Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

La contribution de l’archéologie à la genèse de la littérature moderne «Œuvres & Critiques» XLII, 1

Maria Emanuela Raffi
p. 347
Notizia bibliografica:

La contribution de l’archéologie à la genèse de la littérature moderne (deuxième partie), sous la direction de René Sternke, Tübingen, éditions Narr Francke Attempto, 2017, «Œuvres & Critiques» XLII, 1, pp. 167-338.

Testo integrale

1Questa scheda riguarda solo la seconda parte del numero monografico di «Œuvres & Critiques», la cui prima parte compare nella rassegna sulla prima metà dell’Ottocento. Comprende sette articoli.

2Nel primo, «Quelque chose entre le bohème et le pédant»: Flaubert, naissance et mort de l’écrivain chercheur (pp. 167-185), Thierry Poyet s’interroga sul complesso rapporto di Flaubert con gli oggetti, su cui la critica si è più volte soffermata, per trovare la traccia «de son évolution, sinon de ses contradictions». Partendo dalle opere, ma allargando la ricerca alla corrispondenza, Poyet mostra che nella creazione flaubertiana «la démarche archéologique», la ricerca erudita, subisce, nel passaggio dall’accumulazione di oggetti alla scrittura narrativa, una perdita continua e dolorosa di elementi e di dettagli concentrandosi in modo esclusivo e quasi ossessivo su alcuni di essi.

3Cecilia Hurley, pur stabilendo dei legami con le opere flaubertiane, si occupa di un autore assai meno conosciuto – Paul Lacroix – e del suo «roman archéologique» Le Dieu Pepetius del 1858 (Un dieu errant: Paul Lacroix, le roman et le marché de l’art au xixe siècle, pp. 187-207). Hurley ne propone un’analisi dettagliata, attraverso lo studio dei caratteri e delle situazioni, mostrando che «le roman travaille un grand nombre de lieux communs sur l’archéologie; il met en scène sa représentation dans l’imagination populaire».

4«La poésie parnassienne a trouvé une caution dans la science archéologique naissante»; è su questa affermazione che Yann Mortelette apre il suo saggio su La Poésie archéologique des Parnassiens (pp. 209-229), in cui ricerca la presenza di elementi archeologici nei testi poetici di diversi autori del Parnasse. Dovuta alle importanti scoperte archeologiche della prima metà del secolo e agli scavi continuati in seguito, tale presenza si esprime per Mortelette sia con una diffusa «poétique des ruines» che con la capacità della poesia di ridare vita alle rovine stesse («anastyloses parnassiennes»), con una spiccata predilezione per l’antichità greco-latina.

5Henning Hufnagel presenta nello studio successivo («Disiecta membra»: Archélogie, art et science dans les poèmes parnassiens sur la Vénus de Milo, pp. 231-278) il carattere ambivalente della poesia parnassiana che, «au seuil de la modernité» è tuttavia rivolta verso oggetti spesso «archéologiques», espressione di un atteggiamento scientifico assunto come rifiuto della «subjectivité inspirée» cara ai romantici. Dopo aver esposto le teorie di Hempfer e di Mortelette, Hufnagel propone la propria visione del Parnasse attraverso quattro «champs de tension» – coscienza unitaria di scuola/eterogeneità dei testi, «suggestion de référentialité/problématisation de la mimesis», artigianato dell’arte/autonomia dell’arte, «art pour l’art»/rivendicazione di aspetti scientifici, eruditi e di documentazione. Segue, a partire da queste premesse, l’analisi di sei testi di importanti autori del Parnasse dedicati alla Venere di Milo.

6La poésie lyrique des Parnassiens, ou le contre-positivisme esthétique (pp. 279-301) di Klaus W. Hempfer costituisce una risposta alle tesi di Hufnagel, al suo «topos de l’hétérogénéité» – troppo generico per Hempfer – e soprattutto all’opposizione che propone fra l’«art pour l’art» e l’adesione alla scienza. I punti forti della visione critica di Hempfer, già esposti in precedenti pubblicazioni, e qui di nuovo dettagliatamente documentati nei testi, sono «la construction du rare objet exquis» presente nelle poesie parnassiane (scelta di oggetti diversi, ma tutti con un valore estetico già presente) e la «mimésis au second degré» nel rapporto fra natura e cultura che in essi si realizza. Basandosi soprattutto sui Poèmes Antiques di Leconte de Lisle, l’A. mostra la «nouvelle relation entre l’art et la “science”» stabilita dall’autore, cioè l’utilizzazione delle scienze storiche, filologiche e archeologiche per elaborare la sua poesia, senza che questo rappresenti in alcun modo una forma di positivismo.

7Maurizio Harari presenta una breve riflessione sulla presenza dell’etruscologia nella letteratura francese nel passaggio dal xix al xx secolo: «À qui étrusque disait peu de choses…». Étrusques perdus et retrouvés à travers Ruskin et la “Recherche” (pp. 303-311), analizzando alcune occorrenze di elementi e icone etruschi nella Recherche di Proust e collegandoli – soprattutto per quanto riguarda l’immagine di Sephora presente nello studio di Swann – con l’opera pittorica di Ruskin, a sua volta ispirata all’omonimo personaggio di Botticelli.

8L’ultimo articolo del numero monografico, L’archéologie sans objets et la poésie des objets: romantisme et postromantisme polonais (pp. 313-338) di Maciej Junkiert, è dedicato al rapporto fra le ricerche sulla storia antica degli slavi iniziate nella prima metà dell’Ottocento e l’opera di due autori polacchi, Adam Mickiewicz e Cyprian Norwild, anche in relazione alla storiografia francese e tedesca dell’epoca.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Emanuela Raffi, « La contribution de l’archéologie à la genèse de la littérature moderne «Œuvres & Critiques» XLII, 1 », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 347.

Notizia bibliografica digitale

Maria Emanuela Raffi, « La contribution de l’archéologie à la genèse de la littérature moderne «Œuvres & Critiques» XLII, 1 », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 12 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13885

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals