Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri173 (LVIII | II)Rassegna bibliograficaNovecento e XXI secoloNarrations d’un nouveau siècle. R...

Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Narrations d’un nouveau siècle. Romans et récits français (2001-2010), Bruno Blanckeman et Barbara Havercroft (éds)

Stefano Genetti
p. 412
Notizia bibliografica:

Narrations d’un nouveau siècle. Romans et récits français (2001-2010), Bruno Blanckeman et Barbara Havercroft (éds), Paris, Presses Sorbonne Nouvelle, 2012, pp. 320.

Testo integrale

1«Le nouveau siècle est-il nouveau?» (p. 17), si chiede Anne Roche (Lignes occupées, pp. 17-28) nell’intervento che, assieme all’Introduzione dei curatori (pp. 7-13), forma il dittico di apertura degli Atti della décade di Cerisy-la-Salle dedicata alla narrativa del primo decennio del xxi secolo e organizzata dai centri di ricerca della Sorbonne Nouvelle e dell’Università di Toronto. Sono dunque gli elementi di continuità e di innovazione rispetto al romanzo del secondo Novecento – fossero anche i casi di «écriture-limite» che A. Roche identifica come esempi di «novation-impasse» (p. 17) – a essere presi in considerazione nei ventidue saggi che, suddivisi in sei sezioni, compongono il volume. L’insieme non si pone come un bilancio esaustivo, bensì come un “osservatorio critico” sulle tendenze letterarie più recenti e come un “laboratorio teorico” (p. 7) attento alla destabilizzazione delle gerarchie consolidate e alle interferenze tra le varie modalità del raccontare, nonché tra i discorsi che le accompagnano.

2Le prime tre sezioni vertono sui rapporti che la scrittura narrativa intrattiene con il reale, sia esso storico («Au regard du temps: séquelles du passé et jeux de mémoire»), sociale («A l’appel de la Cité: intra muros/extra muros») oppure privato, auto- o allo-biografico («Au miroir de soi: l’intime en question»). Tra implication e distanza, tra etica della memoria e problematizzazione della “verità” (Marc Dambre, Roman et histoire: errances, vérités, pp. 31-43, su alcuni romanzi di Deville, Haenel e Werst), nuove forme di testimonianza e di engagement si profilano (Bruno Blanckeman, L’Écrivain “impliqué”: écrire (dans) la cité, pp. 71-81), recuperando e rinnovando l’idea di communauté (Aurélie Adler, pp. 83-93, su Rohe, Bertina e Larnaudie). I mutamenti che investono il regime autofinzionale (Yves Baudelle, pp. 145-157) vengono passati da Barbara Havercroft al vaglio delle confessioni al femminile (pp. 159-172, su Christine Angot et Alina Reyes, tra le altre). Le restanti tre sezioni – «Au miroir des livres: fictions érudites et écritures autoréflexives», «À l’encre de la création: puissance de l’énonciation et questionnements esthétiques» e «Au (bon) vouloir des autres: effets de réception et choix éditoriaux» – presentano un andamento più marcatamente metaletterario. Se Warren Motte, ad esempio, applica agli scritti di Pierre Bayard la nozione di roman critique (pp. 211-221), Pascal Riendeau esamina Les Essais des romanciers français (Kundera, Ernaux, Houellebecq) (pp. 223-234).

3Agli affondi monografici riguardanti voci ormai ampiamente riconosciute quali A. Ernaux (Marie-Pascale Huglo, pp. 45-55), P. Quignard (Michael Sheringham, pp. 57-68), J.-Ph. Toussaint (Nicolas Xanthos, pp. 133-144), C. Laurens (Joëlle Papillon, pp. 173-182), Ph. Forest (Dolorès Lyotard, pp. 183-196), A. Garréta (Frances Fortier e Andrée Mercier, pp. 237-250) o M. Houellebecq (Gerald Prince, pp. 309-317), si alternano rassegne ad ampio raggio, che coinvolgono testi di autori più o meno affermati: da Pierre Bergounioux, Éric Chevillard, Chloé Delaume, Jonathan Little, Catherine Millet, Laurent Mauvignier e Jean o Olivier Rolin a Nicole Caligaris, Emmanuel Carrère, Pascal Commère, Catherine Cusset, Jean Hatzfeld, Jean-Jacques Schuhl o Jean-Loup Trassard. Ripetutamente, la messa a punto si fa spunto di lettura e di riflessione su alcune dominanti dell’attuale panorama culturale, come gli sconfinamenti linguistico-geografici – si vedano le pagine di Sabrinelle Bedrane sui racconti delle scrittrici franco-algerine (pp. 95-104) e di Catherine Douzou su ciò che chiama la légion étrangère del romanzo francese, rappresentata tra gli altri da Nancy Huston e François Cheng (pp. 105-115) – o come l’acuita sensibilità alle problematiche ambientali (Pierre Schoentjes, pp. 117-129). Il moltiplicarsi dei percorsi interpretativi induce inoltre a ripensare categorie squisitamente letterarie, narratologiche e stilistiche quali la bio-finzione o l’erudizione romanesque – sulle ironiche e ipotetiche finzioni enciclopediche di Pierre Senges si sofferma Laurent Demanze (pp. 199-209) –, il minimalismo e l’écriture blanche (Wolfgang Asholt, pp. 251-263, su Yves Ravey), oppure il neo-manierismo (Pascal Michelucci, pp. 265-276, su Éric Laurrent). Al confluire di creazione e ricezione letteraria, si soppesano le ricadute dei rapporti intermediali di resistenza e d’infiltrazione che la letteratura intesse, all’epoca del libro elettronico, con lo schermo televisivo, cinematografico, del computer o del telefono cellulare “intelligente” (Simon Brousseau e Bertrand Gervais, pp. 277-288); si analizzano fenomeni di diffusione quali l’impatto delle traduzioni dal francese sul mercato editoriale statunitense, illustrato con dovizia di documenti da Sabine Loucif (pp. 291-307). Una peculiarità che contraddistingue questa raccolta di articoli è infatti quella di mettere a confronto in modo paritario commentatori europei e d’oltreoceano, portavoce di atteggiamenti di lettura e dinamiche culturali differenti eppure complementari, la cui interazione si rivela particolarmente proficua in un campo di studi, quelli sull’immédiat o extrême contemporain, cui anche la francesistica italiana offre un continuativo e rilevante contributo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Narrations d’un nouveau siècle. Romans et récits français (2001-2010), Bruno Blanckeman et Barbara Havercroft (éds) »Studi Francesi, 173 (LVIII | II) | 2014, 412.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Narrations d’un nouveau siècle. Romans et récits français (2001-2010), Bruno Blanckeman et Barbara Havercroft (éds) »Studi Francesi [Online], 173 (LVIII | II) | 2014, online dal 01 septembre 2014, consultato il 25 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/1981; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.1981

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search