Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Pierre-Louis Fort, Simone de Beauvoir

Stefano Genetti
p. 360-361
Notizia bibliografica:

Pierre-Louis Fort, Simone de Beauvoir, Saint-Denis, Presses Universitaires de Vincennes, 2016, 178 pp.

Testo integrale

1Pubblicato nella collana «Libre cours», il volume offre un ritratto sintetico e tuttavia esauriente di Simone de Beauvoir «femme plurielle», secondo la formula di Josyane Savigneau citata nell’«Introduction» (p. 5): scrittrice e intellettuale, donna d’azione e femminista, testimone e protagonista di un secolo. Privilegiando le citazioni dall’opera e gli autocommenti tratti dalle memorie, dalla corrispondenza o dalle interviste e disseminando essenziali e pertinenti riferimenti critici di cui rende conto la «Bibliographie» (pp. 171-178), P.-L. Fort restituisce «la force de réflexion et la puissance d’écriture d’une femme engagée» (p. 7) e fornisce uno strumento utile tanto agli studenti quanto agli studiosi.

2Strutturato in otto capitoli, il libro si apre con un profilo di S. de Beauvoir sospeso tra pubblico e privato, dalla ragazzina che “costruisce” se stessa come un personaggio di romanzo al Castor impegnato su tutti i fronti: biografia intellettuale («1908-1986: une traversée du siècle») e relazionale, poiché «La constellation beauvoirienne» passa in rassegna gli incontri che maggiormente l’hanno segnata: i genitori e la sorella Poupette, la giovane amica Zaza il cui fantasma abita tutta l’opera, Sartre, Camus e Violette Leduc, fino alla figlia adottiva Sylvie Le Bon, cui si deve la pubblicazione postuma di numerosi inediti.

3A iniziare dal terzo capitolo («L’écriture: une activité de longue date»), dedicato ai diari giovanili, ai primi pastiches e racconti, spesso brevi, il percorso nell’opera è articolato per generi letterari. In «L’aventure romanesque», l’A. attraversa l’opera narrativa, dalla sua tempestiva consacrazione con L’invitée a Les belles images e alle tre novelle di La femme rompue. Sensibile ai modelli, da Dostoevskij a Hemingway, e ai dispositivi narrativi quali il récit enchâssé in Le sang des autres e l’alternanza dei punti di vista in Les Mandarins – né roman à cléroman à thèse nelle intenzioni dell’autrice –, l’A. si sofferma poi su scritti teorici come Roman et théâtre, Littérature et métaphysique o la conferenza Mon expérience d’écrivain, insistendo sulla funzione innanzi tutto comunicativa che Beauvoir non cessa di assegnare alla letteratura.

4Del vasto progetto autobiografico viene messa in luce la portata estensiva e per così dire inclusiva, inscritta nel titolo stesso del primo tomo, Mémoires d’une jeune fille rangée, e destinata a caratterizzare anche, per esempio, l’auto-socio-biografia di Annie Ernaux, cui Fort ha dedicato vari lavori. Imperniata sull’impresa memorialistica, «L’écriture de soi» intesa come condivisione dell’esperienza individuale si estende alle testimonianze relative alla morte della madre – Une mort très douce – e a quella di Sartre – La cérémonie des adieux – includendo altresì il Journal de guerre oppure le lettere a Nelson Algren e a Jacques-Laurent Bost.

5Se gli scritti di viaggio – in Africa, Cina e Brasile, a Cuba, in Unione Sovietica e negli Stati Uniti – sono al centro del capitolo sesto («Une femme en mouvement»), la natura ibrida di un testo come L’Amérique au jour le jour e il tenore politico di tanti diari, articoli e prefazioni rendono meno agevole la ripartizione in filoni quando si tratta, in «Une pensée à l’œuvre», di tracciare un itinerario nell’opera teorica, da Pyrrhus et Cinéas a Privilèges, dove sono raccolti gli scritti apparsi in «Les temps modernes», i quali attestano preoccupazioni e sviluppi autonomi rispetto al pensiero sartriano. In merito al saggio bipartito La vieillesse – dapprima il punto di vista esteriore, poi l’interiorità, la singolarità calata nella collettività – vengono rilevati gli intenti totalizzanti del progetto, l’ampiezza della documentazione interdisciplinare – biologia, antropologia, storia, psicanalisi, sociologia, arte e filosofia – nonché le finalità demistificatorie, tese a rompere il silenzio affrontando temi scomodi, a denunciare stereotipi e convenienze, a stimolare la presa di coscienza e l’azione.

6Tutti elementi che si ritrovano nel capitolo finale («La condition féminine et le féminisme»), a proposito del più “scandaloso”, rivoluzionario e fecondo dei libri di Beauvoir, Le deuxième sexe, del quale l’A. tratteggia la genesi, influenzata dalla lettura di L’âge d’homme di Leiris e dalle osservazioni sulla situazione della popolazione afroamericana, mostrando come la confessione personale si sia progressivamente aperta al mondo in un dirompente discorso sui miti del “femminile” e sull’essere-per-gli-uomini delle donne. Il balzo a ritroso dettato dalla scelta di trattare in conclusione di un’opera datata 1949, permette all’A. di soppesare il ruolo pionieristico della figura e del pensiero di Beauvoir e di misurarne l’impatto e l’eredità, posizionando opportunamente la riflessione e la militanza dell’autrice, diffidente per esempio nei confronti del femminismo della differenza e della nozione di écriture féminine, nel vasto e variegato campo degli studi di genere.

7L’attenzione prestata alla ricezione, spesso controversa – e non è il caso solo di Le deuxième sexe o La vieillesse, ma anche, per esempio, di Une mort très douce –, degli scritti di S. de Beauvoir è un tratto peculiare di una monografia che, anche tramite cenni ripetuti, in contesti differenti, ai medesimi testi, sottolinea efficacemente l’unità di un’opera dove, per esempio, i motivi della vecchiaia e della morte ricorrono in maniera ossessiva fin dai Cahiers de jeunesse; un’opera dominata dalla lucidità espressiva, certo, ma anche sospinta dalla necessità della scrittura come modalità di elaborazione, prima ancora che di affermazione, del pensiero.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Pierre-Louis Fort, Simone de Beauvoir », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 360-361.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Pierre-Louis Fort, Simone de Beauvoir », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 17 novembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/14061

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals