Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali e comparatistica

Aa. Vv., Vies imaginaires. De Plutarque à Michon, textes choisis et présentés par Alexandre Gefen

Gabriella Bosco
p. 432-433
Notizia bibliografica:

Aa. Vv., Vies imaginaires. De Plutarque à Michon, textes choisis et présentés par Alexandre Gefen, Paris, Gallimard, 2014, «Folio classique», pp. 578.

Testo integrale

1Il volume raccoglie una ricca antologia di récits de vie, racconti di esistenze tanto di personaggi illustri quanto di gente sconosciuta – reali, mitici o finzionali che siano. Il titolo scelto di Vies imaginaires, preso a prestito da Marcel Schwob che pubblicò le sue nel 1896, si riferisce infatti non a una caratterizzazione dei racconti sulla base di una non corrispondenza con specifiche biografie o autobiografie di persone realmente esistite, bensì alla libertà assoluta della scrittura letteraria. Al suo legittimo svincolamento dal principio della verificabilità.

2Il curatore Alexandre Gefen, nella sua «Préface» (pp. 7-23) sottolinea che il criterio di individuazione dei récits è stato infatti quello di affiancare a vite intenzionalmente finzionali il più gran numero di esempi di forme premoderne di scritture biografiche accomunate da un’analoga rivendicazione di autonomia, più o meno ampia, rispetto alla verità storica. Racconti immaginati a scopo celebrativo in morte di una persona, altri modulati a scopo educativo, o ancora per indurre conversioni, racconti agiografici, racconti mitologici, omaggi letterari… testi tutti che ormai abbiamo imparato a leggere come romanzi involontari e che classifichiamo tra quelli di natura creativa.

3I brani antologizzati spaziano dall’antichità ai giorni nostri. Ed è un ricchissimo, estremamente ghiotto, inventario. Eccone l’elenco, di per sé eloquente: di Plutarco, che apre il volume, è stata scelta la «Vie de Thésée» tratta dalle Vite parallele nella traduzione in francese di Jacques Amyot; seguono una serie di testi anonimi, dei secoli xi, xiii e xiv: La Vie de Saint Alexis nella traduzione di Dominique Demartini e Christopher Lucken e la Vida de Guillem de Cabestaing nella traduzione di Irénée Marcel-Cluzel con – a seguire – l’Histoire de Guillaume de Cabstaing nella versione stendhaliana; dalla Légende dorée di Jacques de Voragine la «Vie des Saints Barlaam et Josaphat»; di Sant’Antonino di Firenze Saint Julien l’Hospitalier nella traduzione di Marcel Schwob: di Laurentius Surius la Vie de saint Genès nella traduzione di Frédérique Fleck; di Honorat de Bueil, sire de Racan la Vie de Mr de Malherbe; di Robert Arnauld d’Andilly la «Vie de saint Siméon Styliyte» tratta dalle Vies des saints Pères des déserts (d’après Théodoret de Cyr); di Jean de La Fontaine la «Vie d’Ésope le Phrygien»; di anonimo del xvii secolo La Terrible et Merveilleuse Vie de Robert le Diable; di Voltaire la notissima Vie de Molière così come, di Denis Diderot, l’«Abrégé de la Vie de La Fontaine» in dittico con la «Notice sur la vie de La Fontaine» di Honoré de Balzac; di Charles-Augustin Sainte Beuve la «Vie de Joseph Delorme» tratta dalle Vies, poésies et pensées de Joseph Délorme; di Gérard de Nerval «Le Roi de Bicêtre (xvi siècle) Raoul Spifane» tratta da Les Illuminés; di Charles Baudelaire «Edgar Poe, sa vie et ses œuvers»; di Joris-Karl Huysmans «Cornélius Béga», testo tratto da Le Drageoir aux épices; di Pierre Louÿs la «Vie de Méléagre» tratta dalle Poésies de Méléagre; e dalle Vies imaginaires di Schwob, «Érostate, incendiaire» e «Paolo Uccello, peintre»; di Valéry Larbaud la «Biographie de M. Barnabooth, par X.M. Tournier de Zamble» tratto dai Poèmes par un riche amateur; di Raymond Queneau «Fantomas», testo tratto da Bâtons, chiffres et lettres; di Jean Tardieu «Au chiffre des grands hommes» tratto da Le Professeur Frœppel; di Roland Barthes la «Vie de Fourier», da Sade, Fourier, Loyola; di Pascal Quignard la «Vie de Lu» tratta dai Petits traités I; di Pierre Michon la «Vie d’André Dufourneau», una delle Vies minuscules, di Patrick Mauriès il testo dedicato a «Mario Praz» incluso nelle Vies oubliées; di Gérard Macé «La vocation d’acteur» dalle Vies antérieures; di Éric Chevillard la «Chronologie» tratta da L’Œuvre posthume de Thomas Pilaster; e infine, di Stéphane Audeguy, In Memoriam, testo miscellaneo sul Faraone Ramsete II, Voltaire lo scrittore, Pietro l’apostolo, Rasputin il prete e Lao Zi il filosofo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gabriella Bosco, « Aa. Vv., Vies imaginaires. De Plutarque à Michon, textes choisis et présentés par Alexandre Gefen »Studi Francesi, 176 (LIX | II) | 2015, 432-433.

Notizia bibliografica digitale

Gabriella Bosco, « Aa. Vv., Vies imaginaires. De Plutarque à Michon, textes choisis et présentés par Alexandre Gefen »Studi Francesi [Online], 176 (LIX | II) | 2015, online dal 01 août 2015, consultato il 07 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/1015

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals