Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Novecento e xxi secolo

Marcel Bourdette-Donon, Raymond Queneau, le Peintre de la vie moderne

Riccardo Benedettini
p. 165-166
Notizia bibliografica:

Marcel Bourdette-Donon, Raymond Queneau, le Peintre de la vie moderne, Paris, L’Harmattan, 2016, «Espaces Littéraires», 317 pp.

Testo integrale

1Questo volume costituisce uno studio dell’opera di Raymond Queneau, scrittore, pensatore, matematico, figura di modello, di «classico», autore in grado di sorprendere e toccare il lettore di oggi, come Marcel Bourdette-Donon ricorda nella sua introduzione, «Le Peintre de la vie moderne» (pp. 7-18). Per illustrare come lo scrittore normanno, ma parigino d’adozione, abbia tentato di articolare le diverse sfere del sapere, l’A. sceglie di riflettere sui rapporti che i romanzi (ma in parte anche la poesia, la traduzione e i saggi) stabiliscono in una nuova percezione dello spazio-tempo, in un alternarsi continuo tra «l’urbanisation» e «le mouvement, […] en symbiose avec la communication moderne» (p. 13). Bourdette-Donon conferma qui l’immagine di un Queneau estremamente colto che, sulla linea degli autori del Settecento, sa associare l’immaginazione e la fantasia dell’artista, la riflessione del filosofo in grado di mescolare il pensiero di Descartes, di Hegel e di Leibniz ai calcoli combinatori o alla memoria artificiale dei computer (p. 17). L’indagine si articola in tre capitoli – «L’invention de nouveaux codes et de nouveaux modèles» (pp. 19-120), «L’évolution des représentations socioculturelles dans l’œuvre» (pp. 121-194) e «Les relations avec l’univers des normes» (pp. 195-304) – seguiti da un «Répertoire des auteurs, ouvrages, lettres et articles cités» (pp. 305-313) e da una rassegna di «Revues consacrées à Raymond Queneau» (p. 315).

2L’A. dedica il primo capitolo del libro ad una descrizione dell’originalità letteraria dell’opera queniana, opera in cui lo scrittore ha saputo tener conto della dimensione ludica dello scambio mettendo alla prova i sistemi di comunicazione: sono analizzati i legami tra il tempo storico e il presente continuo, in particolare riferendosi ai rapporti conflittuali di Queneau con i viaggi (ricordiamo, in parallelo, un engagement nascosto dietro un apparente désengagement), soffermandosi sull’apertura letteraria all’Africa nera, ai problemi della decolonizzazione e all’interesse per la lingua negli anni in cui si cerca di uscire dalla guerra e si affrontano i totalitarismi. Rinviando a come questi testi si nutrano del linguaggio vivo di una comunità, dei suoi sogni e dei suoi miti, il secondo capitolo espone la visione della modernità secondo Queneau, i cui scritti spesso mettono in scena un’atmosfera «contrastée de féerie et de désespoir» (p. 123): l’antico e il nuovo sono messi a confronto con immagini del mondo contemporaneo (si pensi al cinema). Lo scrittore en situation, i cui romanzi riflettono un’epoca, le sue idee e le sue rappresentazioni, credenze e dottrine filosofiche, offre lo spunto al terzo capitolo, dedicato al tema dell’immaginazione sociale e culturale. Il volume mostra come con Queneau il romanzo abbia ritrovato il proprio carattere polimorfo, associando generi diversi per avvicinarsi e rispecchiare una nuova epoca, fatta di cambiamenti e sviluppi spesso violenti: Les temps mêlés, appunto.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Riccardo Benedettini, « Marcel Bourdette-Donon, Raymond Queneau, le Peintre de la vie moderne », Studi Francesi, 184 | 2018, 165-166.

Notizia bibliografica digitale

Riccardo Benedettini, « Marcel Bourdette-Donon, Raymond Queneau, le Peintre de la vie moderne », Studi Francesi [Online], 184 | 2018, online dal 03 juillet 2018, consultato il 18 juillet 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/12103

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals