Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Correspondance d’Alfred de Falloux avec Léon Lavedan (1862-1886), édition établie, présentée et annotée par Jean-Louis Ormières

Maria Emanuela Raffi
p. 398
Notizia bibliografica:

Correspondance d’Alfred de Falloux avec Léon Lavedan (1862-1886), édition établie, présentée et annotée par Jean-Louis Ormières, Paris, Champion, 2013, 2 voll. pp. 998.

Testo integrale

1La «Présentation» di Jean-Louis Ormières illustra l’interesse storico, politico e religioso della corrispondenza fra Léon Lavedan, direttore della rivista «Correspondant» dal 1875 al 1904, e Alfred de Falloux, cofondatore della rivista e autore nel 1850, in qualità di «Ministre de l’instruction publique et des cultes», della legge che porta il suo nome e che ha aperto le scuole francesi all’insegnamento di personale appartenente a ordini religiosi.

2Oltre 1300 lettere, di cui 641 qui raccolte in due corposi volumi, sono il frutto di uno scambio epistolare che si è sviluppato fra il 1860 e il 1886, anno della morte di Falloux, uomo politico cattolico conservatore certamente di più rilevante notorietà rispetto al suo corrispondente. Molte fra le complesse vicissitudini storico-politiche della Francia fra la fine della Monarchia di luglio e la Seconda Repubblica attraversano questa corrispondenza, viste dall’osservatorio privilegiato di un protagonista di momenti cruciali del xix secolo: dalla rivolta del 1848, cui Falloux è accusato di aver contribuito con un discorso provocatoriamente repressivo nei confronti dei lavoratori, al comportamento ambiguo di fronte al colpo di stato di Napoleone, alla polemica interna alla Chiesa sull’infallibilità del Papa nel 1870 cui Falloux sembra aver partecipato auspicando un rinnovamento radicale con la celebre affermazione: «L’Église n’a pas encore fait sa révolution de 89; elle a besoin de la faire».

3Giornalista legittimista e cattolico, personaggio meno di spicco e un po’ «effacé», Léon Lavedan appare l’interlocutore ideale per Falloux, al quale deve ben presto un significativo sostegno per la sua carriera all’interno del «Correspondant», le cui vicende costituiscono l’argomento di molte lettere. Certamente intrattenuto da corrispondenti di diverso rilievo, lo scambio di lettere sembra tuttavia trovare un suo equilibrio nella mole di informazioni, soprattutto sulla vita culturale di Parigi, che Lavedan fornisce a Falloux, presto ritiratosi a Bourg-d’Iré in Anjou in polemica con la politica di Napoleone III.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Emanuela Raffi, « Correspondance d’Alfred de Falloux avec Léon Lavedan (1862-1886), édition établie, présentée et annotée par Jean-Louis Ormières », Studi Francesi, 173 (LVIII | II) | 2014, 398.

Notizia bibliografica digitale

Maria Emanuela Raffi, « Correspondance d’Alfred de Falloux avec Léon Lavedan (1862-1886), édition établie, présentée et annotée par Jean-Louis Ormières », Studi Francesi [Online], 173 (LVIII | II) | 2014, online dal 01 septembre 2014, consultato il 16 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/1924

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals