Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Bernard Bourrit, Montaigne, pensées frivoles et vaines écorces

Filippo Fassina
p. 147-148
Notizia bibliografica:

Bernard Bourrit, Montaigne, pensées frivoles et vaines écorces, Bazas, Le temps qu’il fait, 2018, 229 pp.

Testo integrale

1Come dichiarato dall’A., questo volume non è né un libro su Montaigne, né un’introduzione al suo pensiero, né un commento, ma è un volume scritto «avec Montaigne», utilizzando cioè le parole dell’autore stesso per ricostruire la sua personalità, la sua storia e il suo mondo concettuale. Il testo viene presentato integrando all’interno dei paragrafi, volutamente separati fra loro e identificati dal corrispondente simbolo di punteggiatura (¶), citazioni in corsivo degli Essais, in modo che le parole dell’A. diventino un tutt’uno con quelle di Montaigne. Viene così ricostruito un itinerario biografico e letterario suddiviso in varie tappe. La prima parte presenta la vita di Montaigne e il suo ‘incontro’ con Ovidio, le cui Metamorfosi rappresentano uno dei grandi modelli degli Essais: i dati biografici sono presentati attraverso il racconto di numerosi aneddoti che permettono di tracciare un profilo interessante e, a tratti, divertente di una figura così complessa sia dal punto di vista dell’esperienza di vita sia dal punto di vista della formazione letteraria. La seconda parte descrive la genesi e la metodologia impiegata nella complessa redazione degli Essais, definiti «un puzzle virtuellement infini dont l’extension rejoint à la limite la vie de l’auteur» (p. 35). Vengono poi affrontate alcune tematiche centrali dell’opera di Montaigne, quali il concetto di lettura e il rapporto fra oralità e testo scritto, il ricordo proiettato nell’opera, le fonti (soprattutto quelle classiche) che compaiono in maniera ricorrente e non sempre lineare, l’utilitarismo e il rapporto fra vita pubblica e vita privata. Vengono trattate anche le questioni meno letterarie, quali le esigenze materiali, l’amministrazione e il valore del patrimonio, la successione dei beni di famiglia, la ricchezza e la vita civile. L’A. si sofferma inoltre su elementi particolarmente cari alla poetica di Montaigne, come la natura, i viaggi e il paesaggio, anch’essi legati all’osservazione e alla memoria, la scienza e il rapporto fra erudizione e ignoranza, l’immaginazione e il pensiero. Non vengono tralasciati nemmeno gli elementi più fisici dell’esistenza umana: una parte di questa ricostruzione è infatti dedicata al desiderio, alla sessualità e ai vizi, così come al sonno e ai sogni, alle malattie e alle cure. Il mosaico si conclude con la vecchiaia e la morte e sulle considerazioni relative alle grandi questioni esistenziali e alla domanda centrale nell’opera di Montaigne: «qu’est-ce qu’une vie?», alla quale si tenta di dare una risposta («Un éclair dans le cours infini d’une nuict eternelle, une brève interruption du néant, la mort occupant tout le devant et tout le derriere de ce moment»). Questo volume riprende la struttura frammentaria degli Essais, e riesce a ricostruire, attraverso gli occhi del protagonista, un denso profilo di una delle figure letterarie più affascinanti e complesse della letteratura europea.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Bernard Bourrit, Montaigne, pensées frivoles et vaines écorces »Studi Francesi, 187 (LXIII | I) | 2019, 147-148.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Bernard Bourrit, Montaigne, pensées frivoles et vaines écorces »Studi Francesi [Online], 187 (LXIII | I) | 2019, online dal 01 juin 2019, consultato il 05 avril 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/16287

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals