Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri189 (LXIII | III)Rassegna bibliograficaCinquecentoLa réception d’Ange Politien en F...

Rassegna bibliografica
Cinquecento

La réception d’Ange Politien en France au xvie siècle, «Camenae» XXII

Gianmario Cattaneo
p. 563-564
Notizia bibliografica:

La réception d’Ange Politien en France au xvie siècle, «Camenae» XXII (2018), http://saprat.ephe.sorbonne.fr/toutes-les-revues-en-ligne-camenae/camenae-n-22-decembre-2018-la-reception-drange-politien-en-france-au-xvie-siecle-699.htm

Testo integrale

1Il presente numero della rivista online Camenae ospita gli atti del convegno La réception d’Ange Politien en France au xvie siècle, tenutosi presso l’École Pratique des Hautes Études dal 25 al 27 novembre 2015. Il volume è curato da P. Galand.

2A. Coroleu (The Reception of Angelo Poliziano’s Letters in Sixteenth-century France) si occupa dell’influenza dell’epistolario polizianeo nella Francia cinquecentesca. Innanzitutto, l’autore elenca le edizioni pubblicate in Francia, con riferimento in particolare all’edizione di Josse Bade del 1517. Poi si sofferma sulla ricezione della raccolta polizianea in autori come Erasmo e Thierry Morel. Nell’appendice vengono elencate le edizioni di epistolari umanisti pubblicate in Francia nel Cinquecento. L.-A. Sanchi (Guillaume Budé héritier de Politien) conduce un’attenta analisi sulla presenza di Poliziano nelle opere di Guillaume Budé, in particolare nel De asse, e mette a confronto il lavoro da loro svolto sui testi antichi e sui manoscritti. V. Leroux (Jules-César Scaliger juge de Politien) studia la presenza di Poliziano nell’opera di Giulio Cesare Scaligero. Egli dedicò a Poliziano un epigramma contenuto nei Poematia, in cui viene esaltata l’immortalità della poesia polizianea. Nei Poetices libri septem, inoltre, Scaligero cita esplicitamente opere di Poliziano da lui apprezzate, come le Silve, e dà un giudizio sulla sua opera poetica in paragone con i maestri della classicità e con poeti suoi contemporanei come Gioviano Pontano.

3M. Clément (Les Œuvres de Politien à Lyon et les réécritures scéviennes: Scève, Politien… et Saussure) indaga l’influenza di Poliziano sugli intellettuali lionesi di inizio Cinquecento. L’autrice si sofferma su Maurice Scève individuando allusioni alle poesie e ai trattati polizianei all’interno del Microcosme e della Délie. E. Seris (Ronsard, imitateur de Politien?) individua alcune opere poetiche di Poliziano che servirono da modello per Pierre de Ronsard (le Stanze per la giostra di Giuliano de’ Medici, le Rime, l’Orfeo) e segnala alcuni paralleli notevoli tra le produzioni dei due autori sia dal punto di vista stilistico sia contenutistico. Il contributo di E. Fayard (Du Bartas, Ronsard et le modèle de Politien) è incentrato sulla Semaine ou creation du Monde di Guillaume Du Bartas: dopo un’introduzione sull’opera, l’autrice si concentra sull’influenza di Poliziano su Du Bartas attraverso la mediazione degli Inni di Ronsard. L. Claire (Vt notat Politianus in Miscellaneis: Marc-Antoine Muret et Politien) analizza l’influenza del metodo filologico polizianeo sull’opera di Marc-Antoine Muret. L’autrice passa in rassegna le citazioni tratte dai Miscellanea di Poliziano nell’opera di Muret e dimostra come, nonostante nelle opere giovanili seguisse fedelmente le interpretazioni ai testi classici fornite da Poliziano, con il passare degli anni Muret abbia iniziato a maturare un giudizio indipendente e sia arrivato anche a criticarlo. G.H. Tucker (La description de la Villa d’Este à Tivoli chez M.-A. Muret (Poematia, 1575), dans la mouvance des Silves de Stace et de Politien) mette in luce le influenze polizianee sui componimenti poetici di Marc-Antoine Muret dedicati alla Villa d’Este di Tivoli. F. González-Vega (Pragmática de la citación erudita entre los Miscellanea de Poliziano y los Essais de Montaigne) si occupa delle citazioni nei Miscellanea di Poliziano e negli Essais di Montaigne. Un lungo capitolo introduttivo è dedicato alla fortuna editoriale dei Miscellanea e degli Opera omnia di Poliziano nel Cinquecento. Segue una dettagliatissima analisi di due Miscellanea polizianei (42, 62) e della loro ricezione negli Essais di Montaigne (2, 26). Anche il saggio di R.C. Tomlinson (Libri philologici: Politien et Montaigne) è dedicato a Poliziano e Montaigne, in particolare alla concezione di sapere enciclopedico da loro espressa nei Miscellanea e negli Essais.

4Il saggio conclusivo del volume (O. Pédeflous, E. Chayes, M.-E. Boutroue, P. Roger-Puyo, A. Boucher, N. Vincent, Techniques nouvelles, vieilles lectures: le livre humaniste reconsidéré) è dedicato alle nuove tecniche e strumenti utili per analizzare il libro umanistico, con esempi tratti dagli autografi di Rabelais e Montaigne.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gianmario Cattaneo, «La réception d’Ange Politien en France au xvie siècle, «Camenae» XXII »Studi Francesi, 189 (LXIII | III) | 2019, 563-564.

Notizia bibliografica digitale

Gianmario Cattaneo, «La réception d’Ange Politien en France au xvie siècle, «Camenae» XXII »Studi Francesi [Online], 189 (LXIII | III) | 2019, online dal 01 mars 2020, consultato il 26 janvier 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/21101; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.21101

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search