Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Florence Vuilleumier Laurens, L’université, la robe et la librairie à Paris. Claude Mignault et le “Syntagma de Symbolis” (1571-1602)

Maurizio Busca
p. 316
Notizia bibliografica:

Florence Vuilleumier Laurens, L’université, la robe et la librairie à Paris. Claude Mignault et le “Syntagma de Symbolis” (1571-1602), Genève, Droz, 2017, «Travaux d’Humanisme et Renaissance» 577, pp. 332.

Testo integrale

1Florence Vuilleumier Laurens, cui dobbiamo numerosi contributi nel campo degli studi sull’emblematica, pubblica un’edizione delle differenti prefazioni redatte da Claude Mignault agli Emblemata di Alciato fra il 1571 e il 1602. Bisogna precisare che l’interesse del volume, che raccoglie il frutto di ricerche condotte negli ultimi decenni, è dato, oltre che dalle edizioni dei testi in questione (tradotti e riccamente annotati), dall’ampia e documentatissima introduzione (pp. 7-152) dedicata alla carriera di Mignault, alle sue relazioni con i milieux intellettuali e con gli editori delle città in cui si forma e opera (in particolare Digione, Parigi e Orléans), e all’inquadramento della sua impresa esegetica nel panorama dell’ambiente universitario e più generalmente culturale della Parigi di fine Cinquecento.

2Nel primo capitolo, «Carrière d’un universitaire» (pp. 9-57), la studiosa ripercorre la vita di Mignault riservando un’attenzione particolare alla ricostruzione della rete di maestri, allievi e collaboratori di quest’ultimo. Emergono, nel quadro delle sue attività, il precoce interesse per la raccolta di Alciato che lo impegnerà a più riprese per oltre trent’anni, i lavori di edizione (fra i quali si segnalano gli Adagia erasmiani e le lettere di Plinio il Giovane) e le diverse pubblicazioni scolastiche, oltre all’operato di giurista. Nel secondo capitolo, «Place de Claude Mignault dans l’évolution du commentaire de textes» (pp. 58-86), vengono ricordati in un primo momento gli apporti di Cristoforo Landino, Giusto Lipsio, Denis Lambin e soprattutto Pierre de la Ramée alla trasformazione della pratica del commento agli auctores. Si rileva quindi come l’approccio di Mignault al commento sia solo in parte debitore verso il modello ramusiano, dal quale l’erudito si discosta proprio nel suo commento agli Emblemata. Il terzo capitolo, «Le préfacier des Emblemata: évolution du Syntagma» (pp. 87-113), presenta le diverse tappe della trasformazione del Syntagma di Mignault anche alla luce del mutamento dei contesti editoriali. La prima, breve nota al lettore su Quid Emblema sit redatta per l’edizione parigina del 1571 si amplia considerevolmente nel corso dei trent’anni successivi: nell’edizione plantiniana del 1573 si arricchisce di considerazioni sui rapporti fra emblema, simbolo e geroglifico, e sulle differenze fra emblema, massima, parabola ed enigma. Nella successiva edizione plantiniana del 1577, in cui alla prefazione viene definitivamente attribuito il titolo Syntagma de Symbolis, si assiste a una notevole espansione che va di pari passo con l’ampliamento del commento (gli Emblemata erano stati oggetto di corsi tenuti da Mignault alla Sorbona) e che accoglie riflessioni originali sui legami fra l’emblema e le altre forme simboliche moderne. Diverse edizioni si susseguono nei decenni successivi con modifiche minori fino all’ultima, apparsa nel 1602, che integra due nuove e corpose sezioni: l’una dedicata ai simboli degli editori, l’altra ai simboli pitagorici. Nell’ultimo capitolo, «Enjeux théoriques du Syntagma» (pp. 114-152), viene analizzato il discorso che Mignault sviluppa soprattutto a partire dal 1577 sulle diverse forme simboliche, antiche e moderne, da lui considerate come espressione di un unico genere: a quello che l’A. definisce il «concept fédérateur» di simbolo (p. 116) vengono infatti ricondotti geroglifici, motti, armi, insegne, segni tipografici ed emblemi, i cui rapporti sono illustrati alle pp. 114-140. Le ultime pagine del capitolo, infine, guardano alla ricezione del Syntagma fra Cinque e Seicento. Al saggio introduttivo seguono l’edizione tradotta e annotata delle diverse forme del Quid Emblema sit e del Syntagma (pp. 153-252), bibliografia (pp. 253-286), appendici (paratesti di diverse edizioni di Alciato curate da Mignault e dossier iconografico, pp. 287-315) e indici.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maurizio Busca, « Florence Vuilleumier Laurens, L’université, la robe et la librairie à Paris. Claude Mignault et le “Syntagma de Symbolis” (1571-1602) », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 316.

Notizia bibliografica digitale

Maurizio Busca, « Florence Vuilleumier Laurens, L’université, la robe et la librairie à Paris. Claude Mignault et le “Syntagma de Symbolis” (1571-1602) », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 21 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13513

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals