Navigation – Plan du site

Un’ evidenza negata?

Elementi e riflessioni su gender e Chiesa cattolica tra zibaldoni socio-massmediatici italiani e magistero pontificio
La négation d’une évidence ? Éléments et réflexions sur gender et Église catholique entre confusions socio-médiatiques italiennes et magistère pontifical
Denying an Evidence? Some Elements and Reflections on Gender and the Catholic Church, between Confusions in the Italian Media and the Magisterium of the Catholic Church
Fausto Iannello
p. 49-84

Résumés

Cet article revient sur les prises de positions officielles de l’Église catholique à l’égard de la « théorie du genre » en remontant à leurs sources. En Italie, ce qu’on appelle la « question du gender » a déchaîné les passions et suscité des oppositions fanatiques, une sorte de dualisme exacerbé, surtout pratiqué et diffusé par les médias, non sans influences aussi bien philosophiques et religieuses que sociologiques ou simplement politiques. Le but de l’article est d’offrir une présentation de la position qui a été prise par l’Église catholique depuis Benoît XVI, le premier pape à condamner le genre en tant que théorie philosophique. Cela semble d’autant plus nécessaire que certains représentants des « études genre » ont dénoncé une exagération idéologique dans la définition même d’une « idéologie/théorie du genre » (préférant pour leur part parler de « théories gender »). Il ne s’agit pour eux que d’un stratagème polémique et propagandiste, qu’ils mettent sur le compte de mouvements catholiques et/ou réactionnaires — qui serait forcément dirigé par des cercles du Vatican. Par conséquent, il n’existerait pas de « théorie du genre », pas même dans les milieux universitaires, puisqu’il ne s’agirait là que d’une stratégie des catholiques les plus conservateurs pour promouvoir leurs propres positions idéologiques.

Haut de page

Texte intégral

Premesse a un quadro sui generis

1L’articolo 56 dell’esortazione apostolica postsinodale Amoris laetitia, edita il 19 marzo 2016 e dedicata, com’è noto, al tema dell’amore nel contesto della famiglia «tradizionale» alla luce dei due relativi sinodi tenutisi nel 2014 e nel 2015, chiarisce che il gender costituisce il ruolo sociale e culturale del sesso biologico (sex), dal quale è distinguibile ma non separabile.

  • 1  Androgynous, agender, asexual, bisexual, brotherboy, intersex, crossdresser, drag king, drag queen (...)
  • 2  https://campusclimate.berkeley.edu/students/ejce/geneq. Per un approfondi­mento possono essere uti (...)

2Nel rapporto di uno studio del 2013 commissionato dall’Australian Human Rights Commission si legge che esisterebbero ventitré generi sessuali, meglio definiti «distinti orientamenti sessuali»1, laddove sarebbero più del doppio, esattamente cinquantotto, secondo uno studio svolto da accademici di Berkeley e Washington2.

3Dinanzi alla molteplicità di tali orientamenti e manifestazioni, nel calderone massmediatico italiano varie e distinte si sono rivelate le riflessioni, nonché talvolta inattese:

Io, invece, ritengo che la questione del genere, l’annullamento della realtà biologica, fisica, e anche psicologica esistente per cui si tende a dire che non ci sono più i due sessi, è un ostacolo che la Chiesa non supererà e, aggiungo, se non lo supera fa bene perché si tratta di un’intromissione ideologica dentro la natura biologica. Penso che ci sono infinite forme di sessualità, con tutte le gradazioni possibili, ma i sessi sono due e non si può dire che sono quattro o cinque. Dopodiché, le manifestazioni sessuali possono essere molteplici e ciascuno sceglie la sua; ma dire che non ci sono più i due sessi è una esplicita violazione del buon senso.

  • 3  Si tratta di uno stralcio dell’intervista rilasciata da Chiesa alla collega Lucia Bigozzi per il q (...)

4Siffatte parole furono pronunciate pochi anni addietro da un valente giornalista, Giulietto Chiesa3, noto soprattutto quale autore di coraggiose inchieste, con un passato da dirigente del Partito Comunista Italiano e da eurodeputato del PSE, quindi non appartenente, certo, ad associazioni cattoliche ultraconservatrici o a movimenti intrinsecamente omofobici.

  • 4  Publicato dalla casa editrtice UTET a Novara.
  • 5  Si veda anche l’emblematica intervista concessa dalla Marzano al quotidiano Il Mattino del 26 nove (...)
  • 6  Ormai storico il volume con il quale la docente di Berkeley diffuse al mondo le sue posizioni e, d (...)

5In una direzione analoga, benché più complessa, se non ambigua, si muovono taluni aspetti del pensiero della filosofa e politica Michela Marzano, illustre esponente e dinamica promotrice degli studi di genere, già deputata del Partito Democratico e nota attivista femminista per i diritti delle coppie omosessuali, per le quali, tra l’altro, la stessa auspica la possibilità di adottare dei figli. Particolarmente con la pubblicazione di un suo volume nel 2015, dall’indicativo titolo Papà, mamma e gender4, per il quale l’autrice prendeva spunto pure dal ruolo assunto dalla Chiesa cattolica di fronte alla questione del gender negli anni dell’attuale pontefice, si sono generati diversi dibattiti da più parti, a ragione della peculiarità delle posizioni espresse5. La Marzano, infatti, pur schierandosi nettamente contro coloro che sostengono l’esistenza di una «teoria/ideologia gender» (il riferimento è perlopiù agli ambienti che organizzano il Family Day), dichiara con vigore la sua cattolicità, appellandosi altresì a papa Francesco in merito alla necessità della promozione di una non meglio definita «uguaglianza sociale» e stigmatizzando il radicalismo gender, ossia quello insito nel pensiero e nelle proposizioni di una delle massime specialiste e fautrici degli studi di genere, la neostrutturalista Judith Butler, per la quale il corpo sessuato non è un dato biologico ma una costruzione culturale e che, stando alla Marzano, avrebbe esasperato la questione, giungendo, erroneamente, a identificare l’orientamento sessuale con l’identità di genere6. Ciononostante, come tra breve si potrà riscontrare, la riflessione di papa Francesco sul gender non lascia dubbi a interpretazioni sincretistiche, le quali sembrano invece emergere da certe affermazioni e posizioni «concilianti» della filosofa romana.

6Nella Relazione finale (n. 8 e 58) presentata a papa Francesco il 24 ottobre 2015 a conclusione dei lavori della XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, dedicata al tema «La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo», così in merito si puntualizza:

  • 7  http://www.vatican.va/roman_curia/synod/documents/rc_synod_doc_20151026_relazione-finale-xiv-assem (...)

Una sfida culturale odierna di grande rilievo emerge da quell’ideologia del «gender» che nega la differenza e la reciprocità naturale di uomo e donna. Essa prospetta una società senza differenze di sesso, e svuota la base antropologica della famiglia. Questa ideologia induce progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un’identità personale e un’intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina. L’identità umana viene consegnata ad un’opzione individualistica, anche mutevole nel tempo. Nella visione della fede, la differenza sessuale umana porta in sé l’immagine e la somiglianza di Dio (cf. Gn 1, 26-27). […] Il cristianesimo proclama che Dio ha creato l’uomo come maschio e femmina, e li ha benedetti affinché formassero una sola carne e trasmettessero la vita (cf. Gn 1, 27-28; 2, 24). La loro differenza, nella pari dignità personale, è il sigillo della buona creazione di Dio. Secondo il principio cristiano, anima e corpo, come anche sesso biologico (sex) e ruolo sociale-culturale del sesso (gender), si possono distinguere, ma non separare7.

7Tali dichiarazioni, che, come meglio vedremo, saranno accolte nella relativa esortazione apostolica Amoris laetitia, giunsero quasi a compimento di un percorso di riflessione, insegnamento e apostolato che, attraverso il magistero pontificio, la Chiesa cattolica aveva avviato allorché si era reso essenziale e doveroso un suo pronunciamento ufficiale dinanzi alla diffusione ormai quasi capillare di quel fenomeno detto gender.

8Le ragioni che ci portano a inaugurare in tal modo il presente contributo, teso a ricostruire nei suoi fondanti documenti la posizione ufficiale cattolica su un tema quale il gender, è dato — si capisce (e si sa) — dal processo di sempre più veloce esacerbazione e cieca radicalizzazione nel confronto tra fazioni massmediaticamente ribattezzate «pro-gender» e «no-gender». Quella che qui chiameremo «questione gender», di fatto, si è ormai trasformata in un casus belli che ha generato fanatiche passioni in non pochi contesti umani e sociali: dalle opposte visioni circolari di questo mondo —insomma questioni di pura Weltanschauung — sino a variegati interessi di matrice ideologica o squisitamente politica.

9In questa sede, individuando e riportando gli interventi che il magistero pontificio ha fin qui sviluppato a partire da Benedetto XVI, primo pontefice a condannare il gender inteso quale teoria filosofica e per questo, com’è noto, spesso additato in determinati ambienti quale «responsabile» dell’acceso e controverso dibattito, proveremo a ricostruire e quindi a offrire al relativo dibattito la posizione assunta ieri e oggi dinanzi a siffatta questione da parte della Chiesa cattolica. Ciò si rende necessario anche perché esponenti e propugnatori più o meno illustri dei gender studies hanno rintracciato una forzatura ideologica sottesa all’elaborazione della definizione di «ideologia/teoria di genere» (preferendole quella di «teorie gender»), imputando a movimenti cattolici reazionari in principio pilotati da ambienti vaticani la responsabilità di quella che considerano una trovata propagandistica e niente più: una teoria del gender, dunque, non esiste, nemmeno in ambito accademico, poiché costituirebbe solo una pianificata costruzione di cattolici reazionari o conservatori per legittimare pubblicamente le proprie posizioni, politiche e non.

  • 8  S. Garbagnoli, «“L’ideologia del genere”: l’irresitibile ascesa di un’invenzione retorica vaticana (...)
  • 9  È il titolo di un suo articolo apparso su La Repubblica del 22 giugno 2015, scritto a commento del (...)
  • 10  Dall’intervista per Micromega-online del 21 dicembre 2015: http://temi.repubblica.it/
    micromega-onl (...)

10A sostenere e chiarire le suddette posizioni in ambito accademico, tra gli altri, sono Sara Garbagnoli, secondo la quale «“l’ideologia del genere” è stata coniata ai primi anni del 2000 in alcuni testi redatti sotto l’egida del Pontificio Consiglio per la Famiglia con l’intento di etichettare, deformare e delegittimare quanto prodotto nel campo degli studi di genere8», e, analogamente, ancora la stessa Michela Marzano, che nell’espressione «ideologia gender» riconosce «un fantasma che agita i cattolici9», prodotto di «una mera disinformazione, una falsificazione riconducibile all’omofobia10».

11Dinanzi a questa visione, per rimanere nel contesto dei mezzi di comunicazione di massa, il biologo e blogger Enzo Pennetta nota che

  • 11 https://www.enzopennetta.it/2015/03/la-teoria-del-gender-non-esiste-nervi-tesi-su-wired.

quella teoria del Gender poco prima negata in realtà esiste ma va chiamata «studi di genere», che però essendo degli studi che propongono una visione finale della realtà concernente l’argomento studiato, configurano una teoria, così come confermato dal vocabolario Treccani — Teoria: Formulazione logicamente coerente (in termini di concetti ed enti più o meno astratti) di un insieme di definizioni, principî e leggi generali che consente di descrivere, interpretare, classificare, spiegare, a varî livelli di generalità, aspetti della realtà naturale e sociale, e delle varie forme di attività umana11.

  • 12  http://www.huffingtonpost.com/entry/trans-boy-texas-crying_us_59775e1be4b0a8a40e829ac4.
  • 13  https://www.independent.co.uk/news/world-0/canada-kori-doty-genderless-baby-searyl-atli-rights-bat (...)
  • 14  http://www.regione.fvg.it/rafvg/comunicati/comunicato.act?dir=/rafvg/cms/RAFVG/notiziedallagiunta/ (...)
  • 15  https://www.centrostudilivatino.it/la-calabria-primo-esperimento-in-italia-per-la-diffusione-delli (...)
  • 16 http://www.arco.lgbt/omotransnegativita-cose-e-perche-preoccupa-gli-estremisti; https://www.istitut (...)
  • 17 https://www.avvenire.it/attualita/pagine/leggi-contro-lomofobia-la-deriva-delle-regioni; https://de (...)

12Se infatti non si trattasse anche di una ideologia informata a una «visione della vita», sarebbe oggettivamente difficile interpretare alcune iniziative come quella occorsa in Canada, dove, a partire dal 31 agosto 2017, è possibile che il cittadino riporti una X su passaporti o documenti di identità per indicare il genere sessuale «scelto», in linea con quanto già avvenuto con il caso del bambino transgender nato nel 2008 maschio (Max, all’anagrafe), il quale, per volontà della madre texana Amber Briggle, divenne Mary Grace12; e ancora, quel progetto dichiaratamente ispirato al gender, sempre canadese, e che fece il giro del mondo, realizzato dalla signora Kori Doty, che volle che il proprio figlio, Searyl Atli, nato nel novembre del 2016 «tangibilmente» maschio, fosse registrato nello stato canadese della Columbia Britannica con una U, ovvero undetermined13. Su analoga linea, in Italia si muove quanto nel 2017 la Regione Friuli stabilì per i propri dipendenti, i quali infatti possono liberamente registrarsi con una identità diversa dal proprio nome anagrafico e corrispondente invece al genere sessuale che il dipendente «percepisce»14, con un provvedimento molto simile a quello originario e sperimentale che fu presentato alla Regione Calabria nel giugno del 2017 su proposta di un consigliere regionale dei Democratici Progressisti e infine approvato nel gennaio del 201915. All’agosto dello stesso anno si data però la legge più discussa, ossia quella della Regione Emilia-Romagna, inizialmente proposta in un disegno «contro l’omotransnegatività»16 e apertamente contrastata da tutte le associazioni cattoliche del territorio in questione17.

  • 18  Legislatura 17ª, Disegno di legge n. 1680, http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DDLPRES/0/8456 (...)

13In tal senso, non si può dunque non ricordare quella tensione politica che si concretizzò in quella prima proposta di legge presentata al Senato della Repubblica Italiana il 18 novembre 2014 dal titolo «Introduzione dell’educazione di genere e della prospettiva di genere nelle attività e nei materiali didattici delle scuole del sistema nazionale di istruzione e nelle università», che, in linea con le direttive di una convenzione europea, prospettava «due direzioni specifiche: la prima, fissare tra gli obiettivi nazionali dell’insegnamento e delle linee generali dei curricoli scolastici la cultura della parità di genere e il superamento degli stereotipi; la seconda, l’intervento sui libri di testo, riconosciuti in tutte le sedi internazionali, come un’area particolarmente sensibile per le politiche delle pari opportunità18». Alla luce di ciò si potrebbe dunque evincere che, grazie a questa «non-teoria», ogni individuo possa essere come occasionalmente «si sente/percepisce» e non come è, ora sul lavoro ora nella vita privata.

14Invero, permangono delle incongruità nell’atteggiamento di coloro che, in nome del gender, sostengono la neutralità ideologica dei gender studies nel loro precipuo carattere scientifico e interdisciplinare, e, simul, particolarmente in ambito politico, giungono a farne lo strumento privilegiato di una battaglia socioculturale. Dinanzi a questi dati, pur sforzandosi di attraversare tale contributo sine ira ac studio, è oggettivamente difficile non scorgere, intrinseco o estrinseco che sia alle teorie o agli studi di genere e indipendentemente dalla sua legittimità o validità, un piano ideologico che, malgrado non in questione nel presente scritto, alimenta quella confusione mediatica che forgia e incanala la cosiddetta opinione comune.

15Il punto di partenza, infatti, è la valutazione di coloro che, nell’ambito dei gender studies, riconducono all’apologetica vaticana la decostruzione o il rovesciamento degli autentici fondamenti degli stessi gender studies: ambienti vaticani, come già si rilevava, avrebbero strumentalizzato tali studi al fine di impedire il riconoscimento dei matrimoni omosessuali nonché la diffusione della parità di genere negli organi legislativi ed educativi. Un dibattito squisitamente culturale, o accademico, si è così tramutato, con accese contrapposizioni, in un dibattitto religioso e, di conseguenza, socio-politico, finalizzato, altresì, a sollevare dubbi, equivoci o ambiguità sulla legittimità del relativo insegnamento pontificio, nonché a inculcare l’idea che quest’ultimo sia solo una opportunistica e contingenziale manovra quasi inquisitoria e non una naturale esposizione della dottrina cattolica su sessualità e famiglia in ossequio a una tradizione magisteriale.

16Si aggiunga che un esasperato dualismo e la politicizzazione del tema qui in esame possono infine palesarsi anche come espressioni di una pericolosa strumentalizzazione della persona umana, a partire dalla sua nascita, laddove (naturaliter!) si applichi il senso comune, che non è, marxianamente, solo il portato di consuetudini o assuefazioni connesse a uno specifico ambiente sociale, ma principalmente, per dirla con Étienne Gilson, la concretizzazione di quell’evidenza che res sunt.

Il Magistero

Una «nuova filosofia della sessualità»: il gender nell’insegnamento di Benedetto XVI

  • 19  In realtà, allorché già Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede (1981‑2005), Josep (...)
  • 20  Si appurerà ciò più avanti.

17È ancora fulgida, particolarmente in chi si occupa del tema qui in oggetto, la memoria del discorso di papa Benedetto XVI in occasione della presentazione degli auguri natalizi alla curia romana venerdì 21 dicembre 2012 nella Sala Clementina, a pochi mesi, perciò, dalle sue dimissioni (28 febbraio 2013). In primo luogo, tale intervento è ad oggi citato come il più articolato di un pontefice sul tema del gender19, per quanto alla morale sessuale e familiare già Giovanni Paolo II avesse dedicato una imponente e decisiva parte del suo magistero, che per sua natura era già implicitamente propedeutica a una condanna della cosiddetta «teoria del gender»20. Prendendo spunto dal VII Incontro Mondiale delle Famiglie e citando uno scritto dell’allora Gran Rabbino di Francia, il teologo bavarese così si pronunciava, progressivamente scatenando reazioni su fronti opposti:

La grande gioia con cui a Milano si sono incontrate famiglie provenienti da tutto il mondo ha mostrato che, nonostante tutte le impressioni contrarie, la famiglia è forte e viva anche oggi. È incontestabile, però, anche la crisi che particolarmente nel mondo occidentale la minaccia fino nelle basi. Mi ha colpito che nel Sinodo si sia ripetutamente sottolineata l’importanza della famiglia per la trasmissione della fede come luogo autentico in cui si trasmettono le forme fondamentali dell’essere persona umana. […] Le sfide in questo contesto sono complesse. C’è anzitutto la questione della capacità dell’uomo di legarsi oppure della sua mancanza di legami. […] Con il rifiuto di questo legame scompaiono anche le figure fondamentali dell’esistenza umana: il padre, la madre, il figlio; cadono dimensioni essenziali dell’esperienza dell’essere persona umana. Il Gran Rabbino di Francia, Gilles Bernheim, in un trattato accuratamente documentato e profondamente toccante, ha mostrato che l’attentato, al quale oggi ci troviamo esposti, all’autentica forma della famiglia, costituita da padre, madre e figlio, giunge ad una dimensione ancora più profonda. Se finora avevamo visto come causa della crisi della famiglia un fraintendimento dell’essenza della libertà umana, ora diventa chiaro che qui è in gioco la visione dell’essere stesso, di ciò che in realtà significa l’essere uomini. Egli cita l’affermazione, diventata famosa, di Simone de Beauvoir: «Donna non si nasce, lo si diventa» («On ne naît pas femme, on le devient»). In queste parole è dato il fondamento di ciò che oggi, sotto il lemma «gender», viene presentato come nuova filosofia della sessualità. Il sesso, secondo tale filosofia, non è più un dato originario della natura che l’uomo deve accettare e riempire personalmente di senso, bensì un ruolo sociale del quale si decide autonomamente, mentre finora era la società a decidervi. La profonda erroneità di questa teoria e della rivoluzione antropologica in essa soggiacente è evidente. L’uomo contesta di avere una natura precostituita dalla sua corporeità, che caratterizza l’essere umano. Nega la propria natura e decide che essa non gli è data come fatto precostituito, ma che è lui stesso a crearsela. Secondo il racconto biblico della creazione, appartiene all’essenza della creatura umana di essere stata creata da Dio come maschio e come femmina. Questa dualità è essenziale per l’essere umano, così come Dio l’ha dato. Proprio questa dualità come dato di partenza viene contestata. Non è più valido ciò che si legge nel racconto della creazione: «Maschio e femmina Egli li creò» (Gen 1,27).

  • 21  https://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/speeches/2012/december/documents/hf_ben-xvi_spe_2012 (...)

No, adesso vale che non è stato Lui a crearli maschio e femmina, ma finora è stata la società a determinarlo e adesso siamo noi stessi a decidere su questo. Maschio e femmina come realtà della creazione, come natura della persona umana non esistono più. L’uomo contesta la propria natura. Egli è ormai solo spirito e volontà. La manipolazione della natura, che oggi deploriamo per quanto riguarda l’ambiente, diventa qui la scelta di fondo dell’uomo nei confronti di se stesso. Esiste ormai solo l’uomo in astratto, che poi sceglie per sé autonomamente qualcosa come sua natura. Maschio e femmina vengono contestati nella loro esigenza creazionale di forme della persona umana che si integrano a vicenda. Se, però, non esiste la dualità di maschio e femmina come dato della creazione, allora non esiste neppure più la famiglia come realtà prestabilita dalla creazione. Ma in tal caso anche la prole ha perso il luogo che finora le spettava e la particolare dignità che le è propria. Bernheim mostra come essa, da soggetto giuridico a sé stante, diventi ora necessariamente un oggetto, a cui si ha diritto e che, come oggetto di un diritto, ci si può procurare. Dove la libertà del fare diventa libertà di farsi da sé, si giunge necessariamente a negare il Creatore stesso e con ciò, infine, anche l’uomo quale creatura di Dio, quale immagine di Dio viene avvilito nell’essenza del suo essere. Nella lotta per la famiglia è in gioco l’uomo stesso. E si rende evidente che là dove Dio viene negato, si dissolve anche la dignità dell’uomo. Chi difende Dio, difende l’uomo21.

  • 22  Si veda il già citato articolo di Garbagnoli, «“L’ideologia del genere”».

18Il lettore perdonerà certo la scelta di aver voluto riprodurre buona parte del discorso: è evidente la nodale rilevanza di parole che al tempo generarono la pubblica deplorazione da parte delle comunità «pro-gender» e che, ad oggi, sono considerate quale «sorgente della questione»22. Intanto, però, è necessario citare e considerare più dettagliatamente le parole del rabbino filosofo Gilles Uriel Bernheim e le conseguenze del suo saggio, cui fa diretto e centrale riferimento Ratzinger.

  • 23  http://www.grandrabbindefrance.com/dossiers.html. A seguito di fatti che tra breve illustreremo, o (...)
  • 24  Al seguente indirizzo se ne può leggere e scaricare la versione originale: https://www.ajcf.fr/IMG (...)
  • 25  G. Bernheim, Quarante méditations juives, Paris, Stock, 2011.
  • 26  Si leggano in merito le opinioni espresse da opinionisti e intellettuali ebrei: http://www.huffing (...)
  • 27  http://tempsreel.nouvelobs.com/culture/portrait/20130411.OBS7679/gilles-bernheim-rabbin-desagrege. (...)

19Pubblicato nello stesso anno 2012 sul sito personale dell’allora Gran Rabbino23, il breve (poco più di venti pagine) ma denso libretto Mariage homosexuel, homoparentalité et adoption: ce que l’on oublie souvent de dire24 ricevette da subito l’attenzione del mondo cattolico per le tesi ivi sostenute, di fatto pressoché identiche a quelle cristiane concernenti i temi della sessualità e della famiglia. Il successo delle tesi di Bernheim particolarmente in un’area cattolica di matrice conservatrice fu probabilmente tra i motivi che diedero origine ad alcune accuse di plagio per una sua precedente opera25, accuse che nell’aprile del 2013 porteranno alle sue forzate dimissioni. Ritenuto sul momento uno scandalo, oggi quanto accaduto a Bernheim viene letto nel contesto di un conflitto interno alla comunità ebraica di Francia tra gli ultraortodossi e i liberali, tra i quali era comunemente annoverato l’ex rabbino, ritenuto dalle gerarchie più conservatrici una sorta di modernista, soprattutto per le sue aperture al mondo cattolico e per l’approccio filosofico, dunque non integralmente talmudico, alle tradizioni israelitiche26. Dunque non un conservatore, né un integralista, il Bernheim, che tra l’altro nelle occasioni elettorali aveva pubblicamente ammonito gli Ebrei francesi affinché non votassero per il Front National di Le Pen. Icastiche e ferme più d’altre le relative parole della nota scrittrice femminista Éliette Abécassis, di origini ebraiche sefardite : «Sans lui, le judaïsme français risque de se recroqueviller sur lui-même […] la tendance obscurantiste ne cesse de gagner du terrain27

20A questi dati si aggiunga una fondamentale nota apparsa in data I febbraio 2013 su Moked, il portale ufficiale dell’ebraismo in Italia:

  • 28  http://moked.it/blog/2013/02/01/il-rav-i-diritti-civili-il-dibattito.

Il documento del rav Bernheim è a disposizione dei lettori nella versione italiana curata da Ada Treves. Dedicato alle tematiche sollevate dal Gran Rabbino di Francia Gilles Bernheim è anche l’istant book pubblicato dalle Edizioni Belforte col titolo Quello che spesso si dimentica di dire [sottotitolo: Matrimonio omosessuale, omogenitorialità, adozione]. Oltre alla traduzione integrale del testo di rav Bernheim il volume propone alcune riflessioni sia di parte cattolica che ebraica con interventi di monsignor Luigi Negri, di Alberto Moshe Somekh e di Giorgio Israel. «Lungi dal preferire il silenzio scrive Somekh, rabbino di Torino ogni ebreo deve impegnarsi con ogni mezzo possibile per far conoscere gli insegnamenti della Torah al mondo che lo circonda senza distinzioni di religione o cultura, in modo da essere d’aiuto anzitutto a coloro che si confrontano con l’omosessualità in modo onesto». Ben venga dunque, prosegue il rav, «la collaborazione con i vertici della Chiesa Cattolica, con la quale per molti versi il mondo ebraico può sviluppare un’adeguata azione comune per la difesa della dignità, della stabilità e della sacralità della famiglia, richiamandosi agli insegnamenti della tradizione biblica fin dai primordi». L’opera sarà consegnata lunedì da monsignor Negri nelle mani di papa Benedetto XVI28.

21Leggiamo, allora, alcuni esplicativi passaggi contenuti nel testo di Bernheim:

  • 29  Mariage homosexuel, homoparentalité et adoption, p. 21-22.

La complémentarité homme-femme est un principe structurant dans le judaïsme, dans d’autres religions, dans des courants de pensée non religieux, dans l’organisation de la société ainsi que dans l’opinion d’une très large majorité de la population. Ce principe trouve, pour moi, son fondement dans la Bible. Il peut, pour d’autres, trouver son fondement ailleurs. Je vais me concentrer ici sur la vision biblique, non exclusive des autres visions. « Dieu créa l’homme à son image, à l’image de Dieu il le créa, il les créa homme et femme » (Genèse 1, 27). Le récit biblique fonde la différence sexuelle dans l’acte créateur. La polarité masculin-féminin traverse tout ce qui existe, depuis la glaise jusqu’à Dieu. Elle fait partie du donné primordial qui oriente la vocation respective l’être et l’agir de l’homme et de la femme. La dualité des sexes appartient à la constitution anthropologique de l’humanité. Ainsi, chaque personne est-elle amenée à reconnaître tôt ou tard qu’elle ne possède qu’une seule des deux variantes fondamentales de l’humanité, et que l’autre lui reste à jamais inaccessible. La différence sexuelle est ainsi une marque de notre finitude. Je ne suis pas tout l’humain. Un être sexué n’est pas la totalité de son espèce, il a besoin d’un être de l’autre sexe pour produire son semblable. […] L’expérience de la différence sexuelle devient ainsi le modèle de toute expérience de la transcendance qui désigne une relation indissoluble avec une réalité absolument inaccessible. […] Le sexe n’est donc pas un attribut accidentel de la personne. La génitalité est l’expression somatique d’une sexualité qui affecte tout l’être de la personne : corps, âme et esprit. C’est parce que l’homme et la femme se perçoivent différents dans tout leur être sexué, tout en étant l’un et l’autre des personnes, qu’il peut y avoir complémentarité et communion. « Masculin » et « féminin », « mâle » et « femelle » sont des termes relationnels. Le masculin n’est masculin que dans la mesure où il est tourné vers le féminin ; et par la femme, vers l’enfant en tout cas vers une paternité, qu’elle soit charnelle ou spirituelle. Le féminin n’est féminin que dans la mesure où il est tourné vers le masculin ; et par l’homme, vers l’enfant en tout cas vers une maternité, qu’elle soit charnelle ou spirituelle29.

22Si giunge, così, alla diretta menzione del gender:

  • 30  Mariage homosexuel, homoparentalité et adoption, p. 23 et 25.

N’est-ce pas ce que propose la gender [cioè : la gender theory]: le refus de l’altérité, de la différence, et la revendication d’adopter tous les comportements sexuels, indépendamment de la sexuation, le don premier de la nature ? Autrement dit la prétention de « connaître » la femme comme l’homme, de devenir le tout de l’humain, de s’affranchir de tous les conditionnements naturels, et ainsi « d’être comme des dieux »? […] Je suis de ceux qui pensent que l’être humain ne se construit pas sans structure, sans ordre, sans statut, sans règle. Que l’affirmation de la liberté n’implique pas la négation des limites. Que l’affirmation de l’égalité n’implique pas le nivellement des différences. Que la puissance de la technique et de l’imagination exige de ne jamais oublier que l’être est don, que la vie nous précède toujours et qu’elle a ses lois. J’ai envie d’une société où la modernité prendrait toute sa place, sans que, pour autant, soient niés les principes élémentaires de l’écologie humaine et familiale. D’une société où la diversité des manières d’être, de vivre et de désirer soit acceptée comme une chance, sans que, pour autant, cette diversité soit diluée dans la réduction à un plus petit dénominateur qui efface toute différenciation. D’une société où, malgré le déploiement du virtuel et de l’intelligence critique, les mots les plus simples père, mère, époux, parents gardent leur signification, à la fois symbolique et incarnée. D’une société où les enfants sont accueillis et trouvent leur place, toute leur place, sans pour autant devenir objet de possession à tout prix ou enjeu de pouvoir. J’ai envie d’une société où ce qui se joue d’extraordinaire dans la rencontre de l’homme et de la femme continue à être institué, sous un nom spécifique30.

23Sarebbe parossistico rimarcare le profondissime analogie col discorso ratzingeriano, insomma tra i due insegnamenti, benché quel che resta e sorprende in questa vicenda sia certamente la polvere ideologica sollevatasi intorno a un personaggio considerato nello stesso tempo, e universalmente, un liberale sul piano filosofico ma pienamente ortodosso nella rilettura delle Scritture, inoltre impegnato politicamente nel tentativo di fermare l’avanzata dell’estrema destra francese.

24Il saggio di Bernheim esercitò quindi un importante influsso sull’imponente manifestazione che a Parigi il 13 gennaio 2013 aveva visto sfilare insieme cristiani, ebrei e musulmani per elevare il dissenso contro il disegno di legge hollandiano sui matrimoni tra persone dello stesso sesso. Di lì a poco, nel già citato articolo del sito ebraico Moked apparvero delle pungenti dichiarazioni in risposta a quelle dello storico e accademico Ernesto Galli Della Loggia dalle pagine del Corriere della Sera del 23 gennaio, nel quale, di fronte alla plateale presa di posizione di Bernheim, si rimproverava alla comunità ebraica di permanere «solitamente silente, soprattutto in Italia, sulle grandi questioni civili»:

  • 31  G. V[itale], «L’amnesia del Corriere e la favola del rabbinato silente. Tanti presupposti sballati (...)

L’ebraismo italiano, e con esso il suo rabbinato, è stato silente solo per chi non ha voluto ascoltarlo. Solo per citare pochi esempi, il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni usò oltre cinque anni fa argomenti solidi e parole ben chiare, per alcuni anche troppo chiare, per dire le stesse cose che oggi ci ripete il rav Bernheim31.

25Il riferimento è all’intervento ufficiale che Di Segni fece nel 2007, ossia nei giorni in cui il governo di Romano Prodi stava proponendo il riconoscimento giuridico alle coppie di fatto. Il rabbino di Roma, infatti, in un articolo sulla rivista Shalom (numero di maggio) riprodotto poi anche su Moked il 4 gennaio 2013, era perentorio nell’esprimere una posizione che non lasciava spazio alla possibilità del matrimonio tra persone dello stesso sesso:

Secondo la Torà gli ebrei devono osservare 613 regole, ma questo non vuol dire che i non ebrei non debbano avere alcuna regola, perché in realtà le hanno anche loro, inquadrate in sette capitoli fondamentali (i cosiddetti precetti Noachidi, legge naturale); ed è nostro dovere come ebrei indurre i non ebrei a rispettare le loro regole. Come questo si possa realizzare è difficile dirlo, certo è che non possiamo rimanere indifferenti al superamento di determinati limiti, acconsentendo per esempio che la legge dello Stato ammetta l’omicidio, il furto, l’incesto. L’argomento di cui ora si dibatte rientra per certi suoi aspetti (non le convivenze in generale, quanto specificamente le coppie omosessuali maschili) in limiti ritenuti insuperabili. Il problema non sembra neppure tanto nuovo, come testimonia un passaggio del Talmud Babilonese (Chulin 92b) nel quale si dice che tra i pochi limiti che le nazioni del mondo non hanno superato c’è quello che non hanno ancora consentito di scrivere la Ketubbà ai maschi, anche se non stanno certo attenti a rispettare il divieto delle pratiche omosessuali; la Ketubbà è il contratto nuziale nel quale lo sposo si impegna con la sposa; «scrivere la Ketubbà ai maschi» significa sancire l’omosessualità con un regime di garanzie giuridiche ed economiche. Insomma, anche se questo atteggiamento potrà essere considerato poco politically correct secondo la sensibilità attuale, non dobbiamo ignorare che secondo la nostra tradizione la società che sta per compiere queste scelte supera abbondantemente limiti illeciti e nostro dovere è opporci a queste scelte, non rimanere indifferenti.

  • 32  http://moked.it/blog/2013/01/04/il-dovere-di-opporci-riccardo-di-segni-rabbino-capo-di-roma.

Questa legge è l’espressione di un mutamento radicale nelle strutture della società contemporanea, nella quale il tradizionale istituto della famiglia non rappresenta più il modello assolutamente prevalente di organizzazione. E’ un dibattito appassionante, ma se ci si ferma a queste due polarità si rischia di ignorare quello che deve essere il vero problema per noi e che sta all’origine della legge e che, a parte questa legge, ci coinvolge come ebrei italiani in un modo devastante, anche se sembra che non ce ne siamo ancora accorti: la società ebraica italiana (come nel resto del mondo occidentale) ha fatto suoi i modelli di organizzazione della società non ebraica, anzi molto spesso li ha anticipati, ma il prezzo che ha pagato e sta pagando per questa sua scelta collettiva è l’evoluzione verso la drastica contrazione numerica. In alcune Comunità c’è stata una riduzione percentuale fino al 45%. Solo Roma sembra essersi un po’ salvata dal «ciclone» demografico, ma i risultati attesi a medio termine non sono incoraggianti. Le cause del disastro sono molteplici: ci si sposa di meno e molto più tardi, si fanno molti meno figli (anche perché ci si sposa tardi), i vincoli matrimoniali sono molto instabili (separazioni, divorzi), la popolazione generale invecchia e il numero dei morti ogni anno supera quello dei nati. Senza entrare nel merito delle problematiche religiose, è innegabile dal punto di vista sociale che queste unioni sono il segno di un rapporto debole con l’ebraismo e che da due partner, uno non ebreo e l’altro debolmente legato all’ebraismo, nella grande maggioranza dei casi la discendenza sarà ancora più debolmente legata all’ebraismo e a ben poco servirà, in termini ebraici, la conversione formale richiesta da un genitore32.

  • 33  http://www.repubblica.it/2007/03/sezioni/politica/coppie-di-fatto-7/gay-family-day/gay-family-day. (...)

26Il pensiero espresso da Di Segni provocò peraltro una pubblica reazione di Franco Grillini, presidente onorario di Arcigay, che per l’occasione parlò di «inaccettabile razzismo anti-omosessuale», a seguire chiedendosi: «Il rabbino preferirebbe israelizzare l’Italia o vaticanizzare Israele33

  • 34  http://www.centroislamico.it/messaggero/_newsletter/193_nl/193_12.html.

27Infine, per rimanere nell’alveo di una visione della sessualità propria a quelle che sono dette «religioni del libro», si ricordi la pesante condanna del gender espressa sinteticamente in un messaggio del Centro islamico di Milano e della Lombardia sull’organo ufficiale di stampa Il Messaggero dell’Islàm (n. 193, settembre 2015)34:

Nessuna creatura può dare regole migliori di quelle del Creatore in fatto di sesso e genere. I Musulmani sono contrari all’introduzione di programmi filo-gender di educazione sessuale nelle scuole elementari, per cui parteciperanno, se Allàh vuole, a iniziative che, nel rispetto delle leggi, esprimano la loro disapprovazione. Pare che nelle scuole elementari possa essere introdotto un insegnamento relativo all’identità di genere in base a un progetto di legge. Secondo questo progetto di legge nelle scuole elementari si dovrebbero porre in essere insegnamenti finalizzati a inoculare nelle menti vergini dei bambini dei concetti, che sono il presupposto di comportamenti diametralmente opposti a quelli insegnati da Allàh.

28Ritorniamo così allo storico discorso natalizio di Benedetto XVI, sottolineando che esso, benché pochi lo rammentino, trova una sua anticipazione nell’equivalente discorso di auguri del 22 dicembre 2008, fondato su concetti che, come vedremo, papa Francesco farà suoi:

  • 35  https://w2.vatican.va/content/benedictxvi/it/speeches/2013/january/documents/hf_ben-xvi_spe_201301 (...)

Non è una metafisica superata, se la Chiesa parla della natura dell’essere umano come uomo e donna e chiede che quest’ordine della creazione venga rispettato. Qui si tratta di fatto della fede nel Creatore e dell’ascolto del linguaggio della creazione, il cui disprezzo sarebbe un’autodistruzione dell’uomo e quindi una distruzione dell’opera stessa di Dio. Ciò che spesso viene espresso ed inteso con il termine «gender», si risolve in definitiva nella autoemancipazione dell’uomo dal creato e dal Creatore. L’uomo vuole farsi da solo e disporre sempre ed esclusivamente da solo ciò che lo riguarda. Ma in questo modo vive contro la verità, vive contro lo Spirito creatore35.

29A meno di due mesi dalle dimissioni, il pontefice, riprendendo il discorso del 2012, sembrò così voler lasciare quasi un sigillo magisteriale sul tema di quella che egli aveva già definito «nuova filosofia della sessualità»; l’occasione fu data dall’incontro con i partecipanti alla plenaria del Pontificio Consiglio «Cor Unum» del 19 gennaio 2013 nella Sala del Concistoro:

Nella prospettiva di un uomo privato della sua anima e dunque di una relazione personale con il Creatore, ciò che è tecnicamente possibile diventa moralmente lecito, ogni esperimento risulta accettabile, ogni politica demografica consentita, ogni manipolazione legittimata. L’insidia più temibile di questa corrente di pensiero è di fatto l’assolutizzazione dell’uomo: l’uomo vuole essere ab-solutus, sciolto da ogni legame e da ogni costituzione naturale. Egli pretende di essere indipendente e pensa che nella sola affermazione di sé stia la sua felicità. «L’uomo contesta la propria natura … Esiste ormai solo l’uomo in astratto, che poi sceglie per sé autonomamente qualcosa come sua natura» (Discorso alla Curia romana, 21 dicembre 2012). Si tratta di una radicale negazione della creaturalità e filialità dell’uomo, che finisce in una drammatica solitudine.

  • 36  https://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/speeches/2013/january/documents/hf_ben-xvi_spe_20130 (...)

[…] Si tratta infatti di una deriva negativa per l’uomo, anche se si traveste di buoni sentimenti all’insegna di un presunto progresso, o di presunti diritti, o di un presunto umanesimo. Di fronte a questa riduzione antropologica, quale compito spetta ad ogni cristiano, e in particolare a voi, impegnati in attività caritative, e dunque in rapporto diretto con tanti altri attori sociali? Certamente dobbiamo esercitare una vigilanza critica e, a volte, ricusare finanziamenti e collaborazioni che, direttamente o indirettamente, favoriscano azioni o progetti in contrasto con l’antropologia cristiana. Ma positivamente la Chiesa è sempre impegnata a promuovere l’uomo secondo il disegno di Dio, nella sua integrale dignità, nel rispetto della sua duplice dimensione verticale e orizzontale. A questo tende anche l’azione di sviluppo degli organismi ecclesiali. La visione cristiana dell’uomo infatti è un grande sì alla dignità della persona chiamata all’intima comunione con Dio, una comunione filiale, umile e fiduciosa. L’essere umano non è né individuo a sé stante né elemento anonimo nella collettività, bensì persona singolare e irripetibile, intrinsecamente ordinata alla relazione e alla socialità. Perciò la Chiesa ribadisce il suo grande sì alla dignità e bellezza del matrimonio come espressione di fedele e feconda alleanza tra uomo e donna, e il no a filosofie come quella del gender si motiva per il fatto che la reciprocità tra maschile e femminile è espressione della bellezza della natura voluta dal Creatore36.

«Uno sbaglio della mente umana»: gender e famiglia nell’insegnamento di Francesco

30Con l’elezione di Jorge Maria Bergoglio si è generata una moltitudine di riletture che, ora progressiste ora conservatrici, comunque entrambe sorrette da manifesti interessi «ideologici», pretenderebbero di rintracciare divergenze dottrinali tra il suo magistero e quello di Ratzinger, ovvero quasi un disegno, non certo gratuito, e ben costruito, per porli l’uno contro l’altro in un immaginario collettivo massmediaticamente manipolato. Invero, con Francesco la riflessione sul gender non solo è divenuta più costante, diretta ed esplicita, ma ha assunto toni di denuncia e di accorato richiamo alla dottrina sempre più netti; inoltre, se si considera che sono trascorsi meno di sette anni dall’elezione di questo papa, colpisce l’alto numero dei suoi pronunciamenti in materia, nei quali, come ora verificheremo, il pontefice argentino non solo menziona e fa sue le riflessioni del papa emerito, ma le articola, amplia e contestualizza con un linguaggio e delle immagini di straordinaria icasticità.

  • 37  «Stiamo attenti alle nuove colonizzazioni ideologiche. Esistono colonizzazioni ideologiche che cer (...)

31Al 19 gennaio 2015 risale il suo primo, diretto intervento, quando, nel corso della conferenza stampa durante il volo di ritorno dal viaggio pastorale nelle Filippine, alla domanda di un giornalista della ARD (il principale gruppo radiotelevisivo tedesco) su cosa il Pontefice avesse voluto intendere con l’espressione «colonizzazione ideologica» utilizzata tre giorni prima nel precedente incontro con le famiglie nella Mall of Asia Arena di Manila, così Francesco si pronunciò37:

  • 38  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2015/january/documents/papa-francesco_20150119 (...)

La colonizzazione ideologica: dirò soltanto un esempio, che ho visto io. Vent’anni fa, nel 1995, una Ministro dell’Istruzione Pubblica aveva chiesto un grosso prestito per fare la costruzione di scuole per i poveri. Le hanno dato il prestito a condizione che nelle scuole ci fosse un libro per i bambini di un certo grado di scuola. Era un libro di scuola, un libro preparato bene didatticamente, dove si insegnava la teoria del gender […] Questa è la colonizzazione ideologica: entrano in un popolo con un’idea che non ha niente a che fare col popolo; con gruppi del popolo sì, ma non col popolo, e colonizzano il popolo con un’idea che cambia o vuol cambiare una mentalità o una struttura38.

32Poco dopo, esattamente per la ricorrenza dei due anni di pontificato, Francesco rilasciò un’importante e lunga intervista (ca. novanta minuti) a Valentina Alazraki, vaticanista di Televisa (gruppo radio-televisivo messicano, oggi il più diffuso al mondo tra quelli di lingua spagnola), registrata a Santa Marta il 6 marzo e mandata in onda la sera del 12 marzo 2015. Il pontefice ribadì quanto proclamato nella conferenza stampa sopra ricordata, sottolineando la gravità della condizione della famiglia soggetta agli attacchi della «colonizzazione ideologica» e i tentativi di introdurre il gender nei sistemi educativi:

  • 39  http://www.archivioradiovaticana.va/storico/2015/03/12/segundo_aniversario_de_la_elección_del_papa (...)

Después, tenemos un problema muy serio, que es la colonización ideológica sobre la familia. Por eso me referí en Filipinas, porque es un problema muy serio. Es decir los africanos se quejan mucho de esto, bueno, y en Latinoamérica también se da. Y a mí me pasó una vez. Fui testigo de un caso con una Ministra de Educación, cuando uno tiene ciertos créditos, sí pero, la enseñanza de la teoría del «gender», entonces es una cosa como que va atomizando a la familia ¿no? Esa colonización ideológica que destruye la familia ¿no? Por eso yo creo que del Sínodo saldrán cosas muy claras, muy rápidas, y que ayuden a toda esta crisis familiar, que es total ¿no?39

33Seguì la visita pastorale a Pompei e a Napoli, durante la quale, sabato 21 marzo 2015, sul Lungomare Caracciolo, si tenne l’incontro con i giovani. Francesco diede voce anche ad anziani e famiglie, e a una di queste, espressasi sulle problematiche concernenti la costruzione e la solidità del nucleo familiare, rispondeva definendo la teoria del gender, oltreché frutto di una colonizzazione proveniente anche dal Nuovo Mondo, uno sbaglio della mente umana:

  • 40  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2015/march/documents/papa-francesco_20150321_n (...)

La famiglia è in crisi: questo è vero, non è una novità. I giovani non vogliono sposarsi, preferiscono convivere, tranquilli e senza compromessi […] La crisi della famiglia è una realtà sociale. Poi ci sono le colonizzazioni ideologiche sulle famiglie, modalità e proposte che ci sono in Europa e vengono anche da Oltreoceano. Poi quello sbaglio della mente umana che è la teoria del gender, che crea tanta confusione. Così la famiglia è sotto attacco 40.

34Poche settimane dopo, esattamente il 15 aprile 2015, la questione del gender fu riproposta durante la catechesi familiare dedicata al tema «Maschio e Femmina», tenutasi nell’ambito delle udienze generali del mercoledì in piazza San Pietro. Se ne danno i passaggi più significativi, facendo seguire alcune riflessioni dalle udienze rispettivamente del 22 e del 29 aprile:

  • 41  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2015/documents/papa-francesco_20150415_udienz (...)

L’esperienza ce lo insegna: per conoscersi bene e crescere armonicamente l’essere umano ha bisogno della reciprocità tra uomo e donna. […] Possiamo dire che senza l’arricchimento reciproco in questa relazione nel pensiero e nell’azione, negli affetti e nel lavoro, anche nella fede i due non possono nemmeno capire fino in fondo che cosa significa essere uomo e donna. La cultura moderna e contemporanea ha aperto nuovi spazi, nuove libertà e nuove profondità per l’arricchimento della comprensione di questa differenza. Ma ha introdotto anche molti dubbi e molto scetticismo. Per esempio, io mi domando, se la cosiddetta teoria del gender non sia anche espressione di una frustrazione e di una rassegnazione, che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa. Sì, rischiamo di fare un passo indietro. La rimozione della differenza, infatti, è il problema, non la soluzione. Per risolvere i loro problemi di relazione, l’uomo e la donna devono invece parlarsi di più, ascoltarsi di più, conoscersi di più, volersi bene di più. Devono trattarsi con rispetto e cooperare con amicizia. Con queste basi umane, sostenute dalla grazia di Dio, è possibile progettare l’unione matrimoniale e familiare per tutta la vita. Il legame matrimoniale e familiare è una cosa seria, lo è per tutti, non solo per i credenti. Vorrei esortare gli intellettuali a non disertare questo tema, come se fosse diventato secondario per l’impegno a favore di una società più libera e più giusta. Dio ha affidato la terra all’alleanza dell’uomo e della donna: il suo fallimento inaridisce il mondo degli affetti e oscura il cielo della speranza. I segnali sono già preoccupanti, e li vediamo41.

  • 42  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2015/documents/papa-francesco_20150422_udienz (...)

Il peccato genera diffidenza e divisione fra l’uomo e la donna. Il loro rapporto verrà insidiato da mille forme di prevaricazione e di assoggettamento, di seduzione ingannevole e di prepotenza umiliante, fino a quelle più drammatiche e violente. La storia ne porta le tracce. Pensiamo, ad esempio, agli eccessi negativi delle culture patriarcali. Pensiamo alle molteplici forme di maschilismo dove la donna era considerata di seconda classe. Pensiamo alla strumentalizzazione e mercificazione del corpo femminile nell’attuale cultura mediatica. Ma pensiamo anche alla recente epidemia di sfiducia, di scetticismo, e persino di ostilità che si diffonde nella nostra cultura — in particolare a partire da una comprensibile diffidenza delle donne — riguardo ad un’alleanza fra uomo e donna che sia capace, al tempo stesso, di affinare l’intimità della comunione e di custodire la dignità della differenza. Se non troviamo un soprassalto di simpatia per questa alleanza, capace di porre le nuove generazioni al riparo dalla sfiducia e dall’indifferenza, i figli verranno al mondo sempre più sradicati da essa fin dal grembo materno. La svalutazione sociale per l’alleanza stabile e generativa dell’uomo e della donna è certamente una perdita per tutti. Dobbiamo riportare in onore il matrimonio e la famiglia! La Bibbia dice una cosa bella: l’uomo trova la donna, si incontrano e l’uomo deve lasciare qualcosa per trovarla pienamente. Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre per andare da lei. E’ bello! Questo significa incominciare una nuova strada. L’uomo è tutto per la donna e la donna è tutta per l’uomo42.

  • 43  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2015/documents/papa-francesco_20150429_udienz (...)

La nostra riflessione circa il disegno originario di Dio sulla coppia uomo-donna, dopo aver considerato le due narrazioni del Libro della Genesi, si rivolge ora direttamente a Gesù. L’evangelista Giovanni, all’inizio del suo Vangelo, narra l’episodio delle nozze di Cana, a cui erano presenti la Vergine Maria e Gesù, con i suoi primi discepoli (cfr. Gv 2, 1-11). Gesù non solo partecipò a quel matrimonio, ma «salvò la festa» con il miracolo del vino! Dunque, il primo dei suoi segni prodigiosi, con cui Egli rivela la sua gloria, lo compì nel contesto di un matrimonio, e fu un gesto di grande simpatia per quella nascente famiglia, sollecitato dalla premura materna di Maria. Questo ci fa ricordare il libro della Genesi, quando Dio finisce l’opera della creazione e fa il suo capolavoro; il capolavoro è l’uomo e la donna. E qui Gesù incomincia proprio i suoi miracoli con questo capolavoro, in un matrimonio, in una festa di nozze: un uomo e una donna. Così Gesù ci insegna che il capolavoro della società è la famiglia: l’uomo e la donna che si amano! Questo è il capolavoro43!

35Poche settimane dopo questi interventi (24 maggio 2015), Francesco promulgherà la sua seconda enciclica, la Laudato si’, senza tornare direttamente sul tema in oggetto, ma, si badi attentamente, pure riagganciandosi all’insegnamento di Benedetto XVI, così rimarcando (n. 155):

[…] esiste una «ecologia dell’uomo» perché «anche l’uomo possiede una natura che deve rispettare e che non può manipolare a piacere»44. In questa linea, bisogna riconoscere che il nostro corpo ci pone in una relazione diretta con l’ambiente e con gli altri esseri viventi. L’accettazione del proprio corpo come dono di Dio è necessaria per accogliere e accettare il mondo intero come dono del Padre e casa comune; invece una logica di dominio sul proprio corpo si trasforma in una logica a volte sottile di dominio sul creato. Imparare ad accogliere il proprio corpo, ad averne cura e a rispettare i suoi significati è essenziale per una vera ecologia umana. Anche apprezzare il proprio corpo nella sua femminilità o mascolinità è necessario per poter riconoscere sé stessi nell’incontro con l’altro diverso da sé. In tal modo è possibile accettare con gioia il dono specifico dell’altro o dell’altra, opera di Dio creatore, e arricchirsi reciprocamente. Pertanto, non è sano un atteggiamento che pretenda di «cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa»45.

36Bergoglio ritornò quindi sul tema della colonizzazione ideologica in occasione della XXXI Giornata Mondiale della Gioventù, nell’incontro con i vescovi polacchi nella cattedrale di Cracovia del 27 luglio 2016. L’evento fu contrassegnato da un importante e affettuoso ricordo del suo predecessore, rispetto al quale Francesco espresse la propria continuità e comunione di intenti. Riprendendo infatti la definizione ratzingeriana del gender quale strumento adoperato dalle nazioni più potenti per offendere l’ordine creaturale (concetto, come vedremo, presente anche nell’Amoris laetitia), espresse accoratamente la sua preoccupazione per l’insegnamento del gender già a partire dalle scuole dell’infanzia:

  • 46  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/july/documents/papa-francesco_20160727_po (...)

In Europa, in America, in America Latina, in Africa, in alcuni Paesi dell’Asia, ci sono vere colonizzazioni ideologiche. E una di queste lo dico chiaramente con «nome e cognome» è il gender! Oggi ai bambini ai bambini! a scuola si insegna questo: che il sesso ognuno lo può scegliere. E perché insegnano questo? Perché i libri sono quelli delle persone e delle istituzioni che ti danno i soldi. Sono le colonizzazioni ideologiche, sostenute anche da Paesi molto influenti. E questo è terribile. Parlando con Papa Benedetto, che sta bene e ha un pensiero chiaro, mi diceva: «Santità, questa è l’epoca del peccato contro Dio Creatore!»[…] Dio ha creato l’uomo e la donna; Dio ha creato il mondo così, così, così…, e noi stiamo facendo il contrario. Dio ci ha dato uno stato «incolto», perché noi lo facessimo diventare cultura; e poi, con questa cultura, facciamo cose che ci riportano allo stato «incolto»! Quello che ha detto Papa Benedetto dobbiamo pensarlo: «È l’epoca del peccato contro Dio Creatore46!»

37Il pericolo di questa colonizzazione avvertito dal pontefice fu reiterato in maniera ancora più decisa durante il viaggio pastorale in Georgia e Azerbaijan. Nelle parole pronunciate durante l’incontro con sacerdoti, religiosi, religiose, seminaristi e agenti pastorali a Tbilisi il I ottobre 2016, il gender assume una tale tragicità da essere definito come una guerra mondiale finalizzata alla distruzione del matrimonio. Rifacendosi alla testimonianza di una madre georgiana, il papa così diceva:

  • 47  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/october/documents/papa-francesco_20161001 (...)

Tu, Irina, hai menzionato un grande nemico del matrimonio, oggi: la teoria del gender. Oggi c’è una guerra mondiale per distruggere il matrimonio. Oggi ci sono colonizzazioni ideologiche che distruggono, ma non si distrugge con le armi, si distrugge con le idee. Pertanto, bisogna difendersi dalle colonizzazioni ideologiche47.

38Il giorno successivo, una domanda nella conferenza stampa sul volo di ritorno dall’Azerbaijan fu l’occasione per articolare il discorso sul gender nelle sue implicazioni con le sofferenze di chi non vive serenamente la propria sessualità. Il giornalista Joshua McElwee, della statunitense NCR, chiedeva infatti:

In quello stesso discorso di ieri in Georgia, Lei ha parlato, come in tanti altri Paesi, della teoria del gender, dicendo che è il grande nemico, una minaccia contro il matrimonio. Ma vorrei chiedere: cosa direbbe a una persona che ha sofferto per anni con la sua sessualità e sente veramente che c’è un problema biologico, che il suo aspetto fisico non corrisponde a quello che lui o lei considera la propria identità sessuale? Lei come pastore e ministro, come accompagnerebbe queste persone?

39Commovente, riccamente articolata e incisiva la risposta di Francesco:

  • 48  Sulla non discriminazione delle persone omosessuali, analogamente lo stesso Ratzinger, nel 1986, d (...)

Prima di tutto, io ho accompagnato nella mia vita di sacerdote, di vescovo anche di Papa ho accompagnato persone con tendenza omosessuale e anche con pratiche omosessuali. Le ho accompagnate, le ho avvicinate al Signore, alcuni non possono, ma le ho accompagnate e mai ho abbandonato qualcuno. Questo è ciò che va fatto. Le persone si devono accompagnare come le accompagna Gesù. Quando una persona che ha questa condizione arriva davanti a Gesù, Gesù non gli dirà sicuramente: «Vattene via perché sei omosessuale!», no48. Quello che io ho detto riguarda quella cattiveria che oggi si fa con l’indottrinamento della teoria del gender. Mi raccontava un papà francese che a tavola parlavano con i figli cattolico lui, cattolica la moglie, i figli cattolici, ma all’acqua di rose, però cattolici e ha domandato al ragazzo di dieci anni: «E tu che cosa voi fare quando diventi grande?» «La ragazza». E il papà si è accorto che nei libri di scuola si insegnava la teoria del gender. E questo è contro le cose naturali. Una cosa è che una persona abbia questa tendenza, questa opzione, e c’è anche chi cambia il sesso. E un’altra cosa è fare l’insegnamento nelle scuole su questa linea, per cambiare la mentalità. Queste io le chiamo «colonizzazioni ideologiche».

  • 49  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/october/documents/papa-francesco_20161002 (...)

L’anno scorso ho ricevuto una lettera di uno spagnolo che mi raccontava la sua storia da bambino e da ragazzo. Era una bambina, una ragazza, e ha sofferto tanto, perché si sentiva ragazzo ma era fisicamente una ragazza. L’ha raccontato alla mamma, quando era già ventenne, 22 anni, e le ha detto che avrebbe voluto fare l’intervento chirurgico e tutte queste cose. E la mamma gli ha chiesto di non farlo finché lei era viva. Era anziana, ed è morta presto. Ha fatto l’intervento. E’ un impiegato di un ministero di una città della Spagna. È andato dal vescovo. Il vescovo lo ha accompagnato tanto, un bravo vescovo: «perdeva» tempo per accompagnare quest’uomo. Poi si è sposato. Ha cambiato la sua identità civile, si è sposato e mi ha scritto la lettera che per lui sarebbe stata una consolazione venire con la sua sposa: lui, che era lei, ma è lui. E li ho ricevuti. Erano contenti. E nel quartiere dove lui abitava c’era un vecchio sacerdote, ottantenne, il vecchio parroco, che aveva lasciato la parrocchia e aiutava le suore, lì, nella parrocchia… E c’era il nuovo [parroco]. Quando il nuovo lo vedeva, lo sgridava dal marciapiede: «Andrai all’inferno!». Quando trovava il vecchio, questo gli diceva: «Da quanto non ti confessi? Vieni, vieni, andiamo che ti confesso e così potrai fare la Comunione». Hai capito? La vita è la vita, e le cose si devono prendere come vengono. Il peccato è il peccato. Le tendenze o gli squilibri ormonali danno tanti problemi e dobbiamo essere attenti a non dire: «E’ tutto lo stesso, facciamo festa». No, questo no. Ma ogni caso accoglierlo, accompagnarlo, studiarlo, discernere e integrarlo. Questo è quello che farebbe Gesù oggi. Per favore, non dite: «Il Papa santificherà i trans!». Per favore! Perché io vedo già i titoli dei giornali… No, no. C’è qualche dubbio su quello che ho detto? Voglio essere chiaro. È un problema di morale. E’ un problema. E’ un problema umano. E si deve risolvere come si può, sempre con la misericordia di Dio, con la verità, come abbiamo detto nel caso del matrimonio, leggendo tutta l’Amoris laetitia, ma sempre così, sempre con il cuore aperto49.

  • 50  L. Scaraffia, «Un libero pensiero critico sull’ideologia del gender», L’Osservatore Romano 156/227 (...)

40Sarà a commento di queste parole che, all’indomani, l’accademica Lucetta Scaraffia, storica femminista italiana, rileverà come Francesco avesse di fatto chiarito con grande chiarezza «che si possono amare e accogliere gli omosessuali e i transessuali senza dover ricorrere a questa scorciatoia ideologica, e in un certo senso ha smascherato gli obiettivi dell’ideologia [i.e. il gender]: scardinare la famiglia, e non tanto aiutare gli omosessuali a essere accolti come eguali», concludendo che «le parole di Bergoglio confermano, ancora una volta, che il punto di vista cattolico costituisce un ineludibile e libero pensiero critico nei confronti di luoghi comuni passivamente accettati»50.

41In quest’ultimo discorso, inoltre, Francesco esprime un pensiero rigorosamente modellato su quanto in merito stabilisce e trasmette il Catechismo della Chiesa Cattolica (n. 2358-2359):

  • 51  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2013/july/documents/papa-francesco_20130728_gm (...)

Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione. Le persone omosessuali sono chiamate alla castità. Attraverso le virtù della padronanza di sé, educatrici della libertà interiore, mediante il sostegno, talvolta, di un’amicizia disinteressata, con la preghiera e la grazia sacramentale, possono e devono, gradatamente e risolutamente, avvicinarsi alla perfezione cristiana51.

42Questa specifica sezione del Catechismo, applicata ed estesa anche alla questione del gender, fu esplicitamente richiamata dal primate d’Ungheria, il cardinale Péter Erdő, nel suo ruolo di relatore generale alla III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi, vale a dire nello stesso sinodo sulla famiglia svoltosi nel 2014, sia nella Relatio ante disceptationem (RAD, 6 ottobre 2014) sia nella Relatio post disceptationem (RPD, 13 ottobre 2014):

  • 52  https://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2014/10/06/0712/03003.html.

Infine, dall’Instrumentum Laboris emergono due aspetti chiari riguardo [sic] l’omosessualità. Prima di tutto, un ampio consenso riguardo al fatto che persone di tendenza omosessuale non devono essere discriminate, come ribadisce anche il Catechismo della Chiesa Cattolica (nn. 2357-2359). In secondo luogo emerge con altrettanta chiarezza che da parte della maggioranza dei battezzati e della totalità delle conferenze episcopali non è attesa una equiparazione di questi rapporti con il matrimonio tra uomo e donna. Neppure le forme ideologiche delle teorie del gender trovano consenso presso la stragrande maggioranza dei cattolici (RAD 2.a52).

  • 53  https://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2014/10/13/0751/03037.html.

La questione omosessuale ci interpella in una seria riflessione su come elaborare cammini realistici di crescita affettiva e di maturità umana ed evangelica integrando la dimensione sessuale: si presenta quindi come un’importante sfida educativa. La Chiesa peraltro afferma che le unioni fra persone dello stesso sesso non possono essere equiparate al matrimonio fra uomo e donna. Non è nemmeno accettabile che si vogliano esercitare pressioni sull’atteggiamento dei pastori o che organismi internazionali condizionino aiuti finanziari all’introduzione di normative ispirate all’ideologia del gender (RPD 5153).

43Del resto, Papa Francesco aveva già implicitamente citato questa sezione del Catechismo pochi mesi dopo la sua elezione nell’intervista in aereo del 28 luglio 2013, al ritorno dal viaggio apostolico in Brasile in occasione della XXVIII Giornata Mondiale della Gioventù. Nel rispondere a una precisa domanda sulle cosiddette «lobby gay» vaticane, Francesco colse l’occasione sia per confermare il diritto-dovere cristiano all’accoglienza nei riguardi delle persone omosessuali sia per condannare duramente qualsivoglia lobby, condanna curiosamente omessa dai maggiori mezzi di comunicazione di massa italiani nella sua parte conclusiva:

  • 54  https://m.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2013/july/documents/papa-francesco_20130728_gmg (...)

Credo che quando uno si trova con una persona così, deve distinguere il fatto di essere una persona gay, dal fatto di fare una lobby, perché le lobby, tutte non sono buone. Quello è cattivo. Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, ma chi sono io per giudicarla? Il Catechismo della Chiesa Cattolica spiega in modo tanto bello questo […]: «non si devono emarginare queste persone per questo, devono essere integrate in società». Il problema non è avere questa tendenza, no, dobbiamo essere fratelli, perché questo è uno, ma se c’è un altro, un altro. Il problema è fare lobby di questa tendenza: lobby di avari, lobby di politici, lobby dei massoni, tante lobby54.

  • 55  In questo senso si può vedere il recente volume curato da M. Gensabella Furnari, Identità di gener (...)
  • 56  Tra gli altri, si possono qui ricordare i seguenti lavori: J. Tibbetts Schulenburg, Forgetful of T (...)

44Alla luce di quanto fin qui esposto, se è vero che il termine gender andrebbe applicato rigorosamente a un insieme di studi interdisciplinari mediante i quali ci si propone di rilevare in quali misure e con quali modalità il genere condizioni ambiti e appunto azioni socio-culturali nelle sue conseguenti dinamiche dentro i sistemi sia pubblici sia privati, non si capiscono tuttavia certi episodi, qui ricordati nella prima parte, tesi a formalizzare, con una singolare urgenza, l’applicazione istituzionale di quella che se non è una teoria è comunque un insieme di teorie che, per via della contrapposizione manichea di talune fazioni, sembra voler trasformare sempre più in una qualunque ideologia politica una corrente di studi quali sono quelli di genere, utili all’ottenimento di rinnovate acquisizioni e riflessioni di ordine scientifico55. Interrogarsi circa l’influsso che attraverso i secoli le differenze tra il maschile e il femminile hanno esercitato, anche per evitare che si ripetano sciagurate disparità tra uomini e donne e tra eterosessuali e omosessuali, può infatti aiutare i singoli individui a comprendere meglio se stessi alla luce di altrettante secolari tradizioni che trovano la loro linfa tanto nella metafisica assoluta quanto nella più riposta natura sensibile degli esseri umani. Valga quale fulgido e confortante esempio quello dello studio, particolarmente caro a chi scrive, dell’agiografia femminile medievale, che, negli ultimi decenni, ha visto la diffusione di apprezzabili lavori afferenti o aperti agli studi di genere, o sul genere, non sempre contaminati o influenzati da interessi politici o ideologie esasperatamente laicistiche o, di contro, confessionalistiche56.

45In merito al centrale dibattito sulla legittimità delle posizioni espresse dalla gerarchia cattolica, dopo aver scorso e confrontato le sezioni del magistero di Benedetto XVI e di Francesco dedicate al gender nelle sue implicazioni e influenze nell’ambito della realtà familiare e di quella sessuale, risulta evidente la continuità tra i due pontefici. Si aggiunga, come già si rilevava sopra, che anche le stesse celebri parole proclamate da Giovanni Paolo II all’Angelus del 20 febbraio 1994, anno consacrato alla Famiglia, ritornano in quelle di Francesco:

  • 57  Il riferimento è alla Risoluzione approvata dal Parlamento europeo pochi giorni prima (8 febbraio) (...)
  • 58  https://w2.vatican.va/content/john-paul-ii/it/angelus/1994/documents/hf_jp-ii_ang_19940220.html.

Purtroppo si devono registrare, proprio in questo Anno della Famiglia, iniziative propagandate da notevole parte dei mass media, che nella sostanza si rivelano anti-familiari […] iniziative che danno la priorità a ciò che decide della decomposizione delle famiglie […] con l’aiuto di ingenti spese finanziarie ed il sostegno di potenti mass media […] In essa57 non si sono semplicemente prese le difese delle persone con tendenze omosessuali, rifiutando ingiuste discriminazioni nei loro confronti. Su questo anche la Chiesa è d’accordo, anzi lo approva, lo fa suo, giacché ogni persona umana è degna di rispetto. Ciò che non è moralmente ammissibile è l’approvazione giuridica della pratica omosessuale. Essere comprensivi verso chi pecca, verso chi non è in grado di liberarsi da questa tendenza, non equivale, infatti, a sminuire le esigenze della norma morale. […] Non può costituire una vera famiglia il legame di due uomini o di due donne, ed ancor meno si può ad una tale unione attribuire il diritto all’adozione di figli privi di famiglia. A questi figli si reca un grave danno, poiché in questa «famiglia supplente» essi non trovano il padre e la madre, ma «due padri» oppure «due madri»58.

  • 59  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/october/documents/papa-francesco_20161002 (...)

46Bergoglio, che, come abbiamo visto nella succitata conferenza dell’ottobre 2016 sul volo di ritorno dall’Azerbaijan, aveva ben distinto il dovere di accompagnare persone omosessuali per avvicinarle a Dio dalla «cattiveria che oggi si fa con l’indottrinamento della teoria del gender»59, riprende il pensiero di Wojtyła nella Amoris laetitia, nella quale, infatti, non si tradiscono novità sostanziali rispetto alla relativa tradizione magisteriale e pastorale, nonché del Catechismo:

  • 60  Amoris laetitia 250-251 (corsivo mio).

La Chiesa conforma il suo atteggiamento al Signore Gesù che in un amore senza confini si è offerto per ogni persona senza eccezioni. Con i Padri sinodali ho preso in considerazione la situazione delle famiglie che vivono l’esperienza di avere al loro interno persone con tendenza omosessuale, esperienza non facile né per i genitori né per i figli. Perciò desideriamo anzitutto ribadire che ogni persona, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con rispetto, con la cura di evitare «ogni marchio di ingiusta discriminazione» e particolarmente ogni forma di aggressione e violenza. Nei riguardi delle famiglie si tratta invece di assicurare un rispettoso accompagnamento, affinché coloro che manifestano la tendenza omosessuale possano avere gli aiuti necessari per comprendere e realizzare pienamente la volontà di Dio nella loro vita. Nel corso del dibattito sulla dignità e la missione della famiglia, i Padri sinodali hanno osservato che «circa i progetti di equiparazione al matrimonio delle unioni tra persone omosessuali, non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia»; ed è inaccettabile «che le Chiese locali subiscano delle pressioni in questa materia e che gli organismi internazionali condizionino gli aiuti finanziari ai Paesi poveri all’introduzione di leggi che istituiscano il “matrimonio” fra persone dello stesso sesso»60.

47Infine, non può che essere modellata sulla stessa, tradizionale dottrina proprio la specifica sezione sul gender della Amoris Laetitia (n. 56), nella quale si palesa ancora come l’insegnamento di Francesco e di Benedetto XVI corrisponda pienamente a quello di sempre della Chiesa cattolica su famiglia e sessualità:

Un’altra sfida emerge da varie forme di un’ideologia, genericamente chiamata gender, che «nega la differenza e la reciprocità naturale di uomo e donna. Essa prospetta una società senza differenze di sesso, e svuota la base antropologica della famiglia. Questa ideologia induce progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un’identità personale e un’intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina. L’identità umana viene consegnata ad un’opzione individualistica, anche mutevole nel tempo». È inquietante che alcune ideologie di questo tipo, che pretendono di rispondere a certe aspirazioni a volte comprensibili, cerchino di imporsi come un pensiero unico che determini anche l’educazione dei bambini. Non si deve ignorare che «sesso biologico (sex) e ruolo sociale-culturale del sesso (gender), si possono distinguere, ma non separare». D’altra parte, «la rivoluzione biotecnologica nel campo della procreazione umana ha introdotto la possibilità di manipolare l’atto generativo, rendendolo indipendente dalla relazione sessuale tra uomo e donna. In questo modo, la vita umana e la genitorialità sono divenute realtà componibili e scomponibili, soggette prevalentemente ai desideri di singoli o di coppie». Una cosa è comprendere la fragilità umana o la complessità della vita, altra cosa è accettare ideologie che pretendono di dividere in due gli aspetti inseparabili della realtà. Non cadiamo nel peccato di pretendere di sostituirci al Creatore. Siamo creature, non siamo onnipotenti. Il creato ci precede e dev’essere ricevuto come dono. Al tempo stesso, siamo chiamati a custodire la nostra umanità, e ciò significa anzitutto accettarla e rispettarla come è stata creata.

48Il caos di informazioni e analisi generato dal vortice massmediatico, mediante il quale si è cercato di insinuare nell’opinione pubblica il concetto di una «teoria gender» costruita ad arte dalla Chiesa e simultaneamente di costruire un’immagine di discontinuità tra i due ultimi pontefici sul relativo insegnamento, non sembra poter reggere all’evidenza che emerge al termine di questo lavoro: dinanzi alla questione del gender, la Chiesa cattolica, nell’alveo del suo tradizionale magistero su famiglia e sessualità, si è limitata a eseguire non altro se non il suo primo, originario «mestiere», da due millenni noto come Mandato apostolico. E qualora dubbio permanesse, ecco le puntuali, inequivocabili parole da Francesco pronunciate il 5 ottobre 2017 durante l’udienza per la XXIII Assemblea Generale dei Membri della Pontificia Accademia per la Vita, accolte, poi, nel febbraio 2019, tra i riferimenti magisteriali del fondamentale documento della Congregazione per l’educazione cattolica «Maschio e femmina li creò». Per una via di dialogo sulla questione del gender nell’educazione (n. 21):

  • 61  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2017/october/documents/papa-francesco_20171005 (...)

L’ipotesi recentemente avanzata di riaprire la strada per la dignità della persona neutralizzando radicalmente la differenza sessuale e, quindi, l’intesa dell’uomo e della donna, non è giusta. Invece di contrastare le interpretazioni negative della differenza sessuale, che mortificano la sua irriducibile valenza per la dignità umana, si vuole cancellare di fatto tale differenza, proponendo tecniche e pratiche che la rendano irrilevante per lo sviluppo della persona e per le relazioni umane. Ma l’utopia del «neutro» rimuove ad un tempo sia la dignità umana della costituzione sessualmente differente, sia la qualità personale della trasmissione generativa della vita. La manipolazione biologica e psichica della differenza sessuale, che la tecnologia biomedica lascia intravvedere come completamente disponibile alla scelta della libertà mentre non lo è! , rischia così di smantellare la fonte di energia che alimenta l’alleanza dell’uomo e della donna e la rende creativa e feconda61.

49Per chiudere, si riporta la nota 78 della Christus vivit, esortazione apostolica di Francesco del 25 marzo 2019, a suggello del Sinodo dei vescovi sui giovani tenutosi tra il 3 e il 28 ottobre 2018:

È vero che i potenti forniscono alcuni aiuti, ma spesso ad un costo elevato. In molti Paesi poveri, l’aiuto economico di alcuni Paesi più ricchi o di alcuni organismi internazionali è solitamente vincolato all’accettazione di proposte occidentali in materia di sessualità, matrimonio, vita o giustizia sociale. Questa colonizzazione ideologica danneggia in modo particolare i giovani. Nello stesso tempo, vediamo come una certa pubblicità insegna alle persone ad essere sempre insoddisfatte e contribuisce alla cultura dello scarto, in cui i giovani stessi finiscono per diventare un materiale «usa e getta».

Haut de page

Annexe

Long résumé en français/ Long French abstract

Le présent article entend analyser et présenter la position officielle de l’Église catholique sur le thème du « genre » (gender) à partir des documents magistériels qui la fondent. Sa rédaction a été motivée par le développement toujours plus rapide d’une opposition radicale entre des factions que les médias ont rebaptisées « pro-gender » et « no-gender ».

Ce qu’on appelle la « question du genre » — expression adoptée dans l’article à la lumière du débat actuel, aussi bien médiatique que, plus largement, culturel — a suscité des attitudes fanatiques et des oppositions tranchées dans de nombreux contextes humains et sociaux. Cette polarisation exacerbée a été principalement cultivée et véhiculée par des milieux médiatiques et animée par des visions relatives à la pensée humaine dans son universalité et par conséquent non dépourvues d’influences tant philosophiques ou religieuses que sociologiques ou simplement politiques.

À la lumière de ces considérations, le parcours suivi dans ce travail se fonde surtout sur l’identification et la réappropriation, d’abord en les comparant, puis en les commentant, des prises de positions du magistère pontifical, de Benoît XVI, premier pape à condamner le gender compris comme théorie philosophique — et, pour cette raison, également désigné dans certains milieux comme « responsable » de ce débat aussi passionné que polémique —, à la position aujourd’hui défendue par François.

Conformément à ce dessein, et face à un status quaestionis qui reste trop souvent marqué par la stérile répétition de lieux communs, il s’agit de fournir, dans le cadre de ce débat continu, une présentation de la position prise officiellement par l’Église catholique. C’est, entre autres raisons, d’autant plus nécessaire que passablement de défenseurs des gender studies ont identifié une exagération idéologique qui sous-tendrait l’effort visant à définir une « idéologie/théorie du genre » (préférant pour leur part parler de « théories gender »). Ce qui n’est, selon eux, qu’un stratagème polémique à visées propagandistes, ils le mettent sur le compte de mouvements de tendance catholico-réactionnaire, alimentés et manipulés en secret par des cercles du Vatican : par conséquent, à les en croire, il n’existerait pas de théorie du genre, pas même dans les milieux universitaires, puisqu’il ne s’agirait là que d’une stratégie des catholiques les plus conservateurs pour asseoir leurs propres positions idéologiques dans la sphère publique.

Cet imbroglio d’informations et d’opinions en est ainsi venu à alimenter un tourbillon médiatique profitant à qui, de propos délibéré, cherche à falsifier et à renverser la position authentique du magistère en diffusant dans l’opinion publique la conception d’une « théorie du genre » construite tout exprès par l’Église catholique et, en même temps, une image de discontinuité — voire d’opposition irréductible — entre les deux derniers papes dans leurs enseignements respectifs.

Or la collecte et la comparaison de données réalisées dans ces pages suggèrent que ces accusations ne sauraient tenir : en réalité, l’Église catholique, dans la ligne de son magistère traditionnel sur la famille et la sexualité, n’a fait qu’exercer son « métier » premier, originel, connu depuis deux mille ans comme Mandat apostolique, en suivant une même ligne avec clarté et continuité dans l’enseignement des deux papes, ainsi que dans les propositions des réunions synodales, comme en témoigne de façon synthétique le récent document de la Congrégation pour l’éducation catholique « Il les créa homme et femme. » Pour un chemin de dialogue sur la question du genre dans l’éducation (2 février 2019)62.

Haut de page

Notes

1  Androgynous, agender, asexual, bisexual, brotherboy, intersex, crossdresser, drag king, drag queen, genderfluid, genderqueer, heterosexual, homosexual, intergender, neutrois, pansexual, pan-gendered, sistergirl, third gender, third sex, transexed, trans­gender, transexual (https://www.humanrights.gov.au/our-work/sexual-orientation-sex-gender-identity/projects/lesbian-gay-bisexual-trans-and-intersex; si veda anche http://www.gayprider.com/australia-i-generi-sessuali-sono-ventitre).

2  https://campusclimate.berkeley.edu/students/ejce/geneq. Per un approfondi­mento possono essere utili i seguenti due recenti volumi: G. P. Mallon, Social Work Practice with Lesbian, Gay, Bisexual and Transgender People, New York, Routledge, 20173 e D.-L. StewartK. A. Renn – G. Blue Brazelton (ed.), Gender and Sexual Diversity in U.S. Higher Education: Contexts and Opportunities for LGBTQ College Students (New Directions for Students Services 152), San Francisco, Jossey-Bass, 2015.

3  Si tratta di uno stralcio dell’intervista rilasciata da Chiesa alla collega Lucia Bigozzi per il quotidiano online IntelligoNews in data 23 ottobre 2015, consultabile al se­guente indirizzo: http://www.intelligonews.it/le-interviste-della-civetta/articoli/23-ottobre-2015/32097/inodo-giulietto-chiesa-vincera-il-papa-genere-perche-la-chiesa-fa-bene-a-dire-no.

4  Publicato dalla casa editrtice UTET a Novara.

5  Si veda anche l’emblematica intervista concessa dalla Marzano al quotidiano Il Mattino del 26 novembre 2015.

6  Ormai storico il volume con il quale la docente di Berkeley diffuse al mondo le sue posizioni e, di fatto, introdusse diverse questioni nel dibattito: J. Butler, Gender Trouble: Feminism and the Subversion of Identity, New York, Routledge, 20153 (19901) (ed. it.: Questione di genere. Il femminismo e la sovversione dell’identità [Biblioteca universale 670], Bari, Laterza, 2017).

7  http://www.vatican.va/roman_curia/synod/documents/rc_synod_doc_20151026_relazione-finale-xiv-assemblea_it.html.

8  S. Garbagnoli, «“L’ideologia del genere”: l’irresitibile ascesa di un’invenzione retorica vaticana contro la denaturalizzazione dell’ordine sessuale», AboutGender. Rivista internazionale di studi di genere 3/6, 2014, p. 250-263 (p. 250). L’autrice è una nota esponente e attivista dei gruppi LGBT (Lesbian, Gay, Bisexual and Transgender, sigla che ultimamente negli USA va estendendosi in LGBTIQA, aggiungendosi Intersex, Queer e Asexual) e PhD presso il Centre de sociologie européenne – École des hautes études en sciences sociales, Université de Paris 3 - Sorbonne Nouvelle. Per una sintesi delle sue idee, se ne legga un’intervista in http://www.globalproject.info/it/in_movimento/sull-ideologia-del-gender-intervista-a-sara-garbagnoli/18893.

9  È il titolo di un suo articolo apparso su La Repubblica del 22 giugno 2015, scritto a commento del Family Day compiutosi due giorni prima a Roma.

10  Dall’intervista per Micromega-online del 21 dicembre 2015: http://temi.repubblica.it/
micromega-online/michela-marzano-la-teoria-gender-un-attacco-omofobico/
?printpage=undefined&refresh_ce.

11 https://www.enzopennetta.it/2015/03/la-teoria-del-gender-non-esiste-nervi-tesi-su-wired.

12  http://www.huffingtonpost.com/entry/trans-boy-texas-crying_us_59775e1be4b0a8a40e829ac4.

13  https://www.independent.co.uk/news/world-0/canada-kori-doty-genderless-baby-searyl-atli-rights-battle-transsexual-identity-a7821201.html; https://www.gaypost.it/canada-bambino-senza-genere-gender-fluid; https://www.bbc.com/news/world-us-canada-40480386.

14  http://www.regione.fvg.it/rafvg/comunicati/comunicato.act?dir=/rafvg/cms/RAFVG/notiziedallagiunta/&nm=20170824174430001

15  https://www.centrostudilivatino.it/la-calabria-primo-esperimento-in-italia-per-la-diffusione-dellideologia-gender; https://www.provitaefamiglia.it/blog/regione-calabria-approvata-legge-per-propaganda-gender.

16 http://www.arco.lgbt/omotransnegativita-cose-e-perche-preoccupa-gli-estremisti; https://www.istitutobeck.com/beck-news/omonegativita-sociale-italia-quali-fattori-individuali-relazionali-culturali.

17 https://www.avvenire.it/attualita/pagine/leggi-contro-lomofobia-la-deriva-delle-regioni; https://demetra.regione.emilia-romagna.it/al/articolo?urn=er:assemblealegislativa:progettodilegge:2018;7159; https://demetra.regione.emilia-romagna.it/

18  Legislatura 17ª, Disegno di legge n. 1680, http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DDLPRES/0/845618/index.html?part=ddlpres_ddlpres1-relpres_relpres1.

19  In realtà, allorché già Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede (1981‑2005), Joseph Ratzinger si era espresso su temi analoghi nei seguenti documenti, ai quali si rinvia per un quadro delle posizioni espresse dal futuro pontefice: Lettera ai vescovi della Chiesa cattolica sulla cura delle persone omosessuali (Epistula de pastorali personarum homosexualium cura, 1 ottobre 1986); Alcune considerazioni concernenti la risposta a proposte di legge sulla non discriminazione delle persone omosessuali (23 luglio 1992); Considerazione circa i progetti di riconoscimento legale delle unioni tra persone omosessuali (3 giugno 2003). Qualche spunto di riflessione negli anni del pontificato, benché non direttamente sul gender, si può leggere nel celebre libro-intervista con P. Seewald, Benedetto XVI, Licht der Welt. Der Papst, die Kirche und die Zeichen der Zeit: ein Gespräch mit Peter Seewald, Freiburg im Breisgau, Herder, 2010 (trad. it.: Luce del mondo. Il papa, la Chiesa e i segni dei tempi: una conversazione con Peter Seewald, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2010).

20  Si appurerà ciò più avanti.

21  https://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/speeches/2012/december/documents/hf_ben-xvi_spe_20121221_auguri-curia.html (corsivo mio).

22  Si veda il già citato articolo di Garbagnoli, «“L’ideologia del genere”».

23  http://www.grandrabbindefrance.com/dossiers.html. A seguito di fatti che tra breve illustreremo, oggi il documento non è più visualizzabile, sebbene sia ampia­mente consultabile online, particolarmente su siti di cultura religiosa ebraica.

24  Al seguente indirizzo se ne può leggere e scaricare la versione originale: https://www.ajcf.fr/IMG/pdf/Mariage-homosexuel-homoparentalite-et-adoption-Ce-que-l-on-oublie-souvent-de-dire-Essai-de-Gilles-Bernheim-Grand-Rabbin-de-France.pdf.

25  G. Bernheim, Quarante méditations juives, Paris, Stock, 2011.

26  Si leggano in merito le opinioni espresse da opinionisti e intellettuali ebrei: http://www.huffingtonpost.fr/claude-askolovitch/plagiat-gilles-bernheim_b_3059521.html.

27  http://tempsreel.nouvelobs.com/culture/portrait/20130411.OBS7679/gilles-bernheim-rabbin-desagrege.html. Jean-Marc Fedida, tra i più prestigiosi avvocati francesi, scriverà subito un libello in difesa di Bernheim: http://www.huffingtonpost.fr/jeanmarc-fedida/plagiat-gilles-bernheim_b_3062368.html#slide=2324932.

28  http://moked.it/blog/2013/02/01/il-rav-i-diritti-civili-il-dibattito.

29  Mariage homosexuel, homoparentalité et adoption, p. 21-22.

30  Mariage homosexuel, homoparentalité et adoption, p. 23 et 25.

31  G. V[itale], «L’amnesia del Corriere e la favola del rabbinato silente. Tanti presupposti sballati, ma anche un’occasione di riflettere», http://moked.it/blog/2013/01/09/lamnesia-del-corriere-e-la-favola-del-rabbinato-silente-tanti-presupposti-sballati-ma-anche-unoccasione-di-riflettere.

32  http://moked.it/blog/2013/01/04/il-dovere-di-opporci-riccardo-di-segni-rabbino-capo-di-roma.

33  http://www.repubblica.it/2007/03/sezioni/politica/coppie-di-fatto-7/gay-family-day/gay-family-day.html. Si veda anche il sito ebraico di cultura religiosa «Kolot» all’indirizzo http://www.kolot.it/tag/gay/page/2. Si veda anche http://radicaliroma.it/dico-scontro-tra-i-gay-e-la-comunita-ebraica e http://aspirantiuditori.forumfree.it/?t=16622096.

34  http://www.centroislamico.it/messaggero/_newsletter/193_nl/193_12.html.

35  https://w2.vatican.va/content/benedictxvi/it/speeches/2013/january/documents/hf_ben-xvi_spe_20130119_pc-corunum.html.

36  https://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/speeches/2013/january/documents/hf_ben-xvi_spe_20130119_pc-corunum.html (corsivo mio).

37  «Stiamo attenti alle nuove colonizzazioni ideologiche. Esistono colonizzazioni ideologiche che cercano di distruggere la famiglia. Non nascono dal sogno, dalla preghiera, dall’incontro con Dio, dalla missione che Dio ci dà, vengono da fuori e per questo dico che sono colonizzazioni. Non perdiamo la libertà della missione che Dio ci dà, la missione della famiglia. E così come i nostri popoli, in un momento della loro storia, arrivarono alla maturità di dire “no” a qualsiasi colonizzazione politica, come famiglie dobbiamo essere molto molto sagaci, molto abili, molto forti, per dire “no” a qualsiasi tentativo di colonizzazione ideologica della famiglia, e chiedere a san Giuseppe, che è amico dell’Angelo, che ci mandi l’ispirazione di sapere quando possiamo dire “sì” e quando dobbiamo dire “no”». (https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2015/january/documents/papa-francesco_20150116_srilanka-filippine-incontro-famiglie.html).

38  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2015/january/documents/papa-francesco_20150119_srilanka-filippine-conferenza-stampa.html. Questa e altre interviste al pontefice qui riprodotte possono essere consultate anche sul volume: J. M. Bergoglio, Risponde papa Francesco. Tutte le interviste e le conferenze stampa, introd. di G. M. Vian (I nodi), Venezia, Marsilio, 2015.

39  http://www.archivioradiovaticana.va/storico/2015/03/12/segundo_aniversario_de_la_elección_del_papa_francisco/es-1128922 (corsivo mio); a questo stesso indirizzo il video dell’intervista integrale. Per il testo in traduzione italiana, si veda il relativo servizio de L’Osservatore romano online del 13 marzo 2015: http://www. osservatoreromano.va/it/news/due-anni-di-pontificato.

40  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2015/march/documents/papa-francesco_20150321_napoli-pompei-giovani.html (corsivo mio).

41  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2015/documents/papa-francesco_20150415_udienza-generale.html (corsivo mio).

42  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2015/documents/papa-francesco_20150422_udienza-generale.html (corsivo mio).

43  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2015/documents/papa-francesco_20150429_udienza-generale.html (corsivo mio).

44  Benedetto XVI, Discorso al Deutscher Bundestag (Berlino, 22 settembre 2011): http://www.vatican.va/content/benedict-xvi/it/speeches/2011/september/documents/hf_ben-xvi_spe_20110922_reichstag-berlin.html.

45  Francesco, dalla già citata Udienza generale del 15 aprile 2015.

46  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/july/documents/papa-francesco_20160727_polonia-vescovi.html (corsivo mio).

47  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/october/documents/papa-francesco_20161001_georgia-sacerdoti-religiosi.html.

48  Sulla non discriminazione delle persone omosessuali, analogamente lo stesso Ratzinger, nel 1986, dunque nelle vesti di Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, già così scriveva in un documento più sopra ricordato: «Va deplorato con fermezza che le persone omosessuali siano state e siano ancora oggetto di espressioni malevole e di azioni violente. Simili comportamenti meritano la condanna dei pastori della Chiesa, ovunque si verifichino. Essi rivelano una mancanza di rispetto per gli altri, lesiva dei principi elementari su cui si basa una sana convivenza civile. La dignità propria di ogni persona dev'essere sempre rispettata nelle parole, nelle azioni e nelle legislazioni» (Lettera ai vescovi della Chiesa cattolica sulla cura delle persone omosessuali, § 10; http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_19861001_homosexual-persons_it.html).

49  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/october/documents/papa-francesco_20161002_georgia-azerbaijan-conferenza-stampa.html.

50  L. Scaraffia, «Un libero pensiero critico sull’ideologia del gender», L’Osservatore Romano 156/227 (3-4 ottobre 2016), p. 1.

51  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2013/july/documents/papa-francesco_20130728_gmg-conferenza-stampa.html.

52  https://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2014/10/06/0712/03003.html.

53  https://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2014/10/13/0751/03037.html.

54  https://m.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2013/july/documents/papa-francesco_20130728_gmg-conferenza-stampa.html.

55  In questo senso si può vedere il recente volume curato da M. Gensabella Furnari, Identità di genere e differenza sessuale. Percorsi di studio (Bios, ethos e polis), Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino, 2017.

56  Tra gli altri, si possono qui ricordare i seguenti lavori: J. Tibbetts Schulenburg, Forgetful of Their Sex. Female Sanctity and Society, ca. 500-1000, Chicago, University of Chicago Press, 1998; Associazione FIDAPA (ed.), Donne Sante, Sante Donne (Biblioteca 4), Viterbo, Sette città, 2007; L. ScaraffiaG. Zarri (ed.), Donne e fede. Santità e vita religiosa in Italia (Storia e società; Storia delle donne in Italia), Bari, Laterza, 20092 (19941); G. MelvilleA. Müller (ed.), Female vita religiosa between Late Antiquity and the High Middle Ages. Structures, development and spatial contexts (Vita regularis Abhandlungen 47), Münster, LIT, 2011; Benedetto XVI, Donne nel Medioevo. Il genio femminile nella storia del popolo di Dio, con una pref. di A. Vauchez e una postf. di M. M. Monetti (Biblioteca cristiana 24), Genova, Marietti, 2011; C. Luckhardt, «Gender and Connectivity. Facilitating Religious Travel in the Sixth and Seventh Centuries», Comitatus 44, 2013, p. 29-53; J.-M. BennettR. Mazo Karras (ed.), The Oxford Handbook of Women and Gender in Medieval Europe (Oxford Handbooks in History), Oxford, University Press, 2013; M. PelajaL. Scaraffia, Due in una carne. Chiesa e sessualità nella storia (Economica Laterza 700), Bari, Laterza, 20142 (20081). In merito, utile e illuminante è la riflessione sul rapporto tra gender studies e santità femminile offerta nel corso di un’intervista dal grande studioso André Vauchez alla rivista Reti Medievali 15/1, 2014, p. 346-388: http://www.rmojs.unina.it/index.php/rm/article/viewFile/4856/5446. Si veda, inoltre, F. Iannello, «Un modello di santità femminile alla corte dei Merovingi: per un approccio storico-religioso alla figura di Gertrude badessa di Nivelles», Vox Patrum 35/63, 2015, p. 253-270.

57  Il riferimento è alla Risoluzione approvata dal Parlamento europeo pochi giorni prima (8 febbraio) sulla parità di diritti per gli omosessuali.

58  https://w2.vatican.va/content/john-paul-ii/it/angelus/1994/documents/hf_jp-ii_ang_19940220.html.

59  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/october/documents/papa-francesco_20161002_georgia-azerbaijan-conferenza-stampa.html.

60  Amoris laetitia 250-251 (corsivo mio).

61  https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2017/october/documents/papa-francesco_20171005_assemblea-pav.html.

62  Accessible à l’adresse http://www.educatio.va/content/dam/cec/Documenti/19_999_FRANCESE.pdf

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Fausto Iannello, « Un’ evidenza negata? »Revue des sciences religieuses, 94/1 | 2020, 49-84.

Référence électronique

Fausto Iannello, « Un’ evidenza negata? »Revue des sciences religieuses [En ligne], 94/1 | 2020, mis en ligne le 15 janvier 2020, consulté le 24 mai 2020. URL : http://journals.openedition.org/rsr/7351 ; DOI : https://doi.org/10.4000/rsr.7351

Haut de page

Auteur

Fausto Iannello

Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne
Università degli Studi di Messina

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d'auteur

© RSR

Haut de page
  • Logo Université de Strasbourg
  • OpenEdition Journals