Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Tous “Dingo”? Une politique de l’animal naturaliste, neuf études réunies et présentées par Paul Aron et Clara Sadoun-Édouard

Ida Merello
p. 185
Notizia bibliografica:

Tous “Dingo”? Une politique de l’animal naturaliste, neuf études réunies et présentées par Paul Aron et Clara Sadoun-Édouard, Bruxelles, SAMSA-ULB-Ulg / Société Octave Mirbeau, 164 pp.

Testo integrale

1Negli studi attuali, il punto di vista animale è un argomento alla moda, ma l’attenzione all’animale come dotato di ragione e non pura macchina di istinti si deve a Darwin: è per questo che ritratti di animali sono più frequenti a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, presso scrittori empatici, che si riconoscono più volentieri negli animali che nella società.

2Chloé Vanden Berghe ricorda che il romanzo di Mirbeau è uscito al momento in cui gli studi di Darwin sottraevano gli animali al pregiudizio di pure macchine istintuali, per farne esseri dotati di ragione. E così il cane esercita l’intelligenza come punto di vista estraneo alla società e molto vicino al pessimismo mirbelliano. Questo non significa che Mirbeau sposi le utopie che vedono la contrapposizione della società a uno stato di natura idilliaco: anzi, civiltà e stato di natura hanno le medesime crudeltà. La morte di Dingo, preannunciata nel suo ritrovamento in una scatola chiusa, ossia in una bara, ricorda allo scrittore la propria morte.

3Alain Georges-Leduc mette a confronto Dingo con i cani di Jack London nel Richiamo della foresta e in Zanna bianca. Intanto fa osservare quanti animali siano presenti nell’opera di Mirbeau, e vittima della scelleratezza umana; mentre Dingo è una sorta di compagno d’anima. La rivoluzione del romanzo è di tipo formale, per l’impiego della pratica del collage introdotta dai cubisti; mentre la visione tragica della società è comune a Jack London, e sia Buck che Zanna bianca sono, come Dingo, gli osservatori di una società che mostra la sua vigliaccheria.

4Sylvie Thorel ci offre uno sguardo sugli animali nell’opera di Maupassant: in particolare cani e cavalli, a cui lo scrittore era molto affezionato, e che sono oggetto di sevizie e di torture anche da uomini di chiesa, come l’abbé Tolbiac di Une Vie. Per gli uomini di chiesa è importante segnare la differenza tra animale, privo di anima, ed esseri umani, in modo da sottrarre ogni animalità all’uomo; mentre la fisiognomica rintraccia l’animale nell’uomo. Così Maupassant è abilissimo nello scorgere la bestia che si annida in ciascun uomo, e anche la bestia che rimane, quando l’uomo, completamente abbrutito, perde i connotati umani: come il suo carnefice, del resto.

5Clara Sadoun-Édouard compie una ricognizione dell’immagine dell’abattoir nel corso dell’Ottocento, con risultati interessanti. Il periodo romantico non si intenerisce per il dolore degli animali, ma si commuove esteticamente per i colori e per le forme. Gozlan nel suo Balzac intime per esempio mostra uno scrittore estasiato dagli spazi dell’abattoir e per nulla commosso. La consapevolezza della sofferenza provocata negli animali appartiene solo al periodo naturalista, quando la stessa cartografia (in Germinie Lacerteux dei fratelli Goncourt prima ancora che in Zola), accosta l’abattoir – segno della preoccupazione di dire la società nel suo insieme – all’ammazzatoio alcolico degli esseri umani. L’estetica naturalista sfuma in quella decadente quando la descrizione dell’abattoir insegue una freddezza capace di cogliere la qualità delle carni e delle forme nel momento che precede la loro degradazione. L’A. conclude tracciando una similitudine col Jardin des supplices di Mirbeau, visto come un roman-abattoir.

6Paul Aron et Françoise Chatelain presentano un pittore rimasto in ombra, Joseph Stevens (1819-1892), appassionato di pittura di cani, in letteratura noto soprattutto per l’aneddoto, raccontato da Poulet-Malassis, circa il gilet cui Baudelaire fa allusione nell’Intérieur du saltimbanque, che gli sarebbe stato donato dallo stesso Stevens. Le tele di Stevens sono spunto nell’Ottocento di opere letterarie francesi e belghe centrate sul rapporto tra l’uomo e l’animale come forma di racconto autobiografico. Georges Eekhoud scrivendo su commissione un saggio sui Peintres animaliers stabilisce un parallelismo tra Stevens e se stesso, per l’opposizione fondamentale per entrambi tra proletari e voyous. Dingo appare invece sfuggire alle categorie: tra le diverse opere ispirate dai cani in pittura e letteratura si eleva come racconto maggiore di un cane maggiore, solo parzialmente civilizzato.

7Laurence Rosier tenta ipotesi onomastiche sulla scelta dei nomi per animali, per poi distinguere il discorso animale in cui il punto di vista umano cerca di calarsi nell’animale, e il discorso antropocentrico, dove l’animale non è che un umano camuffato. Ricorda la grande attenzione agli animali manifestata da Hugo, tra i fondatori della società contro la vivisezione e le torture. Mirbeau invece sembra interrogarsi sul linguaggio di comunicazione degli animali tra loro; mentre Colette rovescia addirittura la situazione, mescolando e incrociando atteggiamenti umani e felini.

8Nicolas Bianchi ripercorre il disgusto per i topi nella tradizione letteraria, ma mostra il salto di qualità orrorifica dei ratti di trincea, che diventarono testimoni della mostruosità della Grande Guerra nei Mémoires d’un rat di Pierre Chaine, Ronge-Maille vainqueur di Lucien Descaves e Les Poissons morts di Pierre Mac-Orlan. Gli orribili ratti approdano anche nelle immagini di Epinal, diventando immagini spaventose della guerra; mentre nasce anche una corrente ludica, soprattutto nei giornali di trincea.

9Jean-François Lattarico offre un’interessante analisi del romanzo Rovine dello scapigliato Faldella: romanzo originalmente diviso in blocchi contrapposti. Storia di una vocazione letteraria mancata, vede nella prima parte il protagonista come bambino sofferente della predilezione materna per un cagnolino; quindi il riscatto con il recupero dell’affettività con un cane tutto suo e finalmente la progressiva sconfitta nella vita, quando, fallito come scrittore, finirà mangiato dal proprio cane.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ida Merello, « Tous “Dingo”? Une politique de l’animal naturaliste, neuf études réunies et présentées par Paul Aron et Clara Sadoun-Édouard », Studi Francesi, 187 (LXIII | I) | 2019, 185.

Notizia bibliografica digitale

Ida Merello, « Tous “Dingo”? Une politique de l’animal naturaliste, neuf études réunies et présentées par Paul Aron et Clara Sadoun-Édouard », Studi Francesi [Online], 187 (LXIII | I) | 2019, online dal 01 juillet 2019, consultato il 10 décembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/16619

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals