Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Medioevo

Jean de Meun, Ragione, Amore, Fortuna (Roman de la Rose, vv. 4059-7230)

Giuseppe Noto
p. 301-302
Notizia bibliografica:

Jean de Meun, Ragione, Amore, Fortuna (Roman de la Rose, vv. 4059-7230), a cura di Pietro G. Beltrami, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2014, «Gli Orsatti. Testi per un Altro Medioevo» 38, 416 pp.

Testo integrale

1Il Roman de la Rose è senza dubbio, in sé e per sé e per l’influenza che ha avuto sulla successiva produzione letteraria europea, «l’opera letteraria più rilevante del Duecento francese» (p. 3). Grosso modo in contemporanea con la prima edizione con traduzione in italiano dell’intero roman condotta per le cure di Liborio-De Laude sul testo stabilito (con criteri sostanzialmente bédieriani) da Félix Lecoy nel 1965-1970 (Guillaume de Lorris, Jean de Meun, Romanzo della Rosa. A cura di Mariantonia Liborio e Silvia De Laude, Traduzione di Mariantonia Liborio. Testo francese antico a fronte, Torino, Einaudi, 2014), Pietro G. Beltrami pubblica questo utilissimo Orsatto, dedicato in particolare a un «saggio di traduzione» («all’insegna del piacere della lettura, senza l’ambizione di corredarlo di un’interpretazione esauriente», p. 3) dei vv. 4059-7230 secondo (e con a fronte) l’edizione di Ernest Langlois (1914-1924), «edizione critica che è tuttora l’unica “ricostruttiva”» (p. 57).

2Si tratta di un esperimento davvero interessante, poiché la traduzione – «in distici a rima accoppiata di novenari con accento libero» (p. 62; alle pp. 62-63 le indicazioni dettagliate dei criteri seguiti) – ha anzitutto «lo scopo di riprodurre il ritmo dell’originale. […] L’intenzione è di produrre un testo italiano che si possa leggere da sé, conservando non solo i contenuti, ma anche e soprattutto la qualità artistica dell’originale» (p. 62). Utili le note che a volte offrono una traduzione più precisa e letterale «per consentire al lettore di verificare l’esatto contenuto del testo» (p. 64).

3Come ben ricorda Beltrami, il roman ci viene «tramandato da tre centinaia di manoscritti, un numero enorme per un testo medievale in volgare» e «in gran parte dei mss., come poi nelle edizioni moderne, si presenta diviso in due parti: la prima (vv. 1-4058) è attribuita nei mss. a un Guillaume de Lorris che non è altrimenti noto, e non si nomina nel testo; la seconda è firmata da Jean de Meun. È lui stesso che fa il nome del predecessore subito prima di nominarsi […]. Jean de Meun ha lavorato alla sua continuazione presumibilmente alla fine degli anni sessanta e nel corso degli anni settanta del Duecento» (pp. 3-4; ma «la datazione del romanzo resta […] una questione complessa, intorno alla quale si deve ancora studiare», p. 35). Alla luce di quanto appena indicato, inevitabilmente «una nuova edizione critica del Roman de la Rose, che si basi su un nuovo esame della tradizione, e presenti appartati rappresentativi delle conoscenze attuali, è un compito molto complesso, per il quale esistono solo lavori preparatori» (p. 59), come quello recente di Matteo Ferretti, Il “Roman de la Rose”: dai codici al testo. Studio della più antica tradizione manoscritta, Tesi di dottorato, Università di Bologna, 2011. Anche per questo il volume di Beltrami risulta davvero importante, poiché offre molto di più della pur di per sé utile traduzione dei vv. 4059-7230 (pp. 67-277), fornendoci: una presentazione della prima parte del romanzo (pp. 5-18); una difesa della dottrina tradizionale che Jean de Meun ne sia il continuatore, a fronte di recenti proposte che ne farebbero l’unico autore (pp. 18-28): a questo riguardo mi piace sottolineare che si introducono nel dibattito parecchi argomenti interessanti, come quando (per fare un solo esempio) si individuano elementi metrico-stilistici a corroborare la tesi dei due autori (pp. 26-27); una presentazione delle opere di Jean de Meun e una discussione del problema della datazione della Rose (pp. 29-35); una sintesi della continuazione di Jean (pp. 36-45); una introduzione alla prima sezione, il dibattito di Ragione con l’Amante (vv. 4059-7230), che è l’oggetto del libro (pp. 45-56); una densa nota al testo e alla traduzione (pp. 56-65).

4Completano il volume un Glossario davvero esaustivo (pp. 279-404), un utile Indice dei nomi propri e delle personificazioni (pp. 405-408) e puntuali Riferimenti bibliografici (pp. 409-416).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giuseppe Noto, « Jean de Meun, Ragione, Amore, Fortuna (Roman de la Rose, vv. 4059-7230) », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 301-302.

Notizia bibliografica digitale

Giuseppe Noto, « Jean de Meun, Ragione, Amore, Fortuna (Roman de la Rose, vv. 4059-7230) », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 septembre 2018, consultato il 20 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13213

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals