Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Honoré de Balzac, Eugénie Grandet

Marco Stupazzoni
p. 335
Notizia bibliografica:

Honoré de Balzac, Eugénie Grandet, introduzione di A.G.H. Spears, traduzione dal francese di Grazia Deledda, Molinella, Gingko Edizioni, 2017, «Fiction», x-188 pp.

Testo integrale

1Pubblicato in prima edizione alla fine dell’anno 1833, Eugénie Grandet è probabilmente il solo romanzo della Comédie humaine ad aver riscosso in Italia, fin dagli anni immediatamente seguenti la sua venuta alla luce, una unanime approvazione e il sincero riconoscimento di modello narrativo esemplare da parte di una pubblicistica propensa più ad accusare lo scrittore francese di oscenità e di immoralità che non a riconoscere il valore e la modernità della sua opera.

2Viene riproposta ora, nella classica traduzione di Grazia Deledda, una nuova edizione italiana del capolavoro balzachiano, preceduta da un saggio introduttivo di A.G.H. Spears (Introduzione, pp. i-x), pubblicato nel 1914. Dopo aver sommariamente ripercorso i momenti più significativi della vita del romanziere («sembra che vi fosse nella natura di Balzac un forte desiderio di compiere grandi sforzi e una felice inclinazione al rischio», p. iv), Spears riflette sulle diverse influenze storico-letterarie, (pseudo) scientifiche, mistico-religiose che hanno formato la personalità artistica dello scrittore: dalla Scuola inglese dell’horror (Radcliffe, Lewis, Maturin) a Fenimore Cooper; da Lavater, Mesmer, Swedenborg a Walter Scott, in particolare. Come Scott, osserva l’A., Balzac «vedeva la vita […] dall’esterno» (p. vii) focalizzando la sua attenzione su una passione dominante (l’avarizia, nel caso del père Grandet) e fornendo ai suoi personaggi un aspetto distintivo all’interno di un ambiente in accordo con il loro nome ed il loro aspetto. Balzac, impiegando i metodi dello Scott «al servizio di un’osservazione acuta, di una penetrante comprensione del personaggio, e di un’insuperabile immaginazione, ha lasciato una straordinaria eredità da cui scrittori successivi hanno tratto il loro più ricco profitto: una storia avvincente ricavata dalla vita contemporanea» (p. x).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « Honoré de Balzac, Eugénie Grandet », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 335.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « Honoré de Balzac, Eugénie Grandet », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 13 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13747

Torna su

Autore

Marco Stupazzoni

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals