Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Friedrich Melchior Grimm, Correspondance littéraire

Paola Perazzolo
p. 326
Notizia bibliografica:

Friedrich Melchior Grimm, Correspondance littéraire, t. X, 1763, édition critique di Ulla Kölving e Françoise Tilkin, Ferney-Voltaire, Centre International d’Études du xviiie siècle, 2016, lxxxiii + 620 pp.

Testo integrale

1Decimo tomo dell’edizione critica della Correspondance littéraire intrapresa nel 2006 dal Centre International d’Études du xviiie siècle sotto la direzione di Ulla Kölving, il presente volume contiene i testi del periodico relativi all’anno 1763, anno caratterizzato dal ritorno alla pace dopo la guerra dei Sette anni. Come da impostazione editoriale, una corposa e interessante introduzione (pp. xv-lxxxiii) ricorda la situazione personale e professionale di Grimm nell’anno in oggetto, il contesto politico francese nazionale e internazionale, gli avvenimenti più importanti dell’attività letteraria – ricorrenze e celebrazioni, attualità delle rappresentazioni teatrali e delle pubblicazioni, tematiche più discusse, premi – e artistica – l’installazione della statua equestre di Louis XV nella nuova piazza a lui dedicata, i Salons dell’Académie, altre manifestazioni coeve – al fine di rendere più chiari al lettore moderno, anche a quello meno erudito, riferimenti e discussioni artistico-letterarie altrimenti meno intelligibili. La terza parte dell’introduzione menziona altri giornali esistenti, esplicitando differenze e somiglianze relativamente alla trattazione di tematiche di attualità letteraria – le pubblicazioni contro Rousseau o la produzione clandestina di Voltaire, molto seguita da Grimm – o meno, mentre la quarta parte fornisce informazioni circa la diffusione del periodico e la situazione dei collaboratori, tra cui figurano Mme d’épinay, Diderot, Damilaville, Voltaire. Come precisato nella sezione dedicata ai principi editoriali, il testo base è costituito da due esemplari manoscritti inviati rispettivamente alla duchessa di Sassonia-Gotha e a Luisa Ulrica di Svezia, quest’ultimo rivelandosi più completo per quanto riguarda alcuni numeri. Le appendici I e II presentano, rispettivamente, una doppia versione dell’invio del 15 giugno e dei testi che figurano nell’edizione del 1813 (basata su manoscritti ormai perduti) ma assenti nei manoscritti conosciuti. Varianti e interventi di Grimm o di altri revisori figurano in apparato. Un’annotazione precisa, rigorosa e molto dettagliata permette di comprendere i riferimenti a titoli letterari, episodi o tematiche evocate nel testo, rendendo chiari gli enjeux, le argomentazioni e le allusioni dei redattori. Chiudono il volume un utile indice dei titoli, degli incipit delle pièces in versi e un indice generale che riunisce tutti i nomi propri di persone, istituzioni, autori, luoghi e popoli.

2Così come i precedenti, anche questo tomo si distingue per il rigore filologico, la precisione e la ricchezza delle note e dei riferimenti, costituendo quindi un prezioso strumento per i ricercatori interessati al contesto sociale, artistico e letterario coevo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paola Perazzolo, « Friedrich Melchior Grimm, Correspondance littéraire », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 326.

Notizia bibliografica digitale

Paola Perazzolo, « Friedrich Melchior Grimm, Correspondance littéraire », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 17 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13643

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals