Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Colette Trout, Marie Darrieussecq ou voir le monde à neuf

Aron Verga
p. 370
Notizia bibliografica:

Colette Trout, Marie Darrieussecq ou voir le monde à neuf, préface de Michaël Bishop, Leiden, Brill-Rodopi, 2016, «Collection monographique Rodopi en littérature française contemporaine» 56, 219 pp.

Testo integrale

1Il saggio di C. Trout esplora il ricco mondo romanzesco di Marie Darrieussecq: si tratta del «premier livre en français sur l’ensemble du corpus darrieussecquien» (p. 6). Infatti, uno studio precedente, Marie Darrieussecq’s Textual Worlds: Self, Society, Language (2012) di Helena Chadderton, è in inglese. Psicoterapeuta, Darrieussecq è autrice di romanzi, racconti, opere teatrali (Le musée de la mer), didascalie per opere d’arte e articoli di attualità; inoltre ha scritto un trattato sul plagio, Rapport de police: accusations de plagiat et autres modes de surveillance de la fiction (2012), in risposta alle accuse di Camille Laurens di aver preso da lei le idee, le emozioni, gli stati d’animo in seguito alla morte di un figlio e a quelle di Marie Ndiaye (sull’uso del fantastico). Colette Trout presenta le principali tematiche trattate da Marie Darrieussecq: decostruzione dei clichés, assenza, perdita di una persona cara, fantastico, violenza corporea e del linguaggio, corpo e sessualità femminile, maternità, ricerca dell’identità e ritorno della Storia.

2Il lavoro, suddiviso in cinque parti, evidenzia principalmente come Darrieussecq veda nei clichés il proprio “nemico”, in particolare quelli relativi alla situazione femminile nella società contemporanea. Tuttavia gli stereotipi non sono l’unica preoccupazione della scrittrice; infatti, secondo lei il compito della scrittura è dare voce a chi non ne ha, è dire l’indicibile. Una posizione non facile da gestire, poiché il rischio di respingere o allontanare lettori e lettrici è alto, ma Darrieussecq non aspira a divenire autrice popolare, pretende anzi uno sforzo da parte di chi legge i suoi testi, costruiti su variazioni stilistiche e ambiguità.

3Il primo capitolo del saggio, «La venue à l’écriture», si sofferma sui primi tre romanzi, considerati una trilogia organizzata attorno allo spossessamento di sé, al vuoto percepito in tali istanti e alla successiva riconquista della libertà. Il punto di partenza è la crisi di identità delle protagoniste, innalzata a emblema della situazione femminile nella società odierna. A partire da tale condizione queste eroine devono trovare da sé ciò che manca loro e questo avviene grazie alla scrittura, valido espediente per sbarazzarsi dei propri fantasmi ed esprimere il non-detto.

4Luogo primario dell’indicibile, del vuoto, è la morte, uno spazio in cui le coscienze dei personaggi si confrontano. Così, nel secondo capitolo, «L’écriture de la perte et du vide», viene sottolineato come il tema della scomparsa di una persona cara porti scompiglio all’interno di una famiglia; Trout mette allora in evidenza come la scrittura di M. Darrieussecq ruoti attorno alla morte, all’assenza. Nello scrivere, l’autrice, fa fronte a questa assenza, reale o fantasmatica che sia, affronta il nulla personale e cosmico. Il nucleo di opere analizzate in questa parte del saggio presenta la caratteristica comune di nascondere agli altri e a sé la morte di qualcuno, di conseguenza i personaggi smettono di comunicare e permettono l’emergere del non-detto, generatore di fantasmi e distruttore di rapporti personali. Inoltre, C. Trout insiste sulla peculiarità di Darrieussecq di evitare una spiegazione psicologica tradizionale, prediligendo emozioni e sensazioni, come paure, angosce e traumi, percepite attraverso la descrizione del corpo dei personaggi.

5Il terzo capitolo, «Le corps dans tous ses états», prende in esame la rappresentazione del corpo nei romanzi di Marie Darrieussecq, in quanto spazio in cui la società inscrive le proprie norme. Trout propone un confronto con le scrittrici degli anni Settanta, quando si cercavano nuove parole da sottrarre a un sistema linguistico fallocentrico, e mostra come in Darrieussecq non sia presente una celebrazione del corpo femminile, bensì uno svelamento di ciò che è ritenuto tabù, indicibile (mestruazioni, desiderio femminile, intimità con il neonato). A questo scopo, in Clèves (2010), la scrittrice utilizza un vocabolario crudo, violento, persino volgare per poter descrivere il cambiamento, la metamorfosi del corpo della giovane protagonista e la sua sessualità. Pertanto si comprende la mancata glorificazione di un corpo che in realtà si trova in una fase di sconvolgimenti, come nel caso di Solange, protagonista di Clèves, alle prese con il menarca e i primi rapporti con l’altro sesso.

6La tematica del fantastico, affrontata nel quarto capitolo, «Les zones du fantastique et de l’“entre-deux”», è molto presente nei testi di M. Darrieussecq, dove metamorfosi, fantasmi, ologrammi, interazioni tra essere umani e animali invadono anche i romanzi realisti. Colette Trout sottolinea come l’uso del fantastico in Darrieussecq sia sottomesso alle esigenze narrative dell’autrice e venga impiegato per rappresentare la banalità del quotidiano femminile, ciò che Simone de Beauvoir definiva “sessismo ordinario”. Tuttavia, il tropo del fantastico è un espediente paradossale per Marie Darrieussecq, poiché le serve per meglio descrivere il reale, come in Tom est mort (2007), dove diventa strumento per esprimere il trauma della protagonista.

7A ogni modo Marie Darrieussecq combatte la sua lotta cruciale contro gli stereotipi, che vengono ribaltati per vedere cosa nascondono. Il quinto capitolo, «Déconstruire les clichés», insiste proprio sul tentativo dell’autrice di svelare i pregiudizi della società e trovare una nuova modalità di far percepire il mondo a chi legge. Le tematiche connesse ai clichés riguardano in particolare la sessualità femminile, la maternità, la morte, il lutto e il razzismo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Aron Verga, « Colette Trout, Marie Darrieussecq ou voir le monde à neuf », Studi Francesi, 185 (LXII – II) | 2018, 370.

Notizia bibliografica digitale

Aron Verga, « Colette Trout, Marie Darrieussecq ou voir le monde à neuf », Studi Francesi [Online], 185 (LXII – II) | 2018, online dal 01 août 2018, consultato il 21 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/14161

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals