Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Marcel Proust, Cahier 53

Davide Vago
p. 630-631
Notizia bibliografica:

Marcel Proust, Cahier 53, édité par Nathalie Mauriac Dyer, Pyra Wise, Kazuyoshi Yoshikawa, Turnhout, Bibliothèque Nationale de France/Brepols Publishers, 2012 («Cahiers 1 à 75 de la Bibliothèque Nationale de France»): volume I: Fac-similé, pp. xi + 209; volume II: Transcription diplomatique, pp. xl + 253.

Testo integrale

1Il Département des Manuscrits della Bibliothèque Nationale de France possiede un tesoro non ignoto agli studiosi di Proust di tutto il mondo: i settantacinque quaderni (Cahiers) nei quali Marcel Proust ha ideato e sviluppato la sua monumentale opera fin dal progetto del Contre Sainte-Beuve (1908). Grazie alle tecnologie attuali, la Bibliothèque Nationale de France ha deciso di renderli disponibili al pubblico in una collana prestigiosa, affidata a una équipe internazionale di généticiens, esperti dei manoscritti de À la Recherche du temps perdu diretti da Nathalie Mauriac Dyer (responsabile dell’équipe Proust all’ITEM – Institut des Textes et Manuscrits modernes). Tale progetto prevede, per ognuno dei Cahiers, la pubblicazione integrale del manoscritto proustiano, in un doppio formato: nel volume I è proposto il facsimile del Cahier manoscritto, a partire dalla versione digitalizzata dello stesso; il volume II ne presenta la trascrizione diplomatica, al fine di facilitarne la lettura o la consultazione.

2Il volume I del Cahier 53 presenta una succinta ma precisa «Description matérielle» del manoscritto in questione (pp. vi-x), seguita dal «Fac-similé critique du Cahier 53», a colori. I curatori del volume hanno altresì ritrovato alcune pagine o frammenti che Proust ha staccato o ritagliato dal Cahier 53 e inserito in altri Cahiers manoscritti, nella fase di “montaggio” della sua opera: la sezione «Fac-similé des pages des Cahiers vii, viii et ix contenant des fragments du Cahier 53» (pp. 169-193) presenta tali ritrovamenti. Al fine di facilitare la lettura del manoscritto, il volume si chiude con un «Diagramme des unités textuelles du Cahier 53» (pp. 195-207): una rappresentazione schematica delle pagine del facsimile, su cui appaiono indicazioni alfanumeriche progressive che orientano il lettore nella fase di consultazione.

3Il volume II presenta una dettagliata «Introduction» (pp. xxi-xl) in cui si avanzano ipotesi comprovate sulla datazione e sulla cronologia della redazione del manoscritto. Redatto all’inizio della Grande Guerra, probabilmente verso il 1915, il Cahier 53 rappresenta la versione primitiva de La Prisonnière (il tomo V della Recherche). I curatori analizzano altresì l’ossatura del manoscritto, che ha il suo perno nell’evocazione di risvegli mattutini successivi del protagonista (struttura ereditata dal primitivo progetto del Contre Sainte-Beuve). La fedelissima «Transcription du Cahier 53» (pp. 1-168) permette, anche al lettore impreparato di fronte alla calligrafia di Proust, di cogliere tutto il dinamismo della sua scrittura. Nelle cospicue pagine delle «Notes» (pp. 169-232) e nell’altrettanto minuziosa «Analyse» finale (pp. 233-242), vengono chiariti anche numerosi riferimenti culturali contenuti nel manoscritto.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Davide Vago, « Marcel Proust, Cahier 53 », Studi Francesi, 174 (LVIII | III) | 2014, 630-631.

Notizia bibliografica digitale

Davide Vago, « Marcel Proust, Cahier 53 », Studi Francesi [Online], 174 (LVIII | III) | 2014, online dal 01 novembre 2014, consultato il 19 avril 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/1603

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals