Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Cinquecento

François Rouget, Notule sur l’“Exhortation aux princes chrestiens pour le fait de la paix” (1558) de Jacques Peletier

Filippo Fassina
Notizia bibliografica:

François Rouget, Notule sur l’“Exhortation aux princes chrestiens pour le fait de la paix” (1558) de Jacques Peletier, “Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance” 2, LXXX (2018), pp. 345-351.

Testo integrale

1La figura di Jacques Peletier è estremamente interessante per il suo eclettismo e per la vastità dei suoi interessi, che spaziano dalla traduzione, alla grammatica e alla poesia, dalla medicina alla matematica. In questo lavoro, l’A. si concentra sulla filière polemista, analizzando la traduzione francese della Cohortatio pacificatoria del 1555 e l’Exhortation aux princes chrestiens, del 1558. Dopo aver introdotto il contesto storico in cui vengono scritte le due opere (lo scontro fra Enrico II e Carlo V in seguito all’occupazione di Napoli da parte degli Spagnoli), viene analizzato il testo dell’Exhortation. In particolare, vengono evidenziate le differenze sostanziali della traduzione rispetto al testo latino, e soprattutto viene analizzata la préface, presente solo nell’Exhortation. Essa è interessante in primo luogo per la dedica a Antoine de Saint-Anthot, zio di Pontus de Tyard, amico di Peletier; in secondo luogo poiché permette di inserire il testo nel periodo più buio della guerra, quello immediatamente successivo alla sconfitta di Saint-Quentin. Tale prefazione contiene un appello accorato alla pace, indirizzato al figlio di Carlo V, Filippo, appello che rivela il debito di Peletier con l’umanesimo di Erasmo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « François Rouget, Notule sur l’“Exhortation aux princes chrestiens pour le fait de la paix” (1558) de Jacques Peletier »Studi Francesi [Online], 188 (LXIII | II) | 2019, online dal 01 février 2020, consultato il 01 juin 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/19637

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals