Navigation – Plan du site
Rassegna Bibliografica
Seicento

Jacques-Bénigne BossuetTrattato sulla conoscenza di Dio e di se stessi

Monica Pavesio
p. 128
Référence(s) :

Jacques-Bénigne Bossuet, Trattato sulla conoscenza di Dio e di se stessi, a cura di E. Todaro, Soveria Mannelli, Rubettino, 2017, «CESPES Fonti e Studi», 242 pp.

Texte intégral

1«La saggezza consiste nel conoscere Dio e nel conoscere noi stessi. La conoscenza di noi stessi ci deve elevare alla conoscenza di Dio» (p. 49): così esordisce Bossuet, vescovo di Meaux e precettore del Delfino di Francia figlio di Luigi XIV, nel suo De la Connaissance de Dieu et de soi-même, scritto intorno al 1677 e pubblicato postumo solo nel 1741. Un trattato in cui Bossuet formula un piano educativo per il giovane erede al trono, applicando gli studi filosofici alla pedagogia per spiegare all’allievo l’uomo nella sua specificità. Un testo che, come altre opere di Bossuet, travalica gli stretti confini dell’incarico da cui è scaturito, pervenendo a formulare un concetto di filosofia come forma di raccoglimento in se stesso, punto di riferimento per le generazioni future.

2E. Todaro traduce il trattato, corredandolo con un’introduzione dal titolo L’uomo in Bossuet, con una bibliografia, numerose ed approfondite note e un indice dei nomi.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Monica Pavesio, « Jacques-Bénigne BossuetTrattato sulla conoscenza di Dio e di se stessi », Studi Francesi, 184 | 2018, 128.

Référence électronique

Monica Pavesio, « Jacques-Bénigne BossuetTrattato sulla conoscenza di Dio e di se stessi », Studi Francesi [En ligne], 184 | 2018, mis en ligne le 02 juillet 2018, consulté le 19 août 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/11487

Haut de page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals