Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Érasme et la France, sous la direction de Blandine Perona et Tristan Vigliano

Michele Mastroianni
p. 309-310
Notizia bibliografica:

Érasme et la France, sous la direction de Blandine Perona et Tristan Vigliano, Paris, Classiques Garnier, 2017, «Études et essais sur la Renaissance» 115, 441 pp.

Testo integrale

1I contributi che raccoglie sono i seguenti: Étienne Wolff, Ce qu’Érasme dit des Français (pp. 25-34); Marie Barral-Baron, Érasme et la France: un amour contrarié (pp. 35-49); Alexandre Vanautgaerden, La bibliothèque érasmienne d’un étudiant parisien. Beatus Rhenanus, 1503-1507 (pp. 51-64); Sylvie Laigneau-Fontaine, «La nouvelle de ma mort est fort exagérée». Érasme et le «sodalitium Lugdunense» (pp. 64-79); Romain Menini, Lucien batave, Lucien français (pp. 81-111); Christine Bénévent, Impressions parisiennes d’Érasme, 1520-1536 (pp. 115-151); Claude La Charité, «Erasmus cum annotatiunculis». L’atelier de Sébastien Gryphe et la diffusion d’Érasme en Europe au xvie siècle (pp. 153-200); Paul J. Smith, Les traductions françaises de l’«Éloge de la Folie» du xvie au xviiie siècle (pp. 201-223); Raphaël Cappellen, Rabelais lecteur des «Adages» (pp. 227-252); Robert Kilpatrick, L’apophtegme d’Érasme à Montaigne (pp. 253-267); Eric MacPhail, Montaigne et les travaux d’Hercule (pp. 269-282); Hélène Cazes, Remarques sur quelques remarques. Les «Animaduersiones» d’Henri Estienne et les «Adages» d’Érasme (pp. 283-300); Nicolas Correard, Lucianisme, évangélisme, scepticisme. Enjeux de la satire érasmienne en France, 1517-1537 (pp. 303-337); Anne-Pascale Pouey-Mounou, L’indifférence, l’ambivalence et le sens. Les «adiaphora» de l’«Enchiridion» à Rabelais (pp. 339-353); Sarah Cameron-Pesant e Jean-François Cottier, Les traductions françaises manuscrites des «Paraphrases» d’Érasme au xvie siècle (pp. 355-381); Natacha Salliot, Érasme et les controverses religieuses entre protestants et catholiques sous le régime de l’Édit de Nantes (pp. 383-393); Ioana Manea, Le libertin La Mothe Le Vayer, défenseur de la vertu des païens: disciple d’Érasme? (pp. 395-409).

2Da queste ricerche risulta anzitutto («Première partie: Une relation tourmentée?» e «Deuxième partie: Présence d’Érasme dans l’édition française») che le relazioni intrattenute da Erasmo con la Francia e la ricezione stessa dell’opera sono soggette a oscillazioni. Merito dei contributi puntuali della presente miscellanea è di spigolare con intelligenza i giudizi emessi da Erasmo sulla Francia (contesto umano e culturale) inquadrandoli in una visione più ampia sia dei rapporti con esponenti della cultura europea sia degli odi e della amicizie nei confronti di personalità francesi, con particolare attenzione all’evoluzione di tali relazioni nel quadro storico-politico-religioso dell’epoca; così pure di collezionare giudizi e reazioni da parte francese, positivi, negativi o contrastanti. Nello stesso tempo apportano un contributo estremamente utile alla storia di questi rapporti le indagini sulla diffusione editoriale dell’opera di Erasmo in Francia, indagini che aprono prospettive interessanti in direzioni diverse: come il censimento delle stampe parigine che testimonia delle preoccupazioni in primo luogo commerciali piuttosto che umanistiche; oppure, in un senso opposto, l’indagine sull’atelier di Sebastien Gryphe che illumina sul ruolo dell’attività editoriale nel creare una rete di interessi che collegano al mondo umanistico. Una sezione del volume («Troisième partie: Lecture des Adages et des Apophtegmes») è consacrata all’influenza che hanno avuto in Francia due delle opere filologiche – e ‘letterarie’ per eccellenza – di Erasmo, gli Adagia e gli Apophthegmata, attraverso la ricostruzione dell’utilizzo che ne hanno fatto Rabelais e Montaigne. Di grande importanza, infine, è l’ultima sezione («Quatrième partie: La question religieuse»), data la centralità di Erasmo e dell’erasmismo nel dibattito religioso tra Riforma e Controriforma. Si tratta di contributi molto mirati, sul ruolo esercitato in alcuni settori (per esempio, la satira) dalla lettura di Erasmo, come nel caso dell’influsso del cosiddetto lucianesimo del nostro autore, che si manifesta in testi di grande impatto come il Cymbalum mundi. Oppure sulla possibilità di individuare nel Tiers e Quart livre di Rabelais lo sviluppo della nozione stoica di adiaphoron alla luce dell’Enchiridion militis christiani. Si tratta ancora di definire la ricezione di Erasmo alla fine del Cinquecento, al tempo dell’editto di Nantes, da parte dei protestanti che considerano il grande umanista un martire, una vittima dei cattolici, in seguito alla messa all’Index, mentre i cattolici hanno ormai lasciato cadere il teologo e il riformatore per ritenere il grammatico e il retore.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michele Mastroianni, « Érasme et la France, sous la direction de Blandine Perona et Tristan Vigliano », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 309-310.

Notizia bibliografica digitale

Michele Mastroianni, « Érasme et la France, sous la direction de Blandine Perona et Tristan Vigliano », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 18 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13457

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals