Skip to navigation – Site map

HomeIssues188 (LXIII | II)Rassegna BibliograficaSeicentoLa question du répertoire au théâ...

Rassegna Bibliografica
Seicento

La question du répertoire au théâtre, Ch. Biet

Monica Pavesio
p. 352-353
Bibliographical reference

La question du répertoire au théâtre, Ch. Biet (dir.), “Littératures classiques”, 95, 2018, 216 pp.

Full text

1Il numero 95 di “Littératures classiques” è una riflessione collettiva sul repertorio teatrale francese dal xvii secolo fino ai giorni nostri. La riflessione proposta è direttamente collegata ad un progetto di ricerca internazionale sui Registri della Comédie-Française del xvii e xviii secolo, i cui risultati sono consultabili sul sito http://cfregisters.org.

2Christian Biet, nel primo contributo intitolato Introduction. La question du répertoire au théâtre (pp. 7-14) riflette sui concetti di «répertoire» e «patrimoine» e auspica una riscoperta e l’allestimento teatrale delle opere escluse fino ad oggi dal repertorio del teatro francese. Seguono tre “conversations” dello stesso Biet con gli attori e registi della Comédie-Française Marcel Bozonnet, Stéphane Braunschweige e Clément Hervieu-Léger.

3Il volume prosegue con uno studio di Agathe Sanjuan (Lecture du répertoire dans les archives de la Comédie-Française, pp. 45-54) che, partendo dall’analisi dei primi repertori della Comédie-Française, fondata con decreto di Luigi XIV nel 1680, nati dalla necessità della compagnia di programmare ed alternare le pièces da rappresentare, si sofferma poi sulla sacralizzazione, verso la fine del secolo, di alcune opere e di alcuni autori. Guy Spielmann (Le répertoire, un concept flou? Réalités des pratiques et perspectives théoriques, pp. 55-66) analizza, invece, il concetto di repertorio, che per un francese è necessariamente il «répertoire classique», per comprenderne il funzionamento, evidenziando le incoerenze tra la pratica delle compagnie e le concezioni odierne del termine. Sophie Marchand (Réflexions sur le succès théâtral à partir des nouvelles perspectives ouvertes par la base des données des registres de la Comédie-Française, pp. 67-76) definisce il successo delle pièces e degli autori, partendo dal database dei registri della Comédie-Française, ma sottolinea le precauzioni necessarie da prendere, nel momento in cui si vogliono stilare classifiche e decretare vittorie e sconfitte. Jean Clarke (La création d’un répertoire national: la Comédie-Française de 1680 à 1689, pp. 77-88), nel suo studio, ricostruisce le prime fasi della creazione di un repertorio nazionale; Sarah Harvey (La genèse stratifiée du répertoire de la Comédie-Française entre 1680 et 1730, pp. 89-103) studia, a livello statistico, la conservazione delle pièces più antiche e l’inserimento di nuove creazioni all’interno del repertorio di un teatro, quello della Comédie-Française, che ha ormai la missione istituzionale di primo teatro di Francia; Pannill Camp (Le répertoire comme registre de la transformation de l’espace, pp. 105-117) utilizza il repertorio di 29 stagioni, tra il 1760 e il 1789, per studiare le trasformazioni dello spazio scenico.

4Due articoli sono dedicati alle rappresentazioni delle opere di Molière da parte della compagnia della Comédie-Française: quello di John Powell (Histoire des représentations des comédies-ballets de Molière depuis leur création jusqu’en 1700: le témoignage des registres de la compagnie, pp. 119-150) si occupa della messa in scena delle comédies-ballets; il successivo di Mark Darlow (La place des œuvres de Molière dans le répertoire du xviiie siècle, pp. 151-165) studia la presenza delle opere del grande attore e drammaturgo nel repertorio settecentesco.

5Gli ultimi articoli sono dedicati all’ingresso di autori stranieri nel repertorio francese a partire dal xviii secolo o alla presenza di autori francesi in repertori dei teatri stranieri. Segnaliamo, tra questi, lo studio di Ons Trabelsi (La naissance de Sidi Molière: le premier répertoire arabo-molièresque au xixe siècle, pp. 199-210) sull’importanza di Molière nella costituzione di un repertorio arabo nella seconda metà del xix secolo.

Top of page

References

Bibliographical reference

Monica Pavesio, « La question du répertoire au théâtre, Ch. Biet »Studi Francesi, 188 (LXIII | II) | 2019, 352-353.

Electronic reference

Monica Pavesio, « La question du répertoire au théâtre, Ch. Biet »Studi Francesi [Online], 188 (LXIII | II) | 2019, Online since 01 February 2020, connection on 28 November 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/19739; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.19739

Top of page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search