Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

Jean de La Fontaine, Favole (Libri I-VI)

Mario Mancini
p. 319-320
Notizia bibliografica:

Jean de La Fontaine, Favole (Libri I-VI), a cura di L. Pietromarchi, con testo a fronte, Venezia, Marsilio, 2017, «Letteratura universale Marsilio», 518 pp.

Testo integrale

1«La plus part des fables d’Ésope ont plusieurs sens et intelligences: ceux qui les mythologisent, en choisissent quelque visage, qui cadre bien à la fable: mais pour la plupart, ce n’est que le premier visage et superficiel: il y en a d’autres plus vifs, plus essentiels et internes, auxquels ils n’ont sceu penetrer». Così Montaigne (Essais, II, 10), che certo ha presenti, oltre agli incunaboli del genere, Esopo e Fedro, anche le riscritture favolistiche rinascimentali, come La moral filosofia di Doni e La prima veste dei discorsi degli animali di Firenzuola. Ma le sue parole a nessuno si attagliano meglio che a uno scrittore di un secolo dopo, a Jean de La Fontaine, la cui prima raccolta di favole, Libri I-VI, che esce nel 1660 – altre ne seguiranno, fino a quella in dodici libri, del 1694 – ci arriva ora nella bella traduzione di Luca Pietromarchi. Si comprende subito, dall’Introduzione, che Pietromarchi è affascinato dall’«aspetto più vivo, più essenziale ed intimo» delle favole di La Fontaine. Ne mette in luce la raffinatissima eleganza, il legame con lo stile della conversazione mondana, «la novità e la leggerezza», ma anche il suo scrutare, attraverso le maschere degli animali, la dura «realtà terrestre», che ne fa «lo specchio elegante, quanto implacabile, delle violenze del suo tempo».

2La Fontaine ha il dono della «grazia», il suo raccontare è di una inarrivabile fluidità, proprio per la capacità di intrecciare, attraverso la «transizione» – come ben vide Leo Spitzer in un saggio famoso: L’arte delle «transizione» in La Fontaine – tutti i fili del suo discorso, che è fatto di gesti, di riflessioni, di esprit, di ragione. La favola I,11 si chiude con un omaggio a La Rochefoucauld, al «lago» delle sue Maximes, che riflette implacabilmente tutte le manchevolezze dell’animo umano. E molti temi, in effetti, sono comuni ai due scrittori, ma dove il grande moralista è lucido e amaro, La Fontaine «ôte à la vérité sa tristesse, au badinage sa frivolité» (Taine). La traduzione di Pietromarchi ci restituisce felicemente la «grazia» di questo stile, i suoi ritmi, le sue pieghe, la libertà dei «vers variés». Ecco come Dama Volpe – in quella favola che è un remake di una branche del medievale Roman de Renart– parla allo stupido Caprone, dopo essere uscita dal pozzo, dove erano finiti per dissetarsi, arrampicandosi sulla sua schiena: «“Se di grazia il cielo ti avesse dato | tanto giudizio quanto barba al mento, | non saresti, così alla leggera, | sceso in questo pozzo. Addio, io ne son fuori. | Tu vedi di uscirne, e provale tutte: | quanto a me, ho un daffare | che non mi permette proprio di aspettare”. | In ogni situazione, occhio alla conclusione». (III, 5).

3Quanta brillante eleganza nelle sue favole, ma proprio nel momento in cui ci seduce con la dolcezza, con una sorta di insinuante affabilità, ecco che La Fontaine dispiega i suoi pensieri più audaci, lancia le sue frecce più acuminate. È ben consapevole di essere un filosofo – polemizza con Cartesio sull’anima degli animali, si richiama a Machiavelli … – e nel Discours à Madame de la Sablière, dice del suo intento di introdurre nelle favole «des traits | de certaine philosophie | subtile, engageante et hardie». Le Loup et l’Agneau (I, 10) è una spietata denuncia della natura del potere, dove «la ragione del più forte è sempre la migliore», della sinuosa ferocia a cui può giungere il suo esercizio. «La Fontaine – scrive Pietromarchi – situa la favola nel più bucolico dei paesaggi, presta all’agnello il più candido dei linguaggi, ma solo per rendere ancora più tagliente la rasoiata del lupo che divora quella parola tanto ingenua e innocente, “senza processo”, come recita l’ultimo verso. Un ultimo verso da leggersi come estremo omaggio di La Fontaine a Fouquet». E per il sovrintendente Fouquet, che Luigi XIV destituisce e getta in prigione, La Fontaine, fedele all’amicizia, scrive un’amara Elegia in suo favore, che circola subito manoscritta.

4Tra i protagonisti delle favole spicca il Leone: raramente magnanimo, come nella favola II, 11, dove risparmia un topolino finito fra i suoi artigli per poi essere soccorso da lui e dai suoi denti quando finisce prigioniero in una rete, più spesso il Leone è di un’implacabile, gelida violenza, rappresenta il trionfo dell’arbitrio e della sopraffazione. Un grande allegoria politica è la favola La Génisse, la Chêvre et la Brébis en société avec le Lion (I, 6). L’accordo tra gli animali è di dividere guadagno e perdita. La Capra cattura un cervo e chiama i suoi soci, e qui la magnifica scena: «Giunti che furono, il Leone sugli artigli contò, | e disse “Siamo in quattro a dividere la preda”; | quindi il cervo squartò in altrettante parti; | prese per sé la prima in qualità di Sire: | “Questa spetta a me, disse; e la ragione | è che mi chiamo Leone: | su questo non c’è niente da dire: | Anche la seconda, per legge, mi tocca:  | questa legge, si sa, è la legge del più forte. | Essendo il più valoroso, mi spetta poi la terza. | Se qualcuno di voi tocca invece la quarta, | parola mia lo uccido”».

5Qui l’arma contro i potenti è il sarcasmo, altre volte è il comico e il dileggio, come nella favola II, 9. «“Vattene via, misero escremento della terra”. | Così diceva il Leone | un giorno al Moscerino. | L’altro gli dichiarò guerra. | “Ma tu credi, disse, che il tuo titolo di Re | mi faccia davvero paura? | Un bue è più forte di te, | e io lo meno dove mi pare”». Nel duello che ne segue l’impavido Moscerino attacca il rivale pungendolo da ogni parte, e quello ruggisce e soccombe: «Il povero Leone si graffia e si morde, | attorno ai fianchi fa schioccare la coda, | frusta l’aria, che è sazia; e dal gran furore | spossato, s’abbatte e finisce steso». Ma la storia continua, perché c’è un curioso, sorprendente rovesciamento. «Dalla lotta l’insetto esce vittorioso; | come suonò la carica, suona ora il trionfo, | che ovunque proclama, ma trova sulla via  | l’imboscata di un ragno; | e lì trova anche la sua fine. | Cosa possiamo trarre da questa vicenda? | Due cose, direi; la prima che tra i nemici | i piccoli sono spesso i più temibili; | l’altra, che a un gran pericolo si può sfuggire, | ma per un niente poi morire».

6Nella «morale» dei versi finali, come in tante altre storie, emerge un aspetto essenziale di queste favole: la difficile arte della sopravvivenza. È la ricerca di una possibile, precaria salvezza, attraverso «le piccole virtù proprie ai piccoli animali – così Pietromarchi – che sono l’astuzia e la parsimonia, la diffidenza e la prudenza, l’operosità e la solidarietà». Nel mondo feroce della violenza e della sopraffazione, si intravede così una sorta di «giardino» – qui La Fontaine, anche attraverso Orazio, è in sintonia con l’epicureismo di Gassendi e del suo amico Saint-Évremond – dove può entrare chi invece del potere, delle ricchezze, dei titoli, sceglie la misura, che non è debolezza e viltà, ma piuttosto «cura di sé». «Una testa col pennacchio | non è fastidio da poco. | Un superbo equipaggio | è sovente in viaggio | cagione di grave ritardo. | Là dove i piccoli | veloci s’infilano, | i grandi non passano» (IV, 6).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Mancini, « Jean de La Fontaine, Favole (Libri I-VI) », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 319-320.

Notizia bibliografica digitale

Mario Mancini, « Jean de La Fontaine, Favole (Libri I-VI) », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 16 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13576

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals