Navigation – Plan du site

AccueilNuméros57Dossier : Autour du corail rouge ...Corallatori e guerra di corsa tra...

Dossier : Autour du corail rouge de Méditerranée

Corallatori e guerra di corsa tra Sardegna e Corsica (1755‑1768)

Corailleurs et guerre de course entre la Sardaigne et la Corse (1755‑1768)
Emiliano Beri
p. 71-87

Résumés

Les pêcheurs de coraux ligures ont eu une présence constante dans les eaux sardes et corses au cours de l’époque moderne. Cette présence saisonnière, qui se répétait d’année en année et qui était garantie par des points d’appui et des privilèges, devait faire face à la présence menaçante et constante des pirates. Au xviiie siècle, au moment où la course barbaresque reprend de l’intensité, une nouvelle menace fait son apparition, liée au soulèvement corse contre Gênes (1729-1768). Si, dans les premières décennies, ce soulèvement a une dimension éminemment terrestre, la situation change radicalement en 1755, quand Pasquale Paoli prend la tête de la rébellion. À l’initiative de Paoli, une marine de guerre est organisée pour faire parcourir les mers à la recherche des navires marchands génois. Les corailleurs finissent ainsi en première ligne du conflit, car les routes qu’ils fréquentent et leurs zones de pêche deviennent les terrains de chasse des corsaires. D’où la nécessité de se protéger et de sécuriser leurs activités avec l’organisation de convois, avec la réquisition de navires de guerre d’escorte et de diverses formes d’auto-défense, depuis la demande de protection au roi de Sardaigne aux actions de force autogérées contre les corsaires.

Haut de page

Texte intégral

Introduzione: dalla tradizionale minaccia barbaresca alla corsa paolista

  • 1 Sulla pesca e il commercio del corallo in età moderna, fra i numerosi contributi dell’ultimo quindi (...)

1Commercio, finanziamento, regolamentazione della materia e storia del lavoro sono le prospettive attraverso cui si predilige trattare del tema “corallo e corallatori”, tanto per il Medioevo, quanto per la modernità e la contemporaneità1. Ma un’attività produttiva e commerciale marittima deve fare i conti anche col problema della sicurezza. Un problema centrale, soprattutto in secoli, come quelli del passato, in cui il rischio, la «fortuna di mare», era parte integrante della vita di chi navigava ed investiva nella navigazione; un problema coinvolto direttamente, e sotto molteplici aspetti, nella configurazione delle attività economiche marittime.

  • 2 Sulla guerra di corsa nel Mediterraneo d’età moderna mi limito a rimandare, per brevità, a: Salvato (...)
  • 3 Sugli strumenti adottati dalla Repubblica di Genova per far fronte alla corsa barbaresca: Vilma Bor (...)

2La «fortuna di mare» si concretizzava principalmente in due forme, il naufragio e il corsaro; ed è sulla seconda che voglio concentrarmi. L’attività predatrice del nemico ha rappresentato, da sempre, una minaccia costante per i naviganti durante i periodi di guerra. Una minaccia che solitamente era limitata al tempo breve di un conflitto. Ma se il tempo breve del conflitto lascia spazio ad uno stato di guerra permanente, ecco che la minaccia diventa una costante di lungo periodo. Così è stato per i corallatori liguri in relazione alla minaccia barbaresca tra xvi e xviii secolo2. I corallatori si muovevano in uno spazio, compreso fra mar Ligure, Corsica e Sardegna, all’interno del quale la presenza barbaresca fu particolarmente intensa per tutta l’età moderna. Ne ritroviamo traccia nelle notizie di avvistamenti, di bastimenti predati e di marinai fatti schiavi, nella centralità che il tema assume all’interno di tutti gli organi del governo genovese che si occupano di questioni marittime e negli sforzi fatti per proteggere la navigazione mercantile: galee impegnate in missioni di polizia marittima, militarizzazione dei litorali attraverso la costruzione (e l’ammodernamento) di centinaia di torri e fortilizi costieri (con la creazione dello strumento necessario per presidiarli: la milizia territoriale), promozione della navigazione convogliata, disponibilità a fornire scorte armate su richiesta e a trasportare merci sulle galee dello stuolo pubblico e, infine, tolleranza verso la pratica del mimetismo di bandiera (l’utilizzo di bandiere immuni, ossia di paesi che non erano in stato di guerra con le Reggenze barbaresche). Non solo, ne ritroviamo anche traccia in tutte quelle forme di autoprotezione adottate dalla gente di mare durante la navigazione: l’utilizzo di mercantili armati al massimo delle loro possibilità, la formazioni di convogli (sia spontanei che pianificati) e il mimetismo di bandiera3.

  • 4 I cavalleggeri o «soldati a cavallo» erano reparti di cavalleria locale creati appositamente per pa (...)
  • 5 Archivio Doria Genova – d’ora in poi ADG –, Documenti Di Negro, 1 e 29 febbraio 1584; 27 luglio, 29(...)
  • 6 Il Magistrato di Corsica era l’organo del governo genovese deputato all’amministrazione della Corsi (...)
  • 7 ASG, Corsica n. 403, 11 febbraio 1647.
  • 8 I Serenissimi Collegi erano il massimo organo di governo della Repubblica, formato dal Doge, dal Co (...)
  • 9 L’amministrazione territoriale della Corsica era organizzata in 10 province: quattro rette da commi (...)
  • 10 Ibid., 12 febbraio 1647.

3La stretta relazione fra alcuni di questi elementi e l’attività dei corallatori lungo le coste còrse e sarde emerge con chiarezza dalla documentazione pubblica e privata. La corrispondenza di Francesco Di Negro, uomo d’affari e impresario nel campo del corallo della fine del Cinquecento, risulta, ad esempio, di particolare interesse. Ritroviamo tutti questi temi: bastimenti predati, forme di autoprotezione e protezione statale; coralline catturate dai barbareschi con equipaggi trasportati in schiavitù in Nord Africa; costruzione di torri costiere finanziate dall’impresario in compartecipazione con lo Stato; impiego di cavalleggeri (statali4) e di fregate «di guardia» (armate privatamente dall’impresario) per la protezione delle coralline durante la pesca; utilizzo di navi da guerra (galee genovesi, toscane e pontificie) per il trasporto del corallo pescato; autorizzazione all’imbarco di armi sulle coralline come forma di autoprotezione5. Se dalla fine del Cinquecento passiamo alla metà del Seicento ecco che ritornano sempre gli stessi temi. Una delibera del Magistrato di Corsica6 dell’11 febbraio del 1647 pone l’accento sul ruolo delle torri costiere: ai capi delle torri venne rinnovato l’ordine di dare protezione alle coralline e fornire ai corallatori avvisi sulla presenza e i movimenti dei corsari7. Gli «Ordini e capitoli approvati da Serenissimi Collegi intorno alla pesca de’ coralli in Corsica8» emessi il giorno successivo trattano ancora di protezione, ma anche di autoprotezione e approvvigionamenti. Per quanto concerne la protezione venne concessa libertà ai corallatori di entrare nelle torri, di depositarvi il pescato, di servirsi delle artiglierie e delle armi, di presidiarle con proprie guardie e «bombardieri» (artiglieri) a patto che fossero di Genova o delle Riviere liguri. Ma non solo, venne anche dato ordine di mettere a disposizione 10 cavalleggeri per presidiare, durante il periodo della pesca (aprile-agosto), i tratti di costa indicati dai corallatori. L’autoprotezione entra in gioco nel momento in cui gli «Ordini» trattano della questione delle armi: i corallatori furono autorizzati a tenere armi da fuoco a bordo delle proprie imbarcazioni senza licenza dei commissari e luogotenenti di Corsica9. In ultimo l’approvvigionamento: libertà di vendita senza licenza di generi alimentari ai corallatori da parte dei còrsi, tanto in mare quanto in terra10.

  • 11 ASG, Archivio Segreto n. 2115, 9 giugno 1685. Un grazie ad Alessio Boschiazzo per avermi fornito le (...)
  • 12 Antoine-Marie Graziani, op. cit., 2000, p. 91-92; Giovanni Serreli, «…Fabricar en su continente tor (...)

4È soprattutto sul presidio delle coste e dello spazio marittimo litoraneo garantito dalle torri e dai cavalleggeri che faceva leva lo stato genovese per garantire la sicurezza dei suoi corallatori. Non è un caso che, in una lettera indirizzata ai Collegi nel giugno 1635, parlando delle isolette disabitate «loco pericolosissimo di corsari» che si trovavano tra Bonifacio e la Sardegna, lo scrivente consigliasse di darle in enfiteusi perpetua a un privato che fosse in condizione di costruirvi una torre, a tutto vantaggio dei «vasselli […] che trafficano fra dette isole, pescatori di coralli, et altri11». I corallatori stessi puntavano sulle torri quale strumento di protezione contro i corsari barbareschi durante la pesca. Lo dimostra il fatto che avessero finanziato, nel secolo precedente, l’edificazione delle torri di Figari, Roccapina, Campomoro e Tizzano in Corsica, e avessero contribuito, con un ducato e mezzo per imbarcazione, alla costruzione di quella di Bosa, in Sardegna12.

  • 13 ASG, Sala Foglietta n. 1114, 28 luglio 1588.
  • 14 ASG, Corsica n. 403, 11 febbraio 1647

5Abbiamo finora parlato di corallatori liguri, generalmente. Ma da quale parte della Liguria arrivavano? La presenza tradizionale, nel xvi e xvii secolo, era di genti delle Riviera di Ponente. In una lettera scritta dal podestà di Alassio il 28 luglio 1588 si legge che, in quel momento, 300 e più uomini della comunità erano alla pesca dei coralli13. La relazione presentata al Magistrato di Corsica l’11 febbraio 1647 (da cui scaturì la delibera, con la stessa data, che ho già citato pocanzi) contiene dati generali più precisi. Erano circa 200 le «fregatte» che ogni anno salpavano dalla Liguria in primavera (intorno al 25 marzo) per potarsi alla pesca del corallo in Corsica e Sardegna e rientrare poi in agosto. Provenivano tutte dalla Riviera di Ponente, in particolare «di Pietra, Ceriale, Laigueglia, Albenga, Alassio, Andora, Cervo, Diano, Porto Maurizio, Riva di Taggia, Bordighera e Ventimiglia». I corallatori imbarcati su questi battelli erano circa 2.000, ma coloro che traevano da vivere dalla pesca erano molti di più, perché il corallo veniva lavorato da «migliaia di persone suddite della Repubblica Serenissima, cioè della città [Genova] e dell’una e l’altra valle di Bisagno e di Polcevera14».

  • 15 Ibid. n. 646, 16 agosto 1706.

6Il panorama mutò repentinamente nel primo decennio del Settecento. Le lettere con cui i commissari di Corsica informavano i Collegi sull’andamento della pesca e sui relativi introiti fiscali ci parlano di un calo delle presenze dei ponentini e di un “cambio della guardia”. Nell’agosto del 1706 il commissario di Bonifacio scriveva che il commercio del corallo non era più remunerativo come prima: solo nove coralline avevano raggiunto Bonifacio (che era, per la sua posizione, il principale punto di appoggio dei corallatori, insieme e ancor più di Ajaccio). Il corallo non rendeva più come prima, ma non solo; un altro fattore contribuiva a disincentivare i mercanti dall’investire nell’armo di coralline: i banditi còrsi, che non di rado taglieggiavano e depredavano i corallatori quando toccavano terra nelle spiagge disabitate dell’isola15. La crisi fu però solo temporanea: i corallatori nel volgere di qualche anno tornarono a frequentare in massa i banchi della Sardegna settentrionale e della Corsica; quasi esclusivamente di quella meridionale da questo momento in poi, mentre in precedenza erano una presenza consueta anche lungo le coste nordoccidentali dell’isola, soprattutto tra Calvi ed Isola Rossa. Ma, ed è questo il punto, la provenienza dei corallatori cambiò. Dei nove bastimenti approdati a Bonifacio nell’estate del 1706 otto erano di Laigueglia, quindi ancora del Ponente ligure, ma uno, una piccola gondola, era di Santa Margherita, un borgo del golfo del Tigullio, nella Riviera di Levante. È questo il primo, timido, segnale di un mutamento epocale e radicale. Da questo momento in poi i corallatori del Ponente scompaiono quasi del tutto per essere rapidamente rimpiazzati da quelli del Levante, o meglio, da quelli di Santa Margherita e, in misura minore, delle vicine Rapallo, San Michele e Portofino.

  • 16 Ibid., 17 settembre 1707.
  • 17 Ibid., 24 luglio 1708.
  • 18 ASG, Corsica n. 1347, 20 dicembre 1720.

7L’anno seguente la crisi sembrava già alle spalle. Il commissario di Bonifacio in settembre riferiva di una pesca più abbondante, e migliore per qualità, rispetto agli ultimi anni. Durante la stagione erano approdate nel porto della città 72 coralline; il cambio della guardia tra corallatori del Ponente e del Levante era in pieno atto: solo 22 battelli provenivano da borghi della Riviera di Ponente, gli altri 50 erano di Santa Margherita16. Due anni dopo la presenza dei corallatori della Riviera di Ponente crollò. Le coralline presenti negli elenchi del «pescaggio» (la tassa sulla pesca) pagato a Calvi, Ajaccio, Bonifacio e Algajola provenivano quasi tutte dal Levante: 43 da Santa Margherita e una da Portofino. La presenza del Ponente si era ridotta ad un’unica imbarcazione di Laigueglia17. I dati provenienti dai registri delle gabelle degli anni 1718-20 confermano la tendenza: il mutamento era ormai avvenuto, i corallatori di Santa Margherita e degli altri borghi del Tigullio avevano soppiantato quasi del tutto quelli della Riviera di Ponente18.

  • 19 Cfr. Emiliano Beri, op. cit., 2015.

8Se nei primi due decenni del Settecento cambiarono i protagonisti (da «ponentini» a «margheritini»), alla fine del decennio successive mutò anche il quadro in cui operavano. Fino al 1729 i fattori che qui ci interessano – minaccia corsara e forme di protezione della pesca del corallo – sono sempre gli stessi: la minaccia barbaresca, qualche problema con i banditi còrsi durante le soste a terra, una sicurezza affidata principalmente a torri, cavalleggeri e all’armamento di qualche battello di guardia. Ma nel 1729 il contesto cominciò a mutare, perché il 1729 segnò l’inizio delle guerre di Corsica, un quarantennio di sollevazioni contro il dominio genovese che ebbe termine solo con la cessione dell’isola alla Francia. La guerra influì dapprima moderatamente sulla pesca del corallo. La perdita del controllo, a volte in modo intermittente, di alcune torri indebolì il sistema di protezione; a questo si aggiunse una più intensa presenza di banditi in alcune spiagge dell’isola19, ma sotto il profilo della minaccia corsara niente di nuovo. Nei primi decenni della sollevazione la parte meridionale dell’isola rimase sotto controllo genovese e il conflitto assunse una dimensione principalmente terrestre: i ribelli via mare si limitarono a contrabbandare e a compiere qualche azione piratesca nel canale di Corsica e nel golfo di San Fiorenzo: niente che potesse influire in modo incisivo sull’attività dei corallatori.

  • 20 Sulle guerre di Corsica si rimanda a Emiliano Beri, Genova e il suo Regno, cit., 2011 e ai numerosi (...)

9Il quadro mutò radicalmente nel 1755 con l’avvento di Pasquale Paoli alla guida della sollevazione. Paoli seppe riunire intorno a sé molte delle fazioni in competizione per la leadership del fronte ribelle, diede nuovo impulso alla lotta contro Genova e contro i còrsi a lei fedeli e guardò anche al mare, proiettando lo sforzo bellico degli insorti nella dimensione marittima. A partire dal 1760 organizzò una flotta da guerra, formata da bastimenti corsari, per colpire il traffico mercantile genovese. I corallatori si ritrovarono in prima linea, perché le rotte che frequentavano e, ancor di più, le aree in cui pescavano, erano terreno di caccia dei corsari paolisti (come già lo erano per quelli barbareschi)20.

L’autoprotezione: immunità e navigazione convogliata

10Già a partire dal 1755, quando alcuni battelli di pirati bonifacini avevano iniziato a corseggiare nelle acque della Corsica meridionale, i corallatori liguri erano stati costretti a muoversi all’interno di un quadro caratterizzato da due minacce corsare compresenti, quella barbaresca e quella còrsa. La seconda si dimostrò, dopo il 1760, più intensa e pericolosa della prima, perché i pirati/corsari còrsi – còrsi per bandiera, ma in realtà anche napoletani, siciliani, piemontesi, toscani e liguri di Rapallo e Oneglia – erano numerosi, operavano in prossimità delle proprie basi, e trovavano accoglienza nei porti neutrali alla stregua di legittimi corsari (mentre per Genova, in quanto ribelli, si trattava di pirati, ossia di criminali). La loro presenza lungo le rotte frequentate dai corallatori iniziò ben presto ad essere più assidua rispetto a quella dei barbareschi e il loro raggio d’azione andò via via aumentando: non solo i mari di Corsica ma anche il mar Ligure fin lungo le coste delle due Riviere, le acque dell’Alto Tirreno – in particolare quelle più prossime a Livorno e quelle dell’Arcipelago toscano, il canale di Piombino in primo luogo – e infine le acque della Sardegna settentrionale, proprio lì dove si concentravano per la pesca i corallatori di Santa Margherita.

  • 21 Emiliano Beri, Genova e il suo Regno, cit., p. 264-276.
  • 22 ASG, Archivio Segreto n. 1721, 5 marzo 1755.
  • 23 ASG, Archivio Segreto n. 2692, 4 aprile 1764; n. 2693, 30 settembre, 7 e 21 ottobre 1767.

11La reazione alla nuova minaccia non si fece attendere: autoprotezione in primo luogo, con ricorso a strumenti già collaudati nella plurisecolare lotta contro i corsari barbareschi. Sono strumenti che ho già citato nell’introduzione; ora vanno analizzati più da vicino guardando, in particolare, alle declinazioni specifiche che assunsero in relazione alla nuova minaccia. Il ricorso al mimetismo di bandiera era probabilmente lo strumento più efficace, e non è un caso se l’inizio dell’attività corsara dei ribelli fu accompagnato da un incremento dei mercantili genovesi protetti da bandiere straniere21. Ma non tutti volevano o potevano navigare sotto la protezione di vessilli neutrali, anche perché la Repubblica ne aveva vietato l’utilizzo fin dal 172822. Molti bastimenti genovesi continuavano ad inalberare il vessillo di San Giorgio e dovevano quindi ricorrere ad altri strumenti per proteggersi. Fra coloro che non ricorsero sostanzialmente mai al mimetismo di bandiera ci sono proprio i corallatori «margheritini». I motivi non sono chiari; si potrebbe pensare che il principale fosse quello di non perdere le facilitazioni fiscali e logistiche accordate loro dalla Repubblica, ma è anche vero che in questa fase la pesca si concentrava quasi esclusivamente nelle acque della Sardegna settentrionale, per cui il dubbio permane. I corallatori trovarono comunque il modo di proteggere i propri bastimenti attraverso lo strumento dell’immunità anche senza cambiare bandiera. Grazie alla corrispondenza del console genovese a Livorno sappiamo che molti padroni di corallina approdati a Livorno nell’aprile del 1764 chiesero ed ottennero un passaporto dal console del re sardo, Antonio Rivarola, in modo da essere garantiti dall’azione dei corsari di Paoli nel viaggio tra il porto toscano e le aree di pesca della Sardegna. In sostanza il passaporto metteva il bastimento sotto la protezione del re, come se inalberasse bandiera sarda, anche se continuava ad usare quella genovese, perché la presenza dei corallatori liguri sui banchi della Sardegna era favorita, e quindi protetta, dal governo sabaudo. Tuttavia non sempre i corsari paolisti rispettarono l’immunità dei bastimenti muniti di questi passaporti, nonostante gli ottimi rapporti fra Paoli e il governo sabaudo. Nel settembre del 1767 una corallina di Santa Margherita venne predata nonostante fosse munita di passaporto rilasciato dal governatore di Alghero per garantire l’immunità nel viaggio di rientro dopo la fine della stagione della pesca. Solo quando le violazioni divennero sistematiche il governo sabaudo intervenne per porvi freno: nel 1767, in autunno, sei coralline di Santa Margherita predate dai ribelli vennero rilasciante dopo le proteste inoltrate a Paoli tramite il console Rivarola, che era un còrso, figlio di quel Domenico Rivarola già leader della ribellione contro Genova durante la guerra di Successione austriaca e tenente colonnello nell’esercito sardo23.

  • 24 I casi citati nelle fonti, consolari soprattutto, di navigazione convogliata e di velieri mercantil (...)

12L’immunità garantita dal re sardo durante la pesca non era quindi uno strumento sempre efficace ed era comunque limitata nel tempo, essendo valida solo per il periodo della pesca, per il viaggio di ritorno e, in parte, per di quello di andata. Gli altri bastimenti mercantili con bandiera genovese non potevano neanche giovarsi di questa immunità a tempo, per cui dovevano ricorrere ad altro. In primo luogo muoversi in convoglio: sia spontaneamente (due o più battelli si incontravano in porto o durante la navigazione e decidevano di procedere «di conserva») sia pianificando un viaggio lungo una rotta comune (è il caso, e lo vedremo a breve, proprio delle coralline di Santa Margherita). La protezione era data dalla “massa”: questi convogli erano solitamente privi di bastimenti militari di scorta, la loro capacità di difesa risiedeva nel numero di battelli che li componevano. La “massa” era al contempo un elemento di protezione attiva e passiva: un legno corsaro all’attacco sarebbe stato affrontato da un numero estremamente elevato di battelli e il rischio che questa situazione si verificasse dissuadeva i corsari dal tentare azioni contro i convogli. Un secondo espediente era quello di incrementare la potenza di fuoco dei mercantili, imbarcando più artiglieria, soprattutto nel caso dei velieri d’alto bordo. Era uno strumento tanto alternativo quanto complementare a quello della navigazione convogliata, sia perché i mercantili ben armati quando si muovevano di conserva aumentavano la loro capacità di difesa, sia perché intorno ad uno o più velieri dotati di una buona potenza di fuoco potevano, all’occorrenza, radunarsi navigli minori che percorrevano la stessa rotta, per godere della protezione delle loro artiglierie24.

  • 25 La barca ligure era un veliero a tre alberi con velatura latina o mista dotato di una buona capacit (...)
  • 26 La gondola era un piccolo bastimento a remi, lungo non più di 10 metri, dotato di una vela latina.

13Dotare d’artiglieria i velieri, in presenza delle risorse economiche necessarie, era relativamente semplice. Anche nel caso di unità di modeste dimensioni, come pinchi e barche, molto diffuse nelle marinerie liguri, lo spazio a bordo permetteva di alloggiare cannoni in buon numero25. Più complicato era fornire d’adeguate capacità di difesa i battelli da remo di piccole e piccolissime dimensioni, che potevano imbarcare nulla più che un armamento essenziale. Queste imbarcazioni potevano incrementare la loro potenza di fuoco solo parzialmente e, in ogni caso, l’ulteriore armamento imbarcato sarebbe andato ad erodere la già ridotta capacità di carico. I bastimenti dei corallatori di Santa Margherita, Rapallo, San Michele e Portofino erano, per l’appunto, battelli da remo di piccole e piccolissime dimensioni: feluche, leudi e gondole26. Il poco spazio disponibile era utilizzato per l’equipaggio (numericamente contenuto), per l’attrezzatura, i viveri e, sulla via del ritorno, per il pescato. Mancava quindi la possibilità di imbarcare artiglieria: qualche arma da fuoco leggera era tutto ciò che le coralline potevano permettersi.

  • 27 ASG, Archivio Segreto n. 1714, 22 agosto 1761 e 1° aprile 1762; n. 1715, 29 marzo 1764; n. 2692, 4 (...)
  • 28 ASG Archivio Segreto n. 2693, 30 settembre 1767; n. 2693, 7 ottobre 1767; n. 2693, 21 ottobre 1767.

14La forma più efficace di autoprotezione su cui i corallatori potevano contare era la navigazione convogliata. Dalle fonti emerge l’abitudine a muoversi in squadre e convogli (variabili per numero) sia per il viaggio di andata (tra fine marzo e i primi di aprile), sia per quello di ritorno (a fine agosto o nel mese di settembre). Quando i convogli non erano scortati da bastimenti militari, la difesa, come ho già accennato, stava nel numero delle imbarcazioni da cui erano formati. I bastimenti corsari di Paoli, che solitamente operavano singolarmente o al massimo in squadre di due unità, erano poco propensi a tentare azioni predatrici quando potevano essere a loro volta abbordati da sciami di piccole imbarcazioni e da un numero soverchiante di uomini. Navigando «di conserva», in squadre di 20 o 30 unità, le coralline si proteggevano a vicenda, tenendo lontana la minaccia corsara. Ma c’è di più: il numero complessivo delle coralline che si muovevano ogni anno tra il golfo del Tigullio e la Sardegna settentrionale era alquanto elevato. Le fonti ci parlano, a seconda dell’anno, di 130, 140 o 150 unità27. Sebbene si dividessero, per praticità, in squadre, questa massa di battelli salpava in contemporanea, formando in sostanza un unico grande convoglio. Le squadre potevano sostenersi reciprocamente nel caso in cui uno o più corsari avessero tentato di fare qualche preda. Le coralline diventavano preda facile solo quando operavano, sparpagliate in gruppetti, sui banchi di pesca tra le cale della Sardegna, o quando, per qualche fortuita circostanza, perdevano il contatto col convoglio e si ritrovavano isolate. L’azione predatrice si concentrava principalmente su quelle impegnate nel viaggio di rientro, sia perché il bottino era decisamente più appetibile (battelli carichi di corallo) sia perché le coralline non di rado concludevano la pesca in tempi diversi e affrontavano quindi il viaggio alla spicciolata, in piccole o piccolissime squadre, vulnerabili se non protette da bastimenti militari. Nel settembre del 1767 un felucone corsaro ribelle predò una corallina di Santa Margherita che era rimasta isolata ed aveva a bordo corallo per il valore di circa 1.200 lire. Il 7 ottobre dello stesso anno il console di Livorno venne a conoscenza dell’attacco subito da una squadra di sette leudi corallini in viaggio verso il porto labronico dopo la conclusione della pesca: un battello era stato affondato, due catturati. Il danno economico, fortunatamente, si rivelò contenuto, perché i bastimenti andati perduti imbarcavano solo generi alimentari: il corallo era trasportato dalle unità superstiti. In totale furono sei le coralline di Santa Margherita predate dai corsari ribelli tra la fine di settembre e l’ottobre del 1767, durante il viaggio di rientro, mentre la corrispondenza consolare non riporta notizie di catture avvenute in primavera, durante il viaggio d’andata28.

  • 29 ASG, Archivio Segreto n. 2669, 12 agosto 1760; n. 2691, 9 luglio 1760; n. 2331, 22 luglio 1760. La (...)

15La pochezza dell’armamento imbarcato dalle coralline non escludeva la possibilità che i leudi e le gondole dei «margheritini» fossero in grado di proteggersi da soli. Non solo muovendosi in massa in modo da dissuadere i corsari, ma anche prendendo l’iniziativa al fine di eliminare la minaccia. Sfruttando il loro numero, come ho già detto, potevano aggredire e predare l’incauto capitano corsaro che avesse tentato di far bottino incurante dell’inferiorità numerica; ma non solo, in almeno un caso i corallatori effettuarono un’azione preventiva, ossia attaccarono un bastimento corsaro paolista mentre contrabbandava polvere da sparo tra la Sardegna e la Corsica. Accadde nel luglio del 1760: a Livorno giunse notizia che alcune coralline, impegnate nella pesca sui banchi di cala Serraina, nella Sardegna settentrionale, avessero attaccato una feluca napoletana con bandiera còrsa che era alla fonda nella vicina cala di Fava. Le versioni sull’accaduto sono discordanti. Alcune testimonianze sostengono che la feluca ribelle avesse tentato di predare le coralline, soccombendo poi di fronte alla reazione di queste. In altri documenti (ed è questa la versione più accreditata) viene riportato che la feluca fosse nota per essere armata in corsa da Paoli e per aver in precedenza minacciato alcune coralline. Per cui alla notizia della sua presenza diversi padroni di coralline di Santa Margherita avevano concordato un’azione per eliminarla. La feluca corsara era stata sorpresa alla fonda: 30 corallatori sbarcati a terra l’avevano investita con fuoco di fucileria costringendola a prendere il largo mentre all’uscita della cala la attendevano, in agguato, le coralline. Chiusa tra due fuochi la feluca finì sfasciata sugli scogli, con l’equipaggio in cerca di scampo a terra. L’azione, energica, decisa ed efficace, dimostra appieno le capacità di autoprotezione dei corallatori. Si tratta, peraltro, di un’azione che non fu scevra di conseguenze. Sbarcare in terra straniera per compiere un’azione armata voleva dire violare la giurisdizione di uno stato sovrano. L’azione dei corallatori non passò inosservata, provocando un incidente diplomatico tra Genova e il Regno di Sardegna, che portò i padroni delle coralline coinvolte a dover scontare un periodo di carcere29.

  • 30 ASG, Archivio Segreto n. 1713, Giornale della campagna fatta dai due brigantini e sciabecco sotto i (...)

16I corallatori sapevano quindi dare addosso ai corsari nel momento in cui le circostanze lo richiedevano. Ma non solo, i battelli dei «margheritini» avevano caratteristiche che ben si prestavano ad alcuni compiti militari, per cui quando erano scortati da navi da guerra non si limitavano esclusivamente ad un ruolo passivo: venivano protetti dalle unità militari ma, a volte, partecipavano attivamente alle operazioni. Un esempio: la squadra di bastimenti da guerra comandata dal capitano del Porto di Genova Cesare Lomellino il 26 settembre 1760 salpò da Capraia in convoglio con 25 mercantili, tra cui 11 coralline di Santa Margherita. Quattro di queste coralline vennero inviate in avanscoperta da Lomellino: si prestavano bene al compito, erano piccole, veloci e agili. Avvistarono presto una galeotta barbaresca, sfuggirono al suo attacco rompendo il contatto e si ricongiunsero al convoglio per riferire, dando modo a Lomellino di organizzare un agguato per catturarla30.

La protezione statale: scorte armate e azioni di controcorsa

  • 31 Sull’organizzazione di convogli e le altre forme di protezione della navigazione mercantile durante (...)

17Citando il caso della squadra di Lomellino siamo passati dal campo dell’autoprotezione a quello della protezione fornita dallo stato attraverso le scorte armate. Non sono rari i casi in cui i convogli di coralline si mossero sotto la protezione di battelli da guerra. Il quadro generale è quello di un impegno via via maggiore dello stato genovese nel fornire strumenti per la protezione della navigazione mercantile di fronte alla minaccia dei corsari di Paoli: dall’estate del 1760 fino al 1768 i bastimenti armati furono incaricati sempre più spesso di convogliare i mercantili. Non si tratta di niente di nuovo dal punto di vista operativo, essendo una pratica consolidatasi già nei due secoli precedenti come risposta al pericolo rappresentato dai battelli barbareschi. La novità, piuttosto, sta nell’accento posto sulle missioni di scorta nelle istruzioni consegnate ai capitani delle squadre e dei bastimenti inviati a pattugliare il mar Ligure, l’Alto Tirreno e le acque di Corsica31.

  • 32 Si tratta di due brigantini mediterranei, bastimenti a due alberi armati con vela latina e dotati d (...)
  • 33 ASG, Archivio Segreto n. 1713, Giornale della campagna fatta dai due brigantini e sciabecco, cit.

18Il diario di bordo dell’ammiraglia della squadra armata in corso nell’estate del 1760 al comando di Lomellino, riporta alcuni casi in cui i suoi tre battelli (due brigantini e un piccolo sciabecco32) convogliarono bastimenti mercantili per scortarli o fino a destinazione, o comunque fuori dalle zone di mare infestate dai corsari paolisti (ma la protezione era rivolta, naturalmente, anche contro i corsari barbareschi). Nella seconda metà di settembre, ritrovandosi alla fonda nel porto dell’isola di Capraia, Lomellino ricevette notizie su due galeotte barbaresche approdate in Portoferraio. Il giorno 26 i tre bastimenti al suo comando salparono, come ho già detto, convogliando 25 mercantili, fra cui 11 leudi di Santa Margherita che rientravano dalla pesca del corallo nei mari della Sardegna. Nella prima settimana di ottobre i due brigantini, senza lo sciabecco, raggiunsero nuovamente Capraia e ne uscirono il giorno 13 in convoglio con 30 legni mercantili, quasi tutti coralline di Santa Margherita, raggiungendo poi le coste liguri in breve tempo33.

  • 34 Un caso di coralline salpate da Bonifacio insieme ad un convoglio militare è riferito nelle lettere (...)

19Il caso della squadra di Lomellino è quello di un’unità incaricata di operazioni di pattugliamento e che, nel quadro di queste operazioni, si preoccupava anche, in ossequio alle istruzioni ricevute, di convogliare e proteggere i battelli mercantili, scortandoli lungo le rotte che questi seguivano, ossia adattando la propria rotta a quella dei mercantili. Accadeva però, e molto più spesso, anche il contrario. Le istruzioni, in questo caso, davano incarico ai capitani di scortare i bastimenti solo nelle occasioni in cui fosse stato possibile perché i bastimenti armati (pochi rispetto alle necessità) erano quasi sempre impegnati in altre missioni, soprattutto di trasporto. I padroni dei legni mercantili, se volevano godere della protezione delle imbarcazioni da guerra, dovevano adattarsi: aspettavano i convogli militari, o le singole unità da guerra, che si muovevano lungo le loro stesse rotte, attendendone il passaggio o raggiungendo i porti da cui i convogli salpavano. In sostanza sfruttavano l’occasione fornita dai convogli e dalle missioni militari per muoversi sotto la protezione delle navi da guerra34.

  • 35 Ibid. n. 1715, 29 marzo 1764.
  • 36 Ibid. n. 1714, 22 agosto 1761.
  • 37 Ibid., 1°aprile 1762.

20Solo in particolari e rare occasioni si verificò l’organizzazione di convogli pianificati sotto protezione armata, sempre però in circostanze per cui le unità da guerra incaricate del servizio di scorta dovevano portarsi in Corsica per altri scopi (pattugliamento; trasporto di uomini, denaro e materiali; supporto alle operazioni militari terrestri). Nella primavera del 1764, ad esempio, i Serenissimi Collegi deliberarono di inviare una galea in Corsica per metterla a disposizione del Commissario generale di Bastia. Il comandante dell’unità ricevette istruzioni di incrociare nel canale di Piombino e in quello di Corsica, usando Bastia come base, allo scopo di proteggere la navigazione mercantile. Ma ancor prima di raggiungere Bastia, dopo la partenza da Genova, avrebbe dovuto raggiungere Portofino dove erano alla fonda oltre 100 coralline di Santa Margherita e Rapallo che dovevano portarsi «all’annuale pesca del corallo» nelle acque sarde, al fine di convogliarle e proteggerle lungo il viaggio fino a Bonifacio35. La pianificazione di convogli di questo tipo rispondeva alle richieste di protezione dei corallatori «margheritini» sulla rotta Portofino-Bonifacio e Bonifacio-Portofino, inoltrate ai Collegi attraverso lo strumento della «supplica». Sono giunte fino a noi due di queste «suppliche». La prima risale all’agosto 1761: i padroni «margheritini» chiesero «scorta di galere e bastimenti armati» che si portassero nelle acque di Bonifacio alla fine di settembre per proteggere le 140 coralline in procinto di intraprendere il viaggio di rientro dopo la fine della stagione della pesca36. La richiesta fu replicata l’anno successivo, in primavera, per iniziativa della Comunità di Santa Margherita. Questa volta la richiesta era di proteggere dalle «piraterie de ribelli corsi» con galee o altri battelli armati le «150 circa di queste coralline» pronte per salpare alla volta di Bonifacio e della Sardegna per portarsi «alla pesca dei coralli». Si specificava che i padroni esitavano a salpare – ed avevano già ritardato la partenza rispetto al solito – in forza del timore suscitato dalle notizie sulla presenza di navigli corsari ribelli nelle acque della Corsica. Il ritardo rischiava di provocare un non trascurabile danno economico alle numerosissime famiglie che vivevano dei proventi della pesca del corallo; da qui la richiesta di protezione armata, al fine di scongiurare un’ulteriore dilazione della partenza che avrebbe potuto compromettere il buon esito della pesca37.

  • 38 Per avere un riferimento comparativo sulla consistenza della flotta genovese nella seconda metà del (...)
  • 39 Cfr. Emiliano Beri, Genova e il suo Regno, p. 183-258.
  • 40 ASG, Archivio Segreto n. 2669, 26 aprile, 7 e 11 maggio 1762; n. 2692, 14 maggio 1762. La documenta (...)

21Le scorte armate ai convogli rappresentano una forma di protezione diretta che lo Stato forniva ai corallatori attraverso le sue risorse militari. Ma tale protezione armata assumeva anche una forma indiretta, nella misura in cui i bastimenti da guerra genovesi potevano agire per eliminare i corsari nelle zone di pesca: in questo caso proteggevano le coralline eliminando la minaccia, ma senza scortarle. Abbiamo parlato finora di galee, di brigantini e di uno sciabecco incaricati di proteggere i convogli. Nel primo caso, quello delle galee, si tratta di navi da guerra in servizio permanente, ossia di bastimenti militari a tempo pieno. Nel caso dello sciabecco e dei brigantini si tratta, al contrario, di «armamenti straordinari», ossia di bastimenti mercantili noleggiati e «armati in corso» per incrementare le deboli forze della flotta permanente della Repubblica, formata da sole 4 galee38. Il noleggio avveniva su base stagionale: i bastimenti restavano in servizio per alcuni mesi per essere poi disarmati e tornare alla normale attività mercantile39. Poteva anche accadere che le autorità locali genovesi noleggiassero dei mercantili per periodi molto più brevi, anche per pochi giorni, al fine di svolgere una singola specifica missione. Solitamente lo scopo era quello di far fronte ad una minaccia immediata, rappresentata dalla presenza di corsari e dalla contemporanea assenza di unità militari. Dalla documentazione emergono diversi episodi di questo genere nelle guerre di Corsica, ed uno ruota intorno alla pesca del corallo e alla presenza delle coralline nelle acque della Sardegna settentrionale. Il fatto accadde alla fine dell’aprile 1762: due bastimenti corsari ribelli predarono quattro leudi di Santa Margherita impegnati nella pesca del corallo. Quando la notizia giunse a Bonifacio il commissario che governava la città passò all’azione. Ricevuta notizie dal viceconsole di Castel Aragonese (Sardegna settentrionale) sui movimenti dei corsari, inviò sette gondole armate a dar loro la caccia. I due legni ribelli vennero catturati mentre erano alla fonda nella cala Serraina. Prima di passare all’attacco parte dei bonifacini e alcuni dei soldati genovesi di «guarnigione» sulle gondole erano sbarcati al fine di chiudere la via di fuga terrestre ai corsari. Si trattava di una nuova violazione della giurisdizione del re di Sardegna, da cui derivò un nuovo incidente diplomatico che andò a sommarsi a quello, del tutto similare, provocato due anni prima dall’attacco alla feluca napoletana con bandiera còrsa in cala di Fava40.

Conclusioni

22Protezione e autoprotezione: sono queste le due parole chiave intorno a cui si sviluppa il tema del rapporto fra corallatori liguri e guerra di corsa. Gli anni compresi tra il 1755 e il 1768 furono anni particolari; anni in cui alla tradizionale minaccia barbaresca si sommò quella portata da un nuovo nemico, il corsaro ribelle inviato in caccia di mercantili genovesi dal leader indipendentista Pasquale Paoli. Il pericolo barbaresco comportava, senza dubbio, conseguenze drammatiche: non solo la perdita economica ma anche quella della libertà personale, il finire schiavo in Nord Africa o nel Levante. Il corsaro còrso, da parte sua, era forse meno pericoloso: non aveva come obiettivo il far schiavi; puntava al denaro, a catturare bastimenti e merci, e l’oro rosso era una merce ambita. Ma la perdita del corallo per gente che viveva della sua pesca, che passava cinque mesi all’anno a cercarlo negli anfratti delle scogliere, non era cosa da poco; era un dramma diverso dalla schiavitù, ma pur sempre un dramma. Il corsaro còrso, peraltro, non era una presenza sporadica come quello barbaresco: pattugliava le acque còrse in cerca di prede con continuità, poteva contare su basi e approdi non distanti dalle aree di pesca del corallo e collocate in posizione ideale per «correre il mare» lungo le rotte frequentate dalle coralline. I «margheritini» avevano quindi bisogno di protezione, come e più di prima. La chiesero e la ottennero dallo Stato e ci misero del loro quando lo Stato, per carenza di risorse, risultò assente. Avevano dalla loro parte l’immunità garantita dal re di Sardegna, la forza del numero e l’aggressività: tante piccole unità che, muovendosi all’unisono, dissuadevano dal molestarle ed erano pronte a sciamare contro l’aggressore. In una guerra le sconfitte e le perdite non mancano; così è stato anche in questo caso, ma nel complesso i «margheritini» e lo stato genovese hanno saputo proteggere la pesca del corallo con efficacia, attraverso un’azione articolata, fatta di strumenti ed espedienti a volte alternativi tra loro, ma più spesso complementari, ben integrati ed efficaci.

Haut de page

Notes

1 Sulla pesca e il commercio del corallo in età moderna, fra i numerosi contributi dell’ultimo quindicennio, non si può far a meno di rimandare a: Francesca Trivellato, La fiera del corallo (Livorno, xviie et xviiie secolo): istituzioni e autoregolamentazione del mercato in età moderna, dans Paola Lanaro, dir., Le fiere in Italia e in Europa nell’età moderna. Reti economiche, spazi geografici, spazi urbani (secc. xve-xviiie), Venezia, Marsilio, 2003, p. 111-127; Miche Vergé-Franceschi et Antoine-Marie Graziani, dir., Le corail en Méditerranée. Cinquièmes jounées universitaires d’histoire maritime de Bonifacio juillet 2003, Ajaccio, Piazzola, 2004; Francesca Trivellato, Il commercio interculturale. La diaspora sefardita, Livorno e i traffici globali in età moderna, Roma, Viella, 2016; Philippe Gourdin, Tabarka. Histoire et archéologie d’un préside espagnol et d’un comptoir génois en terre africain (xve-xviiie siècle), Roma-Tunis, École français de Rome, 2008; Olivier Lopez, Coral fishermen in ‘Barbary’ in the Eighteen Century: Between Norms and Practices”, dans Maria Fusaro, Allaire Bernard, Richard Blakemore et Tijl Vanneste, dir., Law, Labour and Empire. Comparative perspectives on seafarers, c. 1500-1800, Basingstoke, Palgrave Macmillan, 2015, p. 195-212.

2 Sulla guerra di corsa nel Mediterraneo d’età moderna mi limito a rimandare, per brevità, a: Salvatore Bono, I corsari barbareschi, Torino, ERI, 1964; Id., Corsari nel Mediterraneo. Cristiani e musulmani fra guerra, schiavitù e commercio, Milano, Mondadori, 1993; Id., Lumi e corsari. Europa e Maghreb nel Settecento. Perugia, Morlacchi, 2005; Marco Lenci, Corsari. Guerra, schiavi, rinnegati nel Mediterraneo, Roma, Carocci, 2006.

3 Sugli strumenti adottati dalla Repubblica di Genova per far fronte alla corsa barbaresca: Vilma Borghesi, Il Magistrato delle galee (1559-1607), dans Guerra e commercio nellevoluzione della marina genovese tra xv e xvii secolo, Genova, Centro per la storia della tecnica in Italia CNR, 1973, p. 187-223; Giancarlo Calcagno. La navigazione convogliata a Genova nella seconda metà del Seicento, dans Guerra e commercio nellevoluzione della marina genovese tra xv e xvii secolo, Genova, Centro per la storia della tecnica in Italia CNR, p. 265-392; Ornella Folco, Organizzazione militare e fortificazione della Riviera di Ponente (1597-1605), dans Raffaele Belvederi, dir., Genova, la Liguria e l’Oltremare tra medioevo ed età moderna. Studi e ricerche d’archivio. Genova, Bozzi, 1974, p. 295-335; Nilo Calvi et Aldo Sarchi, Corsari, sbarchi e fortificazioni nell’estremo Ponente ligure, Sanremo, Casabianca, 1980; Gianni De Moro, «Per la storia delle fortificazioni còrse nel Cinquecento: motivazioni contingenti e caratteri generali». Bulletin de la Société des Sciences Historiques & Naturelles de la Corse, 1986, n° 105, p. 37-42; Marco Biagioni, I corsari barbareschi contro Genova e il Levante ligure. Secc. xvi-xvii: incursioni, difese, schiavitù, riscatti, rinnegati, La Spezia, Luna, 2001; Antoine-Marie Graziani, Les tours littorales, Ajaccio, Piazzola, 1992; Id., Les ouvrages de défense en corse contre le turcs (1530-1650), dans Antoine-Marie Graziani et Michel Vergé-Franceschi, dir., La guerre de course en Méditerranée (1515-1830), Paris-Ajaccio, Presses de l’Université Paris Sorbonne-Piazzola, 2000, p. 73-158; Id., « La menace barbaresque en Corse et la construction d’un systéme de defense (1510-1610) », Revue d’histoire maritime, 2001, n° 2-3, p. 141-162; Antoine-Laurent Serpentini, Aspects du système défensif de la Corse génoise à l’époque moderne, dans Bruno Antra et al., dir., Contra Moros y Turcos. Politiche e sistemi di difesa degli Stati mediterranei della Corona di Spagna in Età Moderna, Cagliari, Istituto di Storia dell’Europa mediterranea CNR, 2008, p. 293-307; Emiliano Beri, Défense et contrôle des littoraux de la Corse génoise (xvie-xviiie siècles). dans Anne Brogini et Maria Ghazali, La Méditerranée au prisme des rivages. Menaces, protections, aménagements en Méditerranée occidentale (xve-xixe siècles), Saint-Denis, Bouchène, 2015, p. 99-109; Id., Génova y su frontera marítima entre los siglos xvi y xviii: defensa y control, dans Valentina Favarò, Manfredi Merluzzi e Gaetano Sabatini, dir., Fronteras: Procesos y prácticas de integración y conflictos entre Europa y América (siglos xvi -xx), Madrid, Fondo de Cultura Económica, 2016, p. 341-352. Sul mimetismo di bandiera: Giulio Giacchero, Economia e società nel Settecento genovese, Genova, Sagep, 1973, p. 146-153; Emiliano Beri, Genova e il suo Regno. Ordinamenti militari, poteri locali e controllo del territorio in Corsica fra insurrezioni e guerre civili (1729-1768), Novi Ligure, Città del silenzio, 2011, p. 264-276. Sulle forme di autoprotezione: Ibid., p. 259-264. Sulla tolleranza verso il mimetismo: Archivio di Stato di Genova – d’ora in poi ASG –, Archivio Segreto n. 1721, 2 maggio 1752, 30 maggio 1770.

4 I cavalleggeri o «soldati a cavallo» erano reparti di cavalleria locale creati appositamente per pattugliare le coste e compiere azioni di reazione rapida contro le incursioni barbaresche. Sui cavalleggeri di stanza in Corsica si rimanda a: Beri, Genova e il suo Regno., cit., p. 88.

5 Archivio Doria Genova – d’ora in poi ADG –, Documenti Di Negro, 1 e 29 febbraio 1584; 27 luglio, 29 agosto, 19 ottobre 1589; 6 gennaio, 10 luglio, 12 luglio, 16 agosto, 1 settembre 1590; 20 maggio, 18 giugno, 23 giugno, 26 giugno, 17 luglio, 9 agosto, 14 settembre, 2 ottobre, 11 ottobre 1593; 1 aprile, 27 aprile, 20 maggio, 1 giugno, 14 giugno, 11 luglio 1594. Un grazie a Luca Lo Basso che mi ha fornito la trascrizione di questi documenti.

6 Il Magistrato di Corsica era l’organo del governo genovese deputato all’amministrazione della Corsica.

7 ASG, Corsica n. 403, 11 febbraio 1647.

8 I Serenissimi Collegi erano il massimo organo di governo della Repubblica, formato dal Doge, dal Collegio dei Governatori (Senato) e da quello dei Procuratori (Camera).

9 L’amministrazione territoriale della Corsica era organizzata in 10 province: quattro rette da commissari e sei da luogotenenti.

10 Ibid., 12 febbraio 1647.

11 ASG, Archivio Segreto n. 2115, 9 giugno 1685. Un grazie ad Alessio Boschiazzo per avermi fornito le fotoriproduzioni di questa unità archivistica e di quelle, che ho citato e citerò, del fondo Corsica.

12 Antoine-Marie Graziani, op. cit., 2000, p. 91-92; Giovanni Serreli, «…Fabricar en su continente torres y bastiones…». I problemi dell’organizzazione difensiva nel Regno di Sardegna nella prima metà del xvi secolo, dans Bruno Antra et al., dir., Contra Moros y Turcos. Politiche e sistemi di difesa degli Stati mediterranei della Corona di Spagna in Età Moderna, Cagliari, Istituto di Storia dell’Europa mediterranea CNR, 2008, p. 214. Nella già citata corrispondenza di Francesco Di Negro ricorre di frequente il tema delle torri e, in particolare, la questione della costruzione di quella di Tizzano, che in quel momento (siamo tra il 1586 e il 1594) non esisteva ancora. Nei «Capitoli ottenuti in 1586 per la pesca del corallo» del 1 e 29 febbraio 1584 i Serenissimi Collegi accordano ai corallatori di Di Negro l’autorizzazione ad utilizzare le torri di Porto Pollo, Figari e Roccapina (per «accomodarsi», ossia per pernottare e depositare il corallo) e costruirne altre a loro spese (ADG, Documenti Di Negro, 1 e 29 febbraio 1586).

13 ASG, Sala Foglietta n. 1114, 28 luglio 1588.

14 ASG, Corsica n. 403, 11 febbraio 1647

15 Ibid. n. 646, 16 agosto 1706.

16 Ibid., 17 settembre 1707.

17 Ibid., 24 luglio 1708.

18 ASG, Corsica n. 1347, 20 dicembre 1720.

19 Cfr. Emiliano Beri, op. cit., 2015.

20 Sulle guerre di Corsica si rimanda a Emiliano Beri, Genova e il suo Regno, cit., 2011 e ai numerosi recenti lavori di Antoine-Marie Graziani, Antoine-Laurent Serpentini e Michel Vergé-Franceschi (che, per motivi di spazio, evito di citare). Sui corsari di Pasquale Paoli: Didier Rey, « La flotte militaire corse », Études corses, 1987, no 29, 1987, p. 145-163; Antoine-Marie Graziani, « La marine de guerre paoliste (1755-1760): mythes et réalités », Neptunia, 2002, n° 228 p. 22-35; Emiliano Beri, «Contrabbandieri, corsari e ladri di mare. Bonifacini e napoletani nella marina di Pasquale Paoli (1756-1768)», Società e Storia, 2011, n° 132, p. 249-276.

21 Emiliano Beri, Genova e il suo Regno, cit., p. 264-276.

22 ASG, Archivio Segreto n. 1721, 5 marzo 1755.

23 ASG, Archivio Segreto n. 2692, 4 aprile 1764; n. 2693, 30 settembre, 7 e 21 ottobre 1767.

24 I casi citati nelle fonti, consolari soprattutto, di navigazione convogliata e di velieri mercantili ben armati sono numerosi. Mi limito, per questioni di spazio, ad indicare i riferimenti archivistici. ASG, Archivio Segreto n. 2691, 21 febbraio 1759; n. 1714, 23 ottobre 1761; n. 2692, 2 marzo 1763; n. 2691, 23 luglio 1760; n. 2693, 1° aprile e 11 maggio 1768.

25 La barca ligure era un veliero a tre alberi con velatura latina o mista dotato di una buona capacità di carico.

26 La gondola era un piccolo bastimento a remi, lungo non più di 10 metri, dotato di una vela latina.

27 ASG, Archivio Segreto n. 1714, 22 agosto 1761 e 1° aprile 1762; n. 1715, 29 marzo 1764; n. 2692, 4 aprile 1764.

28 ASG Archivio Segreto n. 2693, 30 settembre 1767; n. 2693, 7 ottobre 1767; n. 2693, 21 ottobre 1767.

29 ASG, Archivio Segreto n. 2669, 12 agosto 1760; n. 2691, 9 luglio 1760; n. 2331, 22 luglio 1760. La documentazione inerente l’episodio, e il relativo incidente diplomatico, è conservata in ASG, Archivio Segreto n. 1722.

30 ASG, Archivio Segreto n. 1713, Giornale della campagna fatta dai due brigantini e sciabecco sotto il comando del Magnifico Cesare Lomellino contro bastimenti pirati corsi.

31 Sull’organizzazione di convogli e le altre forme di protezione della navigazione mercantile durante le guerre di Corsica si rimanda a: Emiliano Beri, Genova e il suo Regno, cit., p. 253-258.

32 Si tratta di due brigantini mediterranei, bastimenti a due alberi armati con vela latina e dotati di propulsione remica.

33 ASG, Archivio Segreto n. 1713, Giornale della campagna fatta dai due brigantini e sciabecco, cit.

34 Un caso di coralline salpate da Bonifacio insieme ad un convoglio militare è riferito nelle lettere del console di Livorno del 7 e 9 ottobre 1761 (ASG, Archivio Segreto n. 2692, 7 e 9 ottobre 1761).

35 Ibid. n. 1715, 29 marzo 1764.

36 Ibid. n. 1714, 22 agosto 1761.

37 Ibid., 1°aprile 1762.

38 Per avere un riferimento comparativo sulla consistenza della flotta genovese nella seconda metà del Settecento si tenga presenta che circa un secolo prima Genova, per controllare il mar Ligure e le acque di Corsica, poteva contare su 16 galee pubbliche e almeno una mezza dozzina della squadra spagnola di Genova, formata da armatori genovesi al servizio dell’alleata Spagna (Cfr. Luca Lo Basso, Uomini da remo. Galee e galeotti nel Mediterraneo in età moderna, Milano, Selene, p. 206-311).

39 Cfr. Emiliano Beri, Genova e il suo Regno, p. 183-258.

40 ASG, Archivio Segreto n. 2669, 26 aprile, 7 e 11 maggio 1762; n. 2692, 14 maggio 1762. La documentazione sull’episodio e sul conseguente incidente diplomatico è conservata in ASG, Archivio Segreto n. 1722.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Emiliano Beri, « Corallatori e guerra di corsa tra Sardegna e Corsica (1755‑1768) », Rives méditerranéennes, 57 | 2018, 71-87.

Référence électronique

Emiliano Beri, « Corallatori e guerra di corsa tra Sardegna e Corsica (1755‑1768) », Rives méditerranéennes [En ligne], 57 | 2018, mis en ligne le 10 décembre 2019, consulté le 02 mars 2021. URL : http://journals.openedition.org/rives/5694 ; DOI : https://doi.org/10.4000/rives.5694

Haut de page

Auteur

Emiliano Beri

Università degli Studi di Genova, NavLab, Gênes, Italie.
Emiliano Beri enseigne l’histoire militaire à l’Université de Gênes. Il est membre du Laboratoire d’histoire maritime et navale de l’Université de Gênes (NavLab) et du Centre d’études inter-universitaires Le Polizie e il controllo del territorio. Ses travaux portent sur l’histoire militaire, navale, maritime et du renseignement dans la Méditerranée de l’époque moderne, avec une attention particulière sur la Ligurie et la Corse.

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search