Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri188 (LXIII | II)Rassegna BibliograficaSeicentoLes “intraduisibles” du vocabulai...

Rassegna Bibliografica
Seicento

Les “intraduisibles” du vocabulaire critique (xviexviiie siècle), D. Denis, C. Barbafieri, L. Susini

Laura Rescia
p. 353-354
Notizia bibliografica:

Les “intraduisibles” du vocabulaire critique (xviexviiie siècle), D. Denis, C. Barbafieri, L. Susini (dir.), «Littératures classiques», 96, 2018, 192 pp.

Testo integrale

1Dedicato a un numero significativo per quanto ristretto di concetti storiografici, estetici e poetici nell’Ancien Régime, questo numero si inscrive, per espressa volontà delle curatrici, nel solco del modello che Barbara Cassin ha proposto in campo filosofico con il suo Vocabulaire européen des philosophies. Dictionnaire des intraduisibles (2004). Come ricordato nell’introduzione, per tracciare la storia di un concetto non è sufficiente enumerarne le attestazioni e le evoluzioni semantiche, ma si tratta altresì di interrogarsi sugli effetti prodotti dalla circolazione, dall’uso, dalle diverse appropriazioni di un termine. Approcciare i testi del passato, dunque, abituando lo sguardo all’opacità lessicale significa contemporaneamente ridurre le distanze tra il lettore contemporaneo e i testi stessi, disegnando i precisi contorni dei termini che oppongono resistenza alla comprensione immediata: viene riproposta dunque una pedagogia dell’interpretazione che contrasta le attuali tendenze didattiche alla semplificazione e alla banalizzazione degli insegnamenti linguistico-letterari.

2I primi tre contributi riguardano la terminologia storica, mentre i successivi, di cui riportiamo i contenuti, sono dedicati alla terminologia della critica letteraria.

3S. Duval e A. Petit, Que veut dire “fiction” sous l’Ancien Régime?, pp. 41-51, esaminano il concetto di fiction, ponendolo dapprima in relazione con quello di poësie, poi con quelli di figure e feinte, per giungere a constatare il progressivo imporsi di una funzione estetica del termine a fine secolo. E. Vernet, L’éclipse de la “merveille”, pp. 53-62, osserva l’evoluzione di un concetto giunto in Francia, come molti altri, attraverso i trattatisti italiani cinquecenteschi, e destinato ad assumere in sé un polisemantismo che lo renderà, con il progredire del Grand Siècle, sempre meno trasparente. Sono le bienséances al centro dell’interesse di J.-Y. Vialleton, Les bienséances: concept intraduisible ou notion apocryphe?, pp. 63-72, che considera come la nozione fosse appropriata, per i testi teatrali secenteschi, a designare la verosimiglianza interna più che il rispetto del senso del pudore – ovvero la bienséance externe, meno univoca all’epoca di quanto non sia stato fatto valere dalla critica letteraria successiva. L. Charles, De la suspension au suspense, pp. 73-84, esamina il progressivo oblio del primo termine, proprio del vocabolario critico secentesco, a favore del secondo, di derivazione anglosassone e utilizzato a posteriori, determinando un malinteso nel considerare gli effetti di una narrazione o di uno spettacolo. Se la sorpresa è il tratto inerente a entrambi termini, suspension implica il piacere mentre suspense piuttosto l’angoscia. C. Noille, «Narratio»/narration? La rhétorique et la langue française, pp. 87‑97, esamina lo slittamento semantico dovuto al passaggio dal neolatino della retorica al francese moderno della narratologia; analizzando la narrazione retorica, l’A constata che il traducente migliore per narratio è dispositif narratif. O. Millet, La véhémence, entre force éloquente et violence pamphlétaire, pp. 99-108, esplora la tradizione retorica, dall’Antichità al Rinascimento, della nozione di veemenza, rintracciandone i diversi slittamenti semantici e ideologici, fino all’utilizzo di Montaigne, che la rende prossima al sublime. F. Goyet, La traduction du latin «mouere» par «faire impression»: une anti-rhétorique?, pp. 109-117, dimostra che l’accezione latina di movere contiene un nucleo dinamico che è assente dal traducente francese impression, di cui la stabilità è un seme inerente. Sembra essere Montaigne ad aver indirizzato tale slittamento semantico, come sintomo di un suo generale rifiuto della retorica ciceroniana. L. Susini, L’insinuation classique en question, pp. 119-127, indaga gli ultimi anni del xvii secolo per ritrovare i segnali dell’evoluzione del senso retorico di insinuatio verso la moderna accezione linguistica di sottinteso. S. Hache, Le style puéril. Critique d’un défaut de jeunesse, pp. 129-138, dimostra che nei trattati di eloquenza dell’Ancien Régime tale stile si connota come viziato per eccesso o per difetto, e soprattutto considerato ridicolo per l’eccessiva tendenza alla novità contro la tradizione. R. Romagnino, Décrire sans montrer, L’«hypographè», une catégorie oubliée, pp. 139-149, ripercorre l’evoluzione storica di una categoria che la retorica neolatina e vernacolare dimenticano, cercandone i tratti distintivi dalle vicine descriptio e definitio. L.F. Norman, Qu’est-ce que le classicisme? Étude comparée des vocabulaires critiques nationaux, pp. 153-161, presenta uno studio comparato dei termini classicisme e classique e dei suoi possibili traducenti inglesi (classic, classical, neoclassical) prendendo in esame la letteratura critica dal Romanticismo alla contemporaneità. G. Siouffi, Le «génie de la langue» entre les langues, pp. 163-174, si propone di esaminare come l’espressione considerata, nata nel xvii secolo, sia stata tradotta in diverse lingue europee, per poi porre la nozione in rapporto al concetto di intraducibilità.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Laura Rescia, « Les “intraduisibles” du vocabulaire critique (xviexviiie siècle), D. Denis, C. Barbafieri, L. Susini »Studi Francesi, 188 (LXIII | II) | 2019, 353-354.

Notizia bibliografica digitale

Laura Rescia, « Les “intraduisibles” du vocabulaire critique (xviexviiie siècle), D. Denis, C. Barbafieri, L. Susini »Studi Francesi [Online], 188 (LXIII | II) | 2019, online dal 01 février 2020, consultato il 28 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/19749; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.19749

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search