Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Ryo Morii, André Gide, une œuvre à l’épreuve de l’économie

Elena Mazzoleni
p. 358
Notizia bibliografica:

Ryo Morii, André Gide, une œuvre à l’épreuve de l’économie, Paris, Classiques Garnier, 2017, 313 pp.

Testo integrale

1Riconsiderando gran parte della produzione gidiana alla luce del suo contesto storico e socio-economico, lo studio di Ryo Morii mette in luce l’attualità del pensiero dell’autore. Al centro dell’indagine si pone il rapporto che Gide ha intrattenuto con i sistemi e le politiche socio-economiche del suo tempo. Lo studioso si sofferma in particolar modo sul coinvolgimento di Gide relativamente alla diffusione del capitalismo industriale e agli effetti della rivoluzione consumistica sulla società. Il corpus preso in esame, che si estende dal 1890 al 1900 e comprende opere quali Paludes, Les nourritures terrestres, Philoctète, Le Prométhée mal enchaîné, Le Roi Candaule, L’immoraliste, Saül e Le retour de l’enfant prodigue, consente, anche in ragione della sua ampiezza, di ridefinire l’intera produzione di Gide alla luce del rapporto tra individuo e comunità.

2La prima parte è dedicata all’interpretazione gidiana degli effetti (più spesso dei problemi) legati al consumo; la seconda riguarda il rapporto fra liberalismo e socialismo, con particolare attenzione all’interesse manifestato da Gide nei confronti della dottrina centrista; infine, la terza analizza l’economia monetaria. In quest’ultima parte, forse la più originale e significativa, Morii tratta dell’origine della falsa moneta e della relazione tra corpo e denaro nell’opera gidiana. Riferendosi a testi quali Les faux-monnayeurs (1925), lo studioso individua una categoria, quella del corps-monnaie, in grado non soltanto di rendere conto dell’importanza del tema economico nella produzione dell’autore e naturalmente del suo rapporto con il pensiero postmoderno di Klossowski, ma anche di riconsiderare l’intera scrittura gidiana: «Sans doute peut-on mettre sur le même plan l’“esclave industrielle” de Klossowski ou la “monnaie inerte” de Gide, dans la mesure où ils invoquent […] l’analogie de la monnaie-personne qui perd son poids d’or et tombe en monnaie toute conventionnelle, en pur simulacre» (p. 279).

3Questo saggio porta, infatti, uno sguardo critico approfondito sull’opera di Gide. Mettendo a fuoco come le questioni politiche e socio-economiche affrontate in modo esplicito dall’autore verso la fine della sua esistenza fossero già presenti sin dagli esordi del suo percorso intellettuale (si pensi a esempio al tema della solidarietà), l’analisi di Morii svela, da un lato, la preoccupazione di Gide, a torto considerato come non politico, nei confronti delle questioni socio-economiche e politiche della sua epoca; dall’altro, conferma la centralità dei temi economici in seno all’opera gidiana.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Elena Mazzoleni, « Ryo Morii, André Gide, une œuvre à l’épreuve de l’économie », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 358.

Notizia bibliografica digitale

Elena Mazzoleni, « Ryo Morii, André Gide, une œuvre à l’épreuve de l’économie », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 09 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/14041

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals