Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri186 (LXII | III)Rassegna bibliograficaMedioevoStefania Maffei Boillat, Le “Mari...

Rassegna bibliografica
Medioevo

Stefania Maffei Boillat, Le “Mariale” lyonnais (Paris, BNF, fr. 818). Édition, traduction et étude linguistique

Walter Meliga
p. 475-476
Notizia bibliografica:

Stefania Maffei Boillat, Le “Mariale” lyonnais (Paris, BNF, fr. 818). Édition, traduction et étude linguistique, Préface de François Zufferey, Strasbourg, Éditions de linguistique et de philologie, «Travaux de Linguistique Romane. Philologie et éditions de textes», 2015.

Testo integrale

1Il libro di Stefania Maffei Boillat completa l’edizione dei testi e la conoscenza dell’importante ms. Paris, BnF, fr. 818, già studiato da P. Meyer e poi oggetto delle cure editoriali principalmente di A. Mussafia e Th. Gartner e poi H. Stimm. Si tratta di una silloge di testi agiografici in volgare, della quale le prime due sezioni trasmettono una raccolta di miracoli della Vergine in distici di octosyllabes, il Mariale qui edito per le parti non precedentemente note, e la più nota collezione di leggende in prosa, pubblicata da Mussafia-Gartner e Stimm; ambedue costituiscono una testimonianza notevole dell’antico francoprovenzale, nella variante lionese, e per questo sono state utilizzate dagli studiosi di questa complessa – anche se la «plus modeste» (P. Gardette [p. 45]) – varietà romanza. Il terzo testo del manoscritto è invece una più breve raccolta prosastica di vite di santi in lingua d’oïl e non presenta particolare interesse linguistico.

2In questo quadro, il lavoro di Maffei Boillat è un contributo importante alla conoscenza dell’antico francoprovenzale e andrà annoverato sin d’ora nella bibliografia di riferimento, per la ricchezza dell’informazione nonché per la qualità filologica dell’edizione e l’accuratezza dell’analisi e del commento linguistici.

3La parte più importante del lavoro è l’edizione di ventidue miracoli sul totale di 82 dell’intero Mariale (60 sono i già pubblicati, come esplicita una tabella della consistenza testuale della raccolta [pp. 135-140]), preceduta da uno studio complessivo della lingua del Mariale, che tiene cioè conto di tutti i testi editi e delle analisi precedentemente pubblicate. Ambedue sarebbero da giudicare con un’osservazione più ravvicinata, qui tralasciata per ragioni di spazio: è possibile tuttavia darne una valutazione d’insieme. L’edizione è saggiamente conservativa – per un testo che presenta, come già accennato, una scripta piuttosto variegata – con apparato e una traduzione «justalinéaire» (p. 147) di servizio in francese moderno: l’apparato in particolare è redatto con attenzione agli interventi del revisore, che sono stati giustamente qui relegati per mettere a testo le forme francoprovenzali da lui cassate. Ogni miracolo è accompagnato da un paragrafo di note di commento, di carattere soprattutto filologico e linguistico.

4L’analisi della lingua del Mariale riguarda fonetica, morfologia e lessico del testo ed è condotta con grande scrupolo documentario (indicazione delle basi, riferimenti ad altre analisi linguistiche) e accurata distinzione dei tratti francoprovenzali attribuibili all’autore perché generalmente in rima da quelli da limitare prudentemente al copista. Un’attenzione particolare è riservata al lessico, di cui sono stati schedati i lemmi non-francesi o meglio riconducibili a una norma galloromanza di Sud-Est, a cui partecipano le parlate sud-orientali d’oïl insieme al francoprovenzale e all’occitano. Tale norma è quella scelta dall’autore, che tuttavia dimostra una certa libertà nel servirsi anche di forme riferibili a quella francoprovenzale o a sotto-norme di compromesso.

5Chiude il volume un glossario con finalità lessicografiche, nel quale, secondo una pratica che risale alle gloriose crestomazie di scuola positivista – e che diventa un valido strumento nelle ricerche scriptologiche – sono riportate tutte le forme di uno stesso lemma. La soluzione conferma il rango scientifico di questo lavoro, ormai rilevante come si è detto per gli studi francoprovenzali, e che si apprezza anche per la chiarezza e la precisione del linguaggio e la qualità della mise en page.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Walter Meliga, « Stefania Maffei Boillat, Le “Mariale” lyonnais (Paris, BNF, fr. 818). Édition, traduction et étude linguistique »Studi Francesi, 186 (LXII | III) | 2018, 475-476.

Notizia bibliografica digitale

Walter Meliga, « Stefania Maffei Boillat, Le “Mariale” lyonnais (Paris, BNF, fr. 818). Édition, traduction et étude linguistique »Studi Francesi [Online], 186 (LXII | III) | 2018, online dal 01 janvier 2019, consultato il 19 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/14925

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search