Navigation – Plan du site

La montagna e la gestione collettiva delle proprietà: quale rilezanza, quali interazioni?

Chiama per i documenti. Scadenze: 1 gennaio 2020 (abstract), 1 giugno 2020 (articoli). Direzione del numero: Jean-François Joye (jean-francois.joye@univ-smb.fr), Alessandro Crosetti (prof.a.crosetti@gmail.com). Per la RGA: Anouk Bonnemains (anouk.bonnemains@univ-smb.fr), Sylvie Duvillard (sylvie.duvillard@univ-grenoble-alpes.fr).

Argomenti

Il presente invito a presentare contributi pluridisciplinari (diritto, geografia, storia, sociologia, antropologia, ecc.) fa parte del progetto COMON (Analisi dei "comuni" nelle zone di montagna) promosso dall'Université Savoie Mont Blanc in collaborazione con altre università europei (Grenoble, Turin, Aosta).

COMON tende a comprendere meglio come hanno funzionato e come funzionano attualmente i sistemi di proprietà collettiva ancestrale legati alle comunità di villaggio e a verificare se questi sistemi sono rilevanti per affrontare le attuali questioni ambientali, climatiche, sociali e territoriali.

Natura e identità delle "comunità di villaggio", natura dei "sistemi di proprietà

La forma giuridica di queste entità è molto varia e a volte non qualificata secondo i sistemi tradizionali. Solo in Francia esistono molti sistemi di proprietà collettiva o condivisa con caratteristiche proprie: 1- comuni ereditari in cui la proprietà fondiaria è di proprietà privata del Comune, mentre gli abitanti hanno solo un diritto d'uso. 2- « Bourgeoisies/sociétés » in cui la proprietà fondiaria è privata, ma la gestione è collettiva. 3- le « sections » del Comune, la forma più diffusa, dove la proprietà dei terreni è di proprietà privata con una personalità giuridica di diritto pubblico che raggruppa un numero di abitanti con diritti e proprietà distinti da quelli del Comune.

Questi sistemi di diritto feudale corrispondevano ad un'economia agraria generalmente funzionale per l'autosussistenza (alimentazione in particolare). Questa economia si è progressivamente evoluta per vari motivi interconnessi: cambiamenti in una società sempre meno rurale, lo sviluppo di tecniche di produzione agricola (in particolare la produzione cerealicola) poco adatte alle particolarità dei terreni di montagna, critiche liberali derivanti da dogmi fisiocratici che hanno contestato l'efficienza delle pratiche collettive locali e, naturalmente, dalla Rivoluzione francese e dal Codice civile, la promozione della proprietà individuale come un diritto assoluto. Tuttavia, questi sistemi sono riusciti a sopravvivere nel tempo, il che è sorprendente. Sono ancora molto presenti nelle zone rurali, soprattutto nelle regioni di montagna (Francia, Italia, Svizzera, in particolare).

Azioni, cambiamenti, questioni economiche, sociali e ambientali contemporanee

In un contesto contemporaneo di declino agricolo e di abbandono delle aree montane, diminuzione degli stanziamenti statali a favore dei Comuni, ma anche l'urgente necessità di preservare le risorse naturali e rivitalizzare le zone rurali, è essenziale chiedersi quale ruolo possono svolgere oggi queste comunità nello sviluppo sostenibile dei territori montani ?

Turismo, gestione delle acque, gestione delle foreste, agropastoralismo, servizi alla popolazione..... queste comunità di villaggio sono coinvolte in varia misura nella valorizzazione dei territori montani. Spesso sono anche al centro di conflitti sull'uso e l'appropriazione delle risorse tra soggetti pubblici e privati.

Obiettivi del progetto

Questo invito ha lo scopo di raccogliere i risultati di ricerche nazionali e soprattutto internazionali che rivolte a spiegare perché ci sono ancora molte comunità di villaggio che gestiscono i beni nelle zone montane, in quali forme giuridiche e sociali e secondo quali dinamiche. L’interrogativo è capire come le caratteristiche specifiche degli ambienti e delle società montane hanno reso possibile, quindi mantenere, forme collettive di gestione della proprietà.

Temi di riflessione proposte

Diverse linee di ricerca (non esclusive) possono essere sviluppate:

  • La caratterizzazione di questi sistemi di gestione collettiva. Perché hanno resistito meglio in montagna che altrove (economica, sociale, psicologica, climatica, giuridica, politica, ecc.) ? Quale ruolo giocano l'altitudine o l'asprezza della vita in montagna in questo senso? Identità e mentalità collettiva? Resistenza all'oppressione del potere centrale?

  • Quali sono le regioni montane del mondo in cui sono rappresentate (in particolare sono attese proposte di contributi internazionali)? Quale futuro in un contesto europeo?

  • Qual è la loro storia? Le risorse a loro disposizione (naturali, immobiliari a patrimoniali) sono tipiche della montagna? Quale inventario quantitativo e qualitativo si può fare di questi beni?

  • Analisi critica del potenziale: si tratta di sistemi di proprietà atipici senza futuro o sono di buon auspicio per rinnovare le modalità di gestione sostenibile delle aree montane per quanto riguarda le risorse naturali o i paesaggi, nonché i servizi offerti alle popolazioni indigene o neo-rurali? Quali strategie usano le comunità dei villaggi di montagna per esistere, resistere o sopravvivere? Sono offensivi o difensivi?

  • Il posto che occupano nella gestione e/o nella « governance » dei territori montani: sono chiaramente identificati dagli attori pubblici o dagli stessi abitanti? Quali sono le interrelazioni con le politiche di altri attori (Comuni, intercomunalità, amministrazione dei boschi, parchi, camere di agricoltura, villaggi turistici, associazioni pastorali, ecc.) Quali forme di democrazia propongono? Che posto è riservato alle donne?

Calendario degli eventi

Le proposte di contributi di circa 7000 caratteri (spazi inclusi) devono essere inviate in francese (autori francofoni) o in inglese (autori di altre lingue) entro il 1er gennaio 2020 a gestioncollective.montagne@gmail.com.

Il coordinamento editoriale sara affidato da Jean-François Joye (Université Savoie Mont Blanc), Alessandro Crosetti (Università degli studi di Torino), Anouk Bonnemains (Université Savoie Mont Blanc), Sylvie Duvillard (Université Grenoble Alpes) e Olivier Vallade (Maison des Sciences de l’Homme-Alpes). Gli articoli finali sono attesi per il 1er giugno 2020.

L'articolo deve essere presentato in una delle lingue della rivista: lingue alpine - francese, italiano, tedesco - spagnolo o inglese. L'autore deve provvedere alla traduzione nella seconda lingua dopo la preventiva valutazione di referraggio. Una delle due versioni deve essere in inglese. Se il contributo è proposto inizialmente in inglese, la traduzione deve essere fatta in francese. La pubblicazione è prevista per Marzo 2021.

Bibliographie

Annales Valaisannes, 2011.– Les bisses, économie, société, patrimoine, Actes du colloque international, Sion 2-5 sept 2010, Société d’histoire du Valais romande, pp. 564.

Dodgshon D., 2019.– Farming Communities in the western alps 1500-1914, Springer Nature Switzerland, Switzerland, pp. 175.

Berthier B., 2012.– « Les ambiguïtés institutionnelles de la "grande montagne à Gruyère" traditionnelle dans les hautes vallées savoyardes. Entre propriété collective du sol et exploitation communautaire des troupeaux », in Propriété individuelle et collective dans les États de Savoie, Serre Editeur, pp. 63-110.

Duvillard S., 2010.– « La gestion foncière au cœur du devenir des territoires alpins », Revue de géographie Alpine, 98-2.

Crosetti A., 2006. – « Gli "usi civici" tra passato e presente in una dimensione europea », Quaderni regionali, p. 365.

Mériaudeau R., 1986.– « À qui la terre ? La propriété foncière en Savoie et Haute Savoie », Thèse de Géographie, Université de Grenoble, p. 480.

Michon P., 2019.– Les biens communs. Un modèle alternatif pour habiter nos territoires au XXI siècle, éditions PUR, pp. 307.

Mounet C. et Turquin O., 2014.– « Espaces et acteurs pastoraux : entre pastoralisme(s) et pastoralité(s) », Revue de géographie alpine, 102-2. 

Rambeaud P., 1974.– La montagne, éléments pour une politique, rapport au gouvernement, La Documentation Française, Paris.

Vanuxem S., 2018.– La propriété de la terre, collection « le monde qui vient », Marseille, pp. 103.

Vivier N., 1998.– Propriété collective et identité communale. Les bien communaux en France 1750-1914, Publications de la Sorbonne.

Haut de page

Actualités