Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Seicento

Privilèges de librairie en France et en Europe, xvie- xviie siècle, sous la direction d’E. Keller-Rahbé

Monica Pavesio
p. 125-126
Notizia bibliografica:

Privilèges de librairie en France et en Europe, xvie- xviie siècle, sous la direction d’E. Keller-Rahbé avec la collaboration d’H. Pommier et D. Régnier-Roux, Paris, Classiques Garnier, 2017, 559 pp.

Testo integrale

1Considerati all’inizio del Novecento come delle semplici “curiosités bibliographiques”, scoperti e rivalutati nel 1969, grazie al libro di H.J. Martin, Livre, pouvoirs et sociétés à Paris, i privilegi accordati agli editori per la pubblicazione di un’opera si collocano all’intersezione di diverse discipline: la storia del libro, la storia del diritto, la storia della letteratura e la storia dell’arte.

2I contributi riuniti nel volume, curato da E. Keller-Rahbé, mettono in luce le connessioni fra storia e letteratura, nell’ambito dello studio dei privilegi editoriali, grazie a un approccio interdisciplinare che spazia dal xvi alla fine del xvii secolo e si muove dalla Francia all’Europa. Il volume è suddiviso in due parti: la prima è dedicata ai privilegi di opere francesi, la seconda a quelli di pubblicazioni europee.

3La prima parte consacrata alla Francia dell’Ancien Régime si apre con uno studio lessicologico e lessicografico sul termine “privilège”, condotto da M. Paquant nei dizionari francesi del xvi e xvii secolo (“Privilège”. Études lexicologique et lexicographique, pp. 23-47); L. Pfister, nel contributo successivo, studia le condizioni di rilascio dei privilegi nella Francia del Cinquecento e del primo Seicento (Les conditions d’octroi des privilèges d’imprimerie de 1500 à 1650, pp. 49-92); lo studio di M.C. Pioffet (Privilèges factices et autres supercheries éditoriales dans les controverses religieuses au tournant des xvi e et xvii e siècles, pp. 93-110) esamina i privilegi fittizi e altri artifici utilizzati dagli editori di pamphlets nel periodo delle controversie religiose. J.D. Mellot si interessa, in seguito, ai privilegi concessi ai periodici (Périodiques et privilèges dans la France du xviie siècle, entre monopole et exceptions, pp. 113-155), mentre A. Riffaud analizza il corpus dei privilegi teatrali del xvii secolo, per sottolineare l’importanza giuridica ed editoriale di questi testi nella carriera dei drammaturghi dell’epoca (Privilèges imprimés dans le théâtre du xviie siècle, pp. 157-175). L’articolo di J. Leclerc esamina quattro casi di privilegi di opere burlesche, con lo scopo di illustrare il contesto della Fronda e l’affermazione del nuovo statuto di “autore” che si sta affermando in Francia (Privilèges et vogue du burlesque, pp. 176-191); E. Itti dedica il suo contributo ai privilegi di una delle rare scrittrici dell’epoca che riesca a vivere grazie ai suoi scritti, Mme Dacier (Les privilèges libraires de Mme Dacier, pp. 193-217). I tre articoli successivi, inerenti alla storia dell’arte, studiano le immagini presenti nei privilegi editoriali: H. Pommier descrive le incisioni (Estampes et privilèges sous l’Ancien Régime, pp. 219-288); D. Régnier-Roux analizza da un punto di vista statistico e qualitativo le immagini nei libri di architettura (Privilèges de librairie et image. Le livre d’architecture aux xvie et xviie siècles, pp. 289-316); S. Deswarte–Rosa si occupa dei privilegi epigrafici del xvi secolo (Privilèges épigraphiques au xvie siècle, pp. 317-327).

4La seconda parte del volume raccoglie una serie di contributi di studiosi francesi e stranieri dedicati alle modalità di concessione dei privilegi fuori dal regno di Francia.

5Un’accurata bibliografia e un indice dei nomi completano il volume.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Pavesio, « Privilèges de librairie en France et en Europe, xvie- xviie siècle, sous la direction d’E. Keller-Rahbé », Studi Francesi, 184 (LXII | I) | 2018, 125-126.

Notizia bibliografica digitale

Monica Pavesio, « Privilèges de librairie en France et en Europe, xvie- xviie siècle, sous la direction d’E. Keller-Rahbé », Studi Francesi [Online], 184 (LXII | I) | 2018, online dal 02 juillet 2018, consultato il 26 septembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/11447

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals