguarda l’esplorazione di momenti soggettivi quali il livello di responsabilizzazione circa il fatto accaduto, di empatia con la vittima, di riconoscimento della colpa, frustrando inevitabilmente tutta l’opera trattamentale. L’operato degli addetti al trattamento e alla esecuzione penale rischia quindi di essere spesso vanificato dalla logica del carcere e ancor più di essere guidato da prassi comunicative e operative obsolete, incapaci di offrire al giovane detenuto effettivi strumenti e aspettative di cambiamento. A conferma di ciò è ancora B., marocchino, detenuto presso la Casa Circondariale di Prato21 a riferire sulla situazione:

Spesso non capisco cosa vogliono gli operatori… io solo che qui non ho contatti con nessuno, non con la famiglia, non con il resto degli italiani, che spesso se ne stanno tra di loro. Lavoro tutto il giorno per non pensare, non voglio fare come quelli che si tagliano.

55Le impossibilità pratiche di un trattamento penitenziario efficace coinvolgono tutta la popolazione detenuta, vuoi per la fragilità epistemologica delle cd. scienze del trattamento penitenziario, vuoi perché in sostanza il cambiamento del soggetto si estrinseca attraverso elementi di scarsa conoscibilità ed oggettivazione, attraverso forme di risocializzazione forzata all’interno dell’istituzione penitenziaria e attraverso forme di «ispezione morale» attuate tramite colloqui con lo staff riabilitativo, nei quali spesso si chiede al detenuto di credere in ciò che non potrà mai sperimentare: cambiamento di abituali standards di vita, fuga dalla marginalità, ricomposizione dei legami sociali (Ciappi, 1997).

56Se a tutte queste difficoltà intrinseche al trattamento aggiungiamo la condizione di straniero è molto facile che la parola trattamento penitenziario suoni come parola vuota e stia solo a indicare una prassi di contatto periodico col detenuto senza che questa si tramuti invece in una reale opportunità di trasformazione per il soggetto.

57Giova ricordare a questo punto come le stesse scienze penitenziarie siano nel corso dell’ultimo decennio passate dalla centralità di un trattamento individualizzato, fondato sulla osservazione della personalità, alla centralità della valutazione del rischio criminale (risk management) di particolari gruppi criminali. La discrezionalità della magistratura di sorveglianza nel concedere i benefici previsti dall’ordinamento penitenziario è sempre più ispirata alla valutazione dei fattori di rischio legati all’appartenenza a determinati gruppi criminali. E la popolazione penitenziaria straniera è indubbiamente una di quelle verso la quale si esercita questo tipo di controllo, all’interno di un’ottica della gestione dei benefici che privilegia le istanze securitarie di allarme sociale (Ciappi, 2003a).

58È pacifico infatti come il momento della criminalizzazione primaria voluta dal legislatore penale degli ultimi anni abbia inteso inasprirsi non tanto sui reati «della classe media» ma su quelli del Lumpenproletariat urbano. Le voci di bilancio per l’ordine e la sicurezza stanno crescendo un po’ dappertutto nei paesi industrializzati. Lo scopo è quello di disciplinare ampi strati della popolazione e il consenso sul carcere deriva dalla preoccupazione di convincere il proprio elettorato che il crimine sarà affrontato senza esitazioni, che i criminali saranno consegnati alla giustizia. I problemi inquietanti che stanno dietro ogni carcerazione (problemi di vita, assistenza a fasce sempre più povere e marginali della società, mancanza di opportunità lavorative legali sul territorio) sono temi che spesso vengono trascurati. L’importante è dimostrare di poter far qualcosa per contrastare il diffondersi del crimine che minaccia la propria sicurezza personale.

  • 22 «La parola tedesca Sicherheit unisce le tre esperienze (sorveglianza, sicurezza, certezza) e rifiut (...)

59L’omaggio alla Sicherheit si riflette nelle interpretazioni autoritarie dei mali sociali e nella creazione di classi pericolose (Bauman, 2001)22. La nuova dottrina penale e criminologia non prende quasi più in considerazione l’uomo come autore di reati, ma la fascia sociale a rischio alla quale esso appartiene (Garland, 2003; Melossi, 2003). Alla creazione del nuovo ordine mondiale e penale dove prevalgono rassicurazioni di ordine securitario contribuisce la rinascita delle vecchie nozioni di classi pericolose, tutta quell’underclass di scippatori, spacciatori, prostitute e ladri contro le quali si scaglia il pubblico clamore e il pubblico sdegno. Anche l’enfasi mostrata dai media nei confronti di casi di cronaca nera particolarmente atroci serve a nutrire l’angoscia collettiva e a offrire la panacea del più rigido retribuzionismo per placare il senso di smarrimento e di vuoto lasciato dal delitto (Melossi, 2001; Ciappi, 2003b). La creazione del nuovo ordine penale mondiale diviene anticorpo efficace e strategico per le ossessioni di sicurezza del cittadino, e gli stranieri giocano in questo un ruolo essenziale. Il carcere diviene strumento di «detenzione sociale», strumento contenitivo di quella parte della popolazione detenuta, nella cui esperienza di vita è centrale un problema sociale, non affrontato affatto o non affrontato in modo adeguato. Il carcere continua a essere discarica sociale e luogo di contenimento di persone per le quali sono mancate o sono fallite soluzioni alternative. L’area della «detenzione sociale» (tossicodipendenti, immigrati, persone in altre situazioni di disagio sociale) è pari a circa i due terzi dei detenuti (si può calcolare nel 65%: 27% tossicodipendenti, 30% immigrati, 8% altre situazioni di disagio) e anche la sola riduzione di tale percentuale in misura significativa può invertire il processo di ricarcerazione (Margara, 2004). È chiaro allora che sul tema degli stranieri si giocano questioni profonde. Dietro alla loro massiccia e crescente presenza negli apparati di controllo formale si cela una cultura del controllo nella quale campeggia una concezione della criminologia e delle scienze penali che non è più solo quella mutuata dalla criminologia assistenzialista, che descriveva il reo come un soggetto svantaggiato da recuperare, quanto di una «criminologia dell’altro» (come la definisce Garland, 2004) che fa della demonizzazione del delinquente, della paura e del risentimento popolare, uno dei principali motivi ispiratori delle attuali politiche di controllo della criminalità.

Torna su

Bibliografia

Barbagli M. (2002), Immigrazione e reati in Italia, Bologna, il Mulino.

Bauman Z. (1998), Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone, Roma-Bari, Laterza.

Id. (2001), Voglia di comunità, Roma-Bari, Laterza.

Id. (2003), Questioni sociali e repressione penale, in Ciappi S. (a cura di), Periferie dell’impero. Poteri globali e controllo sociale, Roma, Derive/Approdi, pp. 161-177.

Id. (2005), Vite di scarto, Roma-Bari, Laterza.

Castel R. (1991), From dangerousness to risk, in Burchell G., Cordon C., Miller P. (a cura di), The Foucault effect. Studies in governmentality, London, Harvester, pp. 213-238.

Ciappi S. (1997), L’isola che non c’è. Riflessioni sul trattamento penitenziario e sul ruolo dell’esperto criminologo, «Rassegna italiana di criminologia», IV, pp. 421-450.

Id. (2003a), La sorveglianza con braccialetto elettronico, in Gatti U., Gualco B. (a cura di), Carcere e territorio, Milano, Giuffrè, pp. 167-184.

Id. (a cura di) (2003b), Periferie dell’impero. Poteri globali e controllo sociale, Roma, Derive/Approdi.

Dal Lago A. (1999), Non-persone. L’esclusione dei migranti in una società globale, Milano, Feltrinelli.

Garland D. (2004), La cultura del controllo. Crimine e ordine sociale nella società contemporanea, Milano, Il Saggiatore.

Gatti U., Malfatti D., Verde A. (1997), Minorities, Crime and Criminal Justice, in Marshall I.H. (a cura di), Minorities, Migrants and Crime, London, Sage, pp. 164-180.

Hood R. (1993), Race and sentencing, Oxford, Oxford University Press.

International Centre for Prison Studies (2005), World Prison Brief, King’s College, University of London, materiale consultabile on line (www.prisonstudies.uk)

Istat (2003), Gli stranieri e il carcere: aspetti della detenzione, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato.

Istat (2005), Popolazione (Statistiche in breve), Roma, Istituto Poligrafico dello Stato.

Kouchih R., Bouchard M. (1996), I ragazzi stranieri di strada, dialogo sui ragazzi magrebini, «Minori e Giustizia», 1, pp. 69-81.

Kuhn A., Tournier P., Walmsley R. (2000), Le surpeuplement des prisons et l’inflation carcérale, Strasburgo, Editions du Conseil de l’Europe.

Maalouf A. (1999), L’identità, Milano, Bompiani.

Margara S. (2004), Bozza di riforma del nuovo codice dell’esecuzione penale, consultabile nel sito www.ristretti.it.

Marotta G. (2003), Detenuti stranieri in Italia: dimensioni e problematiche del multiculturalismo penitenziario, «Rassegna penitenziaria e criminologica», 1-2, pp. 35-62.

Melossi D. (1998), Multiculturalismo e sicurezza, «Quaderni Città Sicure», Bologna, Regione Emilia Romagna, pp. 28-35.

Id. (2001), Carcere, postfordismo e ciclo di produzione della ‘canaglia’, «Dei delitti e delle pene», n. 1-3, pp. 56-88.

Id. (2003), La «sovrarappresentazione» degli stranieri nei sistemi di giustizia penale europei e italiano, «Diritto immigrazione cittadinanza», n. 4, pp. 97-121.

Mosconi G. (2004), Le cifre del controllo, in Sarzotti C., Mosconi G. (a cura di), Antigone in carcere, Roma, Carocci.

Palidda S. (1997), Irregolarità e delittuosità degli immigrati in Italia, in AA. VV., Secondo Rapporto sulle migrazioni, Milano, Franco Angeli, pp. 109-125.

Revelli M. (2005), Le discariche dell’umano, «Communitas», 5, pp. 54-67.

Rossolini R. (2004), Minori immigrati in carcere e mito della differenza culturale, «Quaderni del Master sull’Immigrazione», Venezia, Università di Venezia.

Santoro E. (2002), Le politiche penali dell’era della globalizzazione, «Rassegna penitenziaria e criminologica», vi, 3, pp. 245-267.

Sassen S. (2003), La città globale. I nuovi contesti occupazionali e le gang, in Ciappi S. (a cura di), Periferie dell’impero, Roma, Derive/Approdi, pp. 54-70.

Scalia V. (2005), Migranti, devianti e cittadini. Uno studio sui processi di esclusione, Milano, Franco Angeli.

Scomparin L. (2005), Stranieri e carcere tra diritto e realtà, «Legislazione penale», n. 1, pp. 32-41.

Wacquant L. (1999), Parola d’ordine: tolleranza zero, Milano, Feltrinelli.

Id. (2003), Il ritorno del represso. Dualizzazione e repressione in tre società avanzate, in Ciappi S. (a cura di), Periferie dell’impero, Roma, Derive/Approdi, pp. 139-161.

Walker M. (1989), The court disposal and remands of white, afro-caribbean, and asian men in London, «British journal of criminology», 28, 4, pp. 353-367.

Wexler D., Ciappi S., Agrait F. (2001), Therapeutic jurisprudence. Riflessioni su di una concezione postliberale del diritto e della pena, «Rassegna italiana di criminologia», 3-4, pp. 256-292.

Torna su

Note

1 A livello di comparazione riportiamo i tassi di carcerizzazione su 100.000 abitanti e la percentuale di stranieri detenuti (sul totale della popolazione penitenziaria) di vari paesi europei ed extraeuropei: Francia (tasso di carcerizzazione di 88 e percentuale di stranieri del 21%), Spagna (tasso pari a 141 e percentuale del 29%), Germania (tasso pari a 97 e percentuale del 28,2), l’Olanda (tasso di 127 e percentuale del 33,2), Grecia (tasso di 82 e percentuale del 41,7%), Austria (tasso di 106 e percentuale del 33%), Inghilterra (tasso di 145 e percentuale del 12,5%), Stati Uniti (tasso di 726 e percentuale del 7%), Russia (tasso di 564 e percentuale del 2%) (International Centre for Prison Studies, 2004).

2 Cfr. I dati sono reperibili sul sito internet del Ministero della Giustizia http://www.giustizia.it/statistiche/statistiche_dap/det/2005/nazionalità.xls [link non raggiungibile: 20/12/2016].

3 L’incidenza degli stranieri detenuti sull’ammontare complessivo della popolazione straniera residente in Italia (calcolata nel 2005 a 2.402.157 persone e che costituisce il 4,1% della popolazione totale italiana), è dell’8%o, mentre l’incidenza degli italiani detenuti sull’ammontare complessivo della popolazione italiana residente (che ammonta nel 2005 a 58.583.163 persone) è dell’1%o. Dobbiamo tuttavia considerare che i numeri della popolazione straniera residente prendono in considerazione la popolazione straniera regolare, ovverosia con permesso di soggiorno, restando esclusa la componente ‘irregolare’ ovverosia priva del permesso di soggiorno, fatto questo che indubbiamente altera, i quozienti di criminalità come il sovramenzionato calcolo relativo all’incidenza di stranieri detenuti sulla popolazione generale straniera (le popolazioni sono ricavate da Istat, 2005, 6).

4 Se effettuiamo un raffronto con la popolazione straniera residente corrispondente si ottengono i seguenti quozienti. Per quanto riguarda la popolazione albanese l’incidenza degli albanesi detenuti sulla popolazione albanese residente (che ammonta al 1° gennaio 2005 a 316.569 persone) è del 9,2%o, superiore quindi alla incidenza generale dell’8%o richiamata nella nota precedente; per quanto riguarda la popolazione rumena invece la percentuale di rumeni detenuti sulla loro presenza regolare sul territorio italiano (che ammonta a 248.849 persone) è invece del 6,7%o, al di sotto quindi dell’incidenza generale stranieri detenuti vs. popolazione straniera residente. In generale l’incidenza di stranieri detenuti provenienti da paesi dell’Europa Centro Orientale (popolazione che, calcolata sulle persone residenti è pari a 903.132 persone) è del 6,5%o. Dobbiamo anche in questo caso richiamare il fatto che nel computo delle varie incidenze, si è presa in considerazione la popolazione straniera residente sul territorio e non la sua componente ‘irregolare’, fatto questo che indubbiamente altera i valori ottenuti. Per quanto riguarda i dati sulla popolazione vedasi Istat (2005, 6).

5 L’incidenza dei tunisini detenuti sulla popolazione tunisina residente (che ammonta a 78.230 persone residenti) è del 2,5%, nettamente e significativamente superiore all’incidenza generale degli stranieri detenuti sulla popolazione straniera residente, mentre per quanto riguarda i marrocchini, l’incidenza sulla popolazione straniera di riferimento (che ammonta a 294.945 persone) è pari all’1,4%. In generale l’incidenza di stranieri detenuti provenienti dall’Africa settentrionale (popolazione che calcolata sui residenti è pari a 447.310 persone) è dell’1,6%, valore notevolmente superiore rispetto a quello riguardante i paesi dell’Europa dell’Est. Anche in questo caso vale la limitazione metodologica di cui alla nota precedente (popolazioni straniere ricavate da Istat, 2005, 6).

6 Da notare come spesso il giudicato penale in procedimenti a carico di stranieri spesso si formi su sentenze di primo grado che non vengono appellate oppure su riti esclusivamente di prima istanza che spesso escludono l’appello, come il patteggiamento.

7 A fronte di una popolazione penitenziaria pari a 55.751 unità, di cui 31.024 definitivi (il 55,6% circa), 23.405 imputati (il 42% circa), 1.322 (il 2,4% circa) in misura di sicurezza.

8 Per «denunciati» si intendono coloro per i quali la magistratura ha ritenuto di esercitare l’azione penale; nei denunciati e condannati sono compresi anche i minori tra i 14 e i 18 anni, che non figurano tra gli incarcerati.

9 Quest’ultimo dato relativo alle persone straniere incarcerate mostra un incremento del 105% nel giro di una decina di anni, nel 1991 la percentuale di stranieri incarcerati era infatti pari al 17,3% del totale (Kuhn et al., 2000; Marotta, 2003).

10 Da notare anche che tali percentuali vanno aumentando con un trend a dir poco preoccupante, posto che, nel 1991, ad esempio, gli stranieri costituivano soltanto il 4,2% dei denunciati, il 4,8% dei condannati, il 17,3% degli incarcerati.

11 Intervista effettuata nella Casa Circondariale di Prato il 29 novembre 2005.

12 Un segno positivo è rappresentato dalla circolare 12.04.1999, n. 547671/10 che ha esteso la possibilità di rilasciare il codice fiscale anche a coloro che non siano in possesso di un valido documento di identità e di un regolare permesso di soggiorno; è il direttore dell’istituto che deve accompagnare detta richiesta con l’indicazione dei dati anagrafici del detenuto stesso.

13 Ci sono però anche segnali positivi, in seno alla stessa Sezione Prima della Corte di Cassazione. In una recente sentenza (Cass., sez. I, 18 maggio 2005, n. 22161) il Supremo Collegio ha sostenuto la perfetta compatibilità delle misure alternative con lo status di irregolare, affermando che «(…) in materia di misure alternative deve essere senz’altro negata la possibilità di introdurre discriminazioni tra cittadini (…) e stranieri in condizione di clandestinità, per la decisiva ragione che le relative disposizioni di legge sono dettate a tutela della dignità della persona umana, in sé considerata e protetta indipendentemente dalla circostanza della liceità o non della permanenza nel territorio italiano: sicché un’eventuale disparità di trattamento normativo risulterebbe indubbiamente contraria al principi di uguaglianza e al canone della ragionevolezza di cui all’articolo 3 della Costituzione».

14 Intervista effettuata nella Casa Circondariale di Prato in data 29 novembre 2005.

15 Intervista effettuata nella Casa Circondariale di Prato il 29 novembre 2005.

16 La Prima Sezione Penale della Cassazione sembra ribaltare questa impostazione e ha sancito che nei confronti dello straniero espulso dal territorio dello Stato con decreto prefettizio (cioè nei confronti di un clandestino) l’espiazione della pena possa avvenire nelle forme delle misure alternative alla detenzione previste dall’ordinamento penitenziario. Si tratta di una nobile affermazione di principio che però non trova nella concreta applicazione della Magistratura di Sorveglianza adeguata attuazione (su questo aspetto, si veda Margara, 2004).

17 Dati reperibili nel sito del Dipartimento per la Giustizia minorile, Ministero della Giustizia (http://www.giustizia.it).

18 Basti pensare che su 41 ragazzi colpevoli di omicidio (tentato e consumato) presenti nei vari ipm, 34 (l’83% circa) sono italiani. Lo stesso dicasi per i reati di rapina, estorsione, con l’unica eccezione della violenza sessuale per la quale invece la partecipazione dei minori stranieri è più alta.

19 Intervista svolta il 10 dicembre 2005 a Verona, presso l’Associazione Don Calabria.

20 Parlare di tarda modernità, significa, secondo Garland, parlare di una particolare fase storica nello sviluppo della modernità, caratterizzata dall’usura delle categorie del moderno e non dal loro superamento (come invece nella prospettiva postmoderna). La tarda modernità è quindi epoca caratterizzata dall’affievolirsi di categorie moderne come l’assistenzialismo penale, dall’aumento vertiginoso dei reati predatori, e dal radicarsi di un diffuso senso di ‘insicurezza ontologica’ e di vulnerabilità, insicurezza, e precarietà (Garland, 2004, 157).

21 Intervista effettuata nella Casa Circondariale di Prato il 29 novembre 2005.

22 «La parola tedesca Sicherheit unisce le tre esperienze (sorveglianza, sicurezza, certezza) e rifiuta di accettare la loro reciproca autonomia. In un mondo che appare sempre meno sicuro, ritirarsi nel paradiso protetto della territorialità è una tentazione forte; così come la difesa del territorio, la «casa protetta» diventa il passe-partout per ogni porta che si sente il bisogno di blindare per sottrarsi a ogni minaccia alla serenità spirituale e materiale. C’è molta tensione attorno alla ricerca di sicurezza, e dove c’è tensione c’è anche un capitale politico che scaltri investitori e agenti di borsa scoveranno in fretta. Non sorprende dunque che le paure relative alla sicurezza trascendano le distinzioni di classe e di appartenenza politica, perché tale è la natura delle paure. È certo vantaggioso per i politici che i naturali timori di insicurezza e incertezza si coagulino attorno all’angoscia sicuritaria, in modo da poter vantarsi di occuparsi dei primi due aspetti solo ostentando preoccupazione per l’ultimo» (Bauman, 2003, 168).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Silvio Ciappi, « Vuoti a perdere, ovvero sulla condizione giuridica e sociale dello straniero in carcere »Quaderni di Sociologia, 40 | 2006, 43-63.

Notizia bibliografica digitale

Silvio Ciappi, « Vuoti a perdere, ovvero sulla condizione giuridica e sociale dello straniero in carcere »Quaderni di Sociologia [Online], 40 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/991; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.991

Torna su

Autore

Silvio Ciappi

Dipartimento di Diritto Pubblico - Università di Pisa

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search