Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Cinquecento

Jean-Pierre van Elslande, L’âge des enfants (xvie-xviie siècles)

Maurizio Busca
p. 164
Notizia bibliografica:

Jean-Pierre van Elslande, L’âge des enfants (xvie-xviie siècles), Genève, Droz, 2019, «Les seuils de la Modernité» 22, 260 pp.

Testo integrale

1Che l’infanzia sia un periodo fondatore per l’identità dell’individuo, contraddistinto da un sistema di valori e di caratteri ad esso propri, è un’idea che emerge soltanto a partire dal Settecento, quando le specificità di questa stagione della vita cominciano ad essere riconosciute e valorizzate. Nel presente saggio van Elslande analizza il trattamento della figura del fanciullo nelle opere di poeti, narratori, memorialisti e filosofi dei due secoli precedenti, in cui le elaborazioni letterarie del tema dell’infanzia, pur restando estranee a una concezione dell’enfant filtrata dal moderno prisma dell’enfance, conducono ad un superamento dagli schemi ereditati dall’Antichità e dai Padri della Chiesa. Il primo capitolo («Naissances poétiques et Renaissances culturelles», pp. 13-26) è dedicato a testi composti nel primo Cinquecento in occasione della nascita di principi: questi ultimi, investiti di significati fortemente simbolici, incarnano le attese di rinnovamento culturale e le speranze dell’avvento di una nuova età dell’oro. Con il secondo capitolo («Érasme et ses élèves modèles», pp. 27-45) si introduce un tema, quello dell’educazione dei bambini, che ritornerà a più riprese nel seguito del volume. Numerosi sono i poeti, i retori e i condottieri dell’Antichità che, secondo le fonti antiche, sarebbero stati degli autentici enfants prodiges: le loro straordinarie qualità, per Erasmo, sarebbero il risultato di un programma pedagogico da restaurare e integrare nel progetto culturale promosso dall’umanista. Altrimenti esemplari sono gli smisurati studenti dipinti da Rabelais («Mômes gigantaux: Rabelais», pp. 47-77), il cui estremo dinamismo intende affermare una rottura rispetto al passato prossimo senza tuttavia assumere valenze rigidamente prescrittive – neanche per quanto riguarda la natura dei rapporti fra insegnante e allievo: «Rabelais revisite l’imaginaire de la formation pour mieux en écarter tout risque de formatage en matière d’expression langagière et de maintien corporel» (p. 71). I due capitoli successivi («Assujettissements utopiens», pp. 79-99; «Les enfants au naturel: Montaigne», pp. 101-119) presentano due approcci quasi antitetici alla riflessione sull’infanzia. Da un lato abbiamo le creazioni degli utopisti, nelle quali la vita dei bambini appare regolata da una rigorosa pianificazione; dall’altro abbiamo le osservazioni di Montaigne, che conducono a mettere in discussione l’eccessiva rigidità dei programmi di studio. Per il bordolese, infatti, la plasticità intellettuale dei bambini è una risorsa preziosa, che va preservata permettendo ai giovani discenti di coltivare i propri interessi e seguire le proprie inclinazioni. Il caso dell’infanzia raccontata dai memorialisti («Faire l’histoire, faire son histoire: les mémorialistes enfants», pp. 121-140) appare più ambiguo. La prassi, all’epoca, è quella di limitare il racconto dei primi anni di vita ad alcuni episodi considerati come significativi, che vanno a comporre uno «scénario électif» elaborato a posteriori (p. 122); tuttavia, questo sguardo retrospettivo e strategicamente orientato non impedisce di riconoscere alle figure dei bambini una profondità e un’autonomia significative, valorizzando la loro possibilità di intervenire attivamente nello sviluppo degli eventi.

2Gli ultimi quattro capitoli del volume sono dedicati alla letteratura del Seicento. Il settimo capitolo («Enfants déchaînés et turbulences romanesques», pp. 141-161) mette a confronto le rappresentazioni dell’infanzia elaborate da Rabelais e Montaigne con quelle proposte nell’Histoire comique de Francion di Sorel e nel Page disgracié di Tristan l’Hermite. Si passa quindi alle rare apparizioni di bambini sulla scena comica e tragica («Sous les feux de la rampe», pp. 163-183), alle riflessioni dei moralisti («La morale et ses enfants», pp. 185-202) e infine alle Fables di La Fontaine a ai Contes di Perrault, e soprattutto ai paratesti di tali opere («Enfants fabuleux, enfants merveilleux», pp. 203-226).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maurizio Busca, « Jean-Pierre van Elslande, L’âge des enfants (xvie-xviie siècles) »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 164.

Notizia bibliografica digitale

Maurizio Busca, « Jean-Pierre van Elslande, L’âge des enfants (xvie-xviie siècles) »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, online dal 01 avril 2020, consultato il 10 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/22501

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals