Skip to navigation – Site map

HomeIssues190 (LXIV | I)Rassegna BibliograficaOttocento a) dal 1800 al 1850Alessandra Ginzburg, Susi Pietri,...

Rassegna Bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Alessandra Ginzburg, Susi Pietri, Agnese Silvestri, Francesco Spandri, Fabio Vasarri, Il Rosso e l’oro. “La Fille aux yeux d’or” di Balzac, Cinque lezioni

Marco Stupazzoni
p. 194
Bibliographical reference

Alessandra Ginzburg, Susi Pietri, Agnese Silvestri, Francesco Spandri, Fabio Vasarri, Il Rosso e l’oro. “La Fille aux yeux d’or” di Balzac, Cinque lezioni a cura di L. Pietromarchi e A. Silvestri, Roma, Biblink editori, 2017, «Didascalie», 118 pp.

Full text

1La raccolta in volume di queste cinque lezioni su La Fille aux yeux d’or di Balzac segue di alcuni anni un altro importante insieme di studî critici dedicati al Chef-d’oeuvre inconnu (2015) e pubblicati a cura del Centro di Studi italo-francesi di Roma Tre.

2Come osserva Luca Pietromarchi nell’ottima Introduzione alla silloge (pp. 9-15), La Fille aux yeux d’or (1835), l’ultimo racconto della trilogia dell’Histoire des Treize nelle Scènes de la vie parisienne, si colloca al centro della Comédie humaine per quanto concerne l’illustrazione di quei principî di natura socio-economica e psicologica che costituiscono i motori fondamentali dell’azione individuale nella società: l’oro e il piacere, il denaro e la passione. La Fille aux yeux d’or occupa, quindi, una posizione strategica, non solo nell’opera balzachiana, ma «nella storia della rappresentazione romanzesca delle dinamiche produttive proprie allo sviluppo del primo capitalismo e della sua “natura sociale”» (p. 10). Queste cinque letture rappresentano un momento di riflessione particolarmente riuscito sul testo di Balzac e, allo stesso tempo, «sulla definizione di capolavoro letterario, sulla sua ricchezza, la sua ambivalenza e la sua infinita capacità di lasciarsi interrogare» (p. 14).

3Alessandra Ginzburg (A ciascuno la sua chimera?, pp. 17-34) si interroga sul valore del concetto di assoluto (o di infinito) nell’opera di Balzac in relazione al rilievo assunto, ne La Fille aux yeux d’or, dal corpo femminile inteso come «via di accesso all’infinito» (p. 18). Attraverso il corpo perfetto di Paquita, Henri de Marsay, il protagonista maschile del romanzo, tenta inutilmente di accedere all’infinito perché non è in grado di trascendere i limiti del proprio cieco narcisismo.

4Agnese Silvestri (Suggestioni orientali: la dimensione ideologica della “Fille aux yeux d’or”, pp. 35-57) ritiene che la disumanizzazione sociale, esplicitata attraverso il progressivo inaridirsi dei rapporti umani, così presente nei romanzi dell’Histoire des Treize, esprima un legame molto stretto con la visione di Balzac della organizzazione sociale contemporanea simboleggiata da Parigi. In particolare, ne La Fille aux yeux d’or, l’articolazione tra gli aspetti sociologici, erotici e ideologici, finisce per «intersecare il tema più propriamente politico, quello dell’aspirazione a un potere autocratico tinto di terrore» (p. 37) e a sfumature orientaleggianti.

5Fabio Vasarri (La prosperità di Afrodite Pandemia, pp. 59-77) mostra come l’eros multiforme de La Fille aux yeux d’or sia, nella sua connotazione carnale, realistica e perversa, la negazione della idealità androginica e romanticamente platonica incarnata da Séraphîta. La dimensione erotica della Fille aux yeux d’or, permeata da una certa indifferenziazione sessuale (la doppiezza sessuale di de Marsay) si lega alla dimensione socio-culturale ed economica del testo: gli eccessi e le trasgressioni sul piano erotico, distruttivi sul piano morale, risultano essere altrettanto nocivi e dispendiosi sul piano finanziario.

6Francesco Spandri (Riflessioni sul simbolismo degli «occhi d’oro», pp. 79-90) esamina l’intrecciarsi del motivo dello sguardo con il tema dell’oro in tre testi balzachiani: Gobseck, Eugénie Grandet e La Fille aux yeux d’or. L’A. mette in relazione tra loro tre personaggi (l’usuraio Gobseck, il père Grandet e Paquita), capaci di esprimere questa correlazione tra l’invisibile e il visibile, vale a dire l’ibridazione dei fenomeni della visione e del pensiero con «la dimensione monetaria, pecuniaria, con la sfera materiale» (p. 80).

7Susi Pietri («Filles aux yeux d’or»: Henry James riscrive Balzac, pp. 91-118) focalizza la sua attenzione sull’«interminabile dialogo a distanza» (p. 92) tra Henry James e Balzac soffermandosi, in particolare, su The Bostonians, in cui, oltre alla rimodulazione dello stesso intreccio narrativo di La Fille aux yeux d’or, emergono profonde e sorprendenti consonanze che innestano «nell’esercizio di una raffinata scrittura la sperimentazione di un’inedita rilettura critica e creativa del testo balzachiano» (p. 92).

Top of page

References

Bibliographical reference

Marco Stupazzoni, « Alessandra Ginzburg, Susi Pietri, Agnese Silvestri, Francesco Spandri, Fabio Vasarri, Il Rosso e l’oro. “La Fille aux yeux d’or” di Balzac, Cinque lezioni »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 194.

Electronic reference

Marco Stupazzoni, « Alessandra Ginzburg, Susi Pietri, Agnese Silvestri, Francesco Spandri, Fabio Vasarri, Il Rosso e l’oro. “La Fille aux yeux d’or” di Balzac, Cinque lezioni »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, Online since 01 May 2020, connection on 19 September 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/22886

Top of page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search