Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Honoré de Balzac, Splendori e miserie delle cortigiane

Marco Stupazzoni
p. 192
Notizia bibliografica:

Honoré de Balzac, Splendori e miserie delle cortigiane. Traduzione di M. Ferro, Introduzione di M. Bongiovanni Bertini, Milano, Mondadori, 2017, «Oscar classici», xxxvi-579 pp.

Testo integrale

1L’eterogeneità e la polifonia dei temi, dei personaggi, degli ambienti e dei linguaggi che percorrono e nutrono gli spazi e i ritmi narrativi di uno tra i romanzi più popolari, ma meno considerati dalla critica, almeno fino alla metà del Novecento, della Comédie humaine: Splendeurs et misères des courtisanes, trovano la loro realizzazione concreta e in divenire attraverso, soprattutto, il personaggio ambiguamente titanico di Vautrin. La figura proteiforme dell’ex-forzato Jacques Collin, che già nel Père Goriot sembrava primeggiare per intensità drammatica e complessità psicologica e morale sugli altri attori del romanzo, diventerà, in Splendeurs et misères, uno dei grandi miti della letteratura del xix secolo, capace, allo stesso tempo, di trasmettere al lettore «l’impressione fortemente unitaria di una narrazione di vasto respiro» (p. vi dell’illuminante Introduzione al romanzo di Mariolina Bongiovanni Bertini). Le quattro parti che formano l’opera furono pubblicate tra il 1838 e il 1847 con titoli e suddivisioni differenti. Nella citata Introduzione di M. Bongiovanni Bertini al romanzo di Balzac (pp. v- xxxvi) – tradotto esemplarmente da Marise Ferro (prima edizione: Torino, Einaudi, 1964) – la curatrice, nel ricostruire con minuzia la genesi, alquanto tormentata, del testo, sottolinea il carattere antifeuilletonesco (“alla Sue”) di Splendeurs et misères dove, all’intensità, tutt’altro che melodrammatica, dell’azione narrativa, che vede sempre al centro, come protagonista assoluto, Vautrin, si intreccia uno studio approfondito, quasi didattico, del mondo giudiziario, da un lato, e della complessità, contraddittoria e paradossale, della realtà sociale, dall’altro. Nel romanzo, la «plasticità polimorfa» (p. xxix), cinica, spietata e, allo stesso tempo, ironica di Vautrin contribuisce in modo decisivo alla polifonia del testo. L’ambiguità dell’eroe determina, in altri termini, la forza trasfiguratrice della scrittura: si tratta, in fondo, della stessa ambiguità «che è prerogativa irrinunciabile della forma romanzo, modellata da vicino sulle tensioni sotterranee, i meccanismi contraddittori e le labirintiche complicazioni del reale» (p. xxx).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « Honoré de Balzac, Splendori e miserie delle cortigiane »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 192.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « Honoré de Balzac, Splendori e miserie delle cortigiane »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, online dal 01 mai 2020, consultato il 14 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/22856

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals