Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri177 (LIX | III)Rassegna bibliograficaCinquecentoJacques Yver, Le Printemps d’Yver

Rassegna bibliografica
Cinquecento

Jacques Yver, Le Printemps d’Yver

Maurizio Busca
p. 581-582
Notizia bibliografica:

Jacques Yver, Le Printemps d’Yver, édité par Marie-Ange Maignan en collaboration avec Marie Madeleine Fontaine, Genève, Droz, 2015, pp. cli-756.

Testo integrale

1Viene finalmente ripubblicata un’opera che, malgrado il successo di cui godette negli ultimi decenni del Cinquecento (circa trenta edizioni, tutte postume, fra il 1572 e il 1600, oltre a due edizioni secentesche e una fortunatissima traduzione inglese del 1578), non aveva finora beneficiato di un’edizione moderna, ad eccezione di quella di P. Lacroix apparsa nel 1841 e riproposta da Slatkine nel 1970. In assenza del manoscritto originale, il testo di riferimento adottato è quello dell’edizione che, basandosi su argomenti convincenti, M.-A. Maignan ritiene essere la princeps. La curatrice ha scelto di non uniformare le grafie differenti, né di correggere i problemi di accordo delle persone verbali, dei participi e degli aggettivi; è però intervenuta, oltre che in caso di inintelligibilità o di errore manifesto, dissimilando i/j e u/v, sciogliendo le abbreviazioni, introducendo o sopprimendo alcuni apostrofi e spazi, e armonizzando le finali in -é(es). Gli interventi sulla punteggiatura e l’impaginazione sono consistenti ma condotti in maniera tale da non modificare la scansione ritmica originale. Le varianti significative delle prime edizioni sono segnalate in apparato.

2Il testo, corredato da un corposo apparato di note, è preceduto da un’introduzione suddivisa in tre parti. Nella prima (pp. ix-xxxix) viene dapprima tracciata la vicenda biografica di Jacques Yver basandosi sugli scarni documenti d’archivio disponibili, per poi ricostruirne l’ambiente religioso e intellettuale nel quale si è formato e ha vissuto. Se non è possibile stabilire dove abbia condotto i suoi studi, si può affermare che con tutta probabilità Jacques Yver abbia ricevuto una formazione in diritto a Poitiers, e che negli ultimi anni di vita abbia soggiornato a Parigi entrando probabilmente in contatto con Belleforest. Incerta anche la sua appartenenza religiosa: spesso annoverato dalla critica fra le file dei riformati, le sue frequentazioni sembrerebbero invece suggerire un’adesione al cattolicesimo. La seconda parte dell’introduzione (pp. xxxix-cii) è dedicata alla presentazione dell’opera. Testo difficilmente classificabile nei limiti di un genere, il Printemps testimonia la vastità degli interessi letterari ma anche politici, storici e geografici del giovane Yver (in linea con il gusto dell’epoca per le grandi cosmographies). La curatrice traccia i contorni della biblioteca yveriana, in cui spiccano fra gli antichi Ovidio, Plutarco e Plinio (oltre a traduzioni di romanzi alessandrini: Dafni e Cloe, Leucippe e Clitofonte), mentre fra i moderni, accanto a diversi storici francesi, italiani e inglesi, troviamo Rabelais e l’Orlando Furioso, numerosi novellieri italiani (Boccaccio, Bandello, Arlotto…) e francesi (Boaistuau, Belleforest, Marguerite de Navarre…), e ancora gli Asolani e il Cortegiano, Bracciolini e Domenichi, e fra i poeti contemporanei Ronsard, Du Bellay e Belleau. La questione dei rapporti fra prosa e poesia, e fra poesia, musica e danza è affrontata alle pp. lxx-lxxix, in cui Maignan sottolinea peraltro la distanza del Printemps dalle bergeries e dalle raccolte di poesie commentate dall’autore. Nelle pagine seguenti la curatrice conduce invece un’analisi della prosa poetica di Yver. La terza ed ultima parte dell’introduzione (pp. cii-cl) è infine dedicata alla posterità del Printemps in Inghilterra, dove la sua diffusione è particolarmente rapida, e in Francia, dove è solo dagli anni Ottanta del Cinquecento che ottiene un vasto successo che sarà però di lunga durata: in particolare, la prima delle cinque storie (in cui compare la figura di Solimano II) ispirerà direttamente e indirettamente numerosi autori, fino al pieno Seicento.

3Oltre agli indici e alla bibliografia, completano la presente edizione tre appendici a cura di M.M. Fontaine (che raccolgono i riferimenti alle opere di Plutarco, una nota sulle traduzioni del Leucippe e Clitofonte di Achille Stazio e una tabella analitica dei componimenti poetici inseriti nel Printemps), un ricco glossario e un repertorio di espressioni proverbiali, sentenze e locuzioni familiari.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maurizio Busca, « Jacques Yver, Le Printemps d’Yver »Studi Francesi, 177 (LIX | III) | 2015, 581-582.

Notizia bibliografica digitale

Maurizio Busca, « Jacques Yver, Le Printemps d’Yver »Studi Francesi [Online], 177 (LIX | III) | 2015, online dal 01 décembre 2015, consultato il 27 octobre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/1304; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.1304

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search