Navigazione – Mappa del sito
teoria e ricerca

Doppia presenza e lavoro di cura. Interrogativi su alcune categorie interpretative

Donatella Barazzetti
p. 85-96

Testo integrale

1. Doppia presenza e lavoro di cura

1Quando Laura Balbo, nella seconda metà degli anni Settanta, propone la categoria di doppia presenza, compie una «piccola rivoluzione copernicana» che apre nuove possibilità di leggere le identità femminili. I grandi processi di trasformazione della società italiana degli anni Sessanta/Settanta, l’irruzione del movimento femminista, l’ingresso massiccio delle donne «acculturate» nel mercato del lavoro mettevano in questione le rappresentazioni del femminile derivanti dalla tradizionale assegnazione delle donne alla dimensione del privato, dell’affettività, del tempo ciclico della riproduzione. La categoria di «doppia presenza» rimandava alla capacità femminile di attraversare registri temporali e culturali profondamente diversi: il tempo interiore della soggettività, i tempi della cura e dell’affettività, il tempo del mercato; una capacità segnata da profonde contraddizioni, fortemente conflittuale, ma densa di potenzialità. La «duplicità» a cui questa categoria allude, nel riassumere simbolicamente l’ambivalenza e la complessità della collocazione femminile, presupponeva e rinviava a una divisione della società in due sfere oppositive, quella pubblica e quella privata. E metteva in discussione questa opposizione, non negandola, ma assumendola come frutto di una costruzione fondativa della modernità e delle rappresentazioni che le erano proprie.

  • 1 Il Griff (Gruppo di ricerca sulla famiglia e la condizione femminile) si costituisce inizialmente c (...)
  • 2 Sul tema della doppia presenza esiste una letteratura ricchissima. Tra le tante analisi, Balbo (197 (...)

2Gli studi sulla doppia presenza e il lavoro del Griff1, nel corso degli anni Settanta/Ottanta, segnano una stagione straordinaria di riflessione, pur con i limiti e le contraddizioni che Zanuso rileva nel suo «storico» articolo del 19872.

  • 3 Una analisi articolata degli studi sul lavoro femminile è stata tracciata da Elda Guerra e Adele Pe (...)
  • 4 Queste posizioni di fatto anticipano di molti anni alcune teorizzazioni relative al «capitale socia (...)

3In quello stesso arco temporale le dimensioni del lavoro e della cura vengono analizzate in Italia da posizioni femministe di derivazione marxista. L’elemento teorico che accomuna questi diversi percorsi di analisi è l’individuazione delle attività di cura come «lavoro». Un percorso, in particolare, focalizza l’attenzione sulla relazione tra produzione e riproduzione, identificando la riproduzione come luogo di valorizzazione del capitale al pari della produzione di beni per il mercato, in quanto dimensione produttrice della «forza lavoro». La cura è dunque un lavoro che produce un bene specifico e fondamentale: il rinnovarsi della vita e della capacità lavorativa (Bimbi, 1977, 1986). Da qui (anche) la richiesta del salario al lavoro domestico che diventa l’obiettivo portante di un gruppo di ricercatrici di Padova facenti capo a Lotta Femminista, tra cui Mariarosa Dalla Costa (1972)3. Un secondo indirizzo si struttura intorno al concetto di «modo di produzione femminile», elaborato da Prokop (1978). In questo caso a essere messa a tema non è tanto la dimensione strutturale del rapporto tra produzione e riproduzione, quanto l’idea che esista una specificità femminile del produrre, fondata sulle peculiarità che le donne hanno sviluppato storicamente nella loro contiguità con il rinnovarsi della vita: capacità relazionali, di adattamento, flessibilità, intuizione, precisione e così via (Bianchi, 1978, 1991; Pesce, 1986, 1995; Borderias, 2000)4. Quello che però mi interessa sottolineare rispetto a queste diverse posizioni, è la valenza simbolica che esse assumono. Individuare la cura come «lavoro» significa sottrarla ai caratteri di naturalità in cui era storicamente confinata, significa denaturalizzare il legame tra donne, riproduzione della vita e funzione materna, e restituire la collocazione femminile a una dimensione di cittadinanza. La forza simbolica di questa interpretazione si impone ben al di là degli orientamenti marxisti, e viene assunta in modo generalizzato come categoria interpretativa attraverso denominazioni diverse (lavoro d’amore, lavoro di cura, emotional work).

4A partire dalla fine degli anni Ottanta il lavoro viene così assunto dalla maggioranza delle analisi di genere come la dimensione simbolica in grado di restituire alle donne visibilità e cittadinanza, e questo in un duplice senso. L’iscrizione della cura nella dimensione del lavoro sottrae queste attività alla loro presunta naturalità, dando loro dignità sociale. Contemporaneamente il lavoro diventa, in modo sempre più evidente, il metro privilegiato attraverso cui le donne sembrano definire la propria identità e visibilità pubblica.

5Le categorie interpretative che ho citato sono dunque state un riferimento importante e fecondo nel quadro teorico-concettuale degli studi di genere negli ultimi trent’anni. Quello che vorrei provare a sostenere in questo breve saggio è l’ipotesi che i processi di trasformazione sociale in corso, lo sgretolarsi progressivo dei confini tra tempo pubblico e tempo privato, i cambiamenti profondi nelle rappresentazioni e nelle strutture del lavoro, la crescente presenza di rapporti di mercato nella dimensione di cura problematizzino oggi molti dei presupposti – teorici e analitici – su cui poggiano queste categorie e che occorra, in questo senso, ripensarle criticamente.

2. Donne lavoro identità

6Le ricerche e le analisi relative al rapporto tra donne e lavoro costituiscono, anche limitandoci alla sola Italia, un corpus conoscitivo vastissimo e molto articolato. Impossibile darne conto in questo spazio. Accennerò solo ad alcuni aspetti che mi paiono chiarificatori rispetto al ragionamento che intendo fare su categorie come doppia presenza e lavoro di cura. Mi riferisco in particolare agli studi sui significati che il lavoro assume nella definizione delle identità femminili. Molti studi rivelano la crescente valenza identitaria che il lavoro ha per le donne (Saraceno, 1987; Barile, Bianchi e Cacioppo, 1988; Beccalli, 1989; Palidda, 1992, 2000; Leccardi, 1995; Barazzetti, 1999; Oppo, Piccone Stella, Signorelli, 2000; Siebert, 2002; Barazzetti, Veneziani, Vingelli, 2003). Dalle ricerche emerge come siano soprattutto le giovani donne a mettere in luce la centralità del lavoro come luogo di una nuova visibilità sociale, e di una diversa cittadinanza. Questa attribuzione di senso si radica e contribuisce a consolidare una costruzione discorsiva che sempre più diffusamente rappresenta le donne come lavoratrici.

7Nel suo articolo La donna lavoratrice nel secolo xix, Joan Scott analizza le dinamiche e le ragioni di una dimensione discorsiva che, nel corso del diciannovesimo secolo, costruisce la figura della lavoratrice come «problema». Questo processo è riconducibile, secondo Scott, al trasferimento della produzione dal nucleo domestico alla fabbrica, rendendo impossibile alle donne combinare lavoro e cura domestica come avveniva nel periodo preindustriale. In questo nuovo scenario prende forma una rappresentazione del femminile secondo cui «Le donne potevano lavorare solo per brevi periodi della loro vita, ritirandosi dall’impiego salariato dopo essersi sposate o dopo aver avuto un bambino. […] Da questo derivava il fatto che esse si raggruppassero in certi lavori non specializzati e mal pagati, un riflesso della priorità dei loro impegni materni e domestici» (Scott, 1995, 156).

8Il processo in atto negli ultimi quindici anni in Italia sembra rovesciare il quadro precedente: a «fare problema» è oggi la figura della donna che non lavora, e il lavoro sembra emergere, come ho detto, sempre più come il canale privilegiato attraverso cui si realizza la visibilità sociale e una più compiuta cittadinanza femminile.

9Una costruzione discorsiva che individua nel lavoro il luogo prioritario della visibilità e dell’identità sociale delle donne rischia però di oscurare importanti elementi di ambivalenza e di contraddizione. Da un lato, a livello sociale, questa rappresentazione accompagna l’ingresso di una massa importante di donne, soprattutto giovani, nel mercato del lavoro precarizzato e part time, senza far emergere i limiti insiti in questo passaggio. Dall’altro, sul piano individuale, questo discorso rischia di occultare il fatto che per molte giovani e meno giovani donne, il lavoro non è rilevante per un suo specifico contenuto, per quello che si fa concretamente. Si presenta piuttosto come una risposta quasi «obbligata» a bisogni che potrebbero trovare altre forme di soddisfazione. Al lavoro si chiede infatti di rispondere al desiderio di una socialità più ampia, al bisogno di svolgere attività utili agli altri, semplicemente alla necessità di una alternativa valida alla finitezza delle incombenze familiari, o al bisogno di confronto, di allargamento delle conoscenze, alla voglia di misurarsi con cose nuove. Sorge cosi un importante interrogativo: è veramente e soltanto un desiderio di lavoro quello che esprimono oggi molte donne (e uomini)? E ancora: molti desideri di visibilità pubblica e di socialità delle donne (e degli uomini) potrebbero essere soddisfatti anche senza passare attraverso di esso?

  • 5 Questo aspetto ha una valenza generale e rimanda ai significati strutturali e simbolici che il lavo (...)

10Questi interrogativi rimandano a un ulteriore elemento di contraddizione, inscritto nel rapporto tra «indipendenza» e lavoro per il mercato. Essere indipendenti viene da molte identificato come dimensione interiore, come una capacità di definirsi in quanto soggetti, di stabilire un confine individuale nella relazione con l’altro, di sottrarsi alla dipendenza affettiva. Questa rappresentazione dell’indipendenza, pur lasciando sullo sfondo le implicazioni economiche del problema, pone però in questione la relazione tra indipendenza soggettiva e indipendenza economica, come presupposto fondamentale per accedere alla «stanza tutta per sé», di cui parla Virginia Woolf5.

11Il rapporto tra donne e lavoro appare dunque segnato da profonde contraddizioni. Le donne sono socialmente chiamate a pensarsi come lavoratrici in una fase storica in cui, almeno nel mondo occidentale, il lavoro sta perdendo la sua preminenza etica e simbolica nella definizione delle identità sociali e nuovi scenari economici mondiali ne ridisegnano l’organizzazione, l’importanza e la concreta disponibilità. Questa contraddizione non coinvolge, evidentemente, solo le donne, ma la società nel suo insieme. Pone però problemi diversi a uomini e donne.

3. Sull’orlo di una crisi di cura?

  • 6 Questo modello è tuttavia messo in discussione da diverse studiose. Eva Magnusson (1997, 2001) ad e (...)

12Uno dei terreni su cui si misura con più evidenza la differenziazione tra uomini e donne resta quello della cura. Di fatto il mutare dei significati e delle forme del lavoro, il frantumarsi dei modelli temporali della «società fordista», l’intersecarsi sempre più evidente di sfere fino a ieri pensate come separate, hanno messo in discussione le caratteristiche della cura stessa, senza però mettere in crisi il perdurare della sua centralità nella vita delle donne (Saraceno, 1980, 1987). Forse più propriamente potremmo dire, a questo proposito, che sembrano delinearsi (in Europa) almeno due percorsi di trasformazione delle caratteristiche della cura e della ridefinizione della collocazione maschile e femminile rispetto a essa: un modello «scandinavo» e un modello sud europeo, presente però in molti paesi dell’Europa continentale. In entrambi i casi un profondo processo di trasformazione sociale ha da tempo messo in crisi il confine tra tempo di vita e tempo di lavoro, mutando il senso delle relazioni intime, fino a ieri inscritte nella dimensione del privato. Le scansioni temporali della cura sembrano rispondere sempre meno ai ritmi di un tempo personale e relazionale (Paolucci, 1993, 1998; Leccardi, 1994, 1996a; Belloni, 1995; Calabrò, 1996; Corradi, 1998; Trifiletti, 2000). Il tempo dell’affettività, che nella tradizionale separazione tra privato e pubblico, tra cura e lavoro sembrava trovare spazi e significati socialmente definiti in quanto costitutivo di quella stessa separazione, nel nuovo scenario richiede nuove dimensioni di senso (Giddens, 1995). Nel modello «scandinavo» questa ridefinizione sembra inscriversi in un processo di defamiliarizzazione e di forte presenza delle istituzioni nella gestione delle attività di cura. Welfare e servizi sembrano cosi favorire un crescente interscambio delle figure maschili e femminili sul piano dell’affettività e della relazione con i figli (Siim, 1996; den Dulk, van Doorne-Huiskes, Schippers, 1999; Esping-Andersen, 2002)6.

  • 7 Chiara Saraceno (1992), nel tracciare le caratteristiche del Welfare italiano in relazione ai diffe (...)

13Nel secondo caso, e l’Italia sembra particolarmente rappresentativa su questo piano, la progressiva penetrazione delle logiche del tempo «pubblico e produttivo» nelle relazioni di cura resta mediato dalla centralità della famiglia, non trova una risposta prevalente sul piano dei servizi e dei diritti sociali – ma piuttosto su quello del mercato e del consumo – e continua a strutturarsi intorno alla figura femminile7.

14Il senso di questa rinnovata centralità femminile tuttavia non appare una semplice reiterazione di un modello «tradizionale». I mutamenti nelle modalità della cura, la maggiore normazione e accelerazione dei suoi tempi, la moltiplicazione delle attività rende sempre più importante una funzione coordinatrice che richiede competenze complesse. Paradossalmente l’attenuarsi della separazione tra tempo pubblico e tempo privato non diminuisce, ma aumenta la necessità e l’importanza di una sapiente regia. Le figure femminili rischiano cosi di essere coinvolte in una sorta di gestione «manageriale» della cura stessa.

  • 8 Sulle differenze qualitative del tempo, sulle potenzialità dei suoi caratteri «generativi», opposti (...)

15La centralità femminile si confronta però con un importante processo di trasformazione della collocazione maschile. Un crescente numero di ricerche dice che gli uomini sono molto più presenti sulla scena familiare. I padri sono più coinvolti e più autonomi nelle relazioni con i figli, anche se non sembrano condividere la responsabilità complessiva delle attività di cura (Piazza, 1995, 1999; Deriu, 2002). La maggiore presenza maschile potrebbe segnalare una possibile transizione verso nuovi assetti delle relazioni affettive e quotidiane. Potrebbe però essere il sintomo di un processo in cui il coordinamento sempre più puntuale dei tempi della cura rinnova una centralità femminile che garantisce maggiori spazi all’affettività maschile, senza implicarne una maggiore corresponsabilizzazione. In questo modo il tempo femminile verrebbe progressivamente trascinato verso una logica «produttiva» anche nell’ambito della cura, mentre gli uomini ritroverebbero in essa la possibilità di un tempo relazionale, storicamente tacitato dal prevalere del tempo produttivo nel loro percorso di vita8.

16Questo scenario è certo estremizzato, ma potrebbe aiutarci ad analizzare più a fondo il senso della perdurante centralità femminile nella dimensione di cura. Venuto meno il modello che affidava l’identità femminile alla sfera del privato, le donne si rivelano comunque indispensabili di fronte alla maggiore complessità dei tempi della quotidianità e ai processi di crescente precarizzazione e incertezza dei corsi di vita.

4. Collaboratrici domestiche e badanti

17Le considerazioni fin qui fatte non possono prescindere da un ulteriore elemento di riflessione, Il perdurare della centralità femminile nel mondo della cura sempre più frequentemente comporta il trasferimento di attività e incombenze domestiche a figure terze, pagate per svolgerle. Mi riferisco in particolare alla presenza di collaboratrici domestiche e badanti, prevalentemente immigrate. Questa presenza pone interrogativi ulteriori, sia rispetto ai significati della cura, sia rispetto alle implicazioni che un rapporto «mercificato» introduce nelle dimensioni della domesticità e nei percorsi di emancipazione delle donne italiane.

18Il lavoro di cura, come abbiamo sottolineato, è un universo particolarmente complesso, in cui confluiscono gesti materiali, implicazioni affettive, dinamiche relazionali, responsabilità solo apparentemente scindibili le une dalle altre. I gesti materiali della sopravvivenza contribuiscono a strutturare circuiti affettivo/relazionali non riconducibili alla semplice somma di questi gesti. Affidare a terzi parte di queste attività, pagandone le prestazioni, non basta a sottrarre questi gesti alle valenze relazionali in cui sono immersi. I gesti della cura, pur con implicazioni molto diverse, rimandano, infatti, alla contiguità con gli aspetti più intimi e nascosti del vivere umano.

19Essi hanno a che vedere con la nascita e la morte, con il fiorire e il declinare dei corpi, e con i segni della loro quotidiana materialità. Assistere un anziano o rifare i letti e pulire i bagni di una casa, hanno certamente implicazioni emotive e carichi lavorativi molto diversi, ma espongono in ogni caso chi è pagata per farlo al confronto con le intimità dei nostri corpi. In questo senso colf e badanti, soprattutto quando lavorano a tempo pieno in una casa, sono poste a confronto non con i singoli atti delle attività domestiche, ma con un complesso tessuto relazionale, e con le implicazioni emotive e materiali che questo comporta.

20Il contratto di lavoro con la colf o la badante apparentemente regola l’acquisto di alcune prestazioni, in cambio di denaro. Nasconde però il fatto che a essere in gioco non sono le singole attività del pulire o dell’assistere, ma le capacità di relazione, le emozioni, l’umanità complessiva dell’immigrata. Le ricerche ci dicono che la risposta più diffusa a questa insopprimibile vicinanza è il tacitamento. La totale invisibilità di quante lavorano negli spazi domestici appare il segno dell’ambivalenza delle relazioni che si stabiliscono con le donne migranti. La contiguità con gli aspetti più intimi della nostra vita sembra richiedere dispositivi efficaci di distanziamento, di negazione e di indifferenza (Favaro, 1986; Vicarelli, 1994; Favaro e Tognetti Bordogna, 1997; Dal Lago, 1999; Siebert, 2003).

21La presenza delle donne migranti ci interroga però anche su altri e importantissimi piani. Colf e badanti sono certamente il sintomo di una inadeguatezza o assenza dei servizi in molti ambiti della vita sociale. Le carenze nell’assistenza agli anziani, nelle politiche degli asili-nido, e della salute, per citarne solo alcuni, costringono a ricercare sul mercato soluzioni alternative a un welfare del tutto inadeguato. Non si tratta però solo di questo. La presenza di queste donne è anche il sintomo del bisogno delle «native» (le italiane) di crearsi nuovi spazi temporali, sottraendoli alle dimensioni di cura, spazi da destinare al lavoro retribuito per alcune, o ad alleggerire la pressione del lavoro domestico per altre. In tutti i casi le donne migranti non sono solo coinvolte in percorsi lavorativi che mettono in gioco le loro capacità affettivo-relazionali. Sono strumenti attraverso cui passa la possibilità della donne native di trovare nuovi spazi di libertà e di emancipazione. La distanza sociale e il carattere di mercato che caratterizzano la relazione con queste donne tendono a celare le implicazioni di un percorso di ridefinizione delle identità femminili (nel mondo occidentale) che, aspirando a nuove forme di visibilità sociale, di identità, e di cittadinanza, richiede ad altre donne di rinunciare alle proprie aspirazioni, e alla propria realizzazione, circoscrivendone la vita dentro i confini del lavoro di cura (Ongaro, 2001).

22La presenza delle donne migranti pone così ulteriori interrogativi a percorsi di emancipazione delle native, le cui promesse di identità, di indipendenza e di visibilità sociale sono, come abbiamo detto in precedenza, messe fortemente in questione dai mutamenti prodotti dalla globalizzazione.

5. Ripensare alcune categorie interpretative

23Questo brevissimo excursus suggerisce una problematizzazione di categorie come doppia presenza e lavoro di cura. Lo sgretolarsi dei confini tra tempo privato e tempo pubblico, tra tempo di cura e tempo di lavoro, l’intersecarsi e il compenetrarsi di spazi temporali prima concretamente e simbolicamente separati, il mutare dei caratteri e del senso stesso delle attività di cura, contaminate dalle logiche della «produzione e del mercato» problematizzano la categoria di doppia presenza, non tanto nella sua valenza identitaria, nel suo rimandare alla capacità femminile di attraversare mondi e tempi differenti, (che continua ad esistere), ma nel presupporre una separazione tra dimensione pubblica e dimensione privata; separazione che la presenza femminile metteva in discussione, violandone il confine, senza però azzerarla.

24L’aspetto maggiormente problematico mi pare però l’idea di lavoro di cura. Da un punto di vista simbolico infatti questa categoria perde la sua efficacia, poiché sono gli stessi significati del lavoro ad essere messi in discussione, almeno dal punto di vista delle implicazioni etiche e identitarie. Ma i problemi sono anche più profondi. Attribuire a una dimensione complessa come la cura la valenza di lavoro rischia di appiattire e di circoscrivere a precisi ambiti (economici e razionali) il delicatissimo intreccio tra le molteplici implicazioni dell’agire «affettivo», mettendone in luce esclusivamente gli aspetti «mercificabili». In questo senso la presenza di collaboratrici domestiche e badanti rivela in modo evidente questa contraddizione. Da un lato infatti mette in luce i limiti simbolici di una designazione della cura come lavoro, nel momento in cui rivela esplicitamente le potenziali (e reali!) implicazioni di sfruttamento e di alienazione insite nel lavoro domestico, e contemporaneamente mette in luce l’impossibilità di scorporare queste attività dalle implicazioni relazionali-affettive che le permeano.

25Questa contraddizione era presente nel percorso di definizione di «lavoro di cura» fin dalle sue origini, come sottolinea Sartori (1982). Tuttavia il forte impatto simbolico e la valenza etica del lavoro «fordista» offrivano un’importante argomentazione alla scelta di questa categoria, nel corso degli anni Settanta. Il riferimento diventa invece problematico in questa fase, in cui la trasposizione del tempo pubblico nel privato e, viceversa, l’assunzione dei caratteri del privato (relazionalità, adattabilità, flessibilità) nella dimensione pubblica e lavorativa richiedono una ridefinizione dei significati e del senso di molti aspetti della quotidianità e dell’intimità (Leccardi, 2003; Jedlowski e Leccardi, 2003; Piccone Stella e Ruspini, 2003).

Torna su

Bibliografia

Balbo L. (1978), La doppia presenza, «Inchiesta», 32, pp. 3-6.

Id. (1987), Crazy Quilts: rethinking the welfare state debate from a women’s point of view, in Showstack Sasson A. (a cura di), Women and the State, London, Hutchinson.

Id. (a cura di) (1991), Tempi di vita. Studi e proposte per cambiarli, Milano, Feltrinelli.

Barazzetti D. (1999), Il bozzolo e la farfalla. Donne, territorio, lavoro nella Piana di Gioia Tauro, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Barazzetti D. e Leccardi C. (a cura di) (1995), Fare e pensare. Donne lavoro tecnologie, Torino, Rosenberg & Sellier.

Barazzetti D., Veneziani M. e Vingelli G. (2003), I tempi delle donne nella città di Cosenza, Cosenza, Centro di Women’s Studies «Milly Villa».

Barile G., Bianchi M. e Cacioppo M. (a cura di) (1988), Ragazze e lavoro: strategie e percorsi occupazionali, Milano, Franco Angeli.

Beccalli B. (1989), Il lavoro femminile in Italia: linee di tendenza nell’analisi sociologica, in La Rosa M. e Minardi L. (a cura di), Il futuro del lavoro: organizzazione del lavoro, nuove tecnologie, e relazioni industriali. I casi italiano e inglese, Milano, Franco Angeli.

Belloni M.C. (1995), Il tempo come dimensione interpretativa dei fenomeni sociali, «Polis», ix, 3, pp. 355-359.

Bianchi M. (1978), Oltre il doppio lavoro, «Inchiesta», 32, pp. 7-11.

Id. (1991), Lavoro di servizio, lavoro familiare, lavoro di cura, in Balbo L. (a cura di), Tempi di vita. Studi e proposte per cambiarli, Milano, Feltrinelli.

Bimbi F. (a cura di) (1977), Dentro lo specchio. Lavoro domestico, riproduzione del ruolo e autonomia delle donne, Milano, Mazzotta.

Id. (1986), Lavoro domestico, economia informale, comunità, «Inchiesta», 74, pp. 2-7.

Id. (1991), Doppia presenza, in Balbo L. (a cura di), Tempi di vita. Studi e proposte per cambiarli, Milano, Feltrinelli.

Bimbi F. e Prestinger F. (1985), Profili sovrapposti. La doppia presenza delle donne in un’area ad economia diffusa, Milano, Franco Angeli.

Borderías C. (2000), Strategie della libertà: storie e teorie del lavoro al femminile, Roma, Manifestolibri.

Calabrò A.R. (1996), Una giornata qualsiasi. Il tempo libero delle donne: tempo per sé o tempo per gli altri?, Roma, Ripostes.

Chiaretti G. (a cura di) (1980), Lavoro intellettuale, lavoro per sé, doppia presenza, Milano, Franco Angeli.

Id. (1981), Intellettualità femminile e doppia presenza, «Inchiesta», 48-50, pp. 1-10.

Corradi L. (1998), La città just in time. Per una critica dei tempi neoliberali, in Paolucci G. (a cura di), La città, macchina del tempo, Milano, Franco Angeli.

Dalla Costa M. (1972), Potere femminile e sovversione sociale, Padova, Marsilio.

Dal Lago A. (1999), Non persone, Milano, Feltrinelli.

Del Re A. e Heinen J. (a cura di) (1996), Quale cittadinanza per le donne? La crisi dello stato sociale e della rappresentanza politica in Europa, Milano, Franco Angeli.

Den Dulk L., van Doorne-Huiskes A. e Schippers J. (1999), Work family arrangements in Europe, Amsterdam, Thela Thesis.

Deriu M. (2002), La fragilità dei padri. Il disordine simbolico paterno e il confronto con i figli adolescenti, Milano, Unicopli.

Esping Andersen G. (2002), Why We Need a New Welfare State, Oxford, Oxford University Press.

Favaro G. (1986), Donne migranti, Milano, icei.

Favaro G. e Tognetti Bordogna M. (1997), Donne dal mondo, Milano, Guerini e Associati.

Giddens A. (1995), La trasformazione dell’intimità. Sessualità, amore ed erotismo nelle società moderne, Bologna, Il Mulino.

Guerra E. e Pesce A. (1991), Lavoro e differenze sessuale, «Inchiesta», 94, ottobre-novembre, pp. 21-31.

«Inchiesta» (2003), numero monografico, Genere e vita quotidiana, aprile-giugno.

Jedlowski P. e Leccardi C. (2003), Sociologia della via quotidiana, Bologna, Il Mulino.

Leccardi C. (1994), Ridiscutere il tempo: il punto di vista delle donne, «Inchiesta», 103, gennaio-marzo, pp. 60-73.

Id. (1995), Il lavoro come piacere, Il nuovo sguardo sul lavoro delle giovani donne del Mediterraneo, in Barazzetti D. e Leccardi C. (a cura di), Fare e pensare. Donne lavoro tecnologie, Torino, Rosenberg & Sellier.

Id. (1996a), Futuro breve, Torino, Rosenberg & Sellier.

Id. (1996b), Re-thinking Social Time: Feminist Perspectives, «Time & Society», 5, (2), pp. 169-186.

Id. (2003), Vita quotidiana e processi di mutamento, «Inchiesta», 140, aprile-giugno, pp. 7-15.

Magnusson E. (1997), Talking about gender equality. Swedish women’s discourses on the home front, «NORA, Nordic Journal of Women’s Studies», vol. 5, pp. 76-94.

Id. (2001), Politics, psychology, and gender in heterosexual couples: Welfare states as laboratories for the future?, Paper presentato al 109° apa Convention, 25 Agosto, S. Francisco.

Ongaro S. (2001), Le donne e la globalizzazione, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Oppo A., Piccone Stella S. e Signorelli A. (a cura di) (2000), Maternità, identità, scelte. Percorsi dell’emancipazione femminile nel Mezzogiorno, Napoli, Liguori.

Palidda R. (1992), Donne e mercato del lavoro al sud: ancora una componente debole?, «Politiche del lavoro», 19-20, pp. 137-164.

Id. (2000), Donne istruite nel Mezzogiorno degli anni ’90: incertezze e rischi di un percorso di innovazione, in Oppo A., Piccone Stella S. e Signorelli A. (a cura di), Maternità, identità, scelte. Percorsi dell’emancipazione femminile nel Mezzogiorno, Napoli, Liguori.

Paolucci G. (1993), Tempi postmoderni. Per una sociologia del tempo nelle società industriali avanzate, Milano, Franco Angeli.

Id. (a cura di) (1998), La città, macchina del tempo. Territorio e politiche del tempo urbano in Italia, Milano, Franco Angeli.

Pesce A. (1986), I percorsi della differenza e della uguaglianza, «Inchiesta», 71-72, pp. 5-9.

Id. (1995), Mediazioni femminili nelle trasformazioni tecnologiche del lavoro, in Barazzetti D. e Leccardi C. (a cura di), Fare e pensare. Donne lavoro tecnologie, Torino, Rosenberg & Sellier.

Piazza M. (1995), «A cura di…»: simmetrie e asimmetrie del lavoro di cura nel corso di vita femminile e nel ciclo di vita familiare, in Cleis F., Head-König A. e Varini-Ferrari O. (a cura di), Donne oggi. Valori femminili e valori maschili nella società, Bellinzona, Edizioni Casagrande.

Id. (1999), Padri e relazioni di cura. Paper presentato al Convegno «Vita quotidiana e organizzazioni», Venezia 19-20 novembre.

Piccone Stella S. e Ruspini E. (2003), Vita quotidiana e generi in trasformazione, «Inchiesta», 140, aprile-giugno, pp. 2-6.

Prokop U. (1978), Realtà e desiderio. L’ambivalenza femminile, Milano, Feltrinelli.

Saraceno C. (a cura di) (1980), Il lavoro maldiviso. Ricerca sulla distribuzione dei carichi di lavoro nelle famiglie, Bari, De Donato.

Id. (1987), Pluralità e mutamento. Riflessioni sull’identità al femminile, Milano, Franco Angeli.

Id. (1992), Continuities and Changes in the Gender Structure of the Welfare State: The Italian Case, Paper presentato al convegno internazionale «Comparative Studies of Welfare State Development: Quantitative and Qualitative Dimensions», 3-6 settembre, Brema.

Sartori F. (1982), Il lavoro materno, «Inchiesta», aprile-giugno, pp. 32-44.

Scott J. (1995), La donna lavoratrice nel secolo xix, in Duby G. e Pierrot M. (a cura di), Storia delle donne, Vol. L’Ottocento, a cura di Fraisse G. e Perrot M., Bari, Laterza.

Siebert R. (2002), Saggio introduttivo, in Eurispes, Donna e competitività del sistema regionale: professionalità e culture del lavoro in Calabria, Consiglio regionale della Calabria, Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna.

Id. (2003), Il razzismo, Roma, Carocci.

Siim B. (1996), Genere, potere e democrazia: elementi del dibattito scandinavo, in Del Re A. e Heinen J. (a cura di), Quale cittadinanza per le donne? La crisi dello stato sociale e della rappresentanza politica in Europa, Milano, Franco Angeli.

Trifiletti R. (2000), Welfare locale e lavoro di cura, relazione presentata al Seminario Dal welfare state al welfare locale, Università di Milano-Bicocca, 13 novembre.

Vicarelli G. (a cura di) (1994), Le mani invisibili. La vita e il lavoro delle donne immigrate, Roma, Ediesse.

Zanuso L. (1987), Gli studi sulla doppia presenza: dal conflitto alla norma, in Marcuzzo M. C. e Rossi-Doria A. (a cura di), La ricerca delle donne, Torino, Rosenberg & Sellier.

Torna su

Note

1 Il Griff (Gruppo di ricerca sulla famiglia e la condizione femminile) si costituisce inizialmente come gruppo informale presso la Facoltà di Scienze Politiche di Milano nel 1973. L’iniziatrice è Laura Balbo a cui si affiancano molteplici studiose interne ed esterne all’istituzione universitaria. tra cui sociologhe come Bianca Beccalli, Marina Bianchi, Franca Pizzini, Renate Siebert, Franca Bimbi, Simonetta Piccone Stella, Chiara Saraceno, Lorenza Zanuso.

2 Sul tema della doppia presenza esiste una letteratura ricchissima. Tra le tante analisi, Balbo (1978, 1987, 1991), Chiaretti (1980, 1981), Bimbi e Prestinger (1985), Zanuso (1987), Saraceno (1987), Bimbi (1991).

3 Una analisi articolata degli studi sul lavoro femminile è stata tracciata da Elda Guerra e Adele Pesce in un articolo di «Inchiesta» del 1991.

4 Queste posizioni di fatto anticipano di molti anni alcune teorizzazioni relative al «capitale sociale» che prefigurano l’«appetibilità» delle capacità cosiddette «femminili» negli attuali mercati del lavoro precarizzati e flessibilizzati.

5 Questo aspetto ha una valenza generale e rimanda ai significati strutturali e simbolici che il lavoro assume nella società capitalista e ai profondi processi di trasformazione che sta attraversando.

6 Questo modello è tuttavia messo in discussione da diverse studiose. Eva Magnusson (1997, 2001) ad esempio sottolinea come la costruzione discorsiva con cui i paesi scandinavi presentano se stessi come società che hanno ormai superato le ineguaglianze di genere non corrisponde alla pratica quotidiana delle singole individualità. Nella pratica infatti ancora si radicano modelli tradizionali, di fatto sottratti alla consapevolezza dei singoli.

7 Chiara Saraceno (1992), nel tracciare le caratteristiche del Welfare italiano in relazione ai differenti modelli di Welfare in Europa, mette in luce le implicazioni di genere che sottendono queste differenze.

8 Sulle differenze qualitative del tempo, sulle potenzialità dei suoi caratteri «generativi», opposti al tempo «scarso» e mercificato della produzione capitalistica, cfr. Leccardi, 1996b.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Donatella Barazzetti, « Doppia presenza e lavoro di cura. Interrogativi su alcune categorie interpretative », Quaderni di Sociologia, 40 | 2006, 85-96.

Notizia bibliografica digitale

Donatella Barazzetti, « Doppia presenza e lavoro di cura. Interrogativi su alcune categorie interpretative », Quaderni di Sociologia [Online], 40 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 21 mai 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/995 ; DOI : 10.4000/qds.995

Torna su

Autore

Donatella Barazzetti

Dipartimento di Sociologia - Università della Calabria

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals