Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

Courage de la vérité et écritures de l’histoire (xvie -xviie siècle), sous la direction de K. Abiven et A. Welfringer

Monica Pavesio
p. 153
Notizia bibliografica:

Courage de la vérité et écritures de l’histoire (xvie -xviie siècle), sous la direction de K. Abiven et A. Welfringer, «Littératures classiques» 94, 2017, 196 pp.

Testo integrale

1Il volume nasce dalla riflessione sulle relazioni tra scrittura e storia in un vasto corpus di opere cinquecentesche e secentesche. Il punto di partenza è la parrêsia, ossia il discorso franco in cui la verità espressa è autentica, nozione filosofica illustrata nei corsi di Michel Foucault e collegata a diversi campi del sapere ma, curiosamente, unita di rado alla scrittura della storia e, ancora più raramente, collegata al periodo della storia francese delle monarchie dei Valois e dei Borboni.

2I contributi riuniti nel volume hanno quindi lo scopo di scrivere la storia e di illustrare le tipologie delle diverse articolazioni tra storia, parrêsia e politica nel xvi e xvii secolo. Noi ci limiteremo a segnalare i quattro studi relativi al Seicento.

3Il contributo di E. Picardi sui Caractères di La Bruyère (La Bruyère parrèsiaste? «Vérité» et constitution éthique dans et par le texte des “Caractères”, pp. 49-59) è inserito nella prima sezione del volume, intitolata «Formes et frontières de la parrêsia». L’autore si interroga sulla dimensione etica dei Caractères: il modello della parrêsia gli permette di leggere il testo come veicolo di una riforma etica, ossia, secondo il senso della filosofia antica, come trasformazione di sé e della propria condotta che coincide con un accesso alla verità.

4Due studi fanno parte della seconda sezione «Pratiques de la véridiction historique».

5Il primo di A. Welfringer (Preuve et parrêsia dans l’écriture de l’histoire: les “Historiae sui temporis” de Jacques-Auguste de Thou, pp. 127-143) studia nei paratesti delle Historiae sui temporis di Jacques-Auguste de Thou, scritte all’epoca delle guerre di religione, un procedimento destinato a produrre un «effet de vérité», ossia la maifestazione di un ethos, grazie al quale lo storico presenta l’enunciazione del suo testo come un gesto coraggioso. La manifestazione del coraggio dà veridicità al racconto dello storico. Anche il secondo studio di N. Piqué (Histoire et déconstruction de la vérité: le courage de l’historien, pp. 145-155) è incentrato sul concetto di coraggio, di cui fa prova Simon, un secolo più tardi, nell’affrontare la critica del testo biblico, con un’opera di ridefinizione della verità del cattolicesimo, che sarà fortemente criticata da Bossuet.

6L’ultimo contributo di D. Amstutz su Guez de Balzac (Mécénas, Socrate, Aristippe: les figures de la parrêsia dans Guez de Balzac, pp. 169-178) è inserito nell’ultima sezione del volume, intitolata Le courage de la vérité contre l’écriture de l’histoire. Studiando gli scritti di antichi seguaci della parrêsia, Guez de Balzac ha creato una concezione originale del concetto di parrêsia politica, riscritta nella tradizione epicurea, particolarmente utile nel momento in cui si sta instaurando in Francia l’assolutismo monarchico.

7Un’appendice con i riassunti dei contributi completa il volume.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Pavesio, « Courage de la vérité et écritures de l’histoire (xvie -xviie siècle), sous la direction de K. Abiven et A. Welfringer », Studi Francesi, 187 (LXIII | I) | 2019, 153.

Notizia bibliografica digitale

Monica Pavesio, « Courage de la vérité et écritures de l’histoire (xvie -xviie siècle), sous la direction de K. Abiven et A. Welfringer », Studi Francesi [Online], 187 (LXIII | I) | 2019, online dal 01 juin 2019, consultato il 20 juillet 2019. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/16312

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals