Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

Pierre Corneille, Théâtre complet, Tome II

Monica Pavesio
p. 318
Notizia bibliografica:

Pierre Corneille, Théâtre complet, Tome II, sous la direction de L. Picciola, édition de J. de Guardia, L. Picciola, F. Dobby-Poirson et L. Rescia, Paris, Classiques Garnier, 2017, 1125 pp. 

Testo integrale

1Dopo il primo tomo uscito nel 2014 (Pierre Corneille, Théâtre complet, Tome I, sous la direction de L. Picciola, Paris, Classiques Garnier, 2014, recensione di L. Rescia in Studi Francesi 178, 2016, pp. 116-117), l’editore Garnier pubblica il secondo volume del teatro completo di Pierre Corneille, diretto da Liliane Picciola, comprendente cinque opere del grande drammaturgo particolarmente rappresentative della sua produzione: La Place royale (ed. J. De Guardia), Médée (ed. F. Dobby-Poirson), L’Illusion comique e Le Cid (ed. L. Picciola), Horace (ed. L. Rescia).

2Questo volume utilizza le scelte adottate per la stesura del primo, ossia l’assunzione come base dell’editio princeps di ogni singola opera, e non dell’ultima rivista dall’autore nel 1682; la sistematica modernizzazione del testo; la particolare attenzione riservata agli aspetti delle messe in scena e alla loro influenza sulle scelte drammaturgiche dell’epoca.

3La lunga e dettagliata introduzione generale di Liliane Picciola illustra le innovazioni introdotte dal giovane drammaturgo in queste cinque pièces e analizza le difficoltà da lui incontrate per farle accettare ai critici. Le cinque opere furono, infatti, scritte e rappresentate tra il 1634 e il 1641, periodo chiave in cui Corneille da autore comico si rinnova e diventa un grande autore tragico. Una particolare attenzione è riservata alla Querelle del Cid, ferita profonda nella carriera del drammaturgo che arriverà a influenzare le sue scelte drammaturgiche future.

4A Jean de Guardia è affidata l’edizione de La Place royale ou L’amoureux extravagant, commedia rappresentata nel 1634 e pubblicata nel 1637. Nell’introduzione, il critico si sofferma sulla “stravaganza” della pièce costruita su un doppio registro e con un doppio finale, conducendo un’approfondita analisi dei due personaggi principali Alidor e Angélique; Florence Dobby-Poirson ripercorre la genesi della tragedia Médée del 1639, illustrando la posizione dell’opera nel dibattito teatrale degli anni Trenta e collocandola nella pratica corneliana del genere della tragedia, come pietra miliare dell’arte tragica del drammaturgo. Liliane Picciola presenta e annota L’Illusion comique e Le Cid: una commedia, la prima, che segna un’evoluzione nella produzione comica corneliana, la cui originalità viene analizzata nella lunga introduzione; una pièce ibrida, la seconda, famosissima riscrittura selettiva e inventiva di una comedia spagnola, che ha portato Corneille al successo, ma che gli ha procurato anche dolorose critiche. Laura Rescia cura l’edizione di Horace, come tragedia scritta in risposta alla Querelle del Cid, soffermandosi sulle fonti classiche e moderne e sulle interpretazioni morali e ideologiche della pièce.

5In tutte le introduzioni si nota un’attenzione specifica agli aspetti scenici e alle messe in scena passate e presenti; tutte le pièces sono accompagnate, inoltre, da un apparato variantistico che raccoglie la collazione di tutte le edizioni singole e collettanee e da un apparato paratestuale. Il volume contiene le bibliografie relative alle singole pièces, una bibliografia generale, un ricco glossario e numerosi indici.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Pavesio, « Pierre Corneille, Théâtre complet, Tome II », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 318.

Notizia bibliografica digitale

Monica Pavesio, « Pierre Corneille, Théâtre complet, Tome II », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 21 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13532

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals