Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Cinquecento

Guillaume Budé, De asse et partibus eius. L’as et ses fractions. Livres I-III

Gianmario Cattaneo
p. 343
Notizia bibliografica:

Guillaume Budé, De asse et partibus eius. L’as et ses fractions. Livres I-III, édition critique du texte de 1541 et traduction française par L.-A. Sanchi, Genève, Droz, 2018, «Travaux d’Humanisme et Renaissance» 590, cxlviii + 592 pp.

Testo integrale

1Il volume contiene l’edizione critica con traduzione francese dei primi tre libri del De asse di Guillaume Budé, a cura di Luigi-Alberto Sanchi. Si tratta di un lavoro di importanza notevole, giacché il De asse, concepito come un trattato sulle monete e sulle misure antiche, è uno dei testi fondanti dell’erudizione umanistica francese e rappresenta una vera e propria summa del sapere degli antichi Greci e Romani. Il testo con traduzione è preceduto da una ricchissima introduzione, che costituisce un vero e proprio saggio monografico sul De asse. Sanchi analizza il contenuto dell’opera (pp. viii-xiii), i lavori preparatori (pp. xiii-xviii) e le differenti edizioni del De asse licenziate da Budé (pp. xviii-xxix): si tratta di sette edizioni, l’ultima delle quali uscì postuma nel 1541. Il De asse fu poi ripubblicato a Lione nel 1550-1551 e negli opera omnia di Budé usciti a Basilea nel 1556.

2Un capitolo è dedicato alle fonti principali utilizzate da Budé, ovvero il De figuris numerorum di Prisciano, il Carmen de ponderibus et mensuris, il Digesto, la Storia naturale di Plinio il Vecchio e altri autori, tra cui Strabone e Plutarco (pp. xxix-xli). A proposito di Plinio il Vecchio, in De asse, 142a Budé dice che Plinio e Festo avevano utilizzato sestertium al nominativo, anziché sestertius, quindi avevano ritenuto sestertium. Mentre non siamo riusciti ad individuare il passo di Festo, possiamo dare qualche informazione ulteriore a proposito di Plinio. È possibile che in questo caso Budé alluda a Plinio, Storia naturale, 33, 44: infatti, anche se nell’edizione corrente di Ian e Mayhoff si legge «placuit denarium pro X libris aeris valere, quinarium pro V, sestertium pro dupondio ac semisse», nelle edizioni pliniane quattro-cinquecentesche si leggeva «placuit denarius pro X libris aeris valere, quinarius pro V, sestertium pro dupondio ac semisse», quindi sestertium veniva interpretato come nominativo, al pari di denarius e quinarius. Del resto, Budé dice, a proposito di questo passo pliniano: «sed ex collatione antiquorum voluminum suspectum locum Plinii animadverti».

3Segue un capitolo sulle modalità di citazione (pp. xli-xlv), uno sulla fortuna del De asse in autori come Rabelais e Jean Bodin (pp. xlv-xlviii), uno sul genere letterario del De asse (pp. xli-lii). Chiude l’introduzione un capitolo sui criteri editoriali (pp. lii-lvi). Nelle annexes all’introduzione si leggono un dettagliatissimo sommario dell’opera (pp. xxxix-lxv), la descrizione delle monete antiche nel De asse (pp. lxvii-lxx), la corrispondenza tra i fogli delle varie edizioni (pp. lxxi-xc), la lista degli autori citati con i passi di riferimento (pp. xci-cxlvi) e l’elenco dei riferimenti a realtà ed espressioni contemporanee a Budé (pp. cxlvii-cxlviii). Tra le fonti lasciate in sospeso dall’editore, segnaliamo che Plutarco, Vita di Antonio, 4, 7-9 in De asse, 130b è citato secondo la traduzione latina di Leonardo Bruni e che questo passo, come osservato da Budé, viene ripreso anche da Marcantonio Sabellico, precisamente in Commentationes in Suetonium Tranquillum, Parisiis 1512, f. 22r: «M. ANT.: […] Plutarchus in Antonio quinque ait et viginti millia dari iussit, quod Romani decies sestertium appellant». Inoltre, il passo di Dioscoride in De asse, 577b proviene da De materia medica 5, 72, 17: la frase in questione non è accolta a testo nell’edizione di Dioscoride di Max Wellman, ma è testimoniata da alcuni manoscritti ed è contenuta nell’edizione aldina del 1499, f. ν8r, che potrebbe essere stata usata da Budé come testo base.

4Il nucleo del libro (pp. 1-589) è costituito dall’edizione critica dei primi tre libri del De asse, davvero esemplare per rigore filologico, con traduzione francese a fronte. Nell’apparato critico vengono segnalate le varianti tra l’edizione del 1541 e le precedenti, mentre le fonti citate da Budé sono indicate direttamente all’interno della traduzione, che è anche corredata da note di commento. In conclusione, in attesa dell’edizione e la traduzione dei libri quarto e quinto del De asse, questo volume rappresenta un contributo fondamentale per lo studio dell’opera di Budé e del primo Umanesimo francese.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gianmario Cattaneo, « Guillaume Budé, De asse et partibus eius. L’as et ses fractions. Livres I-III »Studi Francesi, 188 (LXIII | II) | 2019, 343.

Notizia bibliografica digitale

Gianmario Cattaneo, « Guillaume Budé, De asse et partibus eius. L’as et ses fractions. Livres I-III »Studi Francesi [Online], 188 (LXIII | II) | 2019, online dal 01 février 2020, consultato il 12 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/19582

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals