Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Traduire “À la recherche du temps perdu” de Marcel Proust, sous la direction de Geneviève Henrot Sostero et Florence Lautel-Ribstein

Ludovico Monaci
p. 354
Notizia bibliografica:

Traduire “À la recherche du temps perdu” de Marcel Proust, sous la direction de Geneviève Henrot Sostero et Florence Lautel-Ribstein, Paris, Classiques Garnier, 2015, «Revue d’études proustiennes» 1, 780 pp.

Testo integrale

1Questo imponente volume di quasi 800 pagine inaugura la collana di saggi «Revue d’études proustiennes» (che non è una rivista) diretta da Luc Fraisse per Classiques Garnier, offrendo la prima panoramica mondiale delle traduzioni della Recherche. Cent’anni dopo la pubblicazione di Du côté de chez Swann, s’imponeva un bilancio riguardo alla crescente fortuna del ciclo romanzesco, testimoniata, tra l’altro, dalle numerose traduzioni e ritraduzioni esistenti (sezione 2: Retraductions): una bibliografia molto dettagliata (pp. 665-755) illustra l’estensione linguistica raggiunta da questi molteplici e ripetuti trasferimenti, dalle grandi lingue mondiali (inglese, arabo, cinese, spagnolo) a lingue più di nicchia, quali il croato, il bulgaro, il basco. Nel novero, si aggiungono il tedesco, il nederlandese, il norvegese e lo svedese, il russo e il polacco, l’italiano e il catalano, il greco, il turco e il coreano.

2Fatta salva qualche rara testimonianza di laboratorio traduttivo più artigianale, la maggior parte delle riflessioni offerte da studiosi universitari di tutto il mondo fondano la propria analisi, come ci si aspetta, su principi linguistici, semiotici, cognitivi, culturali e traduttologici (si vedano la prefazione del semiotico Jean-Claude Coquet, Comment traduire l’expérience? e la Sezione 1: Enjeux et méthodes della traduttologa anglista Florence Lautel-Ribstein). Ma l’aspetto più inedito e originale del volume sta nella sua architettura d’insieme. Non è cronologico, né tipologico, né geolinguistico, né autoriale il principio d’ordine che federa i cinquantaquattro interventi, bensì un criterio di aggregazione stilistico-poetica attorno alle grandi questioni di genesi e di scrittura specifiche della Recherche. Pertanto, in apertura di ciascuna delle otto sezioni («Re-traductions», «Titres», «Incipit», «Syntaxe», «Sémiotique et sémantique», «Lexique et realia», «Intertextes et intersignes», «Oralité»), uno stato aggiornato della questione vista in primis dal lato di Proust creatore apre il dibattito focalizzandolo sulla specificità dello stile proustiano e sulla posta in gioco del trasferimento linguistico; serve inoltre a coordinare il confronto tra le varie problematiche e soluzioni individuate poi nelle traduzioni. Tale organizzazione del volume, oltre a evitare l’effetto monadico, dispersivo delle questioni formali suscitate ripetutamente dalle singole traduzioni, predispone un terreno di dialogo poetico-traduttologico e d’incontro ravvicinato fra lingue e culture, in un concerto di voci ben orchestrato.

3Il volume apre un ampio campo di studi, proponendosi come uno strumento efficace per orientare le future ricerche traduttologiche sull’opera di Proust.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ludovico Monaci, « Traduire “À la recherche du temps perdu” de Marcel Proust, sous la direction de Geneviève Henrot Sostero et Florence Lautel-Ribstein », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 354.

Notizia bibliografica digitale

Ludovico Monaci, « Traduire “À la recherche du temps perdu” de Marcel Proust, sous la direction de Geneviève Henrot Sostero et Florence Lautel-Ribstein », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 14 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/13981

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals