Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Medioevo

Catalina Girbea, Le Bon Sarrasin dans le roman médiéval (1100-1225)

Walter Meliga
p. 298-299
Notizia bibliografica:

Catalina Girbea, Le Bon Sarrasin dans le roman médiéval (1100-1225), Paris, Classiques Garnier, 2014, «Bibliothèque d’histoire médiévale» 10, pp. 671.

Testo integrale

1Il tema del «buon saracino» nel romanzo medievale è affrontato dall’autrice in questo imponente e stimolante saggio sulla base di una larga platea di fonti letterarie, principalmente francesi, e di fonti secondarie, dove troviamo anche testi antichi, scritti religiosi e cronachistici latini, romanzi, germanici e arabi, nonché di numerosi contributi critici, tutti raccolti in una bibliografia finale (pp. 593-649) di ampiezza ragguardevole. (Lascia invece a desiderare l’indice dei nomi, pp. 651-666, che, per un lavoro di quest’estensione, si sarebbe voluto distinto fra nomi letterari e no e anche analitico). Il tema è largamente presente nella narrativa del Medioevo e suscita di per sé delle domande all’interno di una società e di una cultura cristiane e in una letteratura destinata a un pubblico di guerrieri cristiani (p. 19). Qui, in estrema sintesi, il bon Sarrazin – variamente presente nei testi, dov’è rappresentato da personaggi differenti, nemico da rispettare ed eventualmente convertire e magari, quando donna, da sposare – vi incarnerebbe soprattutto un interesse per l’alterità e anche una forma premoderna di tolleranza. Le coordinate implicate dal tema sono senz’altro quelle socio-culturali nel senso più largo, comprendenti anche aspetti filosofici e religiosi e ovviamente estetici e letterari, che permettono anche una più articolata definizione delle materie romanzesche, in particolare di Grecia (antica e bizantina) rispetto a quella dominante di Bretagna, nonché una più comprensiva nozione dell’Oriente dal quale il bon Sarrazin proviene. Nel lavoro sembra tuttavia emergere una certa sopravvalutazione della forza euristica del tema e del personaggio, che, in quanto orientale e in un certo modo anche antico, sarebbe portatore di una significativa “apertura” del mondo del romanzo, soprattutto in relazione alla visione della guerra e della cavalleria, prima della “cristianizzazione” di quest’ultima, e, in quanto pagano, permetterebbe lo sviluppo di una poetica maggiormente incentrata sull’uomo. L’impressione è anche il prodotto di uno stile espositivo talora suggestivo ed evocativo, e che si sarebbe preferito invece maggiormente positivo e aderente ai fatti letterari e storici.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Walter Meliga, « Catalina Girbea, Le Bon Sarrasin dans le roman médiéval (1100-1225) », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 298-299.

Notizia bibliografica digitale

Walter Meliga, « Catalina Girbea, Le Bon Sarrasin dans le roman médiéval (1100-1225) », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 septembre 2018, consultato il 10 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13181

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals