Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri190 (LXIV | I)Rassegna BibliograficaOttocento a) dal 1800 al 1850“Le Courrier balzacien”, nouvelle...

Rassegna Bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

“Le Courrier balzacien”, nouvelle série, 39

Marco Stupazzoni
p. 192
Notizia bibliografica:

“Le Courrier balzacien”, nouvelle série, 39, janvier 2017, 83 pp.

Testo integrale

1In questo primo numero dell’annata 2017 è presentato, in forma integrale, il testo di quello che può considerarsi come il primo tentativo letterario di Balzac: si tratta di una tragedia storica, in cinque atti e in versi alessandrini: Cromwell (pp. 13-82) composta tra l’autunno del 1819 e la primavera del 1820. Terminati i suoi studî giuridici, Balzac, che ha scelto, nel 1819, di dedicarsi esclusivamente alla letteratura, risiede, a Parigi, nella piccola mansarda di uno stabile di tre piani al n° 9 di rue Lesdiguières. Dalla fitta corrispondenza di quegli anni con la sorella Laure, emerge la convinta ambizione dell’apprendista-scrittore di voler «travailler […] pour la postérité» e di voler comporre un capolavoro che, ispirandosi ai grandi modelli classici, quali Corneille, Racine e Boileau, possa garantirgli un successo immediato (ma che si rivelerà illusorio) sulla strada del teatro.

2Nel primo dei due interventi critici che precedono il testo balzachiano, Anne-Marie Baron (Pourquoi “Cromwell”?, pp. 5-9) sottolinea il rilievo storico ed autobiografico dell’opera. A suo giudizio, «l’autobiographie, soujacente à tout ce qu’écrit Honoré, va devenir une clé de l’écriture balzacienne»: da questo punto di vista, Charles Ier e la regina Marie-Henriette non sarebbero altro che «des représentations parentales idéalisées en costumes de l’époque» (p. 7). Allo stesso tempo, si ritrovano in Cromwell un complesso di allusioni alquanto significative in riferimento alla situazione politica francese contemporanea attraverso cui emergono con particolare chiarezza i principî e i fondamenti del pensiero politico di Balzac: dal rifiuto dell’assolutismo tout court, al timore di una libertà senza limiti votata all’anarchia, all’esaltazione di un governo forte, incarnato dal genio machiavellico di Cromwell, l’ambizioso per eccellenza, «sans morale ni conviction, qui démontre par le succès de la révolution anglaise que l’État moderne peut très bien se passer du souverain» (p. 8).

3Isabelle Minchelot (Le génie et la reine, pp. 10-12) analizza la struttura drammatica del testo centrata sulla figura di Cromwell che prefigurerebbe, sul piano storico-politico e sociale, il personaggio romanzesco di Vautrin, e che incarna il sentimento della paternità sul quale è centrato il nucleo tematico della tragedia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « “Le Courrier balzacien”, nouvelle série, 39 »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 192.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « “Le Courrier balzacien”, nouvelle série, 39 »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, online dal 01 mai 2020, consultato il 23 octobre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/22861; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.22861

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search