Navigation – Plan du site

AccueilNuméros56VariaL’architettura dei Minori nella c...

Varia

L’architettura dei Minori nella custodia napoletana: ricezione e circolazione di motivi oltremontani da San Lorenzo Maggiore in Napoli a San Francesco di Nola (xiii-xiv secc.)

The architecture of the Minori in the Custodia napoletana: The reception and circulation of oltremontani motifs from San Lorenzo Maggiore in Naples to San Francesco di Nola (thirteenth-fourteenth centuries)
Cristiana Di Cerbo
p. 199-216

Résumés

Si au xiiie et xive siècle, dans le Sud de l’Italie, les angevins embauchent souvent des architectes et bâtisseurs français, le système architectural ad modum Franciae ne fut jamais adopté dans ses formules authentiques, mais toujours combiné avec les traditions locales. Cette pratique du bâti donne naissance à un lexique formel hybride, autrement dit à un Gothique de compromis. Cette investigation consacrée à l’architecture franciscaine de la « custodia napoletana » permet toutefois de constater qu’une telle réception se concrétise uniquement dans l’invention et la combinaison des nouveautés techniques et formelles et de leurs caractéristiques stylistiques, mais aussi dans la diffusion d’un canon architectural au fort accent identitaire, partagé à la fois par la monarchie et la baronnie locale.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 La letteratura in merito è sconfinata; si rimanda dunque a: Renate Wagner-Rieger, Die italienische (...)

1Indagare l’architettura francescana della custodia napoletana significa affrontare complessi temi storiografici, strettamente interconnessi e ancora dibattuti: la ricezione del sistema costruttivo gotico nel Mezzogiorno della nostra penisola, l’organizzazione dei cantieri tra Due e Trecento, e, infine, l’edilizia mendicante e il ruolo da essa svolto nel moderato aggiornamento in senso oltremontano del lessico locale, tanto sotto un profilo formale quanto sotto quello strutturale1.

  • 2 Wolfgang Schenkluhn, Architettura degli ordini mendicanti: lo stile architettonico dei Domenicani e (...)

2Un ambito di ricerca vastissimo, dunque, che in questo contributo sarà affrontato secondo una prospettiva metodologica specifica, suggerita di recente dal medievista tedesco Wolfgang Schenkluhn2. Relativamente a contesti territoriali coincidenti con le unità amministrative francescane, appunto le custodie, egli ha proposto lo studio dell’eventuale ricorrenza di tratti architettonici – planimetrie, alzati e anche dettagli ornamentali –, tanto interni quanto esterni all’ordine, sia per verificarne il grado di incidenza e le intersezioni con altri lessici e canoni, sia per puntualizzarne il carattere ‘ideativo’ o‘ricettivo’, cioè quando e come i Francescani si appropriarono di moduli ‘altri’ per declinarli in un linguaggio espressivo identitario.

  • 3 Arnaldo Venditti, «Urbanistica e Architettura angioina», in Ernesto Pontieri (dir.), Storia di Napo (...)

3In merito al contesto feudale del Meridione, tuttavia, per indicizzare una morfologia ricorrente come risultato di autonome scelte delle comunità religiose, carattere prioritario ha l’analisi contestuale non solo della relazione devozionale ed economica intercorsa tra i Francescani e il baronato, ma anche di quella culturale che, a loro volta, i vertici politici locali seppero intessere con la corte angioina3. In questa linea di pensiero, la custodia napoletana tra l’ultimo quarto del Duecento e i primi decenni del Trecento si presenta come un ottimo caso di studio, poiché sintetizza, da un lato, tutte le problematiche insite nel complesso dialogo che la penisola intrecciò con l’Oltralpe, e, dall’altro, enuclea il dinamico equilibrio sorto nel tardomedioevo angioino tra la committenza laica (tanto regia quanto baronale) e le comunità religiose, alla base, come si vedrà, di una fruttuosa circolazione di modelli.

La Custodia napoletana

  • 4 Giovanni Vitolo, «Progettualità e territorio nel regno svevo di Sicilia: il ruolo di Napoli», Studi (...)
  • 5 Giovanni Miccoli, La storia religiosa, in Storia d’Italia, 2*: Dalla caduta dell’impero Romano al s (...)

4La penetrazione degli Ordini mendicanti nel Mezzogiorno d’Italia, già in corso nei maggiori centri cittadini durante l’età federiciana visse una forte accelerazione durante l’età angioina, raggiungendo una significativa presenza nel territorio già nell’ultimo quarto del Duecento: la loro naturale vocazione alla cura animarum, difatti, gli permise di conquistare un ruolo chiave nell’ampio e diversificato disegno monarchico di controllo del territorio, attuato attraverso un’accorta strategia di pacificazione tra gli strati sociali4. Questo accadde anche perché un rilievo sempre maggiore assunse il tema delle opere di carità, intese non come elemosina, ma come beneficenza: non si trattò più, quindi, di un dovere «tradizionale dei ricchi verso i poveri ma di una vera e propria assistenza organizzata che laici singoli, ospedalieri e confraternite locali assumono come compito (…) specifico in questo periodo»5, divenendo, così, un fattore di razionalizzazione e di disciplinamento della vita associata.

  • 6 Cfr. nota 3; in merito all’intreccio tra arte, politica e culto, si vedano anche Gaetano Curzi, San (...)

5In tale contesto di spiritualità rinnovata, gli arricchimenti architettonici e, più in generale, urbanistici condotti nel Regno tra Due e Trecento – regi e dell’alto patriziato – ebbero come oggetto di intervento proprio le fondazioni mendicanti, pensate come veicolo di una solida comunicazione visiva fortemente ideologizzata e propagandistica6.

  • 7 F. Cecchini, s.v. «Paolino Veneto», in Angiola Maria Romanini (dir.), Enciclopedia dell’arte … op.  (...)
  • 8 Lucas WADDING, IX: 1377-1417 (1932), p. 209-10. Aversa ospitava una delle sedi della corte angioina (...)
  • 9 Luigi Pellegrini, «Territorio e città nella dinamica insediativa degli Ordini mendicanti in Campani (...)

6Per quanto riguarda la Terra di Lavoro, la diffusione minorita ebbe inizio nel xiii secolo, quando con questa denominazione si designò una provincia autonoma inserita all’interno di una più vasta articolazione del Meridione continentale: la Pennese – Abruzzo –, la Terra di Lavoro – che a nord-est coincideva all’incirca con l’Appennino campano, includendo poi a occidente i monti Aurunci, Fondi e Terracina e, a sud-est, parte della Lucania –, la Provincia di Sant’Angelo – Capitanata e Molise –, l’Apulia e, infine, la Calabria. Già alla metà del xiii secolo, però, il consistente numero di insediamenti portò i Francescani a parcellizzare ulteriormente il territorio, da allora diviso anche in custodie, la cui composizione è riferita da un documento d’eccezione: il Provincialis Ordinis Fratrum Minorum Vetustissimus, composto tra il 1330 e il 1340 da fra Paolino da Venezia7. In merito alla custodia napoletana, il minorita non manca di elencare tutte le sedi (erette, presumibilmente tra la seconda metà del Duecento e i primi decenni del secolo successivo), cominciando da quelle di fondazione dinastica nella capitale del Regno – San Lorenzo Maggiore, Santa Chiara, Santa Maria La Nova, Santa Maria Donnaregina, Santa Maria Maddalena e Santa Maria Egiziaca –, per proseguire con quelle baronali di Capua, Aversa, Teano, Sessa, Mignano, Maddaloni, Carinola e, infine, Nola8. Dal testo si apprende che la custodia napoletana si estendeva dal golfo di Napoli alla foce del Garigliano con l’insediamento di Sessa Aurunca, e segnava con Maddaloni, Teano e Mignano il confine con la custodia del contado di Molise e con quella Beneventana, la più periferica9.

7In merito al ramo maschile dell’ordine, il convento più prestigioso era senz’altro quello di San Lorenzo Maggiore a Napoli, sede, fin dalla metà del xiii secolo, di un importante studium.

  • 10 I Minori giunsero a Napoli nel 1234, insediandosi in una fabbrica del VI secolo di proprietà del ca (...)
  • 11 Si tratta, quindi, di uno dei rarissimi casi italiani di ricezione del coro con ambulatorio e cappe (...)

8Di ambigua e ancora dibattuta committenza regia, la fabbrica raggiunse la veste attuale tra gli anni di regno di Carlo I d’Angiò (1268-1285) e quelli di Roberto il Saggio (1309-1343), con decisivi interventi, in particolar modo nella navata, al tempo di Carlo II (1285-1309)10 (fig. 1). Essa è caratterizzata dall’innesto, per mezzo di un alto transetto, di un coro gotico da cattedrale su un corpo longitudinale mononavato e fiancheggiato da cappelle quadrangolari, contenute in spessore di muro11. Sotto il profilo tettonico, mentre il santuario è dotato della copertura voltata su base pentagonale (cappelle), quadrangola (corridoio e campata antistante l’altare) e, infine, a ombrello (zona dell’altare), nel corpo trasverso e nella navata corrono capriate a vista, a eccezione dei vani laterali, invece con crociere quadripartite.

  • 12 Caroline Astrid Bruzelius, «Ad modum Franciae: Charles of Anjou and Gotich architecture in the King (...)

9In virtù della sua lunga gestazione, San Lorenzo sintetizza i temi architettonici affrontati dall’edilizia dei primi angioini, attestando l’ideazione e la circolazione nel Regno di un lessico costruttivo e formale per lo più conservatore, sorto per ricezione del sistema linguistico oltremontano – sia icnografico sia ornamentale – e sua intersezione con il canone locale. Un gusto, dunque, non schiettamente gotico, ma goticheggiante e citazionistico, evidente soprattutto nella standardizzata scultura architettonica e certamente dovuto anche a una specifica organizzazione dei cantieri nella prima età angioina. È ormai noto, infatti, come soprattutto con Carlo I fosse affidata a francesi – spesso direttamente ingaggiati dal sovrano – non solo l’amministrazione dei fondi necessari alla realizzazione delle fabbriche, ma anche la guida del cantiere (supervisores), unitamente all’esecuzione delle parti di dettaglio ornamentale più prestigiose (incisores e scalpellini specializzati), quali le basi dei pilastri, i capitelli o, infine, le imposte delle volte costolonate e le tracery12. In tale organizzazione del lavoro il ruolo delle maestranze locali era marginale e non specializzato, limitato all’innalzamento delle pareti d’ambito, cioè delle porzioni periferiche degli impianti, oppure alla realizzazione di un ornato eseguito espressamente ad modum Franciae. Nella chiesa napoletana, in questa prospettiva di franca imitazione, lo scarto rilevato da larga parte della critica tra il connotato fedelmente rayonnant della planimetria – derivato da Royaumount – e la lezione attardata tanto del sistema di sostegno quanto della scultura architettonica, sarebbe testimonianza, infatti, proprio di un tale affannoso addestramento.

10Al di là di queste considerazioni, cui sarebbe necessario dedicare un contributo a parte, il vocabolario ‘goticistico’ laurenziano completa, tuttavia, un organismo architettonico a tratti non solo lessicalmente gotico anche in elevato – secondo un’accezione culturale che si specificherà meglio più avanti –, ma capace anche di comporre una griglia interpretativa utile alla lettura della circolazione e della ricezione (o rifiuto) dei canoni semantici e costruttivi oltremontani all’interno della custodia in esame.

11In merito al tema della relazione parete/apertura, i vani radiali del coro laurenziano, aperti da monofore dotate di una raffinata tracery (lancetta trilobata sormontata all’apice da un trifoglio), sviluppano, infatti, la dialettica connessione tra il pieno e il vuoto ricorrendo al motivo gotico della calibrata e ridondante modulazione del muro: raffinati ed esili elementi tubolari disposti a fascio e inseriti in profonde sgusciature, ognuno dotato di un proprio capitello, articolano e risolvono il necessario raccordo tra i piani ortogonali, sciogliendolo nelle ondulazioni chiaroscurali (fig. 2). Gli elementi muovono fluidi e fusi, interpretando lo stipite come il nodo nel quale si concreta la dissoluzione della parete e, al contempo, si ribadisce lo scheletro strutturale del vano: dai pilastri di sostegno di ingresso a ogni cappella, il ricamo dei capitelli attraversa gli spicchi dei vani pentagonali e le loro aperture come una sottile trama, recependo e riproponendo fedelmente la lezione gotica della parete articolata, i cui elementi costituivi non sono semplicemente affiancati o giustapposti, ma intimamente interconnessi.

  • 13 Lorenzo Fiocca, «La chiesa di Santa Maria della Vittoria presso Scurcola e gli scavi eseguiti per l (...)

12Prescindendo in questa sede dalla resa della flora, indubbiamente molto generica e standardizzata, ci si concentri, invece, sulle fasce capitellari, quindi su quell’andamento mistilineo giocato sul poliedro di base dei capitelli che genera un movimento quasi stellare. Un dettaglio non irrilevante, questo, poiché, a ben vedere, marca un’inequivocabile distanza tra il cantiere laurenziano e le opere degli anni settanta del xiii secolo patrocinate dal primo sovrano angioino (Realvalle e Santa Maria della Vittoria13), individuando per Napoli un differente percorso, cioè una differente genesi.

  • 14 Robert Branner, St. Luis and the Court Style in Gotich Architetcture, London, A. Zwemmer, 1965; Die (...)

13Riagganciandosi pure alle grandi cattedrali gotiche oltremontane, tale pattern declina in termini corsivi un disegno ampiamente divulgato dal secondo decennio del xiii in avanti in Francia, impiegato per la prima volta a Saint-Denis in occasione del suo rifacimento e poi filtrato perfino nelle committenze più austere dei sovrani Capetingi, quali Royaumont, Maubuisson e Le Lys14. Un tratto, questo, di certo a Napoli meno pulito ed elegante, ma ugualmente orientato a evidenziare la parete in termini di sporgenza nel punto strutturale in cui si coagulano le molteplici, e correlate, tensioni statiche del vano.

  • 15 Per lo ‘stile severo’ di Luigi IX, cfr. Robert Branner, St. Luis and the Court Style … op. cit.;Car (...)
  • 16 Già Marina Righetti Tosti-Croce ha parlato di “evocazione familare”, cfr. Marina Righetti Tosti-Cro (...)

14Proseguendo in questa linea di pensiero ma sintetizzando all’estremo per ovvie ragioni di spazio, quanto la committenza di Bianca di Castiglia e di suo figlio Luigi IX – quella successiva, però, agli anni quaranta del Duecento15 – abbia costituito un referente non solo per Realvalle e Scurcola Mariscana16 ma anche per l’elevato del cantiere laurenziano, lo si percepisce nell’articolazione del coro alto, dove la ridondanza propria delle cappelle radiali, asciugandosi, si fa scenografico spazio figurale, attingendo a larghe mani, da una parte, alle idealità francescane e, dall’altra, alla tradizione costruttiva locale (fig. 3).

15Come, difatti, a Royaumont (ma anche a Moubuisson e Le Lys) l’arricchimento del lessico austero della parete e, in particolare, del santuario, era affidato (e confinato) alle ampie aperture prive di modanature, così a Napoli la tracery, raffinata senza essere complessa nel motivo di base, si colloca all’interno di una concezione di piani ugualmente nitida e pulita, nella quale il raccordo con la superficie muraria ricorre a un altro importante tema costruttivo ed estetico: quello dello stipite sgusciato ma liscio.

16Ecco, dunque, che la profondità della parete è declinata nel concetto della ‘smussatura’, di quel taglio delle intersezioni, cioè, scarnificato e diagonale, che, presente anche nelle tre citate committenze capetingie, è parso alla critica del tutto emblematico di un approccio severo e ridotto al lessico architettonico gotico.

  • 17 Per Kimpel e Suckale, si veda nota 14; per la concezione ‘drammatica’ e ‘scenografica’ del coro fra (...)

17Ripercorrendo, allora, il pensiero di Kimpel e di Suckale, è l’architettura che adatta lo stile all’occorrenza (cioè il decoro alla fruizione, in questo caso, francescana), ben intrecciandosi in questo con il tema del coro mendicante, scenografico pur nell’essenzialità e già molto esplorato dall’edilizia gotica tanto peninsulare quanto europea17.

18Accenti ancora squisitamente rayonnant, seppure al di sotto di una patina di austerità, pervadono a ben vedere anche le cappelle quadrangole che fiancheggiano il corpo longitudinale, la cui testata è aperta da una bifora con lancette trilobate, sormontate da un oculo con quadrifoglio interno disposto a ‘x’ (fig. 4).

19Qui, pur recuperando il motivo dei pilastrini tubolari in profonde sgusciature, felicemente esplorato nei vani radiali del santuario, è evidente l’intenzione alla semplificazione che, tuttavia, non ne riduce il valore semantico e retorico. Alla già commentata esuberanza formale e ornamentale della fascia capitellare del coro si sostituiscono, difatti, pilastrini nudi che muovono sciolti, cioè individuati singolarmente, e il raccordo con la superficie parietale avviene grazie alla sgusciatura retrostante, diagonale al piano murario: è l’accentazione rayonnant della semplicità di Royaumont, che arricchisce il piano ribadendo il decoro.

20Ma la rimeditazione del modulo oltremontano e dinastico investe la fabbrica anche in quelli che sono i suoi dettagli più minuti, rivelando, se non la presenza di artefici forestieri, certamente la circolazione di ricchi repertori.

  • 18 Marina Righetti Tosti-Croce, «Echi di Rayonnant …», op. cit.

21Il canone di ispirazione francofona, difatti, si precisa nella lavorazione delle basi, elaborate nella chiesa secondo almeno due lezioni differenti: il poliedro troncopiramidale a base ottagonale e facce, per lo più, lisce, sormontato da un corpo analogo più stretto e concluso da un toro non sporgente (sistema di sostegno del coro, (fig. 5), evidentemente recepito dall’abbazia di Royaumont; e un semiottagono, questa volta dalle specchiature lisce, connesso da una profonda sgusciatura a un prisma più stretto e sormontato da un sottile anello torico decisamente sporgente (cappelle radiali e della navata, fig. 4)18.

  • 19 Cfr. n. 10.
  • 20 Émile Bertaux, «Le tombeau d’une Reine de France à Cosenza», Gazette des Beaux-Arts, 19 (1898), p.  (...)

22Quest’ultimo disegno in particolare marca la cifra schiettamente rayonnant del cantiere laurenziano più di quanto la critica abbia sinora rilevato, poiché, muovendo in parallelo al rinvenuto stipite di una porta della chiesa di Santa Maria della Vittoria a Scurcola Marsicana (Carlo I, anni settanta del Duecento19) e, quindi, alla genealogia italiana riconosciuta dalla critica per quest’ultimo (monumento funebre di Isabella d’Aragona, 1271), si pone inequivocabilmente in linea di continuità con il triforio e il sistema di sostegno della cattedrale di Amiens, ossia con il più puro Gotico rayonnant20.

  • 21 Ivi.

23Tali ‘echi’ – riprendendo un’espressione di Marina Righetti21 – dovettero giungere a San Lorenzo secondo modelli precisi e più autenticamente forestieri, poi scivolati, come si vedrà, nella mera imitazione.

  • 22 Eugène Emmanuel Viollet-Le-Duc, Dictionnaire raisonné de l’architecture française du xie au xvie si (...)

24Il motivo dello slanciato plinto ottagonale, come spiegato da Viollet-le-Duc22, difatti, costituì la risposta all’esigenza di evitare che i pilastrini dei trifori ‘affogassero’ nell’elevato complessivo e, a Napoli, la base di Amiens ricorre solo nelle tracery, al contrario di quella divulgata da Royaumont, che si ritrova, invece, nel sistema di sostegno. Tuttavia, mentre il modulo franco-cistercense caratterizzò l’edilizia napoletana dei decenni successivi (Sant’Agrippino a Forcella, duomo, Santa Barbara e San Pietro a Maiella, ma anche Santa Chiara, Santa Maria Donnaregina e San Domenico), quello più marcatamente cattedralizio, sparì, mancando, molto significativamente, anche nei centri baronali.

25Nei feudi all’interno dei quali si articolava la custodia francescana, difatti, si fissò la prima versione, evidentemente di più facile esecuzione, abbinata a una concezione dell’architettura che del grande cantiere laurenziano recepì il complesso equilibrio tra ricercatezza formale e austerità lessicale, in forme, tuttavia, goticizzate.

  • 23 Per San Francesco di Cortona, in particolare per quanto attiene alla tensione verso una spazialità (...)

26Sotto il profilo icnografico, gli edifici sono accomunati dall’impiego di un modulo semplificato e severo, probabile flessione della lezione offerta dal toscano San Francesco di Cortona (1245 ca): corpo longitudinale mononavato che si innesta su una cappella del coro a terminazione rettilinea. Una formula del tutto seriale che, rifiutando la complessità planimetrica del santuario di San Lorenzo – all’opposto di quanto avvenuto nell’area emiliano-veneta, dove San Francesco di Bologna fu assunto a prototipo da fabbriche come il Santo di Padova e San Francesco di Piacenza per l’impiego di coro con deambulatorio e cappelle radiali –, partecipa, invece, di una pratica costruttiva minorita propria anche di altre zone della Campania, quale, ad esempio, il principato salernitano, individuando, così, una ricorrenza, o, più specificamente, una predilezione dell’ordine in tale porzione della penisola23.

  • 24 In questo simile ad alcuni casi dell’edilizia regia, quali la chiesa conventuale clariana di Santa (...)
  • 25 Ernesto Rascato, Presenza francescana conventuale in Aversa: fede, storia, arte, Aversa, Frati mino (...)

27In questo concetto di architettura, che riduce l’edificio a ‘involucro’ sintetico, rigido e concepito per accorpamento di volumi semplici e quadrangolari24, non solo non si rinuncia alla parete come sottile delimitazione fisica dell’impaginato, ma, anzi, la si ribadisce con le ridotte dimensioni delle finestre. In altre parole, il tema laurenziano che la custodia seppe (e volle) recepire fu proprio quel tratto che, come qui si è accennato, lega la fabbrica napoletana a Royaumont e alla Valle dell’Oise, in Francia: la declinazione gotica dell’austerità, ossia la ricercatezza ottenuta per lavorazione delle sole aperture. In questa prospettiva di analisi, Sant’Antonio di Aversa si presenta come un esempio degno di nota (fig. 6). Secondo la critica, la chiesa conventuale sorse nella prima metà del Duecento su una preesistente fabbrica intitolata a Sant’Antonio abate che, nel 1232, per effetto della canonizzazione del discepolo di Francesco, ne assunse la dedica25. La cappella quadrangola del coro è impreziosita unicamente da una trifora al centro della testata, che declina il gotico oltremontano secondo il filtro offerto non dalle cappelle radiali laurenziane, bensì da quelle, semplificate, dei fianchi della navata.

  • 26 Caroline Astrid Bruzelius, The Stones of Naples ...op. cit., (e bibliografia), p. 176-178.

28Pur risolvendo, infatti, la connessione parete/apertura con il calibrato uso di modanature e listelli in sgusciature che imprimono al muro un movimento ondulato, vi si rifiuta il principio della parete ‘articolata’: i capitellini, posti tutti sul medesimo piano, rivestono le profonde sgusciature retrostanti, senza, tuttavia, comporre un movimento continuo e intrecciato che coniughi il traforo alla parete. Non dunque smaterializzazione del muro, ma ornato, secondo quella medesima e rigida linea espressa a Napoli nel corpo longitudinale di San Lorenzo e che si rinviene anche nel principato salernitano, ossia in San Francesco di Eboli26 (1292 per il coro). Questo ricco decoro trova un suo complemento sia nella decorazione pittorica sia nella redazione delle basi della tracery, ancora parzialmente leggibili, dove la discendenza dal polifonico cantiere francescano di San Lorenzo è manifesta nell’adozione di uno specifico modulo rayonnant e cistercense, quello fissato dall’abbazia di Royaumont. Ad Aversa, tuttavia, esso è interpretato secondo un gusto piuttosto rigido e decontestualizzato, poiché applica a un’apertura una declinazione, invece, del sistema di sostegno.

29Pare di potersi assumere, dunque, che le maestranze attive nel territorio furono addestrate ai raffinati motivi oltremontani, ma, a differenza di quelle all’opera in San Lorenzo, ne persero la nozione strutturale all’interno della complessiva economia dell’alzato: un goticismo e una franca banalizzazione del lessico forestiero che si limita ad accentare in senso rayonnant le architetture francescane della custodia. In altre parole, mentre San Lorenzo è in dialogo diretto con il sistema gotico oltremontano, seppure poi calato all’interno di esigenze figurali e semantiche differenti, le fondazioni minorite dislocate nei feudi lo recepirono per via indiretta e filtrata dall’edilizia regia (anche a destinazione ecclesiastica) quale un dominante modulo ‘esterno’.

  • 27 Arminio De Monaco, Teano. Chiese e conventi, Teano, Tipografia D’Amico, 1965.
  • 28 Caroline Astrid Bruzelius, The Stones of Naples ...op. cit., (e bibliografia).

30San Francesco a Teano conferma quanto detto, evidenziando come l’impaginato transalpino fosse accolto come mero disegno da imitare27 (fig. 7). I sostegni dell’arco trionfale e quelli angolari della crociera del santuario, oggi in larga parte nascosti dall’involucro della rivisitazione seicentesca, sorgono da un prisma slanciato con alla sommità un disegno a mezzaluna, sormontato da due piatti dischi torici non sporgenti: è la lezione, volgarizzata, del triforio di Notre-Dame di Parigi, evidentemente nota al Meridione e scivolata, in questo caso, dalla dimensione semi-ornamentale a quella strutturale. Come per Aversa, il referente culturale coincise non solo con la fabbrica laurenziana, ma, più in generale, con i grandi cantieri della capitale del Regno (dalla cattedrale a San Pietro a Maiella, quest’ultima fondata da Giovanni Pipino di Barletta28), di cui si recepì, citandolo, un mero tratto ornamentale, cioè la mezzaluna. Essa, infatti, del tutto assente in Francia, identifica una lezione autenticamente meridionale e regia, poi divulgatasi anche nelle terre feudali.

31I centri minori, dunque, assunsero l’architettura dinastica e napoletana a proprio referente, ma quali furono i protagonisti di questo processo, le comunità religiose o, invece, i feudatari?

32Un’analoga accentazione rayonnant, di schietto sapore locale, si rinviene anche nella Nola degli Orsini all’interno della chiesa di San Francesco d’Assisi (oggi nota con l’intitolazione a San Biagio dei Librai), i cui tratti architettonici, tanto in pianta quanto in alzato, offrono interessanti spunti di riflessione (figg. 8, 9).

  • 29 Cfr. Cristiana Di Cerbo, «La Nola degli Orsini tra xiii e xiv secolo...», op. cit., p. 1-28.
  • 30 Per Sant’Agrippino a Forcella, convento basiliano poi rimaneggiato sotto Carlo I, cfr. Caroline Ast (...)
  • 31 Cfr. Serena Romano, Nicolas Bock (dir.), Il Duomo di Napoli dal paleocristiano all’età angioina, At (...)
  • 32 Beat Brenk, «Committenza e retorica», in Enrico Castelnuovo e Giuseppe Sergi (dir.), Arti e storia (...)

33Il convento sorse su committenza del baronato, tra l’ultimo decennio del Duecento e gli anni venti del secolo successivo, nell’ambito di un ampio progetto di renovatio urbis avviato dalla casata palatina all’indomani della sua infeudazione e volto a rendere manifesta, anche in termini urbanistici, la piena condivisione delle idealità monarchiche29. Organizzato su una planimetria ridotta – corpo longitudinale mononavato che si innesta su un santuario a unica cappella –, esso presenta una particolarità degna di nota, che precisa come, alla stregua dell’uso propagandistico che di tutte le arti fecero gli Angiò fin dal loro ingresso nel Meridione, anche a Nola l’architettura sia stata investita di un ruolo prioritario nell’ambito di una politica visuale di autorappresentazione e autocelebrazione, nutrita di un forte sentimento retorico. Distaccandosi dalla qui riconosciuta pratica costruttiva francescana, la cappella del coro nolana presenta, difatti, una terminazione a 5/8, rivestendosi così, anche strutturalmente (volta a ombrello con, all’esterno, contrafforti verticali negli spigoli), di una patina ‘moderna’ e ‘regia’: il modello al quale si fece ricorso, difatti, non coincise affatto con quello ricorrente nella custodia – che prediligeva, lo si è visto, la terminazione piatta –, ma con quell’architettura napoletana di committenza (anche) dinastica – Sant’Eligio, San Domenico Maggiore, Sant’Agrippino a Forcella30 e cattedrale – che aveva introdotto nel Regno la soluzione poligonale con all’esterno un sistema di contraffortatura verticale, aggiornando così il lessico costruttivo locale31. A tale connotato planimetrico corrisponde nell’alzato della chiesa nolana un analogo tono citazionistico: anche la lavorazione degli stipiti delle monofore che aprono tre spicchi del santuario si rifà, infatti, all’aggiornamento culturale provocato dalle committenze dinastiche, poiché vi compaiono esili modanature impostate su basi analoghe a quelle di San Lorenzo e di Teano. Queste, tuttavia, sono caratterizzate da un lessico corsivo e banalizzante nel motivo troncopiramidale rovesciato che le stacca parzialmente dal davanzale (fig. 10). Con tali apposti goticheggianti – riprendendo le parole di Beat Brenk32 –, che declinarono l’innovazione nei termini di un elemento, tuttavia, incapace di apportare alcunche sotto il profilo contenutistico, si chiarifica il compito loro affidato dalla committenza: quello di sintetizzare, cioè, non una concezione estetica francescana, bensì un sentimento retorico del tutto baronale. In una nozione di spazio, la cui intima semplicità, da un lato, soddisfaceva a pieno la cultura formale e figurale minorita, dall’altro, assurgeva a significante ideologico, a Nola il dettaglio rayonnant della pianta e della scultura architettonica era funzionale a sintetizzare e proiettare la sola identità del barone committente, cioè il suo essere un nobile di corte. In questa linea di pensiero non importava che fosse un ‘Gotico d’Oltralpe’ solo balbettato e – se così si può dire – deforme, quindi travisato e snaturalizzato: era il mezzo attraverso il quale la corte angioina, intesa non solo come dinastia ma anche come entourage, si autorappresentava e nel quale si riconosceva.

Conclusioni

34Provando, dunque, a rispondere ai quesiti posti in apertura, l’assimilazione del linguaggio gotico oltremontano pare essere avvenuta nella custodia napoletana secondo due modalità, di fatto interconnesse: una riduttiva, nella quale si espresse sia la generale resistenza della penisola a introdurre il sistema edilizio francofono nella sua originalità e autenticità, sia la compatibilità dell’estetica francescana con uno specifico tipo di Gotico, di fatto molto prossimo a quella declinazione austera che ne formulò la stessa corona capetingia in Francia; e una ideologica e identitaria, ideata dalla dinastia angioina e subito recepita dalla committenza baronale come un idioma condiviso. In altre parole, sotto il profilo meramente icnografico si condivise una soluzione austera e semplificata (corpo longitudinale mononavato e a unica cappella), ideata dall’ordine e capace, per questo, di coagularne figurativamente le tensioni spirituale e devozionale; tale connotato architettonico, attraverso il medium dei grandi cantieri minoriti di committenza regia, si sposò, arricchendosi, a quegli accenti rayonnant di matrice oltremontana, che, vivacizzando il paesaggio artistico locale, vi avevano determinato un aggiornamento senza dubbio tiepido sotto il profilo formale, progettuale e tecnico, ma dirompente sotto quello ideologico. Di tale intersezione si legge traccia, in particolare, negli alzati del coro delle fabbriche francescane, dove individua un’alterità più o meno manifesta: lungi dal riferire di una maturazione stilistica dell’ordine, essa testimonia, invece, la declinazione retorica della relazione culturale e politica che il baronato locale – e, con esso, le comunità religiose – intrecciò con l’autorità monarchica.

35Nella complessiva composizione formale degli edifici, infine, un certo peso ebbero senza dubbio anche le maestranze ingaggiate. Per le fabbriche esaminate, difatti, non sarebbe appropriato parlare di un gusto ‘attardato’, legato, quindi, alla perpetuazione di una solida e raffinata tradizione costruttiva a discapito della ricezione degli stilemi moderni, bensì di costruttori che, pur con l’aspirazione a emulare i pregevoli esempi architettonici della capitale del Regno, vi agirono manifestando tutta la loro difficoltà a recepire l’innovazione e a sviluppare nuove competenze, perfino nei termini di puro artigianato.

Haut de page

Annexe

Fig. 1 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, planimetria (da Cadei 1984, fig. 3)

Fig. 1 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, planimetria (da Cadei 1984, fig. 3)

Droits réservés.

Fig. 2 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, cappella del coro, particolare

Fig. 2 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, cappella del coro, particolare

(foto dell’autore) Droits réservés.

Fig. 3 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, coro

Fig. 3 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, coro

(foto dell’autore) Droits réservés.

Fig. 4 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, corpo longitudinale, cappella, particolare

Fig. 4 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, corpo longitudinale, cappella, particolare

(foto dell’autore) Droits réservés.

Fig. 5 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, corpo longitudinale, cappella, particolare

Fig. 5 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, corpo longitudinale, cappella, particolare

(foto dell’autore) Droits réservés.

Fig. 6 - Aversa, Sant’Antonio da Padova, cappella del coro, tracery

Fig. 6 - Aversa, Sant’Antonio da Padova, cappella del coro, tracery

(foto dell’autore) Droits réservés.

Fig. 7 - Teano, San Francesco, cappella del coro, pilastro di imposta della volta, particolare

Fig. 7 - Teano, San Francesco, cappella del coro, pilastro di imposta della volta, particolare

(foto dell’autore) Droits réservés.

Fig. 8 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), veduta della cappella del coro

Fig. 8 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), veduta della cappella del coro

(foto dell’autore) Droits réservés.

Fig. 9 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), cappella del coro, particolare

Fig. 9 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), cappella del coro, particolare

(foto dell’autore) Droits réservés.

Fig. 10 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), cappella del coro, particolare

Fig. 10 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), cappella del coro, particolare

(foto dell’autore) Droits réservés.

Haut de page

Notes

1 La letteratura in merito è sconfinata; si rimanda dunque a: Renate Wagner-Rieger, Die italienische Baukunst zu Beginn der Gotik, 2 vols., Graz-Köln, H. Böhlau, 1956-1957; Angiola Maria Romanini, L’architettura gotica in Lombardia, 2 voll., Milano, Ceschina, 1964; Luis Grodecki, L’architettura gotica, Milano, Electa, 1978; Angiola Maria Romanini, «L’architettura degli Ordini mendicanti: nuove prospettive di interpretazione», Storia della città, 9 (1978), p. 5-15; Antonio Cadei, «Si può scrivere una storia dell’architettura mendicante? Appunti per l’area padano-veneta», in Comitato manifestazioni Tomaso da Modena, Tomaso da Modena e il suo tempo, Atti del Convegno Internazionale di studi per il 6° centenario della morte (Treviso, 31 agosto - 3 settembre 1979), Treviso. s.n., 1980, p. 337-62; Angiola Maria Romanini, «L’architettura dei primi insediamenti francescani», Storia della città, 26/27 (1983), p. 9-14; Antonio Cadei, «Architettura mendicante: il problema di una definizione tipologica», Storia della città, 26/27 (1983), p. 21-32; Ignazio Baldelli, Angiola Maria Romanini (dir.), Francesco, il francescanesimo e la cultura delle nuova Europa, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1986; Dieter Kimpel, Antonio Cadei, s.v. «Architettura. Secoli xiii e xiv», in Angiola Maria Romanini (dir.), Enciclopedia dell’arte medievale, 12 vols., Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1991-2002, II (1991), p. 320-344; Marvin Trachtenberg, «Gothic/Italian “Gothic”: Toward a Redefinition», Journal of the Society of Architectural Historians, 50 (1991), p. 22-37; Antonio Cadei, «Secundum loci conditionem et morem patriae», Quaderni dell’istituto di storia dell’architettura, n.s., fascicoli 15-20, Roma 1992, p. 135-42; Caroline Astrid Bruzelius, «Il Gran Rifiuto: French Gothic in Central and Southern Italy in the Last Quarter of the Thirtheenth Century», in Georgia Clarke, Paul Crossley (dir.), Architecture and Language. Constructing identity in European Architecture, Cambridge, Cambridge University Press, 2000, p. 36-45; Ead., «Charles of Anjou and the religious architecture of the French in Italy. Some preliminary observations on the labour force», in Max Seidel (dir.), L’Europa e l’arte italiana, Convegno internazionale (Kunsthistorisches in Florenz, 22-27 settembre 1997), Venezia, Marsilio Editore, 2000, p. 94-107, Ead., The Stones of Naples. Church building in Angevin Italy 1266-1343, New Haven and London, Yale University Press, 2004 (e bibliografia); Corrado Bozzoni, «Centoventi anni di studi sull’architettura degli Ordini mendicanti», in Vittorio Franchetti Pardo (dir.), Arnolfo di Cambio e la sua epoca. Costruire, scolpire, dipingere, decorare, Atti del Convegno internazionale di studi (Firenze, Colle Val d’Elsa, 7-10 marzo 2006), Roma, Viella, 2006, p. 47-54; Caroline Astrid Bruzelius, «A rose by another name: the ‘not Gothic enough’ architecture of Italy», in Matthew M. Reeve (dir. ), Reading gothic architecture, Turnhout, Brepols, 2008, p. 93-109; Ead., Preaching, Building, and Burying. Friars in the medieval city, New Haven and London, Yale University Press, 2014 (e bibliografia).

2 Wolfgang Schenkluhn, Architettura degli ordini mendicanti: lo stile architettonico dei Domenicani e dei Francescani in Europa, Padova, EFR- editrici francescane, 2003.

3 Arnaldo Venditti, «Urbanistica e Architettura angioina», in Ernesto Pontieri (dir.), Storia di Napoli, 11 vols, Napoli, Società editrice Storia di Napoli, III (1969), p. 665-888; Renate Wagner Rieger, «S. Lorenzo Maggiore – Il coro», Napoli Nobilissima, 1 (1961), p. 1-7; Caroline Astrid Bruzelius, «Hearing is believing: Clarissan architecture, ca. 1213-1340», Gesta, 31/2 (1992), p. 83-91; EAD., «Il coro di San Lorenzo Maggiore e la ricezione dell’arte gotica nella Napoli angioina», in Valentino Pace, Martina Bagnoli (dir.), Il Gotico europeo in Italia, Napoli, Electa, 1994, p. 265-277; EAD., «Queen Sancia of Mallorca and the Convent Church of Sta. Chiara in Naples», Memoirs of the American Academy in Rome, 40 (1995), p. 69-100; Mario Gaglione, Nuovi studi sulla basilica di Santa Chiara in Napoli, Napoli, Arte Tipografica, 1996; Caroline Astrid Bruzelius, «Columpnas marmoreas et lapides antiquarum ecclesiarum: the use of spolia in the churches of Charles II of Anjou», in Antonio Cadei et alii (dir.), Arte d’Occidente: temi e metodi. Studi in onore di Angiola Maria Romanini, 3 vols., Roma, Edizioni Sintesi Informazioni, 1999, I, p. 187-195; EAD., «Il Gran rifiuto: French Gothic in Central and Southern Italy in the Last Quarter of the Thirtheenth Century», in Georgia Clarke, Paul Crossley (dir.), Architecture and Language. Constructing Identity in European Architecture c. 1000-c. 1650, Cambridge, Cambridge University Press, 2000, p. 36-49; EAD., «Ad Modum Franciae: Charles of Anjou and Gothic Architecture in the Kingdom of Sicily», Journal of the Society of Architectural Historians, 50 (1991), p. 402-442; EAD., «Les villes, les fortifications et les églises dans le royaume de Sicile pendant la primière phase angevine», in L’Europe des Anjou. Aventure des princes angevins du xiiie au xve siècle, Paris, Somogy Editions d’Art, 2001, p. 48-65; EAD., «Ipotesi e proposte sulla costruzione del duomo di Napoli, in Il Duomo di Napoli dal Paleocristiano all’età angioina», in Serena Romano, Nicolas Bock (dir.), atti della I giornata di studi su Napoli (Losanna, 23 novembre 2000), Napoli, Electa Napoli, 2002, p. 119-131; Mario Gaglione, «Due fondazioni angioine a Napoli: Santa Chiara e Santa Croce di Palazzo», Campania Sacra, 23 (2002), p. 71-75; Rosalba Di Meglio, Il convento francescano di San Lorenzo di Napoli, Salerno, Carlone Editore, 2003; Mario Gaglione, «Allusioni gioachimite nella basilica di Santa Chiara in Napoli?», Studi Storici, 2004, p. 279-289; Caroline Astrid Bruzelius, The Stones of Naples: Church Building in the Angevin Kingdom 1266-1343, New Haven and London, Yale University Press, 2004; EAD., «The Architectural context of Santa Maria Donna Regina», in Janis Eliott, Cordelia Warr (dir.), The Church of Santa Maria Donna Regina. Art, Iconography and Patronage in Fourteenth-Century Naples, Aldershot, Ashgate, 2004, p. 79-92; EAD., «San Lorenzo Maggiore e lo studio francescano di Napoli: qualche osservazione sul carattere e la cronologia della chiesa medievale», in Serena Romano, Nicolas Bock (dir.), Le chiese di San Lorenzo e San Domenico. Gli ordini mendicanti a Napoli, Atti della II giornata di studi su Napoli (Losanna, 13 dicembre 2001), Napoli, Electa Napoli, 2005, p. 27-50; Rosalba Di Meglio, «Ordini mendicanti e città. L’esempio di San Lorenzo Maggiore di Napoli», ivi, p. 15-26; Jürgen Krüger, «San Lorenzo Maggiore, gli Angiò e Bartolomeo da Capua. Appunti per una storia della costruzione», ivi, p. 51-66; Caroline Astrid Bruzelius, «The dead come to town. Preaching, Burying and Building in the Mendicants orders», in Alexandra Gajewski, Zoe Opacic (dir.), The Year 1300 and the creation of a new European architecture, Turnhout, Brepols, 2007, p. 203-224; Mario Gaglione, «La basilica e il monastero doppio di S. Chiara a Napoli in studi recenti», Archivio per la storia delle donne, 4 (2007), p. 127-209; Caroline Astrid Bruzelius, «Brevi appunti sull’architettura degli Ordini Mendicanti nel contesto sociale ed economico del Regno di Napoli», in Attilio M. SpanÒ (dir.), Il Francescanesimo in Calabria, Atti del I Convegno internazionale di studio (Siderno-Gerace, 26-27 maggio 2006), Soveria Mannelli, Rubbettino, 2009, p. 179-186; EAD., William Tronzo, Medieval Naples. An architetural &urban history. 400-1400, New York, Italica Press, 2011; Alessandra Rullo, «L’incontro di Boccaccio e Fiammetta in San Lorenzo Maggiore a Napoli: un’ipotesi di ricostruzione del coro dei frati nel XIV secolo», in Giancarlo Alfano, Teresa D’Urso, Alessandra Perriccioli Saggese (dir.), Boccaccio angioino. Materiali per la storia culturale di Napoli nel Trecento, Bruxelles, Peter Lang, 2012, p. 303-316; Vinni Lucherini «Strategie di visibilità dell’architettura sacra nella Napoli angioina: la percezione da mare e la testimonianza di Petrarca», in Michele Bacci, Martin Rohde (dir.), The Holy Portolano. Le Portulan sacré, Berlin, De Gruyter, 2014, p. 197-220, 408-415; Antonio Bertini, Cristiana Di Cerbo, Stefania Paone, «Filia Sanctae Elisabectae: la committenza di Maria d’Ungheria nella chiesa clariana di Donnaregina a Napoli», in Blanca Garì de Aguilera (dir.), Clarisas y Dominicas, cds.

4 Giovanni Vitolo, «Progettualità e territorio nel regno svevo di Sicilia: il ruolo di Napoli», Studi Storici, 37 (1996), p. 405-424; Id., «Ordini mendicanti e dinamiche politico-sociali nel Mezzogiorno angioino-aragonese», Rassegna storica salernitana, 30 (1998), p. 67-101; Id., «Esperienze religiose nella Napoli dei secoli xii-xiv», in Gabriella Rossetti, Giovanni Vitolo (dir.), Medioevo Mezzogiorno Mediterraneo. Studi in onore di Mario Del Treppo, Napoli, Gisem Liguori Editori, 2000, p. 3-34; Id., «La noblesse, les Ordres mendiants et les mouvements de réforme dans le royaume de Sicilie», in Nöel Coulet, Jean-Michel Matz (dir.), La noblesse dans les territoires angevins à la fin du Moyen Âge, Atti del convegno internazionale (Angers, Samour, 3-6 giugno 1998), Roma, École française de Roma, 2000, p. 553-566; Rosalba Di Meglio, «Istanze religiose e progettualità politica nella Napoli angioina. Il monastero di S Chiara», in Francesco Aceto, Stefano D’Ovidio ed Elisabetta Scirocco (dir.), La Chiesa e il Convento di Santa Chiara, Battipaglia, Laveglia & Carlone, 2014, p. 7-26.

5 Giovanni Miccoli, La storia religiosa, in Storia d’Italia, 2*: Dalla caduta dell’impero Romano al secolo xviii, Torino, Giulio Einaudi Editore, 1974, p. 429-1079, in part. p. 796.

6 Cfr. nota 3; in merito all’intreccio tra arte, politica e culto, si vedano anche Gaetano Curzi, Santa Maria del Casale a Brindisi. Arte, politica e culto nel Salento angioino, Roma, Gangemi editore, 2013.

7 F. Cecchini, s.v. «Paolino Veneto», in Angiola Maria Romanini (dir.), Enciclopedia dell’arte … op. cit., IX (1998), p. 150-152; Paolo Evangelisti, «I pauperes Christi e i linguaggi dominativi», in La propaganda politica nel basso Medioevo, Atti del XXXVIII convegno internazionale (Todi, 14-17 settembre 2001), Spoleto, Centro italiano di studi sull’Alto Medioevo, 2002, p. 365-374; Emanuele Fontana, s.v. «Paolino da Venezia, vescovo di Pozzuoli», in Dizionario Biografico degli Italiani, 81, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 2014 (con bibliografia).

8 Lucas WADDING, IX: 1377-1417 (1932), p. 209-10. Aversa ospitava una delle sedi della corte angioina, cfr. Mario D’Onofrio, s.v. «Aversa», in Angiola Maria Romanini (dir.), Enciclopedia dell’arte … op. cit., II (1991), p. 759-760. Capua, nell’età angioina, era feudo della nobile casata dei de Capua, di cui un noto rappresentante fu, all’epoca, il giurista Bartolomeo, protonotario del regno con Roberto d’Angiò, ma ben inserito a corte già con Carlo II, cfr. Luigi R. Cielo, s.v. «Capua», in Angiola Maria Romanini (dir.), Enciclopedia dell’arte … op. cit., IV (1993), p. 246-253. Teano era feudo dei Del Balzo, cfr. Michelangelo Schipa, Il Mezzogiorno di Italia anteriormente alla monarchia: ducato di Napoli e principato di Salerno, Bari, G. Laterza, 1923, p. 81, 94, 159, 164. Sessa, agli inizi del Trecento, rientrava nel demanio regio, cfr. Carlo Minieri Riccio, Studi Storici fatti sopra 84 registri angioini dell’Archivio di Stato di Napoli, Napoli, Tipografia R. Rinaldi e G. Sellitto, 1876, p. 62. Dalla seconda metà del xiv secolo, fu inserita nei possedimenti dei Marzano, cfr. Arnaldo Venditti, «La cattedrale di Sessa Aurunca», in Il contributo dell’archidiocesi di Capua alla vita religiosa e culturale del Meridione: celebrazione del millennio dell’archidiocesi di Capua sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica (966-1966), Atti del Convegno nazionale di studi storici promosso dalla Società di storia patria di Terra di Lavoro (Capua, Caserta, S. Maria C.V., Sessa Aurunca, Marcianise, Caiazzo, S. Agata dei Goti, 26-31 ottobre 1966), Roma, De Luca, 1967, p. 219-233; Giuseppe Tescione, Antonio Jodice, «Il Monastero di San Giovanni delle monache di Capua e l’inedita storia di Michele Monaco», ivi, p. 405-426; Gennaro Bove, Il volto francescano della Diocesi di Sessa Aurunca, Perugia, Edizioni Miscellanea Francescana, 1979 (e bibliografia); Antonio Marcello Villucci, Mario D’Onofrio, Valentino Pace, Francesco Aceto, La Cattedrale di Sessa Aurunca, Sessa Aurunca, Centro studi Suessa, 1983. Mignano faceva parte del feudo di Caserta, affidato da Carlo I a Guglielmo di Bello Monte, ammiraglio del regno; in seguito, fu assegnata ai Siginulfo e ai Della Ratta, cfr. Supplemento perenne alla quarta e quinta edizione della nuova enciclopedia popolare italiana, Torino: dalla società unione tipografico-editrice, 1857-1864, I, p. 687. Maddaloni costituiva una parte del demanio regio, le cui rendite e proventi, nel 1304, furono assegnati con provvedimento di Carlo II a Ermengardo di Sabrano, conte di Ariano, cfr. Giacinto De Sivo, Storia di Galazia campana e di Maddaloni scritta da Giacinto de Sivo, Napoli (s.n.), 1860-1865, p. 129. Carinola fu concessa nel 1269 in feudo ai d’Alneto (d’Aunay) e nel 1373 passò al casato dei Marzano, cfr. Ottavio Di Cesare, Delle città d’Italia e sue isole adjacenti compendiose notizie sagre e profane, V, in Perugia 1778, p. 365-370; Massimo Rosi, L’altro Rinascimento. Architettura meridionale del Quattrocento, Napoli, Liguori Editore, 2007, p. 157-166. Nola fu dal 1293 fino alla metà del xvi secolo feudo della casata degli Orsini di Roma, cfr. Cristiana Di Cerbo, «La Nola degli Orsini tra xiii e xiv secolo: topografia, sistema difensivo, castrum e magnificazione della città», Archivio storico per le province napoletane, CXXXI (2013), p. 1-28.

9 Luigi Pellegrini, «Territorio e città nella dinamica insediativa degli Ordini mendicanti in Campania», in Joselita Raspi Serra (dir.), Gli Ordini mendicanti e la città. Aspetti architettonici, sociali e politici, Milano, Guerini studio, 1990, p. 27-59.

10 I Minori giunsero a Napoli nel 1234, insediandosi in una fabbrica del VI secolo di proprietà del capitolo dei canonici di Aversa. A lungo analizzato dalla critica, l’edificio laurenziano è stato attribuito inizialmente alla sola committenza di Carlo I, in virtù non solo del tratto fortemente estraniante che pervade la planimetria del coro gotico con deambulatorio e cappelle radiali, derivato, come riconosciuto da Renate Wagner-Rieger, dall’abbazia cistercense di Royaumont in Francia, ma anche di due documenti che collocano interventi tra il 1274 e il 1284. Tuttavia, a seguito probabilmente dello scoppio dei Vespri i lavori si interruppero per riprendere, forse, solo nel corso degli anni novanta del xiii secolo, interessando non solo la navata, sui cui fianchi, a seguito della demolizione della chiesa paleocristiana, si decise di addossare le colonne di spoglio, ma anche il santuario e l’attuale transetto. L’edificio fu dunque marcato di un tono aulico e antiquariale, proprio anche di altre fabbriche legate alla committenza di Carlo II, quali la cattedrale cittadina e il duomo di Lucera, in Puglia. Ridotta, quindi, l’influenza del primo angioino, ne è stata contestualmente ricondotta la progettazione e l’esecuzione all’opera congiunta di una maestranza locale e di un forestiero, intendendo con questo termine, tuttavia, non un francese ma un italiano non meridionale, cfr. Gino Chierici, «Il restauro della chiesa di San Lorenzo a Napoli», Bollettino d’Arte, 9 (1929), p. 24-39; Renate Wagner-Rieger, «San Lorenzo Maggiore. Il coro», Napoli Nobilissima, 1 (1961), p. 1-7; Antonio Cadei, «Cori francescani ad ambulacro e cappelle radiali», in Storia e cultura a Padova nell’età di sant’Antonio, Atti del Convegno internazionale di studi (Padova, Monselice, 1-4 ottobre 1981), Padova, Istituto per la storia ecclesiastica padovana, 1985, p. 467-500; Cornelia Berger-Dittscheid, «S. Lorenzo Maggiore in Neapel: Das gotische ‘Ideal’-Projekt Karls I. und seine “franziskanischen” Modifikationen», in Christoph Andreas, Maraike Bückling, Roland Dorn (dir.), Festschrift für Hartmut Biermann, Weinheim, VCH, 1990, p. 41-64; Jurgen Krüger, San Lorenzo Maggiore in Neapel. Eine Franziskanerkirche zwischen Ordensideal und Herrschaftsarchitektur, Werl, Dietrich Coelde, 1985; Caroline Astrid Bruzelius, «Il coro di San Lorenzo Maggiore e la ricezione dell’arte gotica», in Valentino Pace, Martina Bagnoli (dir.), Il Gotico europeo in Italia, Napoli, Electa Napoli, 1994, p. 265-27; Ead., «Columpnas marmoreas et lapides antiquarum ecclesiarum: the use of spolia in the churches of Charles II of Anjou»¸ in Antonio Cadei, Marina Righetti Tosti-Croce, Anna Segagni Malacart, Alessandro Tomei (dir.), Arte d’Occidente: temi e metodi. Studi in onore di Angiola Maria Romanini, 3 vols., Roma, Edizioni Sintesi Informazioni, 1999, I, p. 187-95; Ead., «Trying to Forget: The Lost Angevin Past of Italy», in Wessel Reinink, Jeroen Stumpel (dir.), Memory and Oblivion, Dordrecht, Kluwer Avademic Publ., 1999, p. 735-743; Ead., Caroline Astrid Bruzelius, «Una nuova ipotesi sul transetto di San Lorenzo a Napoli: la chiesa fantasma», Confronto, 1 (2003), p. 62-75; Ead., The Stones of Naples... op. cit.; Ead., «San Lorenzo Maggiore e lo studio francescano di Napoli: qualche osservazione sul carattere e la cronologia della chiesa medievale», in Serena Romano, Nicolas Bock (dir.), Le chiese di San Lorenzo e San Domenico. Gli Ordini Mendicanti a Napoli, Atti della II giornata di studi su Napoli (Losanna, 13 dicembre 2001), Napoli, Electa Napoli, 2005, p. 27-50; Xavier Barral i Altet, «Napoli fine Duecento: l’identità francescana e l’ambizioso progetto della chiesa di San Lorenzo Maggiore», in Arturo Calzona, Roberto Campari, Massimo Mussini (dir.), Immagine e Ideologia. Studi in onore di Arturo Carlo Quintavalle, Milano, Electa, 2007, p. 351-367.

11 Si tratta, quindi, di uno dei rarissimi casi italiani di ricezione del coro con ambulatorio e cappelle radiali, testimoniato nella penisola solo in ambito francescano e in siti dove erano presenti anche studia (San Francesco di Bologna, il Santo di Padova e San Francesco di Piacenza), forse per soddisfare ragioni di carattere liturgico, cf. Antonio Cadei, «Cori francescani...»... op. cit., p. 467-500).

12 Caroline Astrid Bruzelius, «Ad modum Franciae: Charles of Anjou and Gotich architecture in the Kingdom of Sicily», Journal of the Society of the Architectural Historians, 50 (1991), p. 402-420; Ead., «Il Gran Rifiuto...» op. cit., p. 36-45; Ead., «Charles of Anjou and the religious architecture … », op. cit.; Ead., The Stones of Naples...op. cit.

13 Lorenzo Fiocca, «La chiesa di Santa Maria della Vittoria presso Scurcola e gli scavi eseguiti per la cura del Ministero della Pubblica Istruzione», L’Arte, 6 (1903), p. 201-205; Émile Bertaux, «Les artistes français au service des rois de Naples», Gazette des Beaux-Arts, 32 (1905), p. 265-281; 34 (1905), p. 89-115; 34 (1905), p. 313-325; Pietro Egidi, «Carlo I d’Angiò e l’abbazia di S. Maria della Vittoria presso Scurcola», Archivio storico per le province napoletane, 34 (1909), p. 252-291, 732-767; Id., «Carlo I d’Angiò e l’abbazia di S. Maria della Vittoria presso Scurcola», Archivio storico per le province napoletane, 35 (1910), p. 15-175; Marina Righetti Tosti-Croce, «Echi di Rayonnant in Terra d’Abruzzo», in Daniele Benati, Alessandro Tomei (dir.), L’Abruzzo in età angioina. Arte di frontiera tra Medioevo e Rinascimento, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2005, p. 23-48; Maria L. De Sanctis, «L’abbazia di Santa Maria di Realvalle: una fondazione cistercense di Carlo I d’Angiò», Arte medievale, VII (1993), p. 153-196; Hubert Houben, Benedetto Vetere (dir.), I Cistercensi nel Mezzogiorno medievale, Atti del Convegno internazionale di studi in occasione del IX centenario della nascita di Bernardo di Clairvaux (25-27 febbraio 1991), Galatina, Congedo, 1994.

14 Robert Branner, St. Luis and the Court Style in Gotich Architetcture, London, A. Zwemmer, 1965; Dieter Kimpel, Robert Suckale, Die gotische Architektur in Frankreich 1130-1270, Munchen, Hirmer Verlag, 1985; Caroline Astrid Bruzelius, s.v. «Luigi IX, re di Francia, Santo», in Angiola Maria Romanini (dir.), Enciclopedia dell’arte ... op. cit., VIII (1997), p. 43-46; Antonio Cadei, «Le cattedrali all’origine del Gotico», in Paolo PIVA (dir.), L’Arte medievale nel contesto: 300-1300. Funzioni, iconografia, tecniche, Milano, Jaka Book, 2006, p. 105-138; Alexandra Gajewski, «The patronage question under review: Queen Blanche of Castile (1188-1252) and the architecture of the Cistercian abbeys of Royaumont, Maubuisson, and Le Lys», in Therese Martin (dir.) Reassessing the roles of women as ‘makers’ of Medieval art and architecture, Leiden-Boston, Brill, 2012, p. 197-244.

15 Per lo ‘stile severo’ di Luigi IX, cfr. Robert Branner, St. Luis and the Court Style … op. cit.;Caroline Astrid Bruzelius, s.v. «Luigi IX, re di Francia, Santo», in Angiola Maria Romanini (dir.), Enciclopedia dell’arte... op. cit., VIII (1997), p. 43-46.

16 Già Marina Righetti Tosti-Croce ha parlato di “evocazione familare”, cfr. Marina Righetti Tosti-Croce, «Echi di Rayonnant ...», op. cit., in particolare p. 23.

17 Per Kimpel e Suckale, si veda nota 14; per la concezione ‘drammatica’ e ‘scenografica’ del coro francescano, cfr. Romanini, Cadei (nota 1) e Schenklhun (nota 2).

18 Marina Righetti Tosti-Croce, «Echi di Rayonnant …», op. cit.

19 Cfr. n. 10.

20 Émile Bertaux, «Le tombeau d’une Reine de France à Cosenza», Gazette des Beaux-Arts, 19 (1898), p. 265-276, 369-378; Marina Righetti Tosti-Croce, «Echi di Rayonnant …», op. cit.

21 Ivi.

22 Eugène Emmanuel Viollet-Le-Duc, Dictionnaire raisonné de l’architecture française du xie au xvie siècle, Paris, V. A. Morel, 1854-1868, II, p. 125-165. Si veda ancora Marina Righetti Tosti-Croce, «Echi di Rayonnant ...», op. cit., in particolare p. 32.

23 Per San Francesco di Cortona, in particolare per quanto attiene alla tensione verso una spazialità essenziale, v. Antonio Cadei, «La chiesa di San Francesco a Cortona», Storia della città, 9 (1978), p. 16-23; per San Francesco di Bologna e la sua discendenza tipologica, v. Antonio Cadei, «Cori francescani ...», op. cit., p. 467-500; per il principato salernitano, v. Joselita Raspi Serra, «L’architettura degli Ordini Mendicanti nel principato salernitano», Mélanges de l’École française de Rome. Moyen-Age, Temps Modernes, 93/2 (1981), p. 605-681; Ead., «I Minori nel principato salernitano», in Joselita Raspi Serra (dir.), Gli Ordini mendicanti e la città … op. cit., p. 151-157.

24 In questo simile ad alcuni casi dell’edilizia regia, quali la chiesa conventuale clariana di Santa Maria Donnaregina, dove, tuttavia, la planimetria del coro si aggiorna adottando la figura di base dell’ottagono, e anche la cappella palatina di Santa Barbara, cfr. soprattutto Caroline Astrid Bruzelius, The Stones of Naples... op. cit., (e bibliografia).

25 Ernesto Rascato, Presenza francescana conventuale in Aversa: fede, storia, arte, Aversa, Frati minori conventuali, convento S. Antonio al seggio, 1993, p. 63; Gennaro Bove, Gli insediamenti minoritici della Campania nei secoli xiii-xiv, Roma, Miscellanea Francescana, 2002, p. 117.

26 Caroline Astrid Bruzelius, The Stones of Naples ...op. cit., (e bibliografia), p. 176-178.

27 Arminio De Monaco, Teano. Chiese e conventi, Teano, Tipografia D’Amico, 1965.

28 Caroline Astrid Bruzelius, The Stones of Naples ...op. cit., (e bibliografia).

29 Cfr. Cristiana Di Cerbo, «La Nola degli Orsini tra xiii e xiv secolo...», op. cit., p. 1-28.

30 Per Sant’Agrippino a Forcella, convento basiliano poi rimaneggiato sotto Carlo I, cfr. Caroline Astrid Bruzelius, The Stones of Naples … op. cit., passim.

31 Cfr. Serena Romano, Nicolas Bock (dir.), Il Duomo di Napoli dal paleocristiano all’età angioina, Atti della I giornata di studi su Napoli (Losanna, 23 novembre 2000), Italia, Electa Napoli, 2002.

32 Beat Brenk, «Committenza e retorica», in Enrico Castelnuovo e Giuseppe Sergi (dir.), Arti e storia nel Medioevo, I: Tempi Spazi Istituzioni, Torino, Giulio Einaudi Editore, 2002, p. 3-42, p. 4.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, planimetria (da Cadei 1984, fig. 3)
Crédits Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 68k
Titre Fig. 2 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, cappella del coro, particolare
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 276k
Titre Fig. 3 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, coro
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 72k
Titre Fig. 4 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, corpo longitudinale, cappella, particolare
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 176k
Titre Fig. 5 - Napoli, San Lorenzo Maggiore, corpo longitudinale, cappella, particolare
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 144k
Titre Fig. 6 - Aversa, Sant’Antonio da Padova, cappella del coro, tracery
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 152k
Titre Fig. 7 - Teano, San Francesco, cappella del coro, pilastro di imposta della volta, particolare
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 52k
Titre Fig. 8 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), veduta della cappella del coro
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 120k
Titre Fig. 9 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), cappella del coro, particolare
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 120k
Titre Fig. 10 - Nola, San Francesco d’Assisi (oggi San Biagio dei Librai), cappella del coro, particolare
Crédits (foto dell’autore) Droits réservés.
URL http://journals.openedition.org/rives/docannexe/image/5470/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 112k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Cristiana Di Cerbo, « L’architettura dei Minori nella custodia napoletana: ricezione e circolazione di motivi oltremontani da San Lorenzo Maggiore in Napoli a San Francesco di Nola (xiii-xiv secc.) », Rives méditerranéennes, 56 | 2018, 199-216.

Référence électronique

Cristiana Di Cerbo, « L’architettura dei Minori nella custodia napoletana: ricezione e circolazione di motivi oltremontani da San Lorenzo Maggiore in Napoli a San Francesco di Nola (xiii-xiv secc.) », Rives méditerranéennes [En ligne], 56 | 2018, mis en ligne le 25 mai 2019, consulté le 31 octobre 2020. URL : http://journals.openedition.org/rives/5470 ; DOI : https://doi.org/10.4000/rives.5470

Haut de page

Auteur

Cristiana Di Cerbo

Université de Gênes

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search