Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Olivier Guerrier, Rencontre et Reconnaissance. Les “Essais” ou le jeu du hasard et de la vérité

[Maurizio Busca]
p. 314-315
Notizia bibliografica:

Olivier Guerrier, Rencontre et Reconnaissance. Les “Essais” ou le jeu du hasard et de la vérité, Paris, Classiques Garnier, 2016, «Études montaignistes» 64, 294 pp.

Testo integrale

1Nel presente saggio, frutto di ricerche originali e della rielaborazione di materiali già pubblicati, Olivier Guerrier indaga i rapporti fra caso e verità, che considera come «phénomènes constituants» degli Essais, adottando un punto d’osservazione particolare. Il lavoro si fonda infatti sullo studio delle nozioni di rencontre e di reconnaissance in Montaigne, studio a partire dal quale l’A. sviluppa le sue riflessioni intorno alle questioni dell’«errance réfléchie» e del «dire vrai».

2La prima parte del saggio («Montaigne et la “rencontre”», pp. 19-115) è dedicata all’analisi delle occorrenze della parola rencontre e dei suoi derivati negli Essais. Montaigne impiega la parola servendosi di tutto l’ampio ventaglio semantico di cui dispone nel xvi secolo, che rinvia, oltre che al lessico della guerra, agli ambiti della lingua (la parola vivace, l’«esprit»), del contingente e dell’inatteso. Le rencontres nell’opera di Montaigne sono considerate anche alla luce delle occorrenze che compaiono presso altri autori, come Amyot traduttore di Plutarco e Béroalde de Verville. Nella seconda parte («“La plume au vent…”. L’errance réfléchie», pp. 117-160), la nozione di rencontre viene messa più direttamente in relazione con quelle di caso e di occasione, che informerebbero l’etica stessa dell’autore quale emerge da un’opera in continua trasformazione e «qui résiste à toute systématisation» (p. 150). La terza parte («Les leçons du menteur, ou la parole juste», pp. 161-207), solleva il problema della verità e di una parola che possa essere al contempo vera e falsa. Il capitolo muove dal celebre passo dell’Apologie in cui Montaigne evoca il paradosso del mentitore, per esplorare differenti modalità di «dire vrai» – o di «mentir vrai»: al centro di tali riflessioni troviamo, in particolare, la figura di Socrate, la nozione di parresia studiata da Michel Foucault e la categoria di plasma mutuata dalla retorica classica e dalla Seconda Sofistica. La quarta e ultima parte («“Tout le monde me reconnoit en mon livre…”. De la reconnaissance», pp. 209-260) si apre con una ricognizione dei diversi significati della parola reconnaissance e dei suoi campi di applicazione in Montaigne. L’A. sviluppa quindi una serie di proposte di lettura che, rifacendosi anche al modello del paradigma indiziario, intendono mostrare come il problema della reconnaissance sia una delle tensioni principali che attraversano un’opera «qui oscille entre le désir de la transparence des signes et le constat de leur opacité» (p. 264).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

[Maurizio Busca], « Olivier Guerrier, Rencontre et Reconnaissance. Les “Essais” ou le jeu du hasard et de la vérité », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 314-315.

Notizia bibliografica digitale

[Maurizio Busca], « Olivier Guerrier, Rencontre et Reconnaissance. Les “Essais” ou le jeu du hasard et de la vérité », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 14 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13501

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals