Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri177 (LIX | III)Rassegna bibliograficaMedioevoAnonimo Padovano, L’Entrée d’Espa...

Rassegna bibliografica
Medioevo

Anonimo Padovano, L’Entrée d’Espagne. Rolando da Pamplona all’Oriente, a cura di Marco Infurna

Giuseppe Noto
p. 562
Notizia bibliografica:

Anonimo Padovano, L’Entrée d’Espagne. Rolando da Pamplona all’Oriente, a cura di Marco Infurna, Roma, Carocci, 2011, pp.414.

Testo integrale

1L’Entrée d’Espagne, ponderoso poema epico sull’inizio della spedizione contro i pagani della penisola iberica da parte di Carlo Magno, Rolando e degli altri paladini, è senza dubbio alcuno il capolavoro della cosiddetta letteratura franco-italiana.

2Scritta verosimilmente intorno al 1330 da un Anonimo Padovano (sulla cui identità non è stato sinora possibile formulare ipotesi minimamente credibili), l’opera è la prova più evidente del successo riscontrato in Italia dall’epica francese di argomento carolingio: tale successo in area padana portò fino alla stesura, «in una scripta frutto di una più o meno consapevole, più o meno deliberata disposizione all’interferenza di francese e italiano» (p. 9), di rimaneggiamenti ma anche di invenzioni originali.

3L’Anonimo Padovano dichiara di tradurre e mettere in versi l’Historia Caroli Magni et Rotholandi (composta nella prima metà del xii secolo e attribuita fittiziamente all’arcivescovo Turpino), ma in realtà produce una vera e propria meraviglia per originalità e qualità artistica: un’opera in assenza della quale (come ebbe a dire Antoine Thomas, che nel 1913 fornì per la collana della Société des anciens textes français quella che a tutt’oggi rimane l’unica edizione del poema) non avremmo con ogni probabilità avuto il Morgante, l’Orlando innamorato e l’Orlando furioso.

4Va in particolare sottolineato che nel sistema di valori esaltato nell’Entrée d’Espagne le qualità cavalleresche tipiche e topiche dell’epica carolingia vengono corroborate e integrate dalla sapienza e dalla devozione, dando vita ad un modello di comportamento e a un ideale umano che vanno ben al di là del credo religioso e si traducono in un esclusivismo aristocratico che coinvolge – è questo il dato più importante – entrambi gli schieramenti in campo.

5Il poema è tradito in maniera lacunosa (la seconda parte è afflitta dalla perdita di circa cinquemila versi) dal ms. Fr. Z. 21 (= 257) della Biblioteca Marciana di Venezia, il quale spesso «presenta un testo piuttosto scorretto» (p. 37). Successivamente all’edizione Thomas, sono stati rinvenuti a Châtillon (Valle d’Aosta) e a Reggio Emilia alcuni frammenti (appartenenti a due diversi manoscritti), che permettono in alcuni punti di sanare lacune o di migliorare il testo.

6Il volume curato da Marco Infurna fornisce un’ampia scelta dell’Entrée d’Espagne sulla base dell’edizione Thomas, corretta – laddove necessario a parere del curatore – sia nella veste tipografica sia nella lezione, sempre tuttavia con la segnalazione in nota dei luoghi in cui ci si allontana dall’editio princeps.

7Il testo è corredato da una traduzione a fronte e, al fondo del volume, da un essenziale ma efficace apparato di note. Ricchi e ben esibiti i riferimenti bibliografici.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giuseppe Noto, « Anonimo Padovano, L’Entrée d’Espagne. Rolando da Pamplona all’Oriente, a cura di Marco Infurna »Studi Francesi, 177 (LIX | III) | 2015, 562.

Notizia bibliografica digitale

Giuseppe Noto, « Anonimo Padovano, L’Entrée d’Espagne. Rolando da Pamplona all’Oriente, a cura di Marco Infurna »Studi Francesi [Online], 177 (LIX | III) | 2015, online dal 01 décembre 2015, consultato il 27 octobre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/1239; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.1239

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search