Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Guillaume Apollinaire, Poesie per Lou e altri versi d’amore

Mario Richter
p. 353
Notizia bibliografica:

Guillaume Apollinaire, Poesie per Lou e altri versi d’amore, a cura di Fabio Scotto, Bagno a Ripoli, Passigli Editore, 2017, 137 pp.

Testo integrale

1È ben noto che Lou, nome confidenziale e affettivo della nobildonna Louise de Coligny, fu la destinataria di una consistente parte dell’attività letteraria di Apollinaire che Michel Décaudin raccolse sotto il titolo Poèmes à Lou, fornendo un’immagine abbastanza compiuta del corrispondente epistolare e del poeta d’amore durante i primi tempi del conflitto mondiale. Pur alludendo a questa specifica ampia parte dell’opera apollinairiana, Fabio Scotto offre in realtà al lettore, come del resto indica il titolo del presente libretto, una scelta di poesie ritenute particolarmente significative in un quadro che risulta molto più ampio e diversificato. Si leggono così testi, più o meno celebri, tratti dalle varie raccolte e appunto capaci di ritagliare un aspetto di indubbio rilievo e interesse della complessa personalità del poeta. Si può in tal modo riascoltare soprattutto l’Apollinaire melodico e sentimentale, quello che più durevolmente ha trovato un’accoglienza di favore, anche tramite i vari adattamenti musicali, in un vasto pubblico. Con le sue traduzioni Fabio Scotto ha saputo interpretare nel migliore dei modi questa vena apparentemente semplice e quasi popolare di Apollinaire, assicurando un rispetto del testo originale che spesso viene a mancare in altre precedenti traduzioni italiane. Un solo esempio: la prima strofa della Chanson du mal aimé comporta due versi («Un voyou qui ressemblait à | Mon amour vint à ma rencontre») che normalmente mettono in difficoltà il traduttore italiano inducendolo a trasferire la preposizione «à» nel verso successivo e negando in tal modo una importante bivalenza psicologica del testo avvalorata anche dalla rima col successivo «jeta» («Et le regard qu’il me jeta»). Scotto mantiene invece l’apparente stranezza traducendo «Un bandito che somigliava al | Mio amore mi venne incontro» (aggiungo che una soluzione ancor più aderente alla sottile e importante ambiguità del passaggio sarebbe forse stata, per dare maggiore rilievo di inatteso soggetto a «Mon amour», «Un bandito che somigliava al | L’amor mio mi venne incontro»). Mi sia infine consentito un rilievo di dettaglio riguardante la Prefazione, nella quale, fra i cosiddetti «italiens de Paris» dell’entourage di Apollinaire, sono indicati Modigliani, De Chirico e Severini. Curiosamente, com’è del resto consuetudine fare anche in altre sedi, si tralascia il nome di Soffici, che certamente fu, ben più di quelli di solito indicati, l’«italien de Paris» fra i più vicini ad Apollinaire.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Richter, « Guillaume Apollinaire, Poesie per Lou e altri versi d’amore », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 353.

Notizia bibliografica digitale

Mario Richter, « Guillaume Apollinaire, Poesie per Lou e altri versi d’amore », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 17 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13969

Torna su

Autore

Mario Richter

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals