Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Jean Paul Barbier-Mueller, Ne vouloir rien fors que toy comprendre. «Défense et illustration de Louise Labé»

Filippo Fassina
p. 578
Notizia bibliografica:

Jean Paul Barbier-Mueller, Ne vouloir rien fors que toy comprendre. «Défense et illustration de Louise Labé», «Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance», LXXVII, 1 (2015), pp. 7-42.

Testo integrale

1Nel 2006 Mireille Huchon pubblica un volume (Louise Labé. Une créature de papier, Genève, Droz) nel quale viene presentata la teoria secondo la quale Louise Labé sarebbe stata, in realtà, una prostituta, e non avrebbe mai composto nulla, al punto che i suoi versi sarebbero stati scritti da un gruppo ristretto di eruditi lionesi, riuniti attorno alla figura di Jean de Tournes, con la finalità di attribuire alla Francia dell’epoca la paternità di una scrittrice in grado di eguagliare Vittoria Colonna. Anche Jean Balsamo riprende questa teoria, negando tuttavia l’identificazione della pseudo autrice con una prostituta, ma accogliendo la proposta di considerare le Euvres una finzione letteraria. La portata di questa tesi è significativa, al punto che, se confermata, una parte della letteratura francese del xvi secolo dovrebbe essere rivista. Tuttavia, non mancano gli oppositori, tra i quali si pone con forza l’A. di questo contributo, che cerca di smontare, una per una, le prove che Huchon porta a sostegno della teoria di una Louise Labé de papier. Il primo argomento sul quale si dibatte è la totale inesistenza della poetessa sia prima sia dopo la pubblicazione della sua raccolta (1555). Vengono in questo senso fornite alcune indicazioni biografiche, che permetterebbero di identificare Louise Labé con Louise Charly, figlia di un fabbricante di corde, soprannominato L’Abbé, e moglie sempre di un cordaio. I biografi dell’epoca (Du Verdier in particolare, come riporta Huchon) definiscono la poetessa come courtisanne e citano una prostituta chiamata la Belle Cordière, sulla quale fu scritta anche una chanson. Tuttavia l’autore di questo studio nega che ci sia qualsivoglia legame tra questa figura e la Louise lionese. Risulta, comunque, altrettanto improbabile che attorno alla donna sia nato un vero e proprio salotto di eruditi, poiché pare non esista alcuna attestazione, nemmeno marginale, su di esso nella Lione del tempo.

2Un dato importante, su cui si basa Mireille Huchon, è la presenza di Louise Labé tra i documenti relativi a un processo, tenutosi a Ginevra, in ambito calvinista, contro una parente della lionese: in essi la donna è definita nuovamente Belle Cordière, come sinonimo di meretrice. Viene però contestato a Mireille Huchon il fatto che la sua fonte biografica principale sia il chroniqueur Claude de Rubys. In effetti, Barbier-Mueller cerca di dimostrare l’assoluta mancanza di buona fede nelle testimonianze dello storico, che avrebbe scritto le sue opere con la finalità di contraddire il rivale Guillaume Paradin, che tesse l’elogio della poetessa. Anche le testimonianze di Pierre de Saint-Julien, che riprende l’immagine di Louise come donna «monnayant ses charmes», è confutata. L’A. porta come prova il fatto che Saint-Julien non conobbe Louise Labé. Viene poi analizzato il rapporto che Labé ebbe con alcuni grandi eruditi dell’epoca. In primo luogo, con Jean de Tournes, che secondo Mireille Huchon sarebbe l’ideatore della finzione letteraria intorno alla stessa Labé.

3L’A. ritiene che sia improbabile che tale ‘complotto’ avesse una risonanza così ampia, addirittura al di fuori del milieu lionese. In conclusione, tutte le ipotesi presentate nella teoria di una Louise de papier vengono considerate da Barbier-Mueller semplici ipotesi e, pur ammettendo che attorno la figura di Labé vi siano più dubbi che certezze, nessuna delle prove presentate contro la sua reale esistenza avrebbe, secondo l’A., un vero fondamento, tale da giustificare le teorie su una Louise Labé frutto di costruzioni politico-poetiche del Rinascimento francese.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Jean Paul Barbier-Mueller, Ne vouloir rien fors que toy comprendre. «Défense et illustration de Louise Labé» »Studi Francesi, 177 (LIX | III) | 2015, 578.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Jean Paul Barbier-Mueller, Ne vouloir rien fors que toy comprendre. «Défense et illustration de Louise Labé» »Studi Francesi [Online], 177 (LIX | III) | 2015, online dal 01 décembre 2015, consultato il 15 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/1295

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals