Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

V. Fortunato, Lo Speculatore a teatro. Tra letteratura, storia e finanza

Susi Pietri
p. 553-554
Notizia bibliografica:

Valentina Fortunato, Lo Speculatore a teatro. Tra letteratura, storia e finanza, Roma, Edizioni Efesto, 2015, 206 pp. 

Testo integrale

1La stretta connessione tra la tematica finanziaria e la forma romanzesca, in particolare nel primo e nel secondo Ottocento francese, è stata largamente esplorata in studi di ampio respiro (tra i più recenti: la sintesi di Chistophe Reffait, La Bourse dans le roman du second xixe siècle. Discours romanesque et imaginaire social de la spéculation, Paris, Honoré Champion, 2007, e i saggi raccolti nella pubblicazione a cura di Francesco Spandri La Littérature au prisme de l’économie. Argent et roman en France au xixe siècle, Paris, Garnier, 2014). L’inscrizione della forma monetaria nel romanzo, da Stendhal a Zola, ha rappresentato drammaticamente e con prodigiosa riflessività critica, insieme alle problematiche legate alle grandi trasformazioni epocali che attraversano tutto il secolo, i modi e le forme dell’«immaginario del denaro», trasmutando in inedite risorse della narrazione e in vettori di nuovi intrecci romanzeschi le priorità ineluttabili della sfera economica, le convulsioni della finanza e della Borsa, il dilagare minaccioso degli interessi materiali e la loro virulenza nel corpo sociale, il fantasma della convertibilità monetaria come equivalente potenziale del desiderio. Il lavoro di Valentina Fortunato trasferisce l’indagine sulla rappresentazione della Borsa e della speculazione finanziaria (entrambe figure emblematiche del trionfo della «forma immateriale del denaro» e, in seguito, del caos post-rivoluzionario) nel campo del teatro, dall’inizio del xviii secolo fino alla metà del xix, in concomitanza con una serie di rovinose crisi economiche e ondate speculative. In questo ambito, le vie del romanzo e del teatro proseguono parallelamente, come sottolinea Fortunato. Un primo excursus sui «Prodromi» (pp. 15-39) del nuovo ruolo giocato sulla scena teatrale dalla questione finanziaria riserva un posto d’onore al Turcaret ou Le Financier di Lesage, dove si congiungono il volto istituzionale della finanza e quello illegale dell’usura. L’autrice esamina quindi le figure del fermier général, dell’aggiotatore, dell’usuraio, dell’affarista e dello speculatore («Un secolo di speculazioni», pp. 41-65) nelle pièces di Ch.-P. Ducancel (Le Thé à la mode ou Le Millier de sucre), J.-A. Charlemagne (L’Agioteur), L.-B. Picard (Duhautcours ou Le Contrat d’union), concentrandosi poi sull’irruzione vera e propria della Borsa e dell’alta finanza nel vaudeville, con Un jeu de Bourse ou La Bascule (scritto ancora da Picard in collaborazione con A.‑J.-M. Wafflard e J.D. Fulgence), che fa entrare in scena l’oscillazione delle quotazioni e la febbre speculativa delle scommesse sulle rendite di Stato, e con Le Roman di A.-J.-J. De la Ville de Mirmont, imperniato sull’ascesa ai vertici sociali e politici della nuova aristocrazia finanziaria. La ricognizione prosegue con l’analisi delle opere di F.-L. Riboutté (Le Spéculateur ou L’École de la jeunesse), L.-B. Picard (L’Agiotage ou Le Métier à la mode) e C. Bonjour (L’Argent), incentrate sulle manovre borsistiche e sulle manipolazioni del mercato coniugando finzione e teatralità, macchinazione a fini speculativi e mistificazione delle maschere sociali (La Borsa a teatro, pp. 67-94).

2Con la Monarchia di Luglio, la commedia di costume problematizza la febbre del gioco in Borsa e insieme la demistifica attraverso la denuncia sociale e la satira (La Monarchia di luglio, pp. 95-158). Le dinamiche performative del denaro, se non la sua potenza «mitica» e rocambolesca incarnata nello spettacolo dei profitti colossali, delle ascese e cadute fulminee delle fortune, delle fluttuazioni convulse dei flussi monetari, si ridisegnano sulla scena teatrale intrecciandosi alla rappresentazione del rovesciamento o della crisi delle identità, alla reificazione dei valori, alla dimensione fantastica e allucinatoria della ragione speculativa. Esemplare, in questo senso, la lettura di Le Faiseur di Balzac (pp. 113 ss.), dove si incontrano ambiguamente la satira di costume, l’affascinata celebrazione della quintessenza fantasmagorica e immateriale del denaro, la cinica «commedia degli equivoci» su cui si fonda l’inversione sistematica di verità e menzogna propria dello speculatore.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Susi Pietri, « V. Fortunato, Lo Speculatore a teatro. Tra letteratura, storia e finanza », Studi Francesi, 183 (LXI | III) | 2017, 553-554.

Notizia bibliografica digitale

Susi Pietri, « V. Fortunato, Lo Speculatore a teatro. Tra letteratura, storia e finanza », Studi Francesi [Online], 183 (LXI | III) | 2017, online dal 01 février 2018, consultato il 15 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/10643

Torna su

Autore

Susi Pietri

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals