Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri177 (LIX | III)Rassegna bibliograficaNovecento e XXI secoloAndré Didierjean, La madeleine et...

Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

André Didierjean, La madeleine et le savant. Balade proustienne du côté de la psychologie cognitive

Aron Verga
p. 625
Notizia bibliografica:

André Didierjean, La madeleine et le savant. Balade proustienne du côté de la psychologie cognitive, Paris, Éditions du Seuil, 2015 («Science Ouverte»), pp. 155.

Testo integrale

1Professore di psicologia cognitiva all’Université de Franche-Comté, André Didierjean affronta la questione del funzionamento della memoria nei dieci capitoli che compongono il suo saggio («L’apprentissage»; «Perception et attention»; «La mémoire à court terme»; «La mémoire à long terme»; «Les faux souvenirs»; «Être expert dans un domaine»; «La cognition au fil de la vie»; «Lire les visages»; «Le sentiment d’être soi»; «Aux frontières de la psychologie cognitive»).

2La trattazione è spesso accompagnata da esempi di esperimenti svolti in passato da scienziati al fine di valutare le capacità di apprendimento o le condizioni della memoria, per esempio il problema della scacchiera senza due angoli oppure il fenomeno noto come “effetto cocktail party”. Nel primo caso, togliendo i due angoli neri, il paziente dovrebbe dire se è possibile ricoprire la scacchiera con le tessere del domino. Il secondo esperimento prevede di ricordare le parole dette in un orecchio e di ignorare quelle dette nell’altro. Al di là dei vari esperimenti e delle ricerche scientifiche presentate, la grande novità proposta da André Didierjean sta nell’affiancare ad essi dei brani di À la recherche du temps perdu di Marcel Proust. Si tratta pertanto di un’opera che getta le basi di un ponte tra una scienza considerata obiettiva e la scrittura romanzesca. Da una parte la psicologia cognitiva, che cerca di descrivere i meccanismi del funzionamento dei processi cognitivi (memoria, apprendimento, percezione ecc.). Dall’altra Marcel Proust, uno dei più grandi romanzieri del xx secolo, del quale si rivela la capacità di anticipare talvolta le conclusioni dei ricercatori contemporanei nelle sue analisi dei meccanismi cognitivi. Eccellendo nella descrizione dei diversi comportamenti dell’essere umano (quando impara, ragiona, si ricorda), le citazioni proustiane sono dunque utilizzate da André Didierjean per illustrare meglio le sue teorie scientifiche.

3Scopriamo così che Proust evocava già nella Prisonnière la capacità dell’essere umano di apprendere le regole astratte di una lingua sconosciuta semplicemente entrandovi in contatto di frequente. Oppure, sempre nello stesso volume della Recherche, Proust aveva intuito che l’essere umano vive costantemente in un processo di apprendimento, ma non è in grado di memorizzare tutto. E proprio di ciò si rammarica il narratore durante un attacco di gelosia, poiché avrebbe voluto ricordare con precisione tutte le parole di Albertine.

4Lungo tutto il saggio di André Didierjean la psicologia cognitiva si intreccia dunque alle pagine della Recherche, che in alcuni frangenti in maniera pionieristica precorrevano i tempi. «Cependant, heureusement pour la psychologie cognitive, ces moments sont rares» (p. 10).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Aron Verga, « André Didierjean, La madeleine et le savant. Balade proustienne du côté de la psychologie cognitive »Studi Francesi, 177 (LIX | III) | 2015, 625.

Notizia bibliografica digitale

Aron Verga, « André Didierjean, La madeleine et le savant. Balade proustienne du côté de la psychologie cognitive »Studi Francesi [Online], 177 (LIX | III) | 2015, online dal 01 décembre 2015, consultato il 26 octobre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/1440; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.1440

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search