Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Cinquecento

Paul White, Ronsard’s “Continuation des Amours” (1555) in dialogue with Muret’s “Elegiae” (1552)

Filippo Fassina
p. 120
Notizia bibliografica:

Paul White, Ronsard’s “Continuation des Amours” (1555) in dialogue with Muret’s “Elegiae” (1552), «Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance» LXXIX, 1 (2017), pp. 7-27.

Testo integrale

1L’evoluzione che la poetica di Ronsard subisce nel passaggio tra le Amours (1552-1553) e le Continuations des Amours (1555) sembrerebbe trovare una delle motivazioni principali nell’influsso esercitato dalle Elegiae di Muret, pubblicate all’interno dei Juvenilia (1552), una collezione di testi in latino che riprendono i generi letterari classici della tragedia, della satira, dell’epigramma e soprattutto dell’elegia, testi scritti con la finalità di costituirsi come una «counterpart to the project being undertaken by the Pléiade poets in the vernacular». Ronsard, nel passaggio dalle Amours alle Continuations, sembra in parte abbandonare la matrice petrarchista e neo-platonica per avvicinarsi all’elegia classica, mediata da Muret. In realtà, nel presente studio viene evidenziato che già due sonetti delle Amours erano indirizzati a una certa Marguerite, che evidentemente riprende proprio la Margaris di Muret. In particolare, l’A. sottolinea tutta una serie di riprese tematiche e lessicali che Ronsard mette in atto a partire dal modello latino (Properzio e Tibullo) e da Muret: nelle Elegiae risulta infatti centrale il tema della fedeltà esclusiva del rapporto fra amato e puella, tematica che Ronsard riprende, aggiungendovi però il tratto dell’incostanza. Il rapporto fra Ronsard e Muret diventa una sorta di dialogo a distanza che sfocia anche in un vero e proprio dibattito («commentary») sul ruolo e sulle finalità del genere elegiaco. Se il debito di Muret nei confronti dell’elegia romana è in molti casi imitazione diretta, Ronsard si pone su un livello diverso dando origine a una poetica particolare che mescola – come si diceva – il modello latino e muretiano con il petrarchismo e il neo-platonismo, e rivendica l’unicità della propria opera attraverso una «imitative promiscuity» e una «aesthetic of varietas and contaminatio».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Paul White, Ronsard’s “Continuation des Amours” (1555) in dialogue with Muret’s “Elegiae” (1552) », Studi Francesi, 184 (LXII | I) | 2018, 120.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Paul White, Ronsard’s “Continuation des Amours” (1555) in dialogue with Muret’s “Elegiae” (1552) », Studi Francesi [Online], 184 (LXII | I) | 2018, online dal 02 juillet 2018, consultato il 11 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/11691

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals