Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Alain Mothu, L’érotique épicurienne du “Cymbalum mundi”

Filippo Fassina
p. 312
Notizia bibliografica:

Alain Mothu, L’érotique épicurienne du “Cymbalum mundi”, «Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance» 3, LXXIX (2017), pp. 529-549.

Testo integrale

1Il presente studio si concentra su un episodio contenuto nel terzo dialogo del Cymbalum mundi di Bonaventure Des Périers, episodio considerato centrale nella struttura dell’opera: si tratta dell’incontro fra Mercurio e Cupido. Il messaggero degli dèi deve infatti consegnare a Cupido una lettera contenente l’incarico di instillare la scintilla amorosa nelle vestali, che rifiutano di aprirsi alle gioie dell’eros. Viene sottolineato come parte della critica riconosca nel personaggio di Mercurio una figura di Cristo, che porta all’umanità un messaggio di amore universale. Tuttavia, è l’episodio successivo che si carica di ambiguità e mette in discussione l’interpretazione del Cymbalum come opera mistico-cristiana. Cupido infatti incontra la giovane Celia (che non è dato sapere se sia una delle vestali), che rifiuta di concedersi al suo innamorato, e la colpisce con la sua freccia, provocando in lei struggimento amoroso e sensi di colpa. La castità di Celia è così ritenuta una colpa e definita «faulte et folle opinion», identica alla «malheureuse follie et temerité» delle vestali. Se la figura di Celia è stata spesso considerata, sulla base della filosofia ficiniana, come simbolo dell’uomo che si abbandona al desiderio dell’amore divino, l’A. sottolinea come, in realtà, la donna non provi altro che un naturale «désir physiologique de la chair». Si intravvede dunque in questo episodio un riferimento all’epicureismo di Lucrezio, secondo il quale l’amore è una malattia che causa sofferenza e guasta il piacere della passione. La connotazione dell’amore nel suo aspetto più concreto e carnale, più che nell’accezione di dono divino, getta dunque una luce di ambiguità su un’opera che, pur essendo considerata esempio di misticismo, nasconde in sé degli elementi della filosofia epicurea, che sarebbero stati inaccettabili in quanto legati a una matrice di ateismo incompatibile con un’opera scritta da un protégé di Marguerite de Navarre.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Alain Mothu, L’érotique épicurienne du “Cymbalum mundi” », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 312.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Alain Mothu, L’érotique épicurienne du “Cymbalum mundi” », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 21 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13473

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals